di  -  lunedì 20 luglio 2009

spain.info

E’ tornato. Italia.it è di nuovo online, e con esso è tornata la valanga di critiche che già avevano travolto il primo tentativo di realizzare un portale web a sostegno del turismo italiano. Critiche dovute al fatto che il portale, seppure ancora nella sua versione beta, come ormai d’obbligo per qualsiasi cosa venga pubblicata online, presenta molte lacune.

Vediamo le principali, prima di passare a dire perché sarebbe sbagliato da parte di tutti fermarsi alle critiche, e perché in molti (soprattutto online) sparano sulla croce rossa, consapevoli del fatto che costruire è molto più complicato che distruggere.

Alcune obiezioni, condivisibili e più che fondate:

Esteticamente lascia a desiderare. Non solo sono in molti a criticare gli aspetti di grafica del portale, ma in molti hanno notato una forte somiglianza con spain.info, peraltro nazione citata come esempio da seguire proprio ad inizio della conferenza stampa di presentazione del portale svoltasi il 15 luglio scorso. Seguire sì, preferibilmente non limitandosi a copiare, ma cercando di fare meglio.

In-usabilità. Come giustamente evidenziato anche da Roberto Scano , la versione beta, con finalità di spot presentata dal Ministro Brambilla e dal Presidente Berlusconi, al momento non rispetta le prescrizioni della legge Stanca del 2004.

Indicizzazione nei motori di ricerca. Se la finalità del portale, come dichiarato dallo stesso Ministro Brambilla è “portare un forte incremento alla promozione del Paese, e dell’Economia Turistica”, sarà necessario lavorare sodo per ottenere quanto più traffico possibile dai motori di ricerca, di persone che hanno intenzione di fare un viaggio, soprattutto se dall’estero potrebbero decidere di venire in Italia.
Anche prescrizioni basilari per l’ottimizzazione delle pagine per i motori di ricerca non sonorispettate. Ad esempio, le pagine del portale non hanno tutte titoli (tag <title>) diverso, ma sono quasi tutte uguali. E questa è una pecca macroscopica.

Ce ne sarebbero molte altre di cose da dire, ma fermiamoci qui, a titolo esemplificativo, e passiamo invece a vedere perché questo non è il tempo delle critiche sterili, ma bisogna fare uno sforzo per cercare di raggiungere l’obiettivo che tutti (immagino) vogliamo raggiungere: avere un portale di accesso all’Italia di cui poter essere orgogliosi e che sfruttando il patrimonio artistico e culturale a nostra disposizione, aiuti l’economia del settore e quindi del Paese.

Ecco perché dobbiamo fare qualcosa per arrivare ad un Italia.it diverso e migliore di questo:

Il Ministro Brunetta, Ministro per l’innovazione, è opportuno precisarlo, nel mezzo della conferenza, in preda ad euforia multimediale, è intervenuto con un “E’ bellissimo, teniamoci questo”.
Poverino, è Ministro dell’innovazione, ma evidentemente non ha mai visto un sito più bello dell’attuale Italia.it.

Calma, niente panico. Non fa niente se il nostro Ministro dell’Innovazione non è molto pratico del web, sono sicuro che saprà circondarsi delle persone, dei tecnici e dei consulenti che lo consiglieranno per le parti tecniche. A lui spetta di prendere le decisioni, e spetta anche di saper scegliere quelle persone che lo dovranno consigliare.

Come mi pare che abbia fatto la Brambilla, che sì, è vero, durante la conferenza ha letto molto; in alcuni passaggi l’impressione avuta guardando il video della conferenza stampa, è che qualcuno le avesse spiegato per sommi capi cosa volessero dire quelle parole, che altrimenti non farebbero parte del suo vocabolario quotidiano. Poco importa, l’importante è che chi le suggerisce le parole e le tecnologie da utilizzare sappia il fatto suo. Per ora questo non è dimostrato, ma c’è ancora speranza.

C’è ancora speranza perché la prima cosa che si sono premurati di dire durante la conferenza stampa è che Italia.it è in versione beta, e che quella definitiva sarà rilasciata con una serie di tappe successive a partire da ottobre, fino alla fine dell’anno (2009).
Una delle ultime cose dette, invece è che la beta è stata pubblicata perché:

  1. Tutte le altre nazioni hanno un portale per il turismo e noi siamo colpevolmente in ritardo, soprattutto considerato che la gente, soprattutto gli stranieri pianificano i propri viaggi online; insomma, la beta è una foglia di fico, perché ci siamo accorti di essere nudi.
  2. In questa sua versione iniziale, il portale è pensato come uno spot, ha lo scopo di emozionare; il che ci fa sperare, che quando invece ad ottobre il portale dovrà ragionare secondo le logiche del web e non quelle della tv, si spera sia realizzato in maniera diversa.

