di  -  mercoledì 27 maggio 2009

Esattamente cinque settimane fa vi avevamo dato conto del possibile nuovo scontro tra Microsoft e la Mela morsicata sul terreno dei dispositivi mobili.

L’iPod mantiene saldamente la sua leadership ma è chiaro che i concorrenti stanno affinando le proprie armi.
Non godendo della stessa cassa di risonanza mediatica (guadagnata comunque ai tempi con pieno merito) occorre puntare su altre strade. iRiver, Cowon, iAudio sono solo alcune delle aziende impegnate nello stesso settore e che puntano sulla qualità del prodotto, compatibilità dei formati ed altre meraviglie tecnologiche ma senza trascurare, affatto, il fattore estetico.

Se c’è una cosa che non manca in quel di Redmond rispetto agli altri sono i capitali. Pur versando nella stessa crisi internazionale che ha colpito gli operatori IT e non solo, le risorse finanziarie e commerciali sono non comparabili neanche con i tentacoli sempre più lunghi di casa Apple.

Il nuovo capitolo della saga infinita si chiama Zune HD e come anticipato nel precedente articolo ha caratteristiche di tutto interesse.
Basterà?

Zune HD

Cominciamo col dire che Microsoft stessa ha confermato l’uscita.
Sarà disponibile a partire da questo inverno e per usare le parole di Chris Stephenson, GM della divisione global marketing Zune, il dispositivo è stato creato appositamente per recitare un ruolo di competitor alla pari per la creatura Apple.
Citando le sue stesse parole:

“This device is created to go head to head with the iPod Touch”

Una frase che lascia intravedere quasi più uno scontro su un ring che la presentazione di un lettore multimediale portatile.

Dopo indiscrezioni, voci trapelate e fughe di notizie vediamo quindi le definitive (almeno salvo cambio dell’ultim’ora) caratteristiche tecniche:

  • schermo OLED multitouch 3.3″ in formato 16:9 con risoluzione 480*272
  • S.O. basato su piattaforma Windows CE
  • connessione WiFi
  • HD Video Out
  • portable web browser integrato e basato su Internet Explorer
  • radio HD
  • interfacciamento con il servizio Zune Pass

La nomenclatura HD è stata scelta essenzialmente per la capacità di processare flussi audiovisivi ( per una risoluzione di 720p) precaricati o streaming come i podcast di nuova generazione. Ancora non è ben chiaro che tipo di interazione sia prevista per la parte video e si vocifera in della necessità di acquistare a parte una dockstation.

Ma in questo campo appare praticamente una certezza la presenza della nuova piattaforma Tegra, stella Nvidia nel campo della multimedialità per dispositivi di dimensioni contenute. Il suo utilizzo non sarebbe peregrino nemmeno per contrastare il crescente fenomeno del download di videogiochi per iPod Touch ed iPhone.

Seppur le bocche siano rimaste per lo più cucite all’ultimo E3, si sta lavorando anche in questa direzione ed il supporto 3D offerto proprio da Tegra è una carta che Microsoft vorrà probabilmente giocarsi nel prossimo futuro.
E’ stato invece confermata la sostituzione del servizio XboxLive con lo Zune Marketplace per quanto riguarda la parte cinematografica e delle serie televisive, mentre per l’unificazione con gli altri servizi occorrerà aspettare ancora un po’ (e qui Apple resta ancora un passo avanti).

Zune HD affiancherà in un primo momento i modelli attualmente disponibili ma progressivamente, stando sempre alle parole di Stephenson, rimpiazzerà la fascia dotata di memoria NAND offrendo (così come l’iPod Classic) allo stesso tempo un prodotto basato su Microdrive, quindi con un hard disk meccanico.
Lo ZunePhone viene ancora smentito anche se è lo stesso General Manager Microsoft a precisare come faccia parte di una visione a lungo termine:

“mobile is a key and critical investment for the company”

e Windows Mobile con l’arrivo nel 2010 di 7 costituisce un altro tassello della visione d’insieme di Gates.
Zune in una prospettiva ad ampio raggio costituirà nel breve-medio periodo il trait d’union software, l’ecosistema attorno al quale diverse realtà e piattaforme potranno convergere.
Non necessariamente Microsoft. Magari open?
E basterà a scalzare l’iPod ed Apple dalla suite imperiale dove risiedono ormai da diversi anni?
Difficile dirlo.

Le caratteristiche tecniche non sono tutto, anzi, in un mondo dominato dalla pervasività delle immagini e della pubblicità, l’impatto sul pubblico lo si ottiene con una combinazione di fattori vincenti, compresa la capacità di saper vendere e sapersi vendere meglio degli altri.

La radio HD è sicuramente una feature interessante ma poter disporre di un Application Store con migliaia di programmi free e non probabilmente rende molto più appetibile un prodotto del genere.
Work in progress, tradotto “stiamo lavorando per voi”.
L’indotto generato dal solo iPod e tutti accessori annessi e connessi (comprese le macchine provviste di uscite ed impianti ad hoc) non sono al momento paragonabili, ma se nessuno alzasse il livello della competizione, il rapporto costo per l’utente finale-tecnologia utilizzata sarebbe sempre a nostro sfavore.

Ringraziamo dunque i vari attori che compongono questo settore e fanno contenti i fan del marchio X o Y o i semplici tifosi del proprio portafoglio. Me compreso.

