di  -  mercoledì 3 giugno 2009

carta igienicaAltra novità tecnologica targata Giappone dove, recentemente, alcuni ingegneri fantasiosi sono riusciti ad ideare e a realizzare un particolare macchinario, di “soli” 600 kg, in grado di trasformare la carta di scarto del vostro ufficio (fotocopiatrici, stampanti ecc.), in utilissimi e morbidi… rotoli di carta igienica.

L’azienda Nakabayashi di Tokio, produttrice del marchingegno, dichiara: “La macchina carta igienica è in grado di produrre 2 rotoli l’ora da circa 1800 fogli (o 7,2 kg) usati A4”.

Non male…

Sembra, dalle notizie che circolano, che la produzione partirà in agosto e che la Nakabayashi abbia intenzione di vendere almeno 60 unità entro il primo anno; cosa non facilissima visto (oltre il peso) il prezzo che sarà fissato intorno ai 70000 euro.

L’idea comunque non e male; lo scarto di carta negli uffici è sempre molto elevato e poterla trasformare in un altro tipo di carta, indispensabile per l’essere umano, potrebbe avere i suoi vantaggi.

Inoltre dal punto di vista ambientale non è da sottovalutare, la carta igienica comunque dobbiamo usarla e in ufficio le stampe sbagliate sono sempre tante alla fine della giornata. Esistono però sul mercato già molte marche che la producono riciclando altri materiali.

Una domanda: quanto costerà alimentare questo armadio di 600 kg?

Fonte: Boing Boing Gadgets

14 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Mister24
     scrive: 

    Va bene il riciclaggio, ma questa macchina non mi sembra che sia molto utile, con 70000Euro ci si compra la carta igenica necessaria a tutto il personale dell’ufficio per tutta la vita. :-)

    Da 7.2Kg ci ricava solo 2 rotoli in un ora, mi sembrano un po’ pochi a meno che non sia durissima. :-)

    Facendo due rapidi calcoli con un prezzo che ho trovato (7 euro per 12 rotoli), ci vogliono 10 anni per recuperare i 70000Euro.

  • # 2
    davis5
     scrive: 

    2 rotoli l’ora con un consumo di corrente colossale e 70.000 euro da investire?

    visto il contesto… bell’affare di m….

    p.s. 7 euro per 12 rotoli? compri carta di lusso tipo rotoloni regina? questa e’ riciclata… non credo venga bella cosi’…

  • # 3
    Simone
     scrive: 

    Sarebbe già una buona pratica riciclare le copie stampate solo su una facciata per prendere appunti… troppo spesso la carta finisce nel cestino con una facciata bianca… e poi stampare solo quando necessario, poi per carità, ogni idea che dia “nuova vita” ai rifiuti è ben accetta, certo mi sembra che il “rendimento” di questa macchina sia piuttosto basso (7.2kg per 2 rotoli), sui costi sorvolerei, non credo si tratti di una macchina ancora prodotta in serie (60 esemplari previsti non sono certo una grande produzione)… avrebbe comunque un senso se si migliorasse il “rendimento” e se la produttività di questa macchina fosse tale da poter essere utilizzata a regime…

    Comunque una considerazione a margine la merita… i Giapponesi idee normali proprio non riescono ad averne… :-D

  • # 4
    Simone
     scrive: 

    PS con produzione a regime intendevo (ipoteticamente) ben più dei 2 rotoli/ora…

    Comunque carina come idea, ma mi sembra allo stato attuale una cosa piuttosto “eccentrica”… da Giapponesi :-D

  • # 5
    Paganetor
     scrive: 

    a quel punto tanto vale pulirsi il culo direttamente con i fogli A4 :D

    tornando seri, non mi pare una “genialata” visti i costi, i potenziali consumi e i rendimenti…

  • # 6
    demon77
     scrive: 

    mmm.. mi pare una stupidaggine.

    1) un macchinario simile tra energia richiesta e manutenzione ritengo sia molto più antiecologico di quanto si possa pensare.
    2) un accordo con una industria che ricicla carta mi pare molto più conveniente.

  • # 7
    Symonjfox
     scrive: 

    Ma poi, la carta “riciclata” degli uffici, da un lato avrà TONER o INCHIOSTRO. Non è un po’ tossico per la pelle umana (specialmente delle parti intime)?

  • # 8
    marcos86
     scrive: 

    Si ma sapete che bello andare al bagno e dire “ah, ecco dov’è finito quel foglio che cercavo…” :D

  • # 9
    SteveJK
     scrive: 

    Concordo con Paganetor!! Preferirei comprarmi una bella Cayman S da 64.000 Euro e pulirmi il c**o con i fogli A4…

    Davvero che sti giapponesi non sanno come tirarsi le zappe sui piedi… ma piuttosto differenziamo la spazzatura e lasciamo fare queste cose a chi di dovere!

  • # 10
    tidus.hw
     scrive: 

    spero che sia solo un esercizio di stile XD
    mi sa che coi soldi risparmiati riciclando la carta non ci si può pagare neanche la corrente assorbita da quel coso xD

  • # 11
    Riciclare o trasformare ? | Gas Knows Best
     scrive: 

    […] … questa volta e’ il caso di una ditta giapponese  Nakabayashi che ha ideato, progettato e prodotto un macchinario dalle capacita’.. quantomeno dubbie e che ho trovato grazie a AD. […]

  • # 12
    lelew
     scrive: 

    guardate che intendono i rotoli di carta da ufficio e industria, sono mooolto+grandi e pesano appunto 3 kili l’uno o+.
    andare un po’ oltre la propria piccola e mediocre esperienza per giudicare lo scibile umano sarebbe buona cosa…
    …ma in italia e sul web, siamo tutti ct e ingegneri

  • # 13
    massimo m.
     scrive: 

    lelew> quindi tu ti metteresti quell’affare in ufficio per riciclare la carta? e perche’ non mettersi anche un coso che ti ricicla le lattine, uno che ti ricicla gli scarti del temperamatite, uno per la plastica, uno per il vetro e via dicendo?
    la cosa migliore e’ raccogliere la carta e non buttarla nella spazzatura indifferenziata, e lasciar fare il riciclaggio alle aziende che ne sono capaci.

  • # 14
    sabbia
     scrive: 

    @ massimo m.
    Purtroppo non sempre si possono fare certi accordi, perchè nelle aziende, il contenuto di ciò che è stampato, potrebbe essere sensibile.
    Va bene riciclare i cartoni e di tutto ciò che è inerente alla produzione, ma il resto, potrebbe portare ad una fuga di informazioni deleteria.
    E anche distruggerle come si fa adesso, con i taglia carte, non sempre è sufficiente! ^__^


    detto ciò, non vuol dire che sia d’accordo con l’utilizzo di questa macchinetta!

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.