di  -  martedì 21 aprile 2009

Mac vs PCSono entrato nel mondo Mac nel 2005 dopo aver ignorato per anni tutti i siti dedicati alla mela: non ne ho mai potuto soffrire l’approccio fideistico, che non riesco a giustificare nemmeno se riferito a questioni esistenziali.

Da utente Windows, non ho mai preso parte, né tantomeno capito, i colossali flame che dall’inizio dei tempi si scatenano fra sostenitori e detrattori della piattaforma. In generale mi è sempre sembrata molto mal riposta la passione con cui queste due categorie di soggetti si scornano rifiutando a priori una sintesi.

Dico di più: trovo questi dibattiti totalmente futili e mi pare demenziale il loro eterno ripetersi al solo pronunciare la parola Mac, al di fuori dei contenitori “isolati” che ben conosciamo. Mi preoccupa tanto più perché ci vedo chiaramente il grande disegno della macchina del marketing di Cupertino, di cui i tanti detrattori sono vittima quanto lo sono i fanboy della mela.

Scatenando una battaglia culturale contro il PC, che va avanti fin dal magnifico spot del Superbowl, Apple ha creato una situazione in cui ogni utente è chiamato a prendere una posizione, pro o contro. In questa trappola cadono tutti, fanboy e “reverse fanboy” (un’ottima formula usata da Jacopo), altrimenti detti detrattori a priori: gente che dai form di un forum così come dalle colonne di giornali e siti web, coglie ogni occasione per tuonare non contro il marchio in sé, ma contro i suoi utenti, rei – secondo la teoria più in voga ai tempi del MacIntel – di aver speso soldi in più per avere le stesse funzionalità, anzi meno. Ci è caduta persino Microsoft, con una serie di spot di discutibile valore tecnico e contenutistico.

Dietro al quotidiano ripetersi di questo paradigma presso testate di qualche fama – insulto sistematico o difesa d’ufficio – mi sembra ormai chiaro si nasconda null’altro che la volontà di raccattare qualche visita e qualche commento da parte di autori a corto di argomenti (tipo Nick Farrell di The Inquirer). Un gioco che squalifica ulteriormente i visitatori che vi prendono parte, ogni volta come se fosse la prima volta.

D’altronde lo stesso attendere, da parte di certi lettori, la sola scrittura della parola Apple – non parliamo nemmeno di quando si riscontra un difetto hardware – per partire con le solite prediche, a cui puntuali rispondono i fanbuoi con altrettante posizioni preconcette, tratteggia quello che secondo me è lo scenario più deprimente del panorama informatico moderno. Sarei più contento di sapere che un interesse economico muove gli attori di questo teatrino: tutto suonerebbe perlomeno più sensato.

Di conseguenza è piuttosto difficile, anche per chi non sia animato da preconcetti, parlare di Apple sapendo che, indipendentemente da quale sia l’argomento trattato, salteranno fuori irrimediabilmente gli stessi identici commenti, che costringeranno anche chi ha qualcosa di interessante da dire in una nicchia, fino a scoraggiarlo del tutto dall’intervenire.

I un mondo ideale, ciascuno dovrebbe diffidare dagli slogan, comprare quel che più gli piace e lasciar campare chi fa scelte diverse. Davanti ad Apple invece, l’indifferenza per molti non è un’opzione, il che genera due tipi di conseguenza: coloro che vorrebbero vederla ridotta in macerie, parlandone con astio, la rendono più simpatica; di converso, coloro che la lodano aprioristicamente, ne fanno un culto, da cui una persona con un po’ di sale in zucca istintivamente diffida.

Ma soprattutto, che se ne parli bene o male, se ne parla, ed è dopotutto questo il meglio che gli strateghi di Cupertino possano chiedere.

83 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    EnricoG
     scrive: 

    Ovazione! ;)

  • # 2
    Cael
     scrive: 

    “Dietro al quotidiano ripetersi di questo paradigma presso testate di qualche fama – insulto sistematico o difesa d’ufficio – mi sembra ormai chiaro si nasconda null’altro che la volontà di raccattare qualche visita e qualche commento da parte di autori a corto di argomenti”

    Hai perfettamente descritto quello che fa Hardware Upgrade da un paio di anni a questa parte, e non solo con riferimento ad Apple.

  • # 3
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Cael
    Non potrei essere meno d’accordo. Hardware Upgrade come Anandtech, è uno dei posti che mi hanno spinto a provare un Mac proprio perché manca totalmente dell’approccio fideistico o offensivo di altre testate. E comunque prima di formulare certe accuse, correttezza vorrebbe che facessi degli esempi.

    PS Hardware Upgrade, a differenza di altri siti che campano di questi trucchetti, non ha alcun bisogno di giocarsi la faccia su lodi/insulti pilotati per raccattare visite o commenti.

  • # 4
    AppleCow » Blog Archive » Mac: si può essere solo pro o contro?
     scrive: 

    […] Ma soprattutto, che se ne parli bene o male, se ne parla, ed è dopotutto questo il meglio che gli strateghi di Cupertino possono chiedere. appuntidigitali […]

  • # 5
    Federico
     scrive: 

    Quindi? Qual’è il giudizio, o consiglio, finale? Acquistare ciò che più piace? E come, un individuo, di medio-bassa cultura informatica (cioè la norma) dovrebbe decidere se non proprio prendendo spunto da questo o da quello che forniscono giudizi pro o contro Pc, pro o contro Mac! Sai qual’è il “problema”,che scrivi nelle prime righe, è che “l’individuo” è ancora impregnato di questo approccio fideistico, che tanto odi. Ed io che giudizio potrei dare? Bhe…i giudzi sono utili se provengono da una esperienza ed allora degni di essere considerati, quindi di fronte ad un amico che mi chiede consigli su cosa acquistare pongo sempre 2 domande: 1)Qual’è il budget massimo a disposizione? (la più importante) 2)Quali saranno gli utilizzi della macchina? E rispondo considerando i loro bisogni. E loro, quelli che chiedono e cercano e vogliono un maledetto calcolatore, cosa fanno? Si fidano! Già! Per fortuna! sai che quasi la totalità delle cose che compiamo durante la nostra giornata le facciamo fidandoci, dal salire su un autobus (ci fidiamo dell’autista) all’andare dal macellaio. E soprattutto parlare di quelli che parlano, non fa altro, come dici te, che alimentare le casse di uno o dell’altro e non è un male. Fidati!

