di  -  martedì 1 settembre 2009

gun cameraAltro appuntamento settimanale con Videodrome – ai confini del video. Recentemente, navigando in internet, mi sono imbattuto in un oggetto davvero curioso e affascinante che oggi vi presenterò: la DORYU 2-16 pistol camera.

La storia delle videocamere-pistola si perde nella notte dei tempi, sin dall’inizio delle sperimentazioni tecnologiche per riprese video molte persone hanno cercato di creare una macchina da presa dalle fattezze del tutto simili a pistole o fucili e, come facilmente riscontrabile con una breve ricerca, gli esempi davvero non mancano.

Famosa è infatti la “Revolver Camera” conosciuta anche come Thompson Camera costruita a Parigi nel lontano 1862. Rarissima macchina da presa recentemente battuta all’asta per poco più di 60000 euro. La Thompson monta un obiettivo Petzval F2 da 40mm e l’immagine viene impressionata su un disco circolare da 7 cm.

Thompson Revolver:

Thompson revolver

Inoltre, non si può tralasciare la “più recente” Camera de Poche realizzata da Enjalbert e presentata per la prima volta, sempre a Parigi, nel 1882. Esistono ovviamente anche molti esempi contemporanei di gun-camera come quella presentata quest’anno dalla designer Franziska Dierschke.

La DORYU 2-16 pistol però, a differenza di molti altri modelli,assomiglia davvero ad una pistola (anzi, si basa proprio sulla struttura originaria di una vera rivoltella) ed è stata creata dalla Doryu per essere usata dalla polizia giapponese. Una pistola che funziona a 16mm.

Realizzata nel 1952 fu creata con lo scopo preciso di filmare criminali in azione o di riprendere manifestanti durante le marce di protesta con, ovviamente, un effetto deterrente non di poco conto.

DORYU 2-16 pistol camera:

gun camera1

La prima Doryu ad essere stata realizzata è la Doryu 1, 1952, predisposta per ospitare una pellicola da 9.5 mm. Un modello subito abbandonato per problemi di deterioramento e di difficoltà nel reperire la pellicola. Per questo motivo l’azienda giapponese è subito passata alla 2-16 con il 16mm.

La Doryu, attualmente rara ma non introvabile, è equipaggiata con un sistema flash integrato per le riprese notturne e con un obiettivo Cine-Nikkor 25mm F1.4. Il peso totale è di 582 grammi, ben bilanciato tra obiettivo e corpo “pistola”.

Attenzione in aeroporto…

2 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Quando una pistola diventa cinepresa | succoso
     scrive: 

    […] Quando una pistola diventa cinepresa […]

  • # 2
    zander
     scrive: 

    Ma la Thompson Camera del 1862 è una macchina fotografica o una cinepresa? Perché nel link dell’articolo sembra sia una macchina fotografica e in inglese camera si traduce con macchina fotografica e non con cinepresa. Se non erro il cinetoscopio di Edison e la cinepresa dei Lumière furono inventati solo alla fine dell’800.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.