di  -  mercoledì 1 luglio 2009

facebook_spam.jpgMi rendo conto che per qualcuno ormai può risultare incredibile, ma esistono persone che ancora non hanno un account Facebook. Proprio una di queste mi ha inoltrato una mail originariamente inviatale proprio dal social network in questione, per invogliarla ad iscriversi e ne ho fatto uno screenshot per mostrarvelo.

La mail, formattata in html, asserisce che ben quattro conoscenti del destinatario l’abbiano invitato ad iscriversi, uno dei quali sarei io. Sicuro di non averlo mai fatto, dopo una breve indagine ho scoperto che nemmeno le altre tre persone hanno inoltrato inviti di sorta.

Facebook usa le informazioni che i propri utenti accettano di fornire spontaneamente per poter usufruire di alcune funzionalità del social network per generare spam mascherato da richieste generate dai suoi utenti.

Il social network possiede un’apposita funzionalità che dietro l’autorizzazione esplicita, accede all’account dell’email dell’utente per estrarne gli indirizzi email presenti nella rubrica e confrontarli con quelli usati dagli utenti come user id, in teoria soltanto per rintracciare velocemente all’interno di Facebook le persone che conosciamo.
Ora scopriamo che gli indirizzi email non abbinati ad account registrati, non solo vengono conservati, ma vengono anche riutilizzati per inviare spam (e chissà per che altro a questo punto).

La funzione appena citata è vero che permette, con un semplice gesto, qualora lo volessimo, di invitare le persone presenti nella nostra rubrica che ancora non hanno un account ma, a parte il fatto che io sono assolutamente certo di non aver mai fatto uso di tale strumento è alquanto improbabile che quattro persone ne invitino una quinta in un arco di tempo così stretto da indurre facebook a raggrupparle in una unica mail.

Non ho motivo di dubitare dell’autenticità del mittente: la presenza di un elenco di nominativi che vengono proposti come persone che il destinatario del messaggio potrebbe conoscere, con una modalità del tutto simile alla pagina “persone che potresti conoscere” che tutti gli utenti di Facebook conoscono, mostra che il mittente ha accesso ai dati che tracciano le relazioni che intercorrono tra gli utenti registrati.

Questa è la pagina in cui è possibile inserire i dati per permettere a Facebook di ravanare nella propria rubrica, ma come potete notare non c’è alcun riferimento a come verranno usati lgi indirizzi raccolti. C’è un link con la dicitura “maggiori informazioni” che però sembrerebbe riguardare soltanto l’uso che il sito fa della nostra password. Non è presente alcuna spiegazione o alcun rimando esplicito alle modalità di trattamento dei dati raccolti.
Seguendo però il link si scopre a sorpresa che Facebook memorizza gli indirizzi raccolti “per poterti connettere con i tuoi amici, inoltre possiamo utilizzare queste informazioni per creare suggerimenti per te e i tuoi contatti di Facebook

Tale disclaimer non è mostrato agli utenti in modo sufficientemente chiaro e trasparente, ma anche nel caso che lo fosse, non vedo come possa autorizzare il social network a esprimere mie volontà senza il mio consenso e senza che io ne sia a conoscienza.

Dopo Beacon, che spinse tanti utenti a cancellare il proprio account e tutti gli altri a manifestare contro il social network, e il sistema di pubblicazione delle immagini al limite della legalità (per alcuni, per altri sconfina palesemente non riscontrando i requisiti per garantire la riservatezza dei soggetti ritratti) che genera polemiche a flusso continuo, sembra proprio che i dirigenti del social network non ne vogliano sapere di trattare con rispetto i propri utenti, continuando a erogare funzionalità ai confini della legalità e della tolleranza dei propri iscritti.

Ad ogni modo, se siete utenti di Facebook, avete fornito i dati di accesso della vostra rubrica per trovare velocemente i vostri amici presenti nel sito ma non volete che i vostri contatti vengano disturbati da posta indesiderata vi basterà premere sul pulsante “Rimuovi” presente in questa pagina.