  • # 6
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Per formarti un giudizio le posizioni preconcette non servono a nulla. Controlli quanti soldi hai in tasca, verifichi quel che ti serve, chiedi consiglio a persone fidate e possibilmente non indottrinate, provi con le tue mani e quindi spendi i tuoi soldi.
    Questo è il modo in cui personalmente ho scelto un Mac senza infilarmi in guerre di religione e senza iniziare dal giorno dopo a ritenere coloro che sceglievano diversamente, degli idioti.
    Specialmente per chi ha una cultura informatica medio/bassa, affidarsi a gente indottrinata dall’una o dall’altra parte, è dannoso, com’è dannoso andare a studiare gli elementi fondamentali della filosofia a casa di un talebano.

  • # 7
    Ilruz
     scrive: 

    E chi l’ha detto? io sono un indifferente alla mela da quasi vent’anni … e conosco sia gente che e’ entrata in quel mondo, sia gente che ne e’ uscita.

  • # 8
    pabloski
     scrive: 

    scusate ma mi pare ovvio, come fai a farti un’opinione se non provi qualcosa?

    altrimenti facciamo come molti fanboy windows che giudicano linux senza mai averlo nemmeno usato in una virtual machine

    personalmente ho usato windows e dos estensivamente per oltre 12 anni, successivamente sono passato a linux e ho comprato un iMac nel 2006 sull’onta del proliferare di queste macchine ( sono uno sviluppatore e sapete com’è non posso trovarmi impreparato di fronte alle nuove tendenze )

    preferisco linux per svariati motivi che non sta ad elencare, anche se riconosco a windows un supporto hardware e software senza pari…però devo pure ammettere che il Mac offre un’ambiente estremamente pulito, produttivo e consistente

    per un utente che non vuole capirne di hardware, dischi che s’impallano, ecc… il Mac è la scelta migliore

  • # 9
    Simon71
     scrive: 

    Sono da sempre un utente Windows, da 2 anni un utente Linux, a breve sarò un utente Mac. Il Mac sarà il mio strumento di lavoro, dato che il settore che ho scelto è ancora appannaggio dei prodotti della mela (in questi 15 anni non è cambiato nulla….). Sono sempre stato altresì un detrattore dei prodotti Apple, ma con cognizione di causa. Quando iniziai a lavorare con “calcolatori” in azienda c’erano sia Mac che Pc…Io scelsi i Pc….
    Di acqua sotto i ponti però ne è passata, e da quel Os incompiuto, arretrato che era OS9 si è arrivati ad OSX…
    Ebbene si, lo ammetto, i Mac che ho sempre criticato spesso aprioristicamente sono macchine bellissime, ed OSX lungi dall’essere perfetto (ma quale Os lo è?) è un ottimo partner per chi si deve spaccare gli occhi e il sedere 10 ore su un Computer… Dà poche noie e tanto mi basta…. Windows da qualche parte lo terrò comunque sempre, soprattutto oggi che si può installare nativamente anche su Mac….Stesso discorso per una bella Ubuntu, la mia distro Linux preferita…
    Infine un Mac è l’unica macchina che attualmente permette l’installazione nativa dei 3 grandi OS: OSX, Windows, Linux (le varie distro)…E c’è chi giura che detti Os su un Mac chissà perché (Fanboysmo fino in ultimo?) girino meglio!
    Fra pochi giorni farò la prova…E devo dire che avere a disposizione tutti gli Os è il miglior approccio all’informatica….
    Per quanto concerne l’utente medio-basso posso capire che per lui scegliere Windows o Mac è una questione di Marketing…Chi OGGI sceglie Windows lo fa perché non si pone nemmeno il problema che esista altro…Chi sceglie Mac lo fa perché qualcuno gli ha detto, o lui stesso sa che il Mac è “er mejo del monno nfame”, perché Jobs è un genio, ecc…ecc….PErché sostanzialmente ha incontrato un Evangelist oppure è stato stregato dal “nuovo corso” delle politiche Apple, e cioè è un post iPod, iPhone user….
    Detto questo la cosa migliore è provare tutti gli Os, tutte le macchine, capire le proprie esigenze…Ma resistere all’estetica e a quelle piccole grandi “features” dei prodotti di Cupertino è davvero difficile!
    Saluti

  • # 10
    Don Luca
     scrive: 

    Io passai al mac dopo l’esperienza passata insieme agli altri dell’OSx86 Project.

    Un giorno, dopo l’ennesima schermata blu di windows, avevo deciso di buttare il suddetto sistema operativo nel gabinetto e passare a qualcosa di più funzionale e, soprattutto, stabile e affidabile.

    Fu così che dopo aver provato Linux trovai l’OSx86 Project, il progetto che si prefiggeva di far girare il sistema operativo della mela sui nostri grigi pc.
    Presi parte al progetto e mi misi a lavorare sul problema più grande che allora ci si poneva… le estensioni delle schede video meglio conosciute come kext.
    Mi costruii un pc completamente compatibile e mi misi a lavorare venendo fuori con buoni risultati e aiutando la comunità anche al di fuori dell’ambito driver.

    Purtroppo il tempo passava, ma le limitazioni del progetto non riuscivano ad essere superate (solo molto dopo con l’emulazione della EFI, psystar e EFIX sarebbero state risolte, ma tutt’ora un sistema OSx86 presenta ancora limitazioni che personalmente non posso accettare) e fu così che decisi di fare finalmente lo switch e passare ad un bellissimo iMac 24″ (allora bianco) col quale lavoro tutt’ora.

    Per tornare in tema… io solo dopo aver acquistato il mac ho iniziato a frequentare forum, leggere news e venire a conoscenza di queste “guerre di religione” e la cosa sinceramente m’ha sconcertato al punto che all’inizio provavo pure a dire la mia, ma finiva sempre che prendevo botte da una parte e dall’altra… così a malincuore decisi di saltare a piè pari i commenti di ogni news riguardo la apple dato che alla fine venivano fuori sempre le solite persone a dire sempre le solite cose.