[image courtesy of Gizmodo]

28 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Redvex
     scrive: 

    Dubito che se anche Microsoft realizzasse un prodotto altamente competitivo Apple ritoccherebbe i suoi prezzi verso il basso.

  • # 2
    dab
     scrive: 

    Dubito che possa scalfire il potere dell´ipod…benché questo dispositivio sia nettamente superiore, per una bella fetta di popolazione esiste ed esisterá solo l´ipodde: perché é trendy, faccio la figura di quello cool…tutti gli altri dispositivi sono solo robetta da mercatino o apparecchi da nerd…

    Purtroppo é un film giá visto…Apple sa bene come accalappiare i propri clienti…

  • # 3
    goldorak
     scrive: 

    Devo dire che dal punto di vista estetico questo ZuneHD spacca. Ora quello che vi vuole e’ commericalizzarlo anche in EUROPA, capito Microsoft ? ^_^
    Dal punto di vista delle features e’ adirittura superiore al Ipod, e se fanno in modo che questo aggeggio funzioni senza problemi sotto GNU/linux beh almeno per me sarebbe un vantaggio non trascurabile.
    L’unica cosa che non mi e’ chiara e se il wi-fi e’ l’unico modo di collegare lo zune al pc o si potra’ usare anche l’usb ?

  • # 4
    marco
     scrive: 

    apple vende l’ipod perchè funziona ed è fatto bene, punto e basta.

    gli utenti non sono stupidi, sanno dove e come spendere i loro soldi.

  • # 5
    FrAnKHiNrG
     scrive: 

    Ma vi si potrà installare android sopra? :D Scherzo, beh, esteticamente e come funzioni mi piace molto, sicuramente più dell’iphone

  • # 6
    Andrea
     scrive: 

    Non sottovalutiamo MS… con la sua forza economica ha imposto Xbox e Windows Mobile. E’ anche vero però che Apple è un avversario ben più scaltro di Sony e Nokia ;-)

  • # 7
    plonf
     scrive: 

    @marco
    >apple vende l’ipod perchè funziona ed è fatto bene, punto e basta.
    >gli utenti non sono stupidi, sanno dove e come spendere i loro soldi.

    L’ipod funziona ed e’ fatto bene. D’accordissimo.
    Ma apple lo vende soprattutto perche’ funziona il reparto marketing. La storia e’ piena di cose che “funzionano e sono fatte bene” e che sono fallite…

    Sul fatto che la gente sappia dove e come spendere i propri soldi, beh, non ne sarei cosi’ sicuro…

  • # 8
    Guada
     scrive: 

    Se me lo importano in europa e mi fanno un prezzo decente è mio… aspetto lo zune dalla prima generazione, ipod MAI preso neanche in considerazione per un solo e molto semplice fatto: iTunes.

  • # 9
    James Kirk
     scrive: 

    Premesso che:

    a) questi aggeggi (come iPod touch) sono solo gadget inutile perchè, se si pensa alla musica, basta roba molto più piccola e, se si pensa ai video, sono ampiamente insufficienti.

    b) Alla fine ci si prende un sistema chiuso e proprietario che è megio evitare (io ho in Ipod nano e, per quanto ottimo non lo ripenderei perchè se legato mani e piedi alla Apple)

    Per me Microsoft sta ripercorrendo la solita strada del copia e (se possibile) migliora, solo che qui non ha il monopolio come come i PC e la concorrenza c’è eccome.
    Tra l’altro fino a 3 anni fà aveva un buon vantaggio con Windows Mobile ed ora si è fatta raggiungere e superare dagli altri.

    Pensino a migliorare i propri prodotti (che ne hanno bisogno) piuttosto che correre diatro ad Apple!

  • # 10
    EnricoG
     scrive: 

    Microsoft paga ancora il passo falso fatto con il primo Zune. In un settore di mercato come quello dell’iPod conta moltissimo l’effetto “cool” e il primo Zune non era affatto “cool”. La seconda serie ha recuperato il terreno perso da un punto di vista di funzionalità e di estetica, a parte l’iPod Touch, gli altri iPod non sono migliori dello Zune, ma l’ecosistema iPod ha un’inerzia che difficilmente si può scalfire solo con le caratteristiche tecniche di un dispositivo uscito troppo tardi.
    Il nuovo Zune HD promette bene, ma iPod è e resterà ancora a lungo il sinonimo di music player portatile, così come lo fu il walkman della Sony.
    Microsoft dovrà lavorare alla prossima generazione di dispositivi musicali se vuole sperare di acquisire una fascia di mercato significativa, altrimenti sarà ancora una volta una rincorsa persa in partenza.

  • # 11
    goldorak
     scrive: 

    Francamente non capisco l’atteggiamento secondo il quale se un prodotto non e’ il numero uno allora non vale la pena acquistarlo (da parte dei consumatori) o produrlo da parte dei produttori. Per riprendere l’analogia del walkman, e’ vero che e’ stato sinonimo di player musicale portatile per tutti gli anni 80, ma cerano anche alternative. Vuoi per costo vuoi per qualita’ etc…
    Insomma oggi come oggi abbiamo l’ipod, tralasciando la dimensione estetica, ma dal punto di vista come dire tecnico fa pena. Letteralmente pena, un oggetto che costa sui 300 € e che non ha manco la funzionalita’ di radio fm ? Ma vogliamo scherzare ? Un player che e’ inutilizzabile senza quel cesso del software itunes ?
    Io sento la mancanza di una valida alternativa al’ipod. Se Microsoft riuscira’ a produrre un player piu’ innovativo del ipod touch, ma a me cosa me ne frega se il popolo bue va dietro al ipod ?
    A me interessa avere scelta e non credo di essere l’unico, e per una volta che la Microsoft fa qualcosa di decente beh non troverei nessun problema ad aquistarlo uno zune.