Infine, un ultimo motivo di speranza, che si possano apportare i fondamentali correttivi a questa beta poco entusiasmante, è che la Brambilla ha sottolineato, in conferenza stampa che i capisaldi del progetto sono i contenuti (che vedremo ad ottobre) l’aspetto di promo-commercializzazione che vedrà coinvolti gli operatori del settore, e il web2.0, con un social network, wiki ed altro.

Sarebbe troppo sperare che a qualcuno sia venuto in mente di utilizzare un social network per sentire anche i consigli degli utenti, ora, in fase di realizzazione. Ma non credo che potranno non dare uno spazio agli utenti per esprimere le loro opinioni, critiche e suggerimenti in maniera libera, se voglio realmente aprirsi al web2.0.

Grazie ad un social network, magari qualcuno avrebbe potuto far notare al Ministro Brunetta che esistono anche portali di turismo più belli di Italia.it, ad esempio VisitSweden.

Presto o tardi, su un social network delle risposte dovranno venire. Risposte a domande poste da chi usa la rete e viaggia, da chi conosce i portali delle altre nazioni – quelle che lo hanno da prima di noi – perché li hanno usati per programmare la propria vacanza e che oggi sanno già cosa vogliono e cosa non gli serve su un portale per il turismo nazionale.
Non sarebbe meglio sfruttare questa possibilità da subito, per non dover rifare il lavoro per la terza volta?

Ancora una volta, abbiamo inaugurato qualcosa che farà il suo debutto tra tre mesi, salvo complicazioni. Da qui ad ottobre però ci sarebbe il tempo per fare le cose per bene. Date qualche suggerimento al Ministro Brabilla (e ai tecnici che la aiutano), voi che conoscete la Rete.

33 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Marco
     scrive: 

    Nooooo il famigerato italia.it, quanto è costato agli italiani!!!
    Che dire esce dalla porta e torna dalla finestra.

  • # 2
    cla
     scrive: 

    Almeno questa volta sta in piedi, pero’ e’ davvero bruttino.

    La ricerca degli alberghi funziona, ma la parte relativa alla pianificazione del viaggio…. beh…ti rimanda al sito di ferrovie e autostrade (IMHO inadeguato).

    Per il bene del sito e della visibilita’ estera eliminerei il messaggio del PdC e relativa foto (troppo tipicamente personalizzato. Il sito e’ dell’Italia e deve starci solo quella… Mi sembra l’unico sito del genere ad avere un politico in bella vista – tutti gli altri stati ovviamente prediligono il paese stesso da avere in primo piano)

  • # 3
    Roberto
     scrive: 

    1) non è che appunti digitali sia così “bello” eh… ma poi su cosa è basato il giudizio, su canoni estetici codificati, su studi pregressi o sul gusto personale?

    2) cosa ha di così bello visit sweden? Per carità, quest’anno farò il mio secondo viaggio in quel bellissimo paese, non è mia intenzione criticare… però mi pare piuttosto ordinario.

    3) forse non ti sei accorto che siamo a luglio… la fretta di andare online è più che giustificata, anche solo con uno spot.

  • # 4
    Andrea R
     scrive: 

    Solo io penso che la faccia del Presidente del Consiglio dei Delinquenti rovini l’immagine del Paese?

  • # 5
    The3D
     scrive: 

    occristo la foto del berlusca nella home….

  • # 6
    Nobila
     scrive: 

    Mon dieu,a uno che si vede la faccia del Berlusca nella home gli vien voglia di non venirci poi in Italia -_-‘…Con tutti i bei posti e bella gente che abbiamo ci mancava proprio lo spot elettorale

  • # 7
    Magilvia
     scrive: 

    Si infatti, già all’estero ci deridono continuamente per le pagliacciate del nostro pdc, figurarsi che voglia che gli viene di venire qui a trovarselo davanti nella home del portale…

  • # 8
    Roberto
     scrive: 

    lol, che covo di pericolosi dissidenti… con commenti così con la nuova legge vi faranno chiudere?