  • # 12
    dab
     scrive: 

    @Cael
    Anche io sono della tua stessa idea: ne ho avuto la conferma la scorsa estate quando, il giorno prima della pausa estiva di HWUpgrade, che cosa recensisce la Redazione? L´Iphone…15 giorni di flame, OS war e via dicendo…dapotutto capisco che cosí ci si é garantiti un bel pó di accessi giornalieri che altrimenti non sarebbero avvenuti (di cui HWUpgrade ne ha bisogno visto che il sito é gratuito)

  • # 13
    s-y
     scrive: 

    condivisibile articolo, o meglio direi quasi appello alla ragione. temo pero’ che cadra’ nel vuoto.
    d’altra parte come l’articolo fa notare il fatto che la mela stessa sia stata letteralmente fondata sul marketing (termine di per se stesso non negativo, btw), non aiuta.
    e d’altra parte ad esempio ricordando la guerra tra utenti commodore e utenti sinclair viene da sospettare che (a prescindere dalle strategie aziendali a monte) sotto sotto la situazione, in scala ridotta e senza rete globale (aspetto non di poco conto, d’accordo), non fosse cosi’ diversa.
    dipende forse da come e’ fatto l’uomo, o meglio spero il solo ‘sub-homo marchiatus’…

  • # 14
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ dab
    La frase a cui fai riferimento riguarda testate che partono con insulti pilotati/lodi pilotate. Se dopo una recensione di un prodotto parte il flame, non dipende dagli autori, i quali vanno valutati solo per l’obiettività delle recensioni. Quindi la critica ad HWU non è sostenibile partendo da questo esempio.

  • # 15
    cosimo
     scrive: 

    Da vecchissimo utente 68K (Atari ST e Amiga) apprezzavo il Macintosh come piattaforma “autonoma” hw/sw e devo dire che i G5 mi garbavano assai. La svolta intel, secondo me, ha tolto quella vena di “autarchia” merceologica che aveva, anche se i prodotti apple restano molto molto belli e curatissimi, salvo alcune piccole cadute di stile recenti, legate però a problemi dei fornitori di componenti più che ad apple stessa.d
    La standardizzazione del PC è un bene e un male allo stesso tempo: ho rimpianto per anni di non poter acquistare uno Sharp X68000 o un FMTowns della fujitsu e ricordo ancora, con invidia, una Workstation Onyx di SGI che utilizzava un’architettura UMA ad alta velocità già un decennio fa.
    Insomma mi piacciono le macchine proprietarie, ma sono ormai il lascito di un’epoca pioneristica dell’informatica casalinga.

  • # 16
    mav
     scrive: 

    Iniziato con dos/windows, usato linux dal 97 assieme a windows… ho sempre visto mac come un qualcosa di superiore tecnicamente parlando. Non ho mai potuto comprarlo fino al 2005. Ora Mac come principale e linux/win a corredo…
    Sempre pensato che a fare guerre siano i ragazzini e invece non sono solo quelli purtroppo! :(

  • # 17
    Matt
     scrive: 

    Semplicemente… parole sante! Questa diatriba stupida e totalmente priva di spunti minimamente interessanti ha allontanato chi ha veramente qualcosa dal commentare e argomentare. Oramai (e non solo su questo argomento) i commenti a certe news sono in balia (per un buon 90%) di gente veramente povera di argomenti.

  • # 18
    Machism
     scrive: 

    Totalmente d’accordo, sono utente Mac e Linux della prima ora (ho ancora un G3 PPC), ma mi rifiuto di andare a commentare nei blog del mondo Mac, perche’ da un po’ hanno preso la piega del “Se non hai il mac sei un povero pirla). Andate sul blog Melablog e leggetevi i commenti..Rasentano veramente l’idolatria. Che pena…

    Buon Mac a tutti :)

  • # 19
    Manu
     scrive: 

    Ho avuto un Powerbook per qualche tempo. Tutto bellissimo, un mondo gommoso di icone stilose e un sistema flessibile e stabile. Però il tutto ebbe fine con un kernel panic. Rivenduto a un fanatico dei mac e sono tornato umilmente a usare il mio fido pc.

    Dipende sempre cosa ci fai con i computer. Da quello che ho potuto vedere i Mac sono maggiormente a prova d’idiota ma non infallibili come si vuol far credere, ora più che mai visto che usano lo stesso hardware dei PC. Se colo costasserò meno…

  • # 20
    Redvex
     scrive: 

    L’unica che critica che muovo a Apple è la mancanza di un try & buy.
    Cioè come faccio a sapere che un sistema osx è adatto alle mie esigenze se non lo posso provare?

  • # 21
    Magilla
     scrive: 

    Giusto, queste diatribe tra MAC e Win sono inutili: a distanza di anni il meglio è indiscutibilmente sempre e comunque AMIGA!
    Oh, è un puro scherzo, eh, non voglio innescare un flame vero!

  • # 22
    Giovanni
     scrive: 

    Ex utente pc per anni e anni…da febbraio 2009 per pure curiosità mi sono regalato un macbook pro 15″ … non tornerei indietro nemmeno se mi regalassero un pc… e non sono un fanboy…solamente credo che la stabilità la velocità la qualità dei materiali la semplicità di utilizzo della macchina valgano al 100% il prezzo…mai un problema..mai un blocco..sui pc ci lavoro regolarmente e ogni giorno scopro quanto siano diversi i due mondi e quanto sia stato azzeccato il mio acquisto…

  • # 23
    goldorak
     scrive: 

    La stabilita’ dei mac (e’ l’unica cosa campata per aria) a cui si aggrappano i fanboy della mela per giustifcare il prezzo di quelle macchine. Ma non le leggete le notizie giorno dopo giorno in cui vengono alla luce problemi hardware/software con i mac ?
    Come mai una piattaforma chiusa (software e hardware) ha cosi’ tanti problemi se e’ superiore al pc ?
    Spiegatemelo perche’ se aprite un macpro o un macbook ci troverete ne’ piu’ ne’ meno che componenti pc standard.
    Io ho un pc, assemblato da me con componenti di qualita’, memoria ecc, drivers come si deve e si windows xp pro e sapete cosa ? Non overclocko, non installo roba strana, non becco virus, trojan e altre schifezze in giro per la rete e il pc non crasha, sono anni che non ho una schermata blu saro’ veramente uno dei pochi miracolati del mondo pc ? ^_^
    La diatriba mac vs pc aveva senso quando i primi avevano una architettura diversa e per certi versi oggettivamente superiore a quella dei pc. Ma da quando hanno fatto il passaggio a x86 mi dispiace farvelo notare come non ce’ nessuna differenza di fondo tra far girare os x su hardware “certificato” e farlo girare su hackintosh. Se l’hardware sottostante e’ supportato e di qualita’ avrete la stessa esperienza (a meno del case tutto in alluminio, che pero’ potete comprarne uno equivalente non identico ovvio da lian li o da qualche altro produttore di case seri).