  • # 12
    lex
     scrive: 

    ma ancora co sta storia di itunes? siete ridicoli!! basta!!! itune vi permette di gestire in maniera facile intuitiva e ottimale l’ipod e vi fa schifo? siete oslo ridicoli. e se non volete itunes ci sono altri mille mila programmi, ma voi neanche vi sprecate siete solo buoni a spalare merda. pa-te-ti-ci

  • # 13
    goldorak
     scrive: 

    @ lex: che itunes faccia “schifo” in windows e’ un dato di fatto, cosi’ come l’ipod touch senza itunes non funzioni. A meno di non crackarlo a livello firmware.
    Di pa-te-ti-co qui ci sei solo tu caro lex.

  • # 14
    Andrea
     scrive: 

    @ lex:
    Caro fan-boy, qui il discorso non è solo iTunes. Quasi la totalità degli altri produttori di player portatili consentono di, usando parole tue, “gestire in maniera facile intuitiva e ottimale” il lettore SENZA la schiavitù di dipendere da un software di interfaccia, che sia buono o no. Gli iPod sono apparecchi chiusi e proprietari, come diceva qualcuno sopra, sia a livello software che hardware. Basti pensare alle incompatibilità harware/software addirittura tra generazioni dello STESSO LLETTORE (vedi iPod Touch e cuffie + controller volume).
    Se uno nonostante tutto è disposto a tollerare simili scomodità (perchè oggettivamente lo sono!!!) allora buon iPod, ma dare del patetico a chi fa caso anche alla praticità e alla versatilità è davvero fuori luogo.

  • # 15
    DonLuca
     scrive: 

    Per cortesia, evitiamo le solite battaglie tra Apple, iPod, iTunes, Microsoft, usabilità e simli…. almeno qui ;)

    I concetti di “usabile” o anche “intuitiva e ottimale” sono estremamente soggettivi e non potete andare a dire agli altri che sono la manna dal cielo (Lex) o la spazzatura del mondo software (goldorak).

    Per uscire da questa guerra religiosa vi porto un esempio molto semplice: io su linux mi trovo molto più a mio agio a usare la linea di comando che fare determinate azioni da interfaccia grafica… o ancora, da quando sono passato al Mac (le prime volte ammetto che mi impiccavo a navigare tra menù e cazzilli vari) non riesco più a ritrovarmi su un sistema windows… lo trovo mal coeso e assai poco intuitivo… per trovare ciò che mi serve (ad esempio le proprietà della connessione di rete) bisogna fare troppi passaggi, passare attraverso tanti menù che hanno fin troppe opzioni, senza alcuna possibilità di scorciatoia.

    Mia madre su windows (windows xp SP3) usa iTunes da 2 anni ormai e si è sempre trovata benissimo e non gli si è mai piantato… certo, ci mette quei buoni 12 secondi ad aprirsi, ma d’altra parte ha una libreria con 2400 musiche dentro e come computer ha l’EEE Box! Non si può pretendere troppo :P

    Poi come al solito le esperienze variano da utente ad utente e non è possibile fare un discorso generale, vero per tutti, che ci unisca all’unanimità.

    Per il discorso iPod… c’è a chi piace ed è soddisfatto della sua qualità in riproduzione (sempre che di qualità si possa parlare in ambito mp3) e c’è chi no e si va a prendere un lettore di altre marche già citate… e magari alla fine ci si sente mp3 compressi a 128 kbps che si sentono identici sul lettore mp3 da supermercato, ma questa è un’altra storia :P

    Tutto questo per dire di evitare i soliti “estremismi” e di moderarsi… è bene riportare la propria esperienza ed esprimere la propria opinione, ma evitiamo di dare giudizi generali su un prodotto.

    Esempio: “cesso di software di iTunes” –> “quel programma che per me è spazzatura PERCHE’ blablablablabla…”

    ;)

  • # 16
    Lucatortuga
     scrive: 

    L’essere “chiusi e proprietari” è la fortuna dei prodotti Apple, che insieme al software costituiscono un “ecosistema” estremamente “user friendly” e funzionale.

  • # 17
    DonLuca
     scrive: 

    @lucatortuga

    opinabile.
    molto opinabile.

    Ammettiamo che sei un uomo che ama vivere nel lusso, servito e riverito e ti imprigionano in un castello fiabesco dove hai tutto ciò che hai sempre desiderato anche se sei limitato entro i confini di quel castello: in questo caso va benissimo, da paura, è il luogo perfetto.

    Però ammettiamo ora che sei un uomo umile, ti piace vivere nella benestanza senza eccedere in lussi eccessivi e preferisci fare tutto da te piuttosto che avere persone che ti servono: la reggia sopra descritta diventa per te un inferno invivibile.