  • # 9
    geihard
     scrive: 

    Hehehe..
    Ci manca solo una bella scritta..
    Welcome to Puttanopoli: Papi is here!

  • # 10
    densou
     scrive: 

    njet italioti, njet problema

    Serve ricordare che però il vero fulcro per ‘acchiappare’ potenziali visitatori consiste (e al momento resiste) nei millemila ENIT sparsi ovunque. E mandano materiale PORTABILE (qualcosa di telematico bisogna pur stamparlo prima di averlo sempre con sè no?) a destra ed a manca per invogliare.

    http://www.youtube.com/watch?v=KVuoUBczMoI
    E poi:
    “Noi fummo da secoli
    calpesti, derisi,
    perché non siam popolo,
    perché siam divisi.”

    Ad ogni regione piace lucrare facendo promozione turistica a sè stante.

    La soluzione unica ? http://www.youtube.com/watch?v=77ZWoKBxWWc

  • # 11
    Giulio
     scrive: 

    Complimenti per i commenti costruttivi… Tanto per par condicio: preferivate quello di Rutelli voi no? Che poi non ci debba essere Berlusconi, ma il Papa, in prima pagina, nessuno lo nega ;-)

    Certo è ancora acerbo, quoto in toto il pensiero di Markingegno. Però spero anche io che si possa migliorare.
    Ma cosa esattamente mi aspetterei di trovare in un portale turistico? E’ a questo che bisogna dare risposte giusto?

    Beh io ci vorrei:

    1) guide ed itinerari di percorrenza: non tutti i turisti vogliono visitare solo Roma o Firenze o altro, sarebbe bello avere itinerari particolari come Dolomiti o costiera amalfitana o paesi dell’Umbria, ecc. ecc..

    2) un elenco esaustivo e aggiornato di musei ed opere d’arte (anche le più sconosciute) con orari di apertura, mappa del luogo, eventuale prezzo e itinerario collegato.

    3) un elenco esaustivo e aggiornato di offerte per muoversi con i mezzi pubblici (ahahhahahha, vabbe questo saltiamolo), per tessere-museo delle varie città e altre offerte.

    4)Una guida a non farsi prendere per i fondelli da bar e ristoranti pagando un pranzo 300 euro o un caffe 10 euro (e poi si viene anche a sapere che i ristoratori dichiarano 14.000 euro all’anno), ma non solo: in pratica una guida volta a fare raccomandazioni e ad evitare guai ai turisti (ad es. con i limiti di velocità e di tasso alcolemico – se si dice così – con gli orari di uffici pubblici e la lacazione di ambasciate, consolati, commissariati, ospedali, ecc.).

    5) Una guida naturalista per parchi, riserve, agriturismi e percorsi di degustazione che illustri gli itinerari, i percorsi e i modi di spostamento.

    6) Chiaramente tutte le guide per le città più e meno importanti (escluse dal punto 1), così da avere la possibilità di scegliere quali monumenti visitare, dove, ecc.

    7) Il tutto condito da offerte commerciali di ogni tipo, in diretta concorrenza tra di loro, tramite le quali alimentare il fondo di mantenimento del sito e, nello stesso tempo, offrire più scelta possibile a chi è in partenza per raggiungere questo splendido paese.

    8) Ultima cosa: una community che possa dire la sua, anche per arricchire i contenuti, perché se un monumento non lo conosce nessuno non vuol dire che non valga la pena vederlo o promuoverlo.

  • # 12
    The3D
     scrive: 

    “Complimenti per i commenti costruttivi… Tanto per par condicio: preferivate quello di Rutelli voi no? Che poi non ci debba essere Berlusconi, ma il Papa, in prima pagina, nessuno lo nega ;-)”

    avrei preferito che la politica (cosi come la religione, escludendo ovviamente luoghi di culto o di valenza storica) rimanesse fuori da un portale per il turismo. ma si sa, il berlusca non resiste alla tentazione di mettere la sua faccia ovunque ci sia la possibilità che la si veda. Ormai sembra una tortura.

  • # 13
    Giulio
     scrive: 

    @The3D

    Chiaramente la mia piccola introduzione era ironica, spero si capisca da -> ;-)
    Comunque, quello hce intendevo era perché non dirlo con le parole che hai usato tu in quewssto ultimo post invece che in modi più offensivi?
    Frecciatina, inoltre, sull’utilità dei commenti di questo tipo (specialmente quando l’intera discussione ne è costellata senza che così si possa parlare del vero tema del post di Markingegno).