  • # 24
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ goldorak
    E dire che il mio post era proprio volto a stigmatizzare questo genere di commenti… Che tristezza.

  • # 25
    goldorak
     scrive: 

    Tristezza ?
    Dire la verita’ e cioe’ che un mac oggigiorno e’ soltanto un pc su cui gira Os X ?

  • # 26
    goldorak
     scrive: 

    @ Alessio di Domizio : tu stesso citi nell’articolo la famosa pubblicita’ 1984-esca del mac.
    Vedi li’ l’antagonismo aveva un senso.
    Avere un mac era una scelta “di computing” diversa rispetto al resto dell’universo informatico di massa. Scelta divera perche’ rappresentata in un sistema operativo grafico che era oggettivamente superiore al dos di ibm/microsoft. Una superiorita’ che derivava anche dal hardware sottostante.
    Questa diversita’ e per certi versi superiorita’ si e’ poi trasformata in un mostro. Dove la piattaformna mac acquista un senso di invulnerabilita’ e perfezione che non ha mai avuto. Ne ai tempi di Os 8,9 e precedenti ne’ al tempo di Os X. Questi so crashano (non dandoti una brutta schermata blu) ma crashano lo stesso. Cosi’ come crasha GNU/linux, windows o *BSD.
    Quello che dico io e che da quando Apple (non si chiama piu’ Apple Computer ed e’ tutto dire), ha fatto il passaggio a x86 la piattaforma hardware sottostante e’ la stessa del tanto vituperato pc. L’unica differenza, oggi tra un mac e un pc e soltanto il sistema operativo che ci gira sopra. Se io per assurdo comprassi un mac pro e formattassi tutto, installando BSD o GNU/Linux o windows avrei ne’ piu’ ne’ meno che un pc con un case in alluminio.
    Non voler riconoscere questo e’ soltanto una miopia dei fanboy Apple.

  • # 27
    MAGNO
     scrive: 

    bhè che tristezza un par de palle…. scusami. un conto è non prendere una posizione, un altro è dire oggettivamente che il prezzo che paghi per una piattaforma che ORA non è infallibile è troppo elevato. è diverso. ha ragione. fino al G5 erano due mondi diversi e in un certo senso non si poteva prendere una posizione. ora la situazione è drammaticamente diversa con forum del una e del altra piattaforma che a dire il verso uno è pieno di idolatria, mentre l’altro insorge contro l’avversario.
    se mi permetti è la filosofia di fondo che cambia tra pc e mac.
    il primo si sdegna per i soliti motivi. il secondo idolatra steve jobs. solo se ci si basa su canoni di intelligenza comuni, cosa è più deprecabile? è come mettere chi seguiva a testa bassa la teoria eliocentrica e dall’altra parte chi cercava di trovare la verità. io ti giuro sto facendo prove con un amico: stiamo cercando lo scontro forzato con osxari e per ora siamo aq un bel numero. NESSUNO mi ha mai dato una ragione, logica, testimoniabile del perchè usano tale sistema. a tuti ho dovuto dire io che si può instalalre osx su disco esterno. che poteva essere pur sempre una ottima risposta alle mie domande. e nessuno di questi fa video con final cut (programma disp solo per mac) cerca di capire. non è la piattaforma il problema è l’ottusita di hi usa normalmente tale piattaforma. unita alla completa ignoranza di hw che fa rabbia agli smanettoni.

  • # 28
    Jairo
     scrive: 

    @ Alessio Di Domizio
    Alcuni di questi commenti sono la dimostrazione della tua tesi. CVD

    Per quel che mi riguarda, uso Mac e PC, mi servono entrambi ed entrambi fanno il loro lavoro realtivamente a ciò che mi aspetto dai due sistemi. Il campanilismo non l’ho mai compreso in tutte le sue forme.

  • # 29
    MAGNO
     scrive: 

    se ti riferisci a me e al poster che ho ripreso poco sopra, sei fuori strada. a parte che un essere umano che non si pone domande e non cerca una risposta per lecose valutando costi benefici era uno di quell iche nella preistoria faceva da cibo per gli animali e che la nostra società permette di mantenere in vita, dimmi te, cosa centra il valutare le cose con il campanilismo. a parte che uso sistema mac abb spesso e l’ho attualmente installato sul pc. non detraggo un bel nulla e nemmeno il commentatore poco sopra. secondo me non hai letto bene…. io PRETENDO che una persona che butta 2000 euro per una macchina SOSTENENDO CHE SIA IL TOP (come dicono loro ) sappia perchè l’ha comprata. è chiedere troppo?

  • # 30
    The3D
     scrive: 

    Io mi sono scontrato con questa realtà da quando ho acquistato iphone: sono stato sempre refrattario ai prodotti della mela e + in generale ai prodotti troppo costosi (i cellulari da 500 euro sono tra questi). Recentemente ho avuto xo l’opportunità di acquistare uno smartphone usufruendo di un forte sconto aziendale, e tra le varie scelte ho deciso di prendere iphone. E devo dire che in giro per i forum se ne sentono di tutti i colori su questo terminale. Pur non essendo un fan sfegatato (anzi prima di prendere questo telefono ero forse all’opposto), posso dire solo una cosa: ha i suoi difetti (anche grossi) ma è un prodotto eccezionale e innovativo sotto molti punti di vista. Quando ho provato a dire la mia in molti forum e blog sull’argomento, ho quasi sempre beccato insulti e flame senza senso.

  • # 31
    gr@z!
     scrive: 

    Esatto. Quoto Jairo e tutti quelli che vanno aldilà dei campanilismi informatici e/o ‘fanboysmi’.

  • # 32
    MAGNO
     scrive: 

    @ The3D

    ma lasciali dire l’iphone tutto sommato ha grossi vantaggi ed è un terminale che ha deivantaggi. a me piace. ho deciso di non comprarlo per altri motivi. mi serviva la tastiera querty, ma è un altro paio di maniche.