    Un’architettura o software chiuso è da sempre stata un’arma a doppio taglio… tu la prendi sapendo esattamente cosa fa e cosa non fa e hai la sicurezza che ciò che fa la farà perfettamente senza dare mai nessun problema perchè è fatta apposta per fare quel che fa ma allo stesso tempo, sai che non avrai espandibilità, ovvero non farà nulla in più di quel che fa ora.

    C’è a chi piace e a chi no.
    Personalmente a me piace.

  • # 18
    goldorak
     scrive: 

    Per me il ragionamento e’ questo : io desidero un player musicale che NON DIPENDA da un PARTICOLARE software per essere usato/ configurato etc…
    Voglio accedere al market place zune ?, si suppone si possa fare attarverso un browser qualsiasi e quindi che funzioni in tutti i so (windows/mac/gnu-linux, etc…).
    Voglio trasferire qualche canzione dal mio pc al lettore o viceversa ? Devo poterlo fare senza passare da un “software terzo”. Queste sono comodita’ a cui non rinuncio volentieri.
    Gli ipod touch questo non me lo danno, ed e’ il motivo per cui non li compro. Se Microsoft fara’ lo stesso errore, non comprero’ neanche lo zune. Ma finche’ non ci sara’ una conferma definitiva si puo’ sperare che lo zune sia “piu’ aperto” del ipod e quindi costituisca una scelta valida per coloro che non vogliono essere ingabbiati nella gabbia di itunes.

  • # 19
    Simon71
     scrive: 

    Sono un felice possessore di un iPod Nano 4gen e lo reputo un dispositivo incredibile, che rasenta quasi la perfezione… Il Touch non mi ha mai impressionato più di tanto…A me dello schermo enorme per i film (che mi vedo in Tv, sul Mac o sul Pc) non interessa minimamente..stesso discorso per giochini, applicazioni o Wifi…Per diana, mi sono comprato il Mac apposta per gli spostamenti, che me ne faccio di un surrogato di PC? Detto questo capisco chi invece ha queste esigenze….Ora, fermo restando che un cowon, iRiver se me li regalassero li rivenderei subito (mamma, che tristeza, detto alla portoghese)…Forse forse, ma no togliamo il forse l’unico PMP che comprerei se non dovessi ricadere da mamma Apple sarebbe proprio uno zune Supercarrozzato della Microsoft…. Anzi, spero proprio che stavolta esca pure in europa….
    Forza Apple, naturalmente (con nuovi iPod sempre più belli), ma forza anche Microsoft….Creiamo anche qui un vero Duopolio, che in questo settore latita: tutto di guadagnato per i consumatori…

  • # 20
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    Rispondo a qualche domanda sparsa.
    Arriverà in Europa a ruota degli States, anche perché il servizio nuovo di Marketplace partirà da subito su più continenti e quindi si presuppone che l’HW lo segua.
    Il WiFi dapprima (e questo fu uno dei problemi dello Zune) previsto solo per l’uso proprio del marketplace consentirà la connessione ai vari hotspot stile iPod o prodotti affini.
    Ma la connessione principale con il pc sarà ancora via USB.

    Premesso che ciascuno può comprare quello che vuole con i propri soldi senza dover essere giudicato in alcun modo dagli altri, sul fronte iTunes io invece faccio fatica a capire le reiterate critiche.
    Siamo d’accordo sul fatto che il livello di integrazione offerto su MacOSX sia di un altro tipo (e ci mancherebbe, sono prodotti tutti Apple, sarebbe anormale il contrario), ma per quel che deve fare un software del genere mi sembra faccia la sua onesta parte.
    Come gestione delle playlist e libreria è piuttosto intuitivo. Mia madre al pari di quella di Don Luca lo usa su Windows (Vista) e non si è mai lamentata.
    La conversione dei file audio è semplice, ci mette qualche secondo a caricare ma non è la morte.
    E dubito che i nostri genitori siano entrambe power user (mia madre no di certo, la tua, Don, non so :))

    “Letteralmente pena, un oggetto che costa sui 300 € e che non ha manco la funzionalita’ di radio fm ?”

    C’è chi sopravvive senza radio.
    A me ad esempio interessa solo la musica, le trasmissioni non le ascolto nemmeno in macchina (e venga santificato chi ha portato l’USB anche sulle autoradio).
    Cerchiamo di vedere l’eterogeneità degli utenti e non sovrapporre i propri gusti a quelli degli altri.


    Ma vogliamo scherzare ? Un player che e’ inutilizzabile senza quel cesso del software itunes ?”

    Quindi vorrei capire in cosa sia esattamente un cesso, posto quel che ho scritto prima.

    Se ci si riferisce al fatto che il binomio sia “blindato” non ci piove (anche se software alternativi per usare l’iPod senza iTunes ce n’è una marea), ma questo non significa in sé che il programma faccia schifo.
    Sono scelte commerciali, tecnicamente l’applicativo può benissimo restare valido.

    LucaTortuga quando si riferiva alla fortuna delle scelte Apple.
    Direi che la fortuna è ambivalente. Producendo un ecosistema altamente integrato e che in qualche modo costringe o comunque tende a fidelizzare l’utente, se questo si ritrova nelle scelte commerciali, può essere soddisfatto e rimanere cliente per lungo tempo a venire; allo stesso tempo consente alla società di Cupertino di coltivare la propria “nicchia” senza doversi scontrare con il resto del mercato a 360°.
    Quel che accadrebbe se mai un giorno Apple (cosa direi altamente improbabile) decidesse di aprire MacOSX.
    Producendo tutto in casa con poche piattaforme nella propria lineup anche tutta l’attività di sviluppo e testing diventa più semplice.