43 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Ilruz
     scrive: 

    Questo non lo sapevo … e lo considero al limite dell’illegalita': nessuno puo’ spacciarsi per me, e usarmi come “testimone” di un servizio o di un prodotto.

    Penso che in qualche stato questo abbia rilevanza penale, si chiama “furto d’identita'”

    Grazie per la segnalazione.

  • # 2
    Cael
     scrive: 

    “Mi rendo conto che per qualcuno ormai può risultare incredibile, ma esistono persone che ancora non hanno un account Facebook.”

    Presente! E mi arrivano sempre mail da gente sconosciuta che mi invita ad iscrivermi. Mi sa tanto che una bella denuncia alla polizia postale partirà a breve…magari è la volta buona che chiude questa minchiata di social forum, covo di pedofili, mafiosi, pervertiti e molto altro ancora, come puntualmente riportato dalle cronache.

  • # 3
    Gnugnone
     scrive: 

    Se è per questo allora il Messenger di MSN fa sapere a tutti cose che preferiresti restassero private, SE non disattivi A PRIORI le opzioni da un’apposita pagina, opzioni ATTIVE di default! Per esempio nella finestrina del Messenger di MSN si può leggere di tanto in tanto “francofranco ora è amico di cicciociccio” e cose del genere assolutamente in violazione della privacy. Tutte opzioni che dovrebbero essere disattivate per default e invece sono attive, e tutti sanno tutto di tutti, anche se ti scaccoli!

  • # 4
    Crux_MM
     scrive: 

    A parte le solite polemiche contro facebook covo di pedofili, mafiosi, erotomani, pervertiti, kamikaze, massacratori, stupratori, zoofili e quant’altro..soliti luoghi comuni per sparare sulla novità secondo me.

    Grazie per la segnalazione, effettivamente non è assolutamente corretto fare questa cosa: spammare a mio nome è ridicolo. Era un po’ che cercavo il modo di togliere la mia lista contatti da facebook: Grazie Enrico!!

  • # 5
    Ale
     scrive: 

    Beh, storicamente i social network sono frequentati da gente che spera di vedere gambe di ragazze e ragazzine… ma hanno ragione perchè tutte le ragazze dai 13 ai 18 anni che frequentano social network, non si fanno problemi a mandare un sacco di foto di sé svestite!

    A parte questo, io sono tra quelli che non hanno facebook e ne vado orgoglioso :D
    e notizie come questa, mi fanno venire ancora meno voglia di aprire un account.

  • # 6
    Vb
     scrive: 

    Sinceramente non credevo fosse proprio facebook a mandarmi quelle mail, ma magari qualche furbone esterno, anche perchè ne ricevo un bel pò, spam vero e proprio…
    Aggiungo che neanche io sono iscritto a facebook, e non credo che mai lo sarò…

  • # 7
    Luca
     scrive: 

    Pure io non sono iscritto e mi arriva regolarmente sta robaccia…

    Class Action contro Facebuk… daiiiiiiiiiii………

  • # 8
    Gnugnone
     scrive: 

    Scusate, prima dimenticavo di segnalare una anomalia.
    Con Firefox 3.5 non appare, sul mio PC, il codice antispam per inserire i commenti, appare solo un riquadro virato in verde. Devo controllare qualcosa su FF 3.5 o è questa pagina che ha problemi con FF 3.5? Per scrivere commenti devo usare IE! Grazie :)

  • # 9
    Dej611
     scrive: 

    Stessa cosa succede anche con Badoo.
    Ne ho a quintali di spam del genere, se non sei iscritto al social network del momento sei sommerso di mondezza del genere. Per carità, lo metto come spam e non la vedo più anche se qualche dubbio sul diritto che questi SN hanno di parlare per conto terzi (senza autorizzazione) rimane.

  • # 10
    v1
     scrive: 

    ma scegliendo “rimuovi” in quella pagina toglierò anche i contatti “attivi”? cioè gli amici aggiunti mediante tale funzione?

