di  -  venerdì 26 giugno 2009

La copertina“Nell’estate del 1951 a Lizard Breath, una cittadina sperduta nel deserto americano, la vita non era esattamente emozionante. I ritmi sonnolenti della quotidianità, il fatto che tutti gli abitanti si conoscessero fra loro e che ogni nuovo arrivato, piuttosto che per nome, venisse chiamato “straniero”, erano i pilastri su cui poggiava la cappa di gas soporifero che avvolgeva, meglio dell’arsura di giugno, la città.

Un evento insolito si apprestava tuttavia a sconvolgere l’ordinaria normalità cittadina: la caduta di un meteorite nelle vicinanze e, soprattutto, l’arrivo di alcuni feroci quanto inattesi ospiti.”

Più o meno è questo ciò che avrei scritto per introdurre la trama di un b-movie ambientato negli anni ’50 e centrato sul tema dell’invasione aliena, ed è in effetti quello che molti giornali, nel 1989, hanno scritto per introdurre It came from the desert che però non è un film ma un gioco, probabilmente il più “simile” a un film che si fosse visto allora sugli schermi di un Amiga.

Con la fida tazza di caffè fumante a fianco della tastiera, accompagnata per l’occasione da un lanciafiamme – risolutivo in caso di inattese invasioni di insetti alieni sul balcone – immergiamoci dunque in questo nuovo venerdì dedicato alla summer of love informatica e scopriamo, dopo aver parlato del magnifico Defender of the crown, questo straordinario titolo della gloriosa Cinemaware.

Lo SceriffoI più preparati ricorderanno che il riferimento al filone dei b-movie non è affatto casuale: It came from the desert riprende esplicitamente lo stile e il titolo del genere, con evidenti citazioni da Them! del 1954 e da un film del 1953 tratto da una novella di Ray Bradbury, It came from outer space, autentici classici del genere horror/sci-fi.

In perfetto stile Cinemaware, dopo la magnifica presentazione, il gioco si svolge seguendo una struttura multifase che combina strategia e azione, accostando una prospettiva in prima persona ad una visuale dall’alto, più la mappa tramite la quale è possibile decidere gli spostamenti.

Protagonista del gioco è il geologo Greg Bradley, accorso in tutta fretta sul luogo del misfatto per indagare sulla natura del meteorite: proprio a lui toccherà di incontrare per primo le temibili formiche giganti che infestano il territorio dopo la caduta del meteorite, ricostruire il nesso con l’impatto e, soprattutto, convincere la popolazione locale – la cui mentalità, come in ogni paesotto che si rispetti, viene dipinta come piuttosto chiusa – della gravità del pericolo.

Più che nello stroncare i malefici formiconi, la vera difficoltà del gioco risiede nel fattore tempo: il nostro prode geologo ha solo 15 giorni per convincere le autorità locali a chiamare la guardia nazionale per debellare il covo e sconfiggere definitivamente la formica regina, prima che un devastante attacco rada al suolo Lizard Breath, i suoi ridenti pub e drive in, le sue fattorie e tutti i suoi testardi abitanti.

Per portare a termine l’impresa è richiesta una fitta interazione con il pubblico locale e, benché esistano dei passi fondamentali da compiere, una serie di dettagli “superflui” aggiungono profondità alla trama e all’esperienza di gioco, sempre accompagnata da una colonna sonora che vena di angoscia il ridente paesaggio e la visione dei faccioni ingenui dei lizardbreathiani.

Ad aumentare la longevità di questa pietra miliare del gaming, arriva nel 1990, Antheads, di fatto un data disk per ICFTD, che riprende da 5 anni dopo la fine del primo capitolo. Entrambi i giochi nascono per Amiga (obbligatoria l’espansione a 1MB) e solo il primo capitolo viene portato, con cambiamenti notevoli e non proprio in meglio, su MS-DOS e sulla console Turbografx CD.

Più profondo, dettagliato e coinvolgente del già ottimo titolo di debutto della Cinemaware, il citato Defender of the crown, It came from the desert ha coi suoi predecessori in comune l’effetto mascella a terra™ frutto della combinazione fra cura grafica, sonora e gameplay. Un lusso che, vent’anni fa, era appannaggio dei soli possessori di Amiga.

8 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    username
     scrive: 

    gran gioco

    ricordo le musiche molto intense e sopratutto la sensazione di “topo in trappola” nel livello finale nel formicaio

    It came from the desert 2 invece non mi ha regalato le stesse emozioni

  • # 2
    BlueKnight
     scrive: 

    Uno dei più bei giochi che sia mai passato sulla mia Amiga.

  • # 3
    MCMXC
     scrive: 

    Capolavoro assoluto!

    Vorrei solo far notare alcune cose…

    1) Credo che in realta’ il film su cui sia basato sia questo: http://www.imdb.com/title/tt0047573/

    2) La musica finale era la stessa, sia che ci vincesse sia che si perdesse. Ed era inadatta in caso di vittoria:/

    3) …nessuno ha mai scoperto come si aprisse quella dannata cassaforte nel secondo gioco!>_______________

  • # 4
    Flare
     scrive: 

    @MCMXC, mi hai fatto pensare che “Them!” è citato anche in Fallout 3 (l’unico gioco che mi fa giocare sulla PS3 di mio fratello) in una missione chiamata “Those!” (“Mio Dio!” nella versione italiana del gioco, perdendo il riferimento: ho scoperto il titolo originale quando guardavo la wiki di Fallout).
    Avevo l’Amiga, ma grazie al retrogaming e in questo caso ad AD, ogni tanto scopro dei piccoli capolavori che non avevo avuto la fortuna di conoscere.

  • # 5
    Andrea
     scrive: 

    Era disponibile anche per PC.

  • # 6
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ MCMXC
    Grazie, ho integrato la tua segnalazione.

  • # 7
    Vincenzo
     scrive: 

    Non so se sia davvero possibile convincere quegli ottusoni dei lizardbreath-iani. Quello che è certo è che, per finire il gioco, è sufficiente scoprire il formicaio e far fuori la regina.
    Per la serie “chi fa da sé”…
    Da questo punto di vista il gameplay (una volta scoperto l’arcano) è una vera ciofeca!!
    Ma senza essere a conoscenza di questa clamorosa falla, il gioco è di quelli che più mi hanno catturato all’epoca dei home a 16bit.

  • # 8
    lancil9
     scrive: 

    THEM! è uscito in italia con il titolo ASSALTO ALLA TERRA.Anche se non facilmente, è recuperabile. Tra l’altro gran bel film, con il moralone finale, tipico dei film di fantascienza degli anni 50!

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.