    Ovviamente deve piacere questa linea commerciale.
    Stando ai numeri (e l’iPod vende più ad utenti Win che Apple) sembra che alla massa vada bene così.
    Chi vuole essere più libero di scegliere o ha un’indole da “smanettone”, può benissimo accasarsi altrove.
    E come ho scritto nel pezzo, è una fortuna che sia così perché la concorrenza in un regime di libero mercato spinge tutti i competitor a migliorarsi.

    Per concludere, una piccola chiosa sulla facilità d’uso.
    C’è un margine di soggettività è vero, ma l’usabilità è il prodotto di studi incrociati di diverse branche scientifiche quindi non è neanche corretto affermare che quel che va bene a me non va bene a Tizio.
    I vari paradigmi che sono ormai quasi dei dogmi in ambito IT sono il frutto di quelle elaborazioni e se resistono, al di là del fatto che non siano stati ancora trovati sistemi migliori, è la dimostrazione che funzionano come WIMP.

  • # 21
    DonLuca
     scrive: 

    Penso che mia madre sia molto lontana dall’esser definita una “power user”.

    Ha la conoscenza del computer pari a quella di una segretaria… quindi direi proprio di no. XD

  • # 22
    johnny
     scrive: 

    iPod = lettore mp3

    come

    Scottex = panno carta
    Scotch = nastro adesivo

    Oramai è così e nonostante la qualità delle cuffiette e dei convertitori sia sotto la media rispetto alla concorrenza il volgo quello cerca e quello compra … nei secoli dei secoli!

  • # 23
    v1
     scrive: 

    l’ipod complessivamente è un prodotto mediocre, e dal pessimo rapporto qualità/prezzo.
    -vita media inferiore ai concorrenti, delicato;
    -cuffie in dotazione pessime sia come qualità d’ascolto che come qualità di costruzione e resistenza;
    -software standard pessimo, le alternative ci sono ma non credo siano ufficialmente autorizzate;
    -mancanza di funzioni importanti quali la radio;
    -porta di collegamento e caricamento batterie in formato proprietario;
    -durata della batteria mediocre;
    -secondo me anche la qualità del suono è inferiore ai creative (gli unici che ho provato).

    per fortuna qualche alternativa c’è, ma questo zune sembra davvero il concorrente migliore. spero lo distribuiscano anche in europa.

  • # 24
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    x DonLuca

    diciamo che poi è la norma per quella generazione :)

    x johnny

    è diventato quasi uno status symbol e l’identificazione del nome del prodotto con la tipologia è la dimostrazione del suo successo.
    Come avveniva ai tempi della Playstation in cui non c’erano le console ma c’era la Playstation appunto.
    Ed è la situazione attuale, perfetto.
    Molti però si dimenticano che le società non nascono con il 60 o più % di share ma se lo conquistano nel tempo.
    E quindi prima di fare valutazioni di questo tipo, che ci stanno e sono plausibilissime anzi doverose, bisognerebbe anche chiedersi come ci si è arrivati a quella situazione.
    La risposta è in generale piuttosto semplice: offrendo quel che la maggiorparte della gente vuole.
    Né più né meno.

    x v1

    “l’ipod complessivamente è un prodotto mediocre, e dal pessimo rapporto qualità/prezzo.”

    Può essere, mi permetto di dire che sia una valutazione opinabile.

    “-vita media inferiore ai concorrenti, delicato”

    vorrei vedere le statistiche e le casistiche di RMA che dimostrino quanto dici, altrimenti è una valutazione che lascia, permetti, il tempo che trova.

    “-cuffie in dotazione pessime sia come qualità d’ascolto che come qualità di costruzione e resistenza;”

    Su questo può essere, naturalmente i confronti vanno fatti con le dotazione standard degli altri lettori di altre marche.
    E anche qui le recensioni potrebbero tornare utili.
    D’altra parte penso anche un’altra cosa.
    Se una persona può spendere più di 200 Euro per un lettore del genere (iPod Touch, Zune, Cowon che sia), forse 30-40 Euro per cuffie di un certo livello sono altrettanto spendibili.

    “-software standard pessimo, le alternative ci sono ma non credo siano ufficialmente autorizzate”

    Faccio la stessa richiesta che ho fatto a goldorak.
    Mi dovete spiegare dove sia pessimo, cioè dal punto di vista tecnico (magari comparato ad altri come quello fornito da Sony o Creative che mi permetto di dire non sia esattamente esaltanti).
    E la spiegazione “sono blindati” non risponde alla mia richiesta.
    Tanto per puntualizzare nuovamente.
    Per quanto riguarda le alternative mi dovresti anche spiegare cosa significhi “non autorizzate”.
    Nella licenza d’uso non mi sembra ci sia scritto che l’utilizzo di software che non sia iTunes porti all’invalidazione della garanzia.
    Se assolvono alle funzioni di iTunes e magari consentono anche altro non vedo perché non si possano usare.