  • # 11
    Enrico Pascucci (Autore del post)
     scrive: 

    @v1
    no, vengono cancellate le email raccolte (si spera a questo punto), non i tuoi contatti nel social network

  • # 12
    The3D
     scrive: 

    La cosa grave non è come si potrebbe dedurre dal titolo che spamma chi non ce l’ha, la cosa grave è che spamma chi non ce l’ha a nome degli utenti. Come si permettono di attribuirmi un’azione che io non ho compiuto?

  • # 13
    dennyv
     scrive: 

    Idem, non ho facebook, non ci tengo ad averlo visto che ai suoi amici preferisco quelli che respirano e mi arriva una valangata di spam; tra l’altro ha l’effetto contrario, più mi mandano quello schifo e più mi passa la voglia di iscrivermi!

    Contenti loro…

  • # 14
    zonix88
     scrive: 

    A me arriva di peggio da parte di Badoo!
    Mi arrivano mail dove dicono che la persona XXXX YYYY (gente che conosco realmente) mi ha lasciato un messaggio su Badoo, quando io non ho mai avuto un account Badoo…
    Dovrebbero iniziare a stangare un po’ questi social network che sembrano sempre un tantino al di sopra della legge!

  • # 15
    Lorenzo
     scrive: 

    per quale motivo sarebbe incredibile nel 2009 non avere un account su Facebook? a ben vedere è incredibile che ci siano così tante persone ben disposte a mettere in piazza i fatti propri…per quanto mi riguarda se non vedo/sento persone da una vita c’è un motivo e non ho bisogno di facebook per sentirmi “connesso”.

  • # 16
    Alberto
     scrive: 

    Disiscritto da quella cagata di portale.. tanto mi saro’ connesso si e no 10 volte in sei mesi.. li trovo di un inutilita’ suprema.

  • # 17
    LOLlol
     scrive: 

    emm lol era successo anche a me. Infatti mi ricordo che dissi al mio amico “ma che roba mi mandi per posta?” e lui cadde dalle nuvole… :P
    Finchè si tratta di cose così… nessun problema… ma se un domani mi arriva pure spam pubblicitario potrebbero iniziare a girarmi gli ammenicoli :)

  • # 18
    marcos86
     scrive: 

    “Il social network possiede un’apposita funzionalità che dietro l’autorizzazione esplicita, accede all’account dell’email dell’utente”

    DIETRO AUTORIZZAZIONE ESPLICITA!!!!

    Sono il primo a dire che è una cosa oscena, ma la gente deve imparare a leggere! Questa, quella selle foto in upload che possono essere usate da facebook, tutti gli altri siti simili che fanno le stesse schifezze…

    Quando si accetta un contratto (licenza) basta leggere.
    Sia chiaro, io non sopporto facebook e simili, ma per quanto mettano condizioni truffaldine è la gente che le accetta o che clicca a caso.

    Sono il primo a dire che una cosa del genere fa schifo, ma come me la prendo con facebook (e pensare che ci vogliono pure fare un film) io me la prendo anche con quel cretino che accetta tutto senza usare il cervello.
    La colpa è sua se poi mi arrivano le mail di facebook

  • # 19
    banryu79
     scrive: 

    @marcos86:
    “Sono il primo a dire che è una cosa oscena, ma la gente deve imparare a leggere! Questa, quella selle foto in upload che possono essere usate da facebook, tutti gli altri siti simili che fanno le stesse schifezze… ”

    Se queste informazioni importanti fossero fornite all’utente con un livello di visibilità almeno pari al livello di visibilità medio dei contenuti del sito/pagina sarei anche d’accordo con te, ma a volte sembra che facciano del loro meglio sia per abbassare il livello di visibilità di queste clausole sia per rendere più noioso/stancante esaminarle…

    Ah, dopo 8 ore passate davanti al PC, FaceBook se lo possono tenere :)

  • # 20
    Francesco
     scrive: 

    Vai, vai, tutti su Facebook!

    Consiglio la lettura di questo ottimo articolo:

    http://www.guardian.co.uk/technology/2008/jan/14/facebook

    Qua trovate una versione tradotta:

    http://quintoelemento.controradio.org/index.php?blog=7&p=528&more=1&c=1&tb=1&pb=1

    Meditate gente, meditate!

