di  -  martedì 25 settembre 2007

mogulus

I vlog o video-blog sono una realtà già affermata e ben nota della Rete, ma è in corso un’evoluzione del mezzo: settembre potrebbe decisamente essere il mese delle net-tv italiane. Nascono i primi progetti organici di web tv, con tanto di palinsesto ed appuntamenti fissi. Ecco come si presentano alcune net-tv nostrane:

Robin Good tv

Vulcanico editore online indipendente Robin Good è un personaggio che non può essere sfuggito all’attenzione di chiunque lo abbia visto all’opera o magari incrociato ad un barCamp.

Intruders.tv

è video network internazionale dedicato al mondo del Web che esplora le nuove forme di imprenditoria e creatività su Internet. Su questo videoblog troverete interviste a imprenditori e avventurieri della Rete, personaggi geniali che stanno attuando la rivoluzione del Web.

ICTv.it

Gratuita, ricca di contenuti e in italiano, ICTv è una piattaforma video on demand gratuita focalizzata su tecnologia e digital life. L’obiettivo è creare contenuti multimediali rivolti a chi la Rete la fa e la vive ogni giorno.

n3tv

N3tv.it

N3TV “Free To Net Television”, emittente generalista interamente online ideata e sviluppata da Tommaso Tessarolo.
Il progetto nasce sul web nel bel mezzo del mondo dei blog, con l’obiettivo di portare tante eccellenti esperienze di nicchia fino al grande pubblico. N3TV ha, perciò, già stretto importanti partnership editoriali e l’offerta è destinata ad un progressivo arricchimento.

Probabilmente esistono altre realtà che adesso mi sfuggono, vi invito a segnalarle nei commenti, ed altre web Tv sono in procinto di essere lanciate, se ne accorgerà chi segue Hardware Upgrade, ma questi esempi sono già sufficienti a rappresentare una tendenza generale nella evoluzione dello strumento, che sembrerebbe orientata verso una sempre maggiore convergenza con la Televisione.

La diffusione della banda larga, e di piattaforme come Ustream e più recentemente Mogulus, favoriscono l’utilizzo di internet come piattaforma della diffusione multimediale, audio e video. L’incontro di queste possibilità tecniche con il mondo dei blog e dei cosiddetti contenuti generati dal basso è una miscela esplosiva.

Ora esistono mezzi e possibilità, quello che manca, o che perlomeno deve ancora essere sperimentato, sono le idee. Riuscire a spezzare gli schemi mentali della televisione così come la conosciamo, quella presente in tutte le case degli italiani e schiava dell’auditel. La tv via Internet, la possibile moltiplicazione esponenziale dei canali e delle tematiche, l’interattività, quella vera, non quella dei giochi telefonici “Indovina quanti fagioli ci sono nel contenitore”, sono tutti elementi che si devono amalgamare per produrre qualcosa di nuovo.

Una ricetta sconosciuta, che dovrà essere realizzata per tentativi, dosando i vari ingredienti per trovare il migliore equilibrio. Sicuramente alcuni di questi tentativi non daranno vita a pietanze saporite, ma sono convinto che alla fine la ciambella riuscirà, e con il buco!

Difficile dire quando ci sarà l’incontro tra la web-tv e la televisione tradizionale, ancora più difficile immaginare il risultato di tale incontro, ma mi pare evidente che questo sia inevitabile; potremmo essere alle soglie di una repentina evoluzione del media che ha caratterizzato e spesso condizionato gli ultimi sessanta anni di storia.

9 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    righe90
     scrive: 

    con l’evoluzione del web e la diffusione della banda larga il digitale terrestre sarà un flop totale…

  • # 2
    Maurizio Goetz
     scrive: 

    Le cose cominceranno a cambiare quando gli spostamenti di audience diventeranno significativi e allora chi avrà sperimentato si troverà ad avere un grosso vantaaggio competitivo.

  • # 3
    Andrea T
     scrive: 

    Grazie della segnalazione.
    Ne vedremo delle belle nei prossimi mesi.
    Complimenti per il blog.
    Andrea T / Blogosphere N3TV

  • # 4
    - Tumblr, come se non bastasse! | Il blocco-note di Markingegno
     scrive: 

    […] questo blog, twitter e Appunti Digitali potevano sembrare pochi, mi sono registrato anche su Tumblr: […]

  • # 5
    Max
     scrive: 

    “con l’evoluzione del web e la diffusione della banda larga il digitale terrestre sarà un flop totale…”

    credo che in fondo in fondo lo sia già…. i contenuti a pagamento, sono paradossalmente non disponibili in ancora troppe zone…mi piace l’idea della webtv !

  • # 6
    Markingengo (Autore del post)
     scrive: 

    Magari mi sono perso qualche passaggio a proposito del digitale terrestre, ma nella migliore delle ipotesi mi pare un canale diverso tramite cui far passare vecchi contenuti, e modelli di comunicazione.

    Le webtv potranno offrire, grazie al nuovo canale, anche nuove forme espressive. Siamo solo nella fase embrionale, di sperimentazione. Vedremo.

  • # 7
    Vittorio
     scrive: 

    Sherpa TV
    Come richiesto nel post, aggiungerei questa società; home URL:
    http://www.sherpatv.it/sherpa/index.jsp
    specializzata nell’informazione politica, IMMO seria, rigorosa, obiettiva, ricca, ed anche curata graficamente e come accessibilità

  • # 8
    Francesca
     scrive: 

    Aggiungerei la piattaforma Glomera http://www.glomera.com che consente di creare, gestire e pubblicare sul tuo sito canali di webtv interattivi, sia gratuiti sia premium

  • # 9
    ****
     scrive: 

    **** MESSAGGIO SPAM RIMOSSO ****

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.