    “mancanza di funzioni importanti quali la radio;”

    milioni di persone vivono bene senza radio nel proprio lettore portatile.
    E comprano quel tipo di lettori (per altro non c’è solo l’iPod che ne è sprovvisto)

    “porta di collegamento e caricamento batterie in formato proprietario”

    questo fa parte del discorso di cui sopra.
    L’ecosistema che “costringe” o meglio indirizza l’utente a rimanere nell’egida Apple.
    Comprando, sai cosa ti aspetta ovviamente.
    C’è a chi sta bene e a chi no.

    “durata della batteria mediocre”

    anche qui vorrei vedere delle comparative con prodotti affini, se possibile.
    Il Cowon con Wifi acceso più di 5-6 ore non fa per esempio.

    “secondo me anche la qualità del suono è inferiore ai creative (gli unici che ho provato)”

    secondo te perché l’hai provato o perché lo senti a pelle?
    E mancano Cowon, iRiver, iAudio ecc ecc.
    ;)

    Resta la validità dello Zune HD soprattutto nei prossimi mesi se riusciranno a mettere in piedi un sistema di giochi e applicativi all’altezza dell’AppStore.
    E Microsoft ne ha tutte le capacità.
    Un altro tassello importante è la dichiarazione di Stephenson quando parla di ecosistema.
    La carta vincente è stata la distribuzione dell’SDK che ha avvicinato una miriade di sviluppatori professionisti e non alla piattaforma Apple.
    Android ha fatto lo stesso, Symbian è diventata una Foundation e ha fatto diventare Open il sistema.
    E MS ha fatto diversi passi in avanti in quella direzione.
    Potrebbe essere interessante un qual certo “adeguamento” a Redmond.

  • # 25
    massimo m.
     scrive: 


    “-software standard pessimo, le alternative ci sono ma non credo siano ufficialmente autorizzate”

    Faccio la stessa richiesta che ho fatto a goldorak.
    Mi dovete spiegare dove sia pessimo,

    come il 90% dei prodotti apple, fa quello che vuole lui e non quello che vuoi tu. che il software faccia di testa sua non e’ concepibile.
    e mi dovete spiegare qual’e’ il vantaggio di usare l’itunes, mentre col mio mp3 da 50 euro riesco a organizzare le cartelle come voglio IO, e a caricarle da qualunque computer senza dover installare software vari.


    “mancanza di funzioni importanti quali la radio;”

    milioni di persone vivono bene senza radio nel proprio lettore portatile.
    E comprano quel tipo di lettori (per altro non c’è solo l’iPod che ne è sprovvisto)

    questa e’ una cosa che mi manda in bestia.
    quando un prodotto apple ha una feature che usa una persona su mille, tutti a dire “vedi la apple, che e’ troooooppo avanti, gli altri sono indietro di secoli, oh tipo sai che l’iphone ha un’applicazione che si puo’ far finta di fumare? o bella, che figata”.
    invece su un player mp3 non ci mettono la radio, e giu’ a dire “milioni di persone vivono bene lo stesso, se no compra dell’altro”. ma che cavolo!
    su un player mp3 la radio e’ indispensabile, tanto piu’ su roba cosi’ cara!

    ““porta di collegamento e caricamento batterie in formato proprietario”

    questo fa parte del discorso di cui sopra.
    L’ecosistema che “costringe” o meglio indirizza l’utente a rimanere nell’egida Apple.
    Comprando, sai cosa ti aspetta ovviamente.
    C’è a chi sta bene e a chi no.

    ma per favore!!!!
    e’ come dire “quest’auto fa i 3 con un litro, c’e’ a chi sta bene e a chi no”.

    e invece no! il fatto che sia proprietario e’ un difetto punto e basta! se devo sostituire un cavo o qualsiasi cazzatina su un lettore mp3 entro in un supermarket e mi compro il ricambio per pochi euro, se invece rompo una cuffietta o un cavo dell’ipod devo spendere cifre maggiori ed e’ roba non cosi’ facilmente reperibile!
    mi vuoi dire come e’ possibile trovare “il lato positivo” nell’avere roba proprietaria?

    ma possibile che ci sia gente che qualsiasi cosa fa la apple sia sempre e comunque una figata?

  • # 26
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    “come il 90% dei prodotti apple, fa quello che vuole lui e non quello che vuoi tu.”

    vabbè, la solita frase fatta che già mi fa dubitare sulla posizione obiettiva e super partes…

    “che il software faccia di testa sua non e’ concepibile.
    e mi dovete spiegare qual’e’ il vantaggio di usare l’itunes, mentre col mio mp3 da 50 euro riesco a organizzare le cartelle come voglio IO, e a caricarle da qualunque computer senza dover installare software vari.”

    Perdonami ma il punto centrale è ascoltare musica o caricare le cartelle come più mi piace?
    Un lettore audio portatile assolve la funzione principale di permetterti di ascoltare musica.
    iTunes, il programma che si interfaccia con il dispositivo, ti fa caricare la musica.
    Puoi prendere una canzone, una cartella a seconda di come decidi muoverti poi in seconda battuta agirai sulla catalogazione direttamente dal dispositivo (ordinando le canzoni per artista ecc.).
    L’operazione è semplice, trascini e lui te le copia facendo già la conversione di formato.