  • # 21
    superkenny
     scrive: 

    Anch’io sono uno di quelli che NON è iscritto a facebook e che purtroppo riceve questo fastidioso spam.
    Facebook non è l’unico però! C’è anche badoo che fa lo stesso…

  • # 22
    TheThane
     scrive: 

    “Se queste informazioni importanti fossero fornite all’utente con un livello di visibilità almeno pari al livello di visibilità medio dei contenuti del sito/pagina sarei anche d’accordo con te, ma a volte sembra che facciano del loro meglio sia per abbassare il livello di visibilità di queste clausole sia per rendere più noioso/stancante esaminarle…”

    Purtroppo è cosi .. ma la normativa cosa dice a riguardo? Basta che ci sia il link a “leggi le condizioni”? Dovrebbero modificarla un po per tutelare i cittadini -.-

  • # 23
    andrea
     scrive: 

    non so adesso, ma almeno qualche mese fa le condizioni che poneva Facebook all’iscrizione (specie per quanto concerne i contenuti) erano assolutamente non chiare (una traduzione impiastricciata dall’inglese) e fondamentalmente contraddittorie… questa cosa dell’email non è un comportamento corretto, poi, vabbè, a un certo punto è anche vero che quando ci si iscrive a un portale del genere certe cose ci si possono anche aspettare, pazienza…

  • # 24
    Tsunami
     scrive: 

    Pure io sono uno di quei “deviati” che non è iscritto a Feisbuc e nemmeno intendo farlo (cheppalle tutti quei neo-rinco che ti chiedono “ma perchè non ti iscrivi?” ed io rispondo puntualmente “perchè non sono mica scemo…”). Anch’io ricevo periodicamente questi messaggi spam, ma l’avevo capito subito che erano fasulli. Speriamo che qualche Americano (e chi sennò?) faccia causa al più presto…

  • # 25
    Tony73
     scrive: 

    Che schifo sti (anti)social network, il giorno che chiudono baracca e burattini festeggiero’.

    E’ il tizio che ha “inventato” sta schifezza (pompata a bestia dai media) ha fatto pure i miliardi…. povero me come siamo caduti in basso >_>

  • # 26
    anyanka
     scrive: 

    Io sono iscritta a Facebook… e questo problema non ce l’ho perchè, conscia del fatto che già l’essere iscritta comporta pubblicare alcune informazioni… evito comportamenti che possano aggravare la situazione: se non ho capito male facebook raccoglie gli indirizzi dei contatti che hai nella tua e-mail…ma per farlo devi fornirgli la password.. io la password della mia e-mail non la dò neanche a mio fratello, figuriamoci a facebook!!
    E’ indubbio che questo comportamento sia al limite della legalità..ma bisogna anche prestare un po’ di attenzione per limitare i danni.. e non fornire la password della propria casella di posta potrebbe essere un inizio..

  • # 27
    Patetici abusi di faccia da parte di Facebook « Sentimento digitale
     scrive: 

    […] E come fa Facebook a invitare altri ad iscriversi, impiegando i nostri nomi e le nostre facce? Semplice: succede quando lo autorizziamo a verificare se tra gli indirizzi email della nostra posta c’è qualcuno che già usa  Facebook. In quegli attimi, Facebook rintraccia gli indirizzi significativi, ma tiene anche in memoria tutti gli altri, da riutilizzare per operazioni di spam come questa e chissà che altre (via Appunti Digitali). […]

  • # 28
    Mauro
     scrive: 

    Io sono iscritto a facebook e queste mail mi arrivano comunque. Siete sicuri 100% che siano inviate proprio dal sistema e non da uno spammer indipendente?

  • # 29
    Silvia
     scrive: 

    Lo fa anche Badoo,ho cancellato il mio account da due anni e ogni settimana mi arrivano mail di questo tipo.

  • # 30
    tidus.hw
     scrive: 

    dico solo che quando mi sono registrato io, qualche mese fa, ho trovato sulla lista delle persone che potrei conoscere gente che era in classe con me alla scuola *elementare*, gente che ho smesso di sentire 10 anni fa di cui ovviamente non ho il contatto associato all’email.
    Ci sono rimasto di merda xD spam apparte, non so come diavolo abbiano potuto saperlo! avranno cose che neanche immaginiamo lontanamente nei loro db.