  • # 33
    Roy
     scrive: 

    Vediamo se ho capito i vostri commenti:
    @Goldorak:
    tu dici che i Mac hanno gli stessi componenti di un normale PC assemblato solo che costano di piu’ per la forma e per la moda fine a se stessa
    Quindi la tesi conclusiva e’ che l’Apple stipendia 35.000 ingegneri che invece di progettare al meglio HW ( per poi farlo produrre e assemblare a fabbriche di fiducia) si limitano a scegliere cio’ che gia’ offre il mercato, farlo assemblare, confezionandolo in un bel design ricaricandolo piu’ del dovuto alla faccia dei fanatici utenti Mac, che tanto comprerebbero la qualsiasi, basta che sia marchiata Mela.
    Quindi secondo te il management dell’Apple sono dei geni per quanto riguarda il marketing e la pubblicita’ ma sono dei coglioni perche’ pagano inultimente un’esercito di ingegneri, come mai non hanno pensato di assumerti risparmiando cosi’ un sacco di soldi?

    @ Magno

    Un’altro nostalgico dei processori diversi che non si possono confrontare agli attuali, sicuramente quanto l’Apple usava la famiglia G4-G5 dicevi che l’apparente qualita’ era dovuta alla non confrontabilita’ delle diverse architetture, Mah.

    evidentemente hai parecchio tempo a disposizione se ti puoi permettere il lusso di sfiderare gli altri a prove e diatribe varie su questo o quel sistema e ti vantio di essere uno smanettone, incitanto gli altri a provarti di usare un FinalCut (che ti ricordo ha un costo di 1.300 euro, quindi non c’e’ automatismo nel possedere un Mac e usare FinalCut, a meno che tu trovi normale usare programmi pirata)
    per finire Caro MAGNO, l’ottusita’ e’ di chi usa i computer non con serieta’ e per motivi di lavoro, ma per smanettamenti vari, confronti tabellari fini a se’ stessi, sfide all’OK Corral, Bambinate Quindi, lascia pertanto i Sistemi seri alle persone serie.

  • # 34
    goldorak
     scrive: 

    Roy ha scritto :

    “Vediamo se ho capito i vostri commenti:
    @Goldorak:
    tu dici che i Mac hanno gli stessi componenti di un normale PC assemblato solo che costano di piu’ per la forma e per la moda fine a se stessa
    Quindi la tesi conclusiva e’ che l’Apple stipendia 35.000 ingegneri che invece di progettare al meglio HW ( per poi farlo produrre e assemblare a fabbriche di fiducia) si limitano a scegliere cio’ che gia’ offre il mercato, farlo assemblare, confezionandolo in un bel design ricaricandolo piu’ del dovuto alla faccia dei fanatici utenti Mac, che tanto comprerebbero la qualsiasi, basta che sia marchiata Mela.
    Quindi secondo te il management dell’Apple sono dei geni per quanto riguarda il marketing e la pubblicita’ ma sono dei coglioni perche’ pagano inultimente un’esercito di ingegneri, come mai non hanno pensato di assumerti risparmiando cosi’ un sacco di soldi?

    Certo che quando uno non vuole capire non ce’ niente da fare. Ho detto forse che l’hardware nei mac e’ scadente ? Non mi pare. Ho forse fatto un confronto tra hardware di qualita’ e hardware diciamo dal costo ridicolo ? Non mi pare.
    Quello che ho detto e’ che i componenti che si trovano nei mac pro sono componenti standard. Standard nel senso che sono gli stessi che si ritrovano nei pc.
    Ovvio che non trovi memorie ecc tanto per dire nel pc da 200 €, cosi’ come non ci troverai uno xeon. Ma questo non significa che non si possa assemblare un pc con compoenti standard di qualita’. Le schede madri utilizzate nei mac pro sono di qualita’ workstation, e sai cosa ? Si possono comprare anche per pc.
    Questa idea che se uno usa un pc debba per forza di cose usare componenti di qualita’ scadente e’ tipica dei fanboy mac.
    Quindi per finire e vediamo se vi entra in testa, a parita’ di hardware l’unica differenza tra un pc windows e un mac e’ soltanto il sistema operativo.

  • # 35
    Fulvio1
     scrive: 

    Bell’articolo! Mi ha fatto riflettere; credo che questo fosse il tuo intento principale, no?
    Sono d’accordo: il fanatismo è sempre da stigmatizzare e porta costantamente a risultati catastrofici. Concordo con te anche quando dici che probabilmente chi ne trae i benefici maggiori da tutte ‘ste diatribe sono Jobs e soci, però il vero problema, secondo me, stà nel fatto che da sempre (ma sempre più spesso) si ha l’abitudine di dar credito alle proprie scelte ed idee sminuendo quelle altrui. Rimanendo sempre in ambito informatico (uscirne costerebbe divagazioni eccessive) potrai trovare lo stesso tipo di discussioni anche nel mondo linux che, essendo in teoria al di fuori da logiche commerciali, dovrebbe potersi dire salvo da manovratori senza scrupoli; così la rete è piena di pagine e pagine di sostenitori di Gnome o di Kde (i due principali ambienti desktop del mondo linux), di ammiratori del Compiz (effetti grafici per il desktop) e di suoi detrattori, di fanatici del terminale (eseguire operazioni da riga di comando) o invece delle interfacce grafiche… insomma, anche linux, che dovrebbe essere il sistema libero per eccellenza dove ognuno sceglie in che modo usare le risorse hardware del suo computer, ricade in discussioni davvero poco diverse da quelle di applentusiasti e applescettici!
    A quanto pare, quindi, non c’è soluzione: fenomeni del genere sempre ce ne sono stati e sempre ce ne saranno; stà a noi, di volta in volta, farci coinvolgere, oppure cercare, come fai tu e spero di fare anch’io, la propria strada ragionando con la propria testa, ma tenendosi anche aperti alle opinioni altrui!
    Ciao!