    Sei d’accordo o non sei d’accordo sul fatto che sia un’operazione piuttosto intuitiva?
    Se poi tu preferisci avere ancora più opzioni a tua disposizione sei liberissimo (anche io ne vorrei di più) ma il programma in sé fa quello che l’utente chiede: caricare la musica nel lettore portatile ed in un modo piuttosto semplice (musica per esemplificare, in realtà bisognerebbe parlare di media).

    Ergo il programma non fa schifo, perché fa quello che deve fare.
    Se poi non piace questo tipo di infrastruttura (per altro, ribadisco, utilizzata non solo da Apple, vedasi svariati lettori mp3 Sony) ALLORA è un altro paio di maniche.
    Ma il software per quel che deve fare lo fa ed in modo piuttosto egregio; altrimenti, ribalto il concetto, non avrebbe tanto successo.

    Perché se io vendo una macchina familiare esteticamente molto bella (parallelo con design ed HW) ma con interni indecenti e scomoda (parallelo con parte sofware quindi l’uso che se ne fa) faccio un buco nell’acqua.
    Datosi invece che ci sono milioni di utenti soddisfatti dell’iPod uno o più motivi sostanziali dovranno pur esserci.
    Non si può buttarla solo sulla moda; è un ragionamento illogico e superficiale.

    “ma per favore!!!!
    e’ come dire “quest’auto fa i 3 con un litro, c’e’ a chi sta bene e a chi no”

    Esatto. Hai la possibilità di scegliere, il mercato te lo consente ampiamente, quindi dov’è il problema?
    Prima di acquistare sai perfettamente che Apple ti forza ( in una logica di business che per ora ha funzionato e quindi ovviamente non cambia) a restare all’interno dell’egida Apple.
    Il ricarico sugli accessori spesso è notevole ed al limite dello scandalo (mi ricordo il Mighty Mouse al prezzo di lancio erano quasi 60 Euro), d’altra parte hai la certezza che dovrai sempre e solo rivolgerti ad un solo referente, evitando problemi di incompatibilità e magagne varie.
    E’ un modo anche per Apple per “tutelarsi”.
    E la decisione fu presa dopo il flop dei Mac compatibili, quando chi comprò gli assemblati di terze parti poi andava da Apple a lamentarsi che non gli funzionava la stampante ecc.
    Quindi c’è un perché storico.

    “e invece no! il fatto che sia proprietario e’ un difetto punto e basta! se devo sostituire un cavo o qualsiasi cazzatina su un lettore mp3 entro in un supermarket e mi compro il ricambio per pochi euro, se invece rompo una cuffietta o un cavo dell’ipod devo spendere cifre maggiori ed e’ roba non cosi’ facilmente reperibile!”

    Non è un difetto, è una scelta, ti ribadisco.
    Vedo persone che si strappano le vesti quando si parla dei connettori Apple quando il mondo dell’IT e dell’entertainment è pieno di connessioni proprietarie che si paga a propria insaputa (perché c’è il discorso delle royalty che nel prezzo finale non appare ma incide).
    Ed io ripeto, è una scelta, che può non piacere (a me non entusiasma) ma può non essere un limite per molte persone. Per te sì, per altre no, perché ad altre persone interessa di più la facilità d’uso del dispositivo, ad esempio.
    I numeri questo dicono e sarebbe il caso di cominciare a farsene una ragione, serenamente.

    “ma possibile che ci sia gente che qualsiasi cosa fa la apple sia sempre e comunque una figata?”

    La tua insinuazione non mi fa né caldo né freddo perché quel che finora ho scritto (mi riferisco anche agli articoli precedenti) parla a sufficienza.
    Se abbia io mai affermato una tal idiozia o anche lasciata intendere ti sfido a quotarmi il passaggio preciso.

    D’altra parte, visto il tono, sorge a me qualche dubbio sul mio interlocutore e sul fatto che ci sia un pregiudizio al contrario e quindi pongo io una domanda.
    E’ mai possibile che si debba arrivare quasi sempre al “o sei pro o sei contro”?
    I toni di grigio nell’IT non esistono più? E’ sempre una guerra di religione per voi?

    E sì che l’ho scritto alla fine. Deo gratias ci siano tutti i concorrenti di Apple a farle la guerra sul proprio terreno con prodotti assolutamente competitivi.
    Se fossi un fanatico della Mela non solo non mi passerebbe per l’anticamera del cervello di scriverlo ma non mi occuperei neanche di Microsoft e dello Zune (trattato più volte qui su AD e sempre con interesse).
    E’ possibile, chiedo, avere un po’ più di misura nelle parole e nei giudizi o stiamo chiedendo troppo?
    Perché se è chiedere troppo, e può anche essere, allora non mi ci metto nemmeno a ragionare nei commenti.
    Lascio perdere per principio.

    Tanto per inciso, io uso ancora un cellulare per ascoltare musica (o la PSP se me la porto dietro)perché non ho trovato il prodotto che voglio io.
    L’interfaccia e la possibilità degli applicativi del Touch sono un bel plus, ma la chiusura sui formati lossless mi fanno guardare altrove.
    Quando uscirà la sintesi di quel che cerco io allora sarò un utente felice 5 stelle.

  • # 27
    massimo m.
     scrive: 

    “vabbè, la solita frase fatta che già mi fa dubitare sulla posizione obiettiva e super partes…”

    vuoi che ti citi qualche decina di frasi tue, poi rivediamo il “super partes”?