  • # 31
    Doraneko
     scrive: 

    @ Enrico Pascucci
    Penso che Facebook abbia anche altri modi “per trovare i tuoi amici”, oltre che a chiedere l’indirizzo email e la password.
    Ti racconto il mio episodio, per quanto possa sembrarti assurdo, ti giuro che è vero.
    Io circa 1 anno fa mi ero iscritto a Facebook solo per fare i giochini, non ho uppato nessuna foto.Ho inoltre messo TUTTE le opzioni al minimo, in modo da non ricevere nessuna email di notifica, ecc…Ah,non ho mai fornito la mia password dell’email.
    Nel giro di qualche giorno, non so come, ha inviato a nome mio un sacco di email di invito a persone che realmente conoscevo, che avevo in rubrica e che non avevano ancora Facebook!!Ti ripeto, io volevo solo fare i giochini!
    Seguendo le istruzioni trovate in vari siti, blog, ecc… ho chiuso l’account.
    Stando attentissimo, circa una o 2 settimane dopo, immettendo dei dati inventati (nome assurdo, provenienza: Azerbaigian,ecc..), ho aperto un nuovo account email (.com) e l’ho usato per aprire un nuovo account Facebook (dalla pagina internazionale in inglese, con sistema operativo e browser anch’essi in inglese).
    Praticamente questo account era intestato ad una persona completamente inventata e, ti ripeto, anche l’account email era completamente nuovo e con la rubrica VUOTA.In pratica, tra me e sto tizio inventato non c’era alcuna relazione.
    Qualche ora dopo aver aperto quest’account, mi arriva un’email che mi suggerisce di aggiungere tra i miei amici una persona.Vedo chi è….era un mio amico che conosco bene anche nella vita reale!!Facebook stava già iniziando a provare ad “allacciarmi” ad altre persone!
    Pensandoci bene, forse l’unica cosa che poteva essere comune tra i 2 account era l’IP dal quale mi collegavo (tra l’altro non era un IP italiano).Se davvero Facebook fa ricerche di sto tipo, mi sa che i limiti del social network li ha già superati di molto e siamo a livelli ben più preoccupanti…

  • # 32
    F
     scrive: 

    Ciao,
    è molto interessante questo articolo… in effetti la cosa è abbastanza inquietante… ad ogni modo, anche io qualche tempo fa ho parlato di una cosa simile nel mio blog anti-facebook, di preciso nell’articolo a questo link:
    http://quantoodiofacebook.blogspot.com/2009/06/se-questo-non-e-spam.html

    E’ assurdo che FB disponga anche degli indirizzi e-mail dei non iscritti…spero che questo tormentone finisca prima possibile!
    Ciao e complimenti per il sito!

  • # 33
    Il Giomba
     scrive: 

    Mi è appena accaduta la stessa cosa : domani scriverò un pezzo citando questo tuo articolo che , mi pare , molto interessante !
    Non capisco perchè Facebook si arroghi il diritto di avvisare tutte le persone che io “posso conoscere” del fatto che ho un’account , anche quelle che preferirei non fossero avvisate !

    Ma pensa te ! X-(

  • # 34
    Pensieri , frasi ed emozioni
     scrive: 

    […] loro ve le abbiano mandate … Continuate a leggere !Facebook spamma chi non ce l’ha !( Tratto da http://www.appuntidigitali.it/4251/facebook-spamma-chi-non-ce-lha/ )Mi rendo conto che per qualcuno ormai può risultare incredibile, ma esistono persone che […]

  • # 35
    Emiliano
     scrive: 

    Premetto che non sono registrato su Facebook, ma mi auto-offenderei se dicessi che non ne so nulla: chi non l’ha studiato per esempio per decidere se registrarsi?

    Vorrei chiedere all’ultimo, “Il Giomba”, a scopo di censimento, se posso, se anche lui è sicuro di non aver mai fornito la password della propria email o del proprio account di instant messaging al servizio “Trova i tuoi amici su Facebook”. Poi spiego perché.