  • # 36
    Roy
     scrive: 

    @Goldorak
    “Certo che quando uno non vuole capire non ce’ niente da fare. Ho detto forse che l’hardware nei mac e’ scadente ? Non mi pare. Ho forse fatto un confronto tra hardware di qualita’ e hardware diciamo dal costo ridicolo ? Non mi pare.
    Quello che ho detto e’ che i componenti che si trovano nei mac pro sono componenti standard. Standard nel senso che sono gli stessi che si ritrovano nei pc.”

    Evidentemente hai letto qualcos’altro, dove avrei mai detto di materiale scadente?
    L’Hardware l’Apple se lo progetta da se, se poi utilizza chip e circuiti integrati standard, certo non pretenderai che progetti pure le CPU, le ram, le schede video?

    Poi ha detto: “Quindi per finire e vediamo se vi entra in testa, a parita’ di hardware l’unica differenza tra un pc windows e un mac e’ soltanto il sistema operativo.”

    E hai detto niente!!!

  • # 37
    goldorak
     scrive: 

    Roy ha scritto : Quindi, lascia pertanto i Sistemi seri alle persone serie.

    Mi dai l’esempio di un sistema operativo serio ? ^_^
    E forse il sistema operativo che non ride mai ? :D

  • # 38
    Roy
     scrive: 

    @Goldorak
    “Mi dai l’esempio di un sistema operativo serio ? ^_^
    E forse il sistema operativo che non ride mai ? :D”

    Le offerte di lavoro non ti mancano, prima l’Apple ora Zelig!

  • # 39
    goldorak
     scrive: 

    “Roy ha scritto :

    Evidentemente hai letto qualcos’altro, dove avrei mai detto di materiale scadente?
    L’Hardware l’Apple se lo progetta da se, se poi utilizza chip e circuiti integrati standard, certo non pretenderai che progetti pure le CPU, le ram, le schede video?

    Poi ha detto: “Quindi per finire e vediamo se vi entra in testa, a parita’ di hardware l’unica differenza tra un pc windows e un mac e’ soltanto il sistema operativo.”

    E hai detto niente!!!”

    Scusa ma non capisco, esattamente quale hardware viene progettato da Apple. I processori no. Le ram no. Le schede madri no. Le schede video no. Le schede di espansione (controller raid, etc…) no.
    Gli alimentatori no. Le interfacce di rete, usb, display port no. Gli hard disk no. L’unica cosa riconducibile ad Apple e’ l’interfaccia firewire, ma con questa da sola non ci fa un mac pro o sbaglio ? ^_^

    Quindi Apple e’ ne’ piu’ ne’ meno che un assemblatore alla pari di HP o Dell con la differenza che mentre HP e Dell forniscono pc dalla fascia bassa (con qualita’ discutibile) alle workstation (pc di qualita’), la Apple assembla soltanto a livello desktop configurazioni da workstation. Ma i componenti utilizzati sono gli stessi che vengono usati nei pc.

    Per ultimo, anche tu riconosci allora che l’unica differenza tra un pc e mac (a parita’ di harwdare) e’ soltanto il sistema operativo. E quello che vado dicendo da sempre (perlomeno di quando Apple ha abbracciato il mondo x86) e non faccio che attirarmi le ire dei fanboy Apple per avere detto una scomodo verita’.

  • # 40
    Roy
     scrive: 

    @Goldorak

    Mi indichi quali schede madri riconducibili ai Mac sono in commercio?

    Evidentemente tu ne sai piu’ della stessa Apple! che Genio incompreso!

  • # 41
    H3llR4iser
     scrive: 

    Bell’articolo, mi trovo perfettamente d’accordo.
    Mi iscrivo senz’altro nella categoria di chi usa “quello che preferisce” ma, essendo un professionista dell’informatica, con grande probabilità non rientro proprio nel range dell’utente medio (come del una buona parte di chi legge AD, credo).
    Al momento uso una distro Ubuntu al lavoro, dato che sviluppo in ambiente LAMP, e Windows Vista Home Premium a casa, che mi offre il miglior compromesso (parco software e compatibilità hardware).
    Il Mac l’ho provato, grazie ad un ex collega utente Apple che, tutt’ora, è in effetti l’unico utente Mac che abbia mai incontrato a rispondermi con un ragionevolissimo “mi trovo meglio” alla domanda “perchè usi un Mac?”.
    Il risultato è che semplicemente non rappresenta la migliore soluzione per le mie esigenze: per il lavoro, varie distribuzioni Linux mi offrono tutto ciò di cui ho bisogno a fronte di un investimento molto più contenuto; Per lo svago, Windows dispone di una serie di applicativi sia in ambito entertainment che di produzione personale che non trovano omologhi in ambiente Mac o che non giustificano l’acquisto di una nuova piattaforma.

  • # 42
    goldorak
     scrive: 

    Roy ha scritto : “@Goldorak

    Mi indichi quali schede madri riconducibili ai Mac sono in commercio?

    Evidentemente tu ne sai piu’ della stessa Apple! che Genio incompreso!”

    Dai, e’ evidente che come assemblatore Apple si fa fare delle schede madri su misura, cosi’ come HP e Dell.
    O credi che le schede madre che trovi nelle workstation Dell, HP, Lenovo si possano comprare retail ?
    Questo pero’ non e’ in contraddizione col fatto che l’hardware utilizzato e’ STANDARD.
    Non e’ qualitativamente superiore a quello che trovi nelle workstation Dell o HP o Lenovo.

  • # 43
    GREZZO16
     scrive: 