  • # 14
    Don Luca
     scrive: 

    avrei preferito che la politica (cosi come la religione, escludendo ovviamente luoghi di culto o di valenza storica) rimanesse fuori da questa discussione. ma si sa, certa gente non resiste alla tentazione di scrivere la battutina sarcastica ovunque ci sia la possibilità che la si veda. Ormai non se ne può più.

    Nè dell’uno, nè tantomeno degli altri.

    Tornando IT, spero si mettano nelle mani di persone competenti e tirino fuori un buon lavoro.
    In particolare spero che nel sito integrino tecnologie “esterne” quali google maps o l’ottimo street view.

  • # 15
    andrea
     scrive: 

    Dopo uno sguardo veloce non mi sembra il massimo, anche se forse non è tutto da buttare…
    Certo berlusconi nella home è roba da matti, possibile non si riesca a capire che dovrebbe trattarsi di uno strumento di lavoro, non di propaganda…

  • # 16
    Enrico
     scrive: 

    Come ha detto Markingegno, anche se è solo una versione beta stupisce la fortissima somiglianza col sito spagnolo (speravano non se ne accorgesse nessuno?); inoltre la presenza della réclame firmata Silvio Berlusconi è una terribile caduta di stile che avrebbero dovuto evitare. Spero venga eliminata nelle prossime versioni. Globalmente comunque l’aspetto estetico non è così terribile; e ci credo, l’hanno copiato di sana pianta!

  • # 17
    luca
     scrive: 

    Bellissimo articolo!

    Il mio primo sogno è che i responsabili di questa ennesima pagliacciata italiana ne vengano a conoscenza, lo leggano attentamente, e si facciano un bell’esame di coscienza…

    Il secondo sogno è che postino qui, un messagio di scuse a tutti gli italiani per la loro incompetenza e che pongano rimedio a questa vergogna

    il terzo sogno è fare 6 al superenalotto

    secondo voi qual’è quello che ha le maggiorni probabilità di realizzarsi?? :D

  • # 18
    Emanuele
     scrive: 

    Ci sono così tante tecnologie in cluod sorcing da integrare nel portale, che se ben inserite, renderebbe anche superfluo porre qualsiasi domanda sul da farsi progettuale. Quello che ho notato invece, è che oltre l’alibi della versione beta, basta leggere la presentazione in Home page e due schermate per Regioni che emerge un compassato dilettantistico esorbitante.
    Né contenuti né strumenti di supporto tecnologico, né logiche promozionali.
    Occupandomi di ricerche di mercato e consumer insight, ho chiesto a dei miei collaboratori qual’era la value proposition che emergesse d’impatto e con item di ricerca predifiniti, simulando la classica catena del search shopping expedtion. Non sembra neanche un sito degno d’aurea istituzionale.

  • # 19
    arkanoid
     scrive: 

    secondo me un coso di questo tipo è totalmente inutile, ma proprio privo di una qualsiasi sporadica utilità. Se uno vuole delle statistiche su questo o quello, ci sono già i siti dedicati. Se uno vuole informazio sul gargano, idem. Così per qualsiasi altra cosa di interesse turistico o quasi.
    Se volessi andare in USA mai più mi metterei a spulciare uno sterile sito ufficiale dove giocoforze non ci può essere dentro NULLA paragonato con l’infinita disponibilità di informazioni normalmente reperibili sui siti di ciò che mi interessa andare a vedere.
    Solo uno scemo deciderebbe di recarsi in un posto grazie a quattro baggianate scritte su un portale generalista!
    Ogni euro buttato in queste cose e non nel miglioramento della qualità offerta ai turisti è soldo, a mio avviso, buttato completamente, senza alcun tipo di ritorno.

  • # 20
    Coffin
     scrive: 

    Non capisco per quale motivo spendere così tante parole d’analisi per un sito che ha soltanto dimostrato d’essere l’ennesima voragine di denaro pubblico sperperata da una classe politica vergognosamente incompetente e pappona.

  • # 21
    Benedetto
     scrive: 

    È una vergogna. Spero in un non troppo lontano ricambio politico generazionale (sia a destra che a sinistra). Evidentemente la classe dirigente attuale non solo è completamente priva di cognizione critica e quindi evidentemente fuori dalla realtà tanto della rete quanto del marketing, ma non è in grado neanche di scegliere tecnici adeguati (che si tratti di totale incompetenza, di favoritismo negli appalti o di mancanza di controllo dell’organo burocratico è comunque MOLTO grave). Non è possibile tirare fuori critiche costruttive da un portale di questo genere. È nato male non solo progettualmente, ma dall’idea stessa di politici che non sanno bene cosa stanno realizzando.

