di  -  giovedì 29 novembre 2007

internetOvviamente no, anche se nella testa dei meno informati le cose iniziano a sovrapporsi. Ci sono due esempi recenti che meritano di essere citati per arrivare al concetto: nel primo (che non linko perché sennò vanifico il suo tentativo) il racconto dell’utilizzo di Google da parte di una collega porta l’autore a postare sul suo blog la storia e uno screenshot della pagina dei risultati con i domini nascosti via photoshop. Screenshot contenente un risultato che permette comunque a me e chiunque sappia usare un minimo il motore di ricerca a trovare il nome a dominio che si cerca di nascondere, vanificando l’oscuramento. nel secondo il crack di una password di WordPress avviene con una semplice ricerca sul motore di Mountain View. Quindi chiariamo…Google non è internet, ma internet è praticamente tutto lo scibile umano. Ieri sera in macchina ho ascoltato una canzone che non sentivo da tempo, non mi ricordo l’autore, l’anno, niente. Però ho carpito 4 parole del ritornello, le ficco su Google e ci arrivo. Garantito. Lo abbiamo fatto tutti, presumo. (la canzone comunque è Let your body decide dei The Ark, tanto per essere precisi). Nessuna fatica, nessuna telefonata, nessuno sforzo. Nemmeno il bisogno di rendermi ridicolo canticchiando stonatamente la canzone a qualche amico che possa dipanare il mio dubbio. Ho un delirio di onnipotenza, lo so, ma è bene che impariamo ad abituarci: su internet c’è qualsiasi informazione vogliamo, disponibile e in varie fonti. Esserci c’è, però se non si trova non è utile a nessuno, così come non è utile sapere che da qualche parte nell’oceano c’è un galeone pieno di monete d’oro.E allora forse Google è davvero internet, perché internet senza di lui sarebbe utile solo al 30% o forse ancora meno. Ci resterebbero i servizi, la posta elettronica, i video e la socialità, la comunicazione, ma avremmo un’enorme quantità di sapere (enciclopedìa, dal greco “sapere in circolo”) fine a sé stesso relegato chissà dove; come avere la Treccani non in ordine alfabetico.Mi dà fastidio quando vedo una fiction in cui confondono Google e internet (non mi ricordo quale, ma l’ho visto coi miei occhi), ma forse tutto sommato questa è solo una fase transitoria e hanno ragione loro.

13 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Giulietto
     scrive: 

    “Mi dà fastidio quando vedo una fiction in cui confondono Google e internet”. Forse ti riferisci alla pubblicità della telecom in cui la canalis diceva “ma sei sempre su internet” e inquadravano il cell con la homepage di google.

  • # 2
    Tambu (Autore del post)
     scrive: 

    può essere. in questo momento ho veramente un vuoto, anche se a me sembrava proprio una fiction

  • # 3
    cacchione
     scrive: 

    uff, questa cosa si sente spesso, qui adirittura si scrive che internet senza google sarebbe utile solo al 30%. o forse per google si voleva indicare ‘motori di ricerca’, ed in effetti senza che i dati possano essere indicizzati e trovati sono decisamente poco utili. sembra che molti blogger spesso si dimentichino che google non è l’ unico motore di ricerca. yahoo e live vanno bene, non sono efficenti come google, ma il titolo di una canzone direi che sono in grado di trovarlo. forse internet senza google sarebbe meno innovativo.

  • # 4
    Mister24
     scrive: 

    Google non è internet, però è anche vero che senza un buon motore di ricerca internet non esisterebbe.

    Ormai il motore di ricerca per antonomasia è Google.

  • # 5
    Tambu (Autore del post)
     scrive: 

    sapevo che questa questione sarebbe stata sollevata, ma ero indeciso se menzionarla o no. Lo faccio nei commenti:

    scrivo google perché, in Italia, ha direttamente e indirettamente il 90% del mercato. Gli altri di fatto non esistono. A livello mondiale no, ma qui è così. Se preferite, sostituite “google” con motore di ricerca, va benissimo, ma nello spot o nella fiction non mostrano nè live search nè yahoo, mostrano google; che peraltro è l’unico che abbia fatto coniare un verbo nuovo. “to google” “googlare” esistono e sono riconosciuti, sinonimo di ricercare, “to yahoo” o “livercare” “yahozzare” “to live something” no. :)

  • # 6
    Giordano
     scrive: 

    Ti fanno vedere google perchè è un sito conosciuto da tutti ormai, un pò come bere una coca in un film…

  • # 7
    Luca
     scrive: 

    Sono d’accordo, non più tardi di ieri ho dovuto spiegare a una nostra utente che l’indirizzo della nostra posta via web va inserito nella casella dell’URL di IE e non dentro la casella di ricerca di Google!

  • # 8
    ecchime ca
     scrive: 

    Google non è mai stato Internet!

    I contenuti indicizzati da Google sono circa il 2% del totale. La maggiorparte di internet è rappresentata dal cosiddetto web invisibile.

  • # 9
    Tambu (Autore del post)
     scrive: 

    se è invisibile non serve a niente ;)

  • # 10
    ecchime ca
     scrive: 

    Il web invisibile non è detto che non servi a niente, anzi per la loro natura sono propio risorse interessanti e piene di contenuti difficilmente reperibili.

    Non penserete veramnente che Google indicizzi gli 800 miliardi e passa di documenti che ci sono per il web (molti dei quali sono poi ad accesso ristretto)?

  • # 11
    Tambu (Autore del post)
     scrive: 

    ovviamente no. Io però penso che se uno mette una cosa su internet è per mostrarla e quindi su Google (e sui motori di ricerca tutti, certo) ci deve stare. Se fa un’area riservata solo per 3 amici, è internet inteso come “mezzo” ma non come “spirito”. E’ comodo, ma non importa a nessuno.

  • # 12
    Dess
     scrive: 

    Pensare che grazie a google ho scoperto il passato di decine di persone (scuole frequentate, movimenti nei forum ecc..). No, non come fanno nei film (click click…eccolo, si muove nel suo appartamento!), ma la privacy oddio..non esiste su internet: se ci metti piede chiunque può trovarti. Da un anno circa hanno oscurato tutti i risultati alle ricerche di indirizzi mail completi, era davvero troppo intrusivo.

  • # 13
    galliolus
     scrive: 

    Ho fatto un blog per comunicare con i miei alunni. Posso vedere dalle statistiche che la quasi totalità dei contatti arriva da Google, con l’indirizzo del blog come chiave di ricerca. Morale: forse Google non è l’Internèt, ma presto lo sarà.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.