    ciao a tutti
    ho seguito attentamente i vostri commenti e vorrei contribuire.
    Ho 22 anni e ho sempre usato pc-windows. Prima desktop, poi assemblato, poi modding ed ora portatile.
    Ho usato anche linux PESANTEMENTE per circa 6 mesi (da aprile ad ottobre 2008) e sono sempre stato un detrattore dei prodotti della mela, fino a non molto tempo fa.
    Poi ho confrontato questo mio atteggiamento da “reverse fanboy” con quello che si ha in altri campi, come nei cellulari, nelle automobili, nelle persone e quant’altro.
    Ho concluso che ogni persona sceglie in base a dei parametri che possono essere i più svariati e, come è giusto che sia, non subito comprensibili da altri.
    IN alcuni anni di attività come “sistema pc” e grazie all’università sono venuto in contatto con diverse persone, e ho stilato dei profili:
    1= ho un mac per caso= è l’utente PURTROPPO molto diffuso. frequento un università privata e sono in contatto tutti i giorni con persone che non hanno proprio problemi economici e molto ignoranti in ambito informatico. PURTROPPO hanno un mac soltanto perchè non ha problemi di virus, è bello da usare, è bello da vedere.–> utenza bassa: internet, email, video, giochi in flash.
    2= ho un mac per scelta= è l’utente meno diffuso. è uno smanettone, è un professionista, è qualcuno che ha usato e sa usare tutto ma a sua detta “Non voglio perdermi per strada con alcuni dettagli, devo fare tutto, subito, e mi serve un computer all’altezza”. Usa il mac anche per via dell’ottima durata delle batterie. —> utenza di alto livello.
    3= ho un pc ma vorrei un mac= è solitamente una persona che non è molto esperta e ha un budget limitato. vede apple come porsche, cioè “di lusso e potente” e spera un giorno di poterlo comprare.
    se riusciranno nel loro intento, diventeranno come la categoria uno.
    4= ho un pc e mi tengo il pc= l’affermazione principale è “ho sentito che coi mac non puoi scaricare (materiale pirata) e (nel caso di persone molto giovani) non si può giocare”. spesso sono persone mediamente esperte che sfruttano il pc in molti modi.

    che ne dite? rappresento bene le varie correnti di pensiero?
    ciau!

  • # 44
    Roy
     scrive: 

    Caro Goldorak, evidentemente, non ci esprimiamo nella stessa lingua, STANDARD e FATTE SU MISURA non sono la stessa cosa, quindi decade tutta la tua tesi che sostieni da anni: la parita’ di hardware.
    Tu poi indichi alcune altre marche, che fanno su misura l’hardware, e’ proprio con queste marche che il prezzo finale non si discosta che del 15-20%, calcolando il dippiu che hai con il S.O. il software a corredo, il design ecc. alla fine concorderai che il prezzo anche se leggermente fuori STANDARD (disparita’ cambio Euro-Dollaro, non perfetta sincronizzazione con i mercati) si potrebbe abbassare di un 5-10%, di fatto essendo monopolista di un S.O. (a meno di ricorrere ad accrocchi Fuori Legge) mantiene un certo prezzo.
    Non e’ certo tirandola dentro la massa dello Standard che riuscirai a sminuirne le peculiarita’, perche’ cosi’ facendo offenderesti la tua e l’altrui intelligenza!

  • # 45
    Simon71
     scrive: 

    Come al solito vedo che iniziano i flame, che mi pare non fosse nell’intenzione dell’autore scatenare…anzi…
    Per rispondere a Roy e Goldorak….
    E’ vero, i Mac sono Pc-IBM Compatibili X86, come si usava dire nel giurassico….Pc che utilizzano una versione di Linux (o BSD, ma sempre Unix è) proprietaria e customizzata! Punto.
    Tutto il resto è Hardware “commerciale”, da Pc, scheda madre compresa che Apple si ostina a chiamare “Logica”…anzi Hardware a volte sottodimensionato….Vedere Hard Disk spesso a 5400 giri e dalle dimensioni ridicole, Ram assolutamente mediocri vendute a cifre da capogiro, e schede madri Intel Rimarchiate! Perché queste sono le mobo dei Mac, e lo sa pure Paperino, Pippo o Pluto….
    La differenza la fa OSX, che essendo Unix è un Os completamente diverso da Windows, per giunta un Unix customizzato per l’Hardware dove gira, e quindi ancora più stabile e appagante di Linux, che invece deve girare anche lui come Windows su configurazioni infinite…Molti di voi dimenticano ciò che pare essere prassi comune,cioè “revitalizzare” i vecchi Pc, magari Notebook con una bella Distro Linux, salvo poi lamentarsi di magagne e malfunzionamenti…E beh, certo, su Hardware così vasto, e specie su Hardware del Giurassico anche Linux mostra problemi…
    Mac meno, molto meno, anche se Pure un Mac non è certo perfetto….
    Quello che molti di voi continuano a non capire è il punto: Mac gestisce MEGLIO l’ HARDWARE rispetto a Win, e questo è assodato da chi il Mac lo usa per lavoro, ed ecco che per essere produttivi professionalmente con Apple, basta talvolta un Macbook o un iMac di fascia media…
    Ciò che conta, Signori è il risultato…A me non interessa avere 8 giga di Ram a millemila mhz, i Velociraptor come Hard Disk, Processori a 4 core, se poi l’ Os (e il BIOS, importante, il BIOS mai dimenticare) li spremono come limoni pronti per il limoncello! Se ci sono ancora problemi (specie su Pc autoassemblati) di I/O, se il mio bell HDD a 10.000 giri frulla in continuazione perché l’ Os non è in grado di gestirlo al meglio, tra indicizzazioni, scan di ogni tipo e deframmentazioni ad ogni piè sospinto….
    Mio cugino ha 23 anni ed informaticamente è una frana, tanto che negli ultimi 2 anni non ricordo neanche più le volte che gli ho sistemato il Pc per problemi di ogni sorta….
    Poi ha comprato un Mac….Il Mac non gli ha ancora dato un grattacapo che sia uno…Il Pc progressivamente lo sta abbandonando…Chissà perché….
    Detto questo, se si ha un minimo di cognizione di causa, si conoscono i fondamenti dell’informatica e si sa smanettare a sufficienza, ogni OS va bene: quindi io non ho particolari problemi con Windows, non ne ho con Linux e sono sicuro che non ne avrò nemmeno con OSX….
    Però (purtroppo) per il lavoro che ho scelto uno di questi 3 Os è tagliato fuori…e lo sarà sempre…E non è ne quello di Cupertino, ne quello di Redmond….
    Questa è la verità….Io non scelgo un Os,,,,che mi frega?
    Io se mai scelgo un Software da far girare…anzi non lo scelgo nemmeno perché mi è imposto…
    E i Sw professionali girano solo su Win e su Mac.
    Non c’è altro da dire….
    Saluti

  • # 46
    Denny
     scrive: 

    Non leggo i commenti perché ho paura di trovare la solita sorpresina.

    Dico solo: BEST POST EVER!!