    E poi parliamoci chiaro. Se progettando le vacanze incorro in un sito con la faccia di Sarkozy o della Merkel, sicuramente riapro Google e cerco altrove.

  • # 22
    The3D
     scrive: 

    “avrei preferito che la politica (cosi come la religione, escludendo ovviamente luoghi di culto o di valenza storica) rimanesse fuori da questa discussione. ma si sa, certa gente non resiste alla tentazione di scrivere la battutina sarcastica ovunque ci sia la possibilità che la si veda. Ormai non se ne può più.”

    decisamente apprezzabile l’adattamento, un po di meno il contenuto. Come si fa a non parlare di politica quando nel bel mezzo dell’oggetto di discussione ti trovi la foto di un politico che non si sa per quale motivo è lì?

    Ancora propaganda? Non gli bastano tutti i mezzi di comunicazione che già comanda e che lo spammano tutto il giorno? Inoltre se era a me che ti riferivi quando parlavi di battutine forse ti sfugge l’amarezza nelle mie parole. Preferirei veramente non farle, queste “battutine”. Preferirei avere una classe politica competente, che non definisca “bellissimo” quella ciofeca, che ci è costato milioni di euro di nostro sangue e sudore (e parlo ovviamente anche dell’altra fazione politica, per me al momento attuale fanno schifo un po tutti).

  • # 23
    Don Luca
     scrive: 

    @The3D

    Perfettamente d’accordo con te sulla situazione attuale della politica italiana (entrambe le parti), ma spero tu sia d’accordo con me che la propaganda politica si basa su esposizione e ricezione: se uno dei due elementi viene a mancare non vi può essere propaganda ergo loro espongano pure la foto del premier con una sua frase di benvenuto (personalmente non trovo malvagia l’idea della frase di benvenuto) e se essa, giustamente, non è di nostro gradimento (magari sarebbe meglio la foto del capo di stato con sue parole) basta farlo presente senza poi degradare nei soliti luoghi comuni altrimenti la propaganda, nel suo bene o male, avrà fatto il suo lavoro: esposizione e ricezione.

  • # 24
    AlexSwitch
     scrive: 

    Personalmente trovo il “portale” Italia bello, ma solamente come impatto visivo… Per il resto è solamente uno “spottone” delle nostre mete turistiche e culturali, che non rispecchia la realtà del nostro paese.
    Infatti, volenti o nolenti ( per il resto del mondo ), in Italia c’è la più alta concentrazione al mondo di opere d’arte, architettoniche e paesaggistiche, che rendono la nostra nazione una tappa quasi obbligatoria, con buona pace del portale e del nuovo logo ( non molto originale ), e della cronica deficienza quantitativa e qualitativa dei nostri servizi e infrastrutture.
    Un esempio? Provate a leggere cosa viene riportato per gli spostamenti in treno…. Per chi usa con regolarità il treno quanto scritto è a dir poco ridicolo se non offensivo, visto lo stato dei nostri treni e la qualità del servizio ( provate a viaggiare su una carrozza letto o cuccetta tedesca, francese o austriaca per provare la differenza tra un servizio decente a dimensione umana e un mero trasporto di persone tra due località geografiche ). Per non parlare poi della rete autostradale, del degrado di città come Roma e Firenze ( centri storici inclusi ) e di tante altre cose che offuscano la nostra immagine all’estero.

  • # 25
    mario
     scrive: 

    il vero problema della nostra nazione è che non sappiamo fare turismo, proprio di ieri la notizia che i giapponesi non vengono più, complice il fatto che sanno di trovare in italia ladri che gli estorcono 700 euro per un pranzo in centro.
    domenica al mare mi hanno chiesto 20 euro per due lettini alle 4 di pomeriggio, facendogli notare che erano le 4 mi hanno risposto che per loro mezza giornata è dalle 5!!!
    come minimo farei un numero verde della finanza per il turismo, con intervento immediato per tutelare i turisti, ma comunque è sempre colpa della nostra mentalità “furbesca”.