    Innanzi tutto, grazie Enrico, a nome di chi ne ha bisogno, non me, per la soluzione. È stato gentile da parte sua. Per quest’ultima può aggiungere questo collegamento:

    http://www.facebook.com/contact_importer/remove_uploads.php

    Aggiungo che per Facebook «Il tuo amico può contattarci mediante il Centro assistenza per richiedere la rimozione delle sue informazioni dal database».

    Premetto che questo di cui lei scrive, Enrico, è un uso di altri siti, non faccio riferimenti. Lo scrivo per mettere tutti in guardia da tali siti non nominati, non per fare un complimento agli altri siti.

    Lei scrive:
    «Ora scopriamo che gli indirizzi email non abbinati ad account registrati, non solo vengono conservati, ma vengono anche riutilizzati per inviare spam (e chissà per che altro a questo punto).»

    “Ora scopriamo”? Tra i copia-e-incolla da Facebook nel suo ricco articolo non ho trovato il minimo cenno alle condizioni accettate al momento della registrazione, perciò le incollo per consentire a me stesso di scriverne, trovo che meritino. Quelle scritte in lingua originale (inglese) sono le uniche in tutto il sito che hanno valore legale, a detta di Facebook.

    Normativa sulla privacy, Informazioni raccolte, Settimo paragrafo
    «Se scegli di utilizzare il nostro servizio di invito per far conoscere Facebook ad un amico, ti verranno richieste le informazioni necessarie per invitarlo, come il suo indirizzo e-mail. Invieremo al tuo amico un’e-mail o un messaggio istantaneo a tuo nome in cui verrà invitato a visitare il sito, e un massimo di due promemoria. Facebook conserva queste informazioni per inviare inviti e promemoria, per registrare la vostra connessione nel caso in cui accetti l’invito e per verificare il successo del programma di segnalazione amici. Il tuo amico può contattarci mediante il Centro assistenza per richiedere la rimozione delle sue informazioni dal database.»

    Ritengo che per nessuno all’«ascolto» sia necessaria la “traduzione”.

    “A questo punto”? Qual è il suo “punto” in base a cui scrive un’affermazione della forza di “chissà per che altro”? Il “punto” scritto subito prima? Mi corregga se avessi frainteso, altrimenti ho indirettamente già risposto: sono ottimista e spero di essere contagioso, per me di ogni eventuale uso lei trova un accenno, magari in “legalese” ma presente, nelle condizioni legali, e sottolineo legali, in lingua originale.

    Prima di continuare una precisazione: so che lei sostiene di non aver mai dato la password dell’email, ma per generalità tratto anche quel caso che riguarderà qualcuno tra i milioni di utenti, e anzi essendo più “complesso” mi incentro su quello.

    «nemmeno le altre tre persone hanno inoltrato inviti di sorta»

    Sgombriamo il campo da eventuali equivoci. È arcinoto che su Facebook esistono numerosi tipi di inviti. Lei sta parlando degli «inviti» a utenti NON registrati, mi corregga. Mi risulta che lo «strumento» per fare ciò sia solo uno, e non ne esistano altri: “Trova i tuoi amici su Facebook”, e richiede obbligatoriamente la password o dell’email o dell’account AIM (un servizio di instant messaging). Anche se forse vi si può accedere in diversi modi, penso che sia sempre quello. “Penso” perché non sono registrato. Quindi “non hanno inoltrato inviti”, sottinteso “a utenti non registrati”, sarebbe, penso, equivalente a “non hanno usato lo strumento «Trova i tuoi amici su Facebook»” e di conseguenza “non hanno dato la password dell’email a Facebook”, per il semplice fatto che l’unico strumento per farlo sarebbe quello. Per la cronaca la pagina contiene anche la ricerca e l’elenco alfabetico, ma riguardano gli utenti registrati. Le riformulo la domanda: le altre tre persone hanno usato o no questo strumento, e quindi dato la password? La risposta se ho ben capito è no.