    “Un lettore audio portatile assolve la funzione principale di permetterti di ascoltare musica.”

    No. il lettore audio deve fare cio’ che gli dico io, non quello che vuole lui. visto che ho un cervello e dei gusti personali le cartelle me le organizzo io, non lascio che un ipod mi dica come LUI vuole che IO ascolti la musica! e poi, mi dici un motivo valido per il quale il duo itunes/ipod debba farmi la conversione di formato quando con un qualsiasi altro lettore posso caricarci su mp3, wma, ogg, wav, e via dicendo senza che questo faccia una piega?

    “altrimenti, ribalto il concetto, non avrebbe tanto successo.”

    vallo a dire al tuo collega di AD che ha scritto l’articolo sul confronto betamax/vhs. per il resto io continuo a dire che se miliardi di mosche mangiano spazzatura, non vuol dire che la spazzatura e’ buona.
    con tutto il rispetto per la apple, considero il successo dei suoi prodotti al 50% per il prodotto e il 50% per il marketing(a voler essere generosi).
    apple e’ un’icona, non piu’ una fabbrica.
    usa apple, e’ cool e’ trendy, ti rende figo, yeah!!!!! ho visto diversi confronti tra lettori audio riguardanti la qualita’ audio, e molto spesso l’ipod ne e’ uscito con le ossa rotte. pero’ senti parlare un fan apple, e ti dira’ che l’ipod e’ il meglio del mondo.
    mi sembra di sentir parlare le fan dodicenni dei tokio hotel che dicono che sono i migliori musicisti del mondo. c’e’ a chi piacciono, ma la musica e’ un’altra cosa, o almeno bisogna fare dei confronti non basandosi sulla fede e sul lasciarsi attirare dalla pubblicita’.

    “mi ricordo il Mighty Mouse al prezzo di lancio erano quasi 60 Euro) d’altra parte hai la certezza che dovrai sempre e solo rivolgerti ad un solo referente, evitando problemi di incompatibilità e magagne varie.”

    fammi capire: quando mai ci sono state delle incompatibilita’ con dei mouse? ti e’ mai capitato di infilare un mouse usb nella porta e quello non funzionasse? e poi, discorso uguale per monitor, tastiere, e via dicendo. non riesco a capire il tuo discorso, sinceramente.


    “ma possibile che ci sia gente che qualsiasi cosa fa la apple sia sempre e comunque una figata?”

    La tua insinuazione non mi fa né caldo né freddo perché quel che finora ho scritto

    non era rivolta in particolare a te.
    comunque e’ un dato di fatto che gran parte di chi compra apple non lo fa perche’ il tal prodotto funziona bene, ma perche’ apple=figo.
    se giri con un lettore creative sei nessuno, invece uno figo deve per forza avere l’ipod.

    che poi ci sia anche del buono nei prodotti apple, non ne dubito, ma com’e’ che ci sono prodotti superiori sia come design che come prestazioni sia agli iphone che agli ipod e la gente per acquistarli non dorme fuori dal negozio la notte prima? semplicemente per marketing.

    leggi per esempio questo commento:
    “tune vi permette di gestire in maniera facile intuitiva e ottimale l’ipod”

    questa e’ la dimostrazione di come il marketing riempie la testa di frasi fatte e fighe che poi la gente ripete.
    io ste frasi li’ le vedo nei volantini e su internet, ma mai che uno mi abbia detto una roba simile.

    questo non significa assolutamente che mi comprero’ uno zune (parlare di ipod di apple e’ come parlare di windows, alla fine, il successo non e’ certo dovuto alla qualita’).

  • # 28
    Gabo
     scrive: 

    Posseggo un ipod da 2 gb e trovo che funzioni abbastanza bene anche se trovo scomodo non poterci copiare brani da un computer che non abbia itunes istallato (ad esempio a casa di un amico) e non poter trasferire brani dall’ipod al computer. Ho pensato più volte all’ipod classic per mettere in un unico dispositivo buona parte dei miei cd e dei miei mp3 ma trovo estremamente scomoda, per una libreria molto grande, la tipologia di catalogazione che l’ipod ti costringe ad usare. Vorrei poter dividere in almeno 5 gruppi l’intera libreria (es. Classica, jazz, pop, autoprodotta etc) e poi creare delle sottocartelle in cascata.
    In questo modo potrei decidere che genere ascoltare ed in seguito fare le successive scelte: se voglio ascoltare della musica classica seleziono la categoria classica al cui interno seleziono barocco al cui interno seleziono bach al cui interno seleziono cantate ed infine seleziono una delle 200 cantate di bach. In pratica come si può tranquillamente fare su pc e mac con il sistema delle cartelle. Con il sistema dell’ipod dovrei optare tra varie scomode alternative: 1) scegliere a priori l’autore tra un centinaio di possibilità e poi cercare la cantata tra le oltre 1000 opere di bach ordinate per titolo in ordine alfabetico (quindi le 200 cantate mischiate a tutto il resto delle opere di bach).
    2) selezionare il genere e successivamente fare una scelta tra 3/4mila brani il tutto roteando il solo pollice in modo circolare!
    Pensate che lo zunehd mi permetterà di copiare le cartelle e sottocartelle a mio piacimento e poterci navigare dentro o il sistema di inserimento della musica sarà un clone del suo rivale?

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.