  • # 26
    Giove
     scrive: 

    Scusate, ma come si fa a dire che questo sito è una versione beta??? Una versione beta di un software è qualcosa che include già tutta una serie di tecnologie, ma che richiede ancora test e aggiornamenti per essere considerato stabile. In certi casi le beta sono sufficientemente stabili da poter essere usate (es. Gmail fino a poco tempo fa). Qui ho l’impressione di essere di fronte a un sito elementare che incorpora solo l’html e un file di stile come tecnologia…è una beta? Boh? Ho la vaga impressione che dopo essersi mangiati un sacco di soldi hanno chiesto allo sfigato di turno: dai, facci un sito, anzi “facce ‘n sito” (alla romana), chè dobbiamo salvare la faccia! Questa è la mia impressione.

  • # 27
    AlexSwitch
     scrive: 

    Caro Giove, quello ( facce ‘n sito ) sarebbe davvero il male minore, come lo scarso contenuto tecnologico di italia.it.
    Il problema è che viene spacciata una realtà, sulla qualità e la consistenza dei servizi offerti ai turisti, inesistente!!
    I treni fanno schifo e costano un botto per quello che offrono ( per inciso ieri ho scoperto che sugli “eccellenti” Eurostar AV, Trenitalia fa overbooking pur di incassare… risultato mi sono fatto il viaggio Roma – Firenze in piedi pur avendo pagato tariffa ES piena… ), idem le autostrade, porti ridicoli, città che non offrono quasi nulla se non sporcizia, maleducazione e “pirateria” da parte di determinati esercenti.
    Il perchè? Semplice: se vuoi vedere il Colosseo, Pompei, S.Pietro, gli Uffizi, S.Marco, la pinacoteca di Brera, etc. etc., bisogna venire per forza qui in Italia…. e solamente qui!! Quindi perchè sforzarsi a migliorare i servizi, l’accoglienza, la decenza? Al massimo si tirano su in rete quattro paginette in croce, tanto per ” far vedere “, e qualcuno avrà ringraziato sentitamente del lauto pagamento di denaro pubblico!!

  • # 28
    mrmojo
     scrive: 

    Questo non é un sito ….. e una cagata pazzesca (per dirla alla fantozzi).

    se volte vedere dei siti del turismo seri andate qui

    http://it.franceguide.com/home.html?NodeID=1
    http://www.holland.com/it/
    http://www.visitcalifornia.com/AM/Template.cfm?Section=Home&ContentID=21166
    http://www.visitgreece.gr/?langID=3

    per trovarli basta scrivere turismo seguito dal paese che vi interessa…. sono sempre i primi risultati su google.

    Non stiamo ci a prenderci per il C***

    sopratutto per il redattore che tesse le lodi di codesta inziativa, o é stato profumatamente pagato per essere cieco oppure non hai visto nulla in vita sua.

  • # 29
    Francesco
     scrive: 

    Si sono rubati i soldi per fare un Sito mediocre.. ma è costato veramente 50 milioni di Euro?
    (sono 100 Miliardi delle vecchie lire)

    Ma che cazzo sta succedendo nel ns Paese.. cifre folli x cose che costano 1/100 di quello che viene speso.. boh!

  • # 30
    densou
     scrive: 

    @luca

    si può realizzare solamente il quarto:

    che il Fronte Nazionale per la Librazione DALL’essere italico detenga il potere (inutile specificare cosa questo comporti, vero ? bwhahaha)

  • # 31
    geihard
     scrive: 

    @francesco
    Sai com’è, i soldi servono perchè l’acquisto di profilattici e viagra ha ormai raggiunto il mezzo punto di PIL.

    Comunque, battute a parte, è una cosa indecente: quel sito è veramente inadeguato sotto tutti i punti di vista, mica è una gallery di foto delle vacanze.. accidenti.
    E rende questo paese ancor più ridicolo agli occhi del mondo (se cio è possibile).
    La foto e il benvenuto di berlusconi in home, poi: pietoso è dir poco.

  • # 32
    Vita di un IO » Blog Archive » Best of my feed #24 – speciale Italia.it
     scrive: 

    […] molto dettagliata è anche l’analisi che compare su Appunti Digitali. Anche qui una serie di errori e la denuncia del mancato coinvolgimento degli utenti attraverso un […]

  • # 33
    banryu79
     scrive: 

    Dopo aver visitato “nostrano” sito, tanto per capire la differenza ho navigato sul sito del turismo dell’Olanda.

    Ragazzi, che tristezza…

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.