    Quindi generalizzo sui restanti milioni di utenti. Quello strumento carica i contatti (c’è scritto pure nel link sopra) e manda un tot di inviti, e questo è evidente a tutti. Forse non tutti sanno o ricordano quali e quanti inviti. Chissà quindi che magari molti (senza offesa per nessuno, non c’è nulla di male), dando retta al titolo dello strumento, non pensino erroneamente che, tra i contatti caricati, a ricevere eventualmente inviti siano solo i contatti già “su Facebook”, e non i contatti non ancora “su Facebook”? Ma non sarebbe contro-intuitivo, questo?

    Perché? Faccio due osservazioni banalissime, e mi scuso se sono troppo banali, ciò è a scopo esplicativo. La prima è che per inoltrare un invito di amicizia (non un invito di registrazione) agli utenti già registrati ci sono già altri strumenti visibilissimi e facilissimi, per esempio la ricerca per nome vero o nome falso (al più, quello lo chiedi tu tramite il contatto). Anche quegli strumenti, se le preferenze di notifica non sono state modificate dal destinatario, inoltrano un invito (autorizzato) anche per email. E non richiedono la password. Allora forse chi usa il carica-contatti erroneamente come alternativa alla ricerca per cognome, cioè pensando di invitare utenti già “su Facebook”, agisce in modo contro-intuitivo. O no? Ci rimette anche la sicurezza della password, che non viene memorizzata però viene TRASMESSA (tema di sicurezza informatica). Ed esisterà al mondo qualcuno che lo fa.

    La seconda osservazione banale è che, almeno in Italia, usiamo quasi solo un indirizzo (hotmail?) per tutto. Quindi, se intendiamo inoltrare un invito di amicizia a uno già “su Facebook”, allora Facebook probabilmente (ma non sicuramente) ha già quell’indirizzo email. Pertanto è più intuitivo pensare che Facebook abbia bisogno ADDIRITTURA e sottolineo ADDIRITTURA della password (con tutte le implicazioni legali possibili) per ottenere delle informazioni che ha già, o che invece non sia proprio in cerca SOLO e sottolineo SOLO di nuove e preziosissime per loro? E per cosa, se non per invitare a registrarsi? Questo è intuitivo.

    Comprendo che il titolo “Trova i tuoi amici su Facebook” non sia sinonimo di “Trova, tra i tuoi amici, quelli su Facebook, e invita quelli non su Facebook”. Però, direi purtroppo, non mi sembra si possa obiettare nulla sul fatto che le condizioni che ho sopra riportato sono chiare sulla “esistenza” e sulla “modalità” del servizio di caricamento contatti. Un utente, letta una cosa del genere in delle condizioni legali, deve stare attento anche a capire la “collocazione” dello strumento la prima volta che lo vede, a prescindere dal titolo. Dovrebbe riconoscerlo. Questa non è una difesa di Facebook ma è esclusivamente dal punto di vista legale: lo dico purtroppo abbastanza rassegnato all’accettazione.

    Fin qui non ho sottolineato ancora una cosa fondamentale: nessuno qui dentro ha ancora affermato di aver dato la password dell’email ad alcuno, e credo a tutti, ci mancherebbe…

    Infatti c’è un’altra possibilità, che se ho ben capito è al centro del suo articolo. Quella email dimostrerebbe che il mittente saprebbe l’indirizzo email del suo amico (esistono spam bot che indovinano gli indirizzi senza saperli, ma non è questo il caso). Ma non solo: come avrebbe fatto il mittente a indovinare che il suo amico è nei contatti del suo account email? È qui che voglio arrivare.

    Le do un modesto consiglio, di eliminare le ambiguità: pensa che il mittente abbia tirato a indovinare? (è questa la seconda possibilità) E in tal caso, lo ritiene più o meno grave? A me sembra più grave. Oppure pensa che il mittente abbia la password della sua email? E in tal caso chi l’avrebbe data? O cos’altro pensa?

    Tornando al caso della cessione della password. Lei definisce queste email “spam”, e dà la “colpa” di questo “spam” a Facebook, senza circoscriverla al caso del suo amico. Allora generalizzo. Come lei giustamente osserva il destinatario non registrato è per forza ignaro. Magari “ignaro” lo è anche il suo amico registrato che avrebbe dato la password, ma “per forza”? L’utente che ha letto attentamente le condizioni prima di registrarsi e di dare la password è totalmente ignaro “per forza”? Eventualmente si può non convenire su “pienamente consapevole”, ma su “totalmente ignaro per forza” si può convenire? Se (a differenza sua, quindi non al posto suo) fossi certo di aver usato lo strumento per l’invito, mi comporterei in piena coerenza alla mia opinione seguente.

    La ringrazio che mi dia l’opportunità di dire la mia. L’utente deve rispondere anche di quello che terzi fanno con la propria password? Per me, è la mia opinione, sì, anche se meno di ciò che fa. Spesso la negligenza nell’impedire l’accesso a terzi, compresi non estranei, è addirittura vietata dalle condizioni del servizio suddetto! Non solo dare la password, il che dovrebbe essere ovvio, ma in qualche servizio persino, ammesso che io non abbia frainteso le condizioni, andare al bagno con la pagina aperta, si figuri. Non voglio parlare di chi la password la chiede. Ciò per qualsiasi scopo, sia per quello che lei chiama “spam” di Facebook, sia per farsi mettere a posto da un estraneo il proprio blog (che magari ha la stessa password dell’email). Più grave del solito perché è un servizio nominativo, è questo il punto. Poi ci lamentiamo se, oltre agli anonimi onesti (ogni riferimento è puramente casuale), girano quelli disonesti che un nome ce l’hanno, ma non è il loro? Serve anche educazione informatica. Io non ho mai dato né chiesto password.

    Se pensa che io sia un appassionato o addirittura utente di Facebook, non ho scritto una sola parola di elogio.

    Un saluto

  • # 36
    Emiliano
     scrive: 

    Il link che le ho dato sembra non funzionare. Per la cronaca, l’ho preso dall’aiuto di Facebook in inglese. Questo la dice lunga :-)

  • # 37
    David
     scrive: 

    ma andare un po’ al mare no?

  • # 38
    Emiliano
     scrive: 

    David da dove scrivi tu dal mare?

  • # 39
    boo
     scrive: 

    Posso anch’io confermare la ricezione di queste mail. Per quanto riguarda il modo in cui facebook riesce ad associare le persone, e’ facile che tenga conto anche dei termini di ricerca dei suoi utenti. Quindi se cercano il tuo nome, nel momento in cui tu ti iscrivi facebook va a vedere se qualcuno ti aveva cercato e te lo mette in lista indipendentemente dalla scarsita’ di dati che tu hai fornito, basta data di nascita e luogo di residenza per essere precisi.

  • # 40
    Wayne
     scrive: 

    Cari amici, vi scrivo perchè anch’io ho problemi con ‘sto cavolo di facebook; Cancellai il mio account un anno fa, più o meno, seguendo la corretta procedura, il punto è che continuano ad arrivarmi richieste di amicizia da gente mai vista in vita mia, eppure il mio account dovrebbe essere morto!!!
    Come si spiega? Evidentemente il network usa i miei dati ancora in suo possesso per farmi arrivare spam a nome di terzi, che magari non sanno neanche di avrmi scritto.
    Se avete delle novità, o possibili soluzioni per il mio problema, vi prego di scrivere un post.
    Grazie e Buon anno a tutti!!

  • # 41
    Mark
     scrive: 

    FaceBook inizia ad essere come il tabacco, droga, mafia, camorra e, perchè no, come la politica.
    Un bene infinito su cui gira un enorme denaro, e dietro c’è anche qualcosa di illegale.

    Prima che ce ne accorgeremo sarà troppo tardi. FaceBook non è solo un semplice sito.
    Stiamo attenti..

  • # 42
    walter
     scrive: 

    La paranoia è la vera droga.

  • # 43
    Raniero
     scrive: 

    Io non sono iscritto a Facebook. Perché può risultare incredibile?? Bah. Io non ho bisogno di questa roba… E, secondo me, non è poi così difficile trovare chi non è iscritto.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.