  • # 47
    Redvex
     scrive: 

    @Grezzo 16
    Sono imprecise.
    Ti sei dimenticato dell’utenza linux.
    @Roy
    Apple magari progetta i pcb e i sistemi di raffreddamento ma una intel P45 rimane comunque una P45.
    Faccio a tutti una domanda: dato che comprare un sistema Apple costicchia, come fa a sapere una persona che un sistema macOs è adatto a lui se non lo può prima provare?
    Leggere recensioni, commenti aiuta ma l’esperienza diretta vale il doppio.
    Windows ha le sue versioni di prova di 30 giorni.
    Linux le sue distro gratuite.
    Come faccio per macosx?

  • # 48
    Jimbetto
     scrive: 

    Bellissimo post !
    Credo che la radice del problema sia soltanto uno !
    L’identità !
    Sulla rete chiunque può scrivere i propri commenti godendo dell’anonimato… così spesso non si sa mai chi scrive( che esperienza ha, ecc…).
    Cosi’ si creano luoghi comuni, false notizie, ecc…
    Basta leggere qualche forum, come ad esempio hwupgrade !
    Pieno di fanboy e gente che parla senza neanche avere provato… assurdo !!!
    Il consiglio che mi sento di dare a tutti è: Comprate quello che vi serve e fidatevi soltanto dei consigli di persone che hanno esperienza !
    Evitate i forum pieni di bimbiminkia e fanboy :-)

    Un saluto a tutti !

  • # 49
    Gas
     scrive: 

    Come volevasi dimostrare quello esposto e’ un argomento molto delicato, che difficilmente non attira forti contrastianche dove non ce ne sarebbe bisogno.
    Personalmente ho usato (ed uso tutt’ora) pc (con Win e Linux) e Mac (con MacOS e Linux) e mi sono sempre trovato bene.
    L’ambiente MacOs lo preferisco per la pulizia dell’interfaccia e per alcune “features” inarrivabili per un pc (la disinstallazione di un programma cestinando la cartella su tutte).
    L’ambiente Win lo preferisco perche’ mi mi da l’impressione di lavorare piu’ a basso livello, con tutti i pregi ed i difetti che questo comporta.
    Linux.. beh.. Linux mi piace perche’ se ogni tanto uno non si incasina la vita… che gusto c’e’ =)

    -Gas-

  • # 50
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Jimbetto
    Quello di Hardware Upgrade è il forum più grande in Italia e il 32° nel mondo. Naturale che ci si infilino dentro anche persone che scrivono solo perché sanno usare la tastiera. Questo non toglie che rappresenti una risorsa enorme, dove è facile imbattersi in persone molto preparate, come quelli che ho reclutato per AD!

  • # 51
    roberto
     scrive: 

    io non ce l’ho con apple o con gli utenti apple.
    mi da fastidio leggere i commenti “io col mac ecc ecc” come se fossero funzionalità incredibili e/o impossibili per il resto dei pc del mondo. al che la risposta “ah sì? io col pc lo faccio uguale, in maniera più migliore, ad un costo inferiore e senza dover sottostare alla politica DRM/TCP/Palladium di apple” parte in automatico :)

  • # 52
    Jimbetto
     scrive: 

    @ Alessio Di Domizio

    Che hwupgrade e altri forums siano risorse preziose, nessuno lo esclude.
    Questo però spesso è vero solo se sei hai già un background che ti permette di “filtrare il rumore”.
    Il numero di utenti elevato e l’impossibilità quindi di moderare tutti i forum può essere micidiale !
    Sia chiaro, non voglio sparlare di hwupgrade… che leggo ogni giorno con piacere.
    Compresi i forums :-)

  • # 53
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Jimbetto
    Il problema del filtro è purtroppo comune a chiunque abbia accesso a un motore di ricerca…

  • # 54
    Jimbetto
     scrive: 

    @ Alessio Di Domizio
    Magari fossero solo le richerche :-)
    Ogni volta che leggo i commenti di un articolo che parla di Apple e Mac, devo smarcarmi petabytes di commenti da bambocci, fanboy, sfigati, e altro ancora :-)

  • # 55
    Roy
     scrive: 

    @ Jimbetto
    Non riesco a comprendere il tuo contributo al dibattito in corso (o per meglio dire il Tuo Non Contributo)
    Vorresti limitare l’accesso agli interventi ai veri esperti, dietro presentazione di Curricula e carta d’Identita’?
    Lo so che a volte e’ sfiancate sentire sempre gli stessi luoghi comuni triti e ritriti, cosa ci vuoi fare?
    L’unica cosa, se non ti piace il gioco, e’ non partecipare, non ti pare?

  • # 56
    Jimbetto
     scrive: 

    @ Roy
    >Non riesco a comprendere il tuo contributo al >dibattito in corso (o per meglio dire il Tuo Non >Contributo)

    Hai ragione… forse sono stato poco chiaro…
    Il succo del mio discorso è: Che il fanatismo esiste per ogni cosa e invito comunque al buon senso.
    Di non correre dietro a flames che facilmente si creano sui forums !
    Nella vita reale non noto questi scontri macpc come nei forums… mi chiedo quando questo sia vero soltanto nei forums quindi…

    >Vorresti limitare l’accesso agli interventi ai veri >esperti, dietro presentazione di Curricula e carta >d’Identita’?

    Assolutamente no. Anche se personalmente se dovessi creare il mio forum, sceglierei di avere meno utenti
    e una moderazione più efficace forse…

    >Lo so che a volte e’ sfiancate sentire sempre gli >stessi luoghi comuni triti e ritriti, cosa ci vuoi >fare?

    Beh.. io qualcosa credo si possa fare per diminuire questo fenomeno…

    >L’unica cosa, se non ti piace il gioco, e’ non >partecipare, non ti pare?

    Quindi non ho il diritto di commentare ? di avere la mia opinione ?
    Inoltre dove ho detto che non mi piace il gioco ?

  • # 57
    Roy
     scrive: 

    @ Jimbetto
    Non lo chiamerei fanatismo ma ingnoranza, molto spesso e malvolentieri mi trovo a intervenire non per difendere questo o quell’ argomento, ma a tentare di rimettere le cose a posto, almeno per come credo che stiano le cose.
    Per quanto riguarda il tuo diritto di commentare, era proprio questo diritto di ognuno, che io difendevo, figurati se voglio censurare il tuo, di diritto.
    Intendevo solo, che il gioco, per forza di cose ha i suoi compromessi.

  • # 58
    jimbetto
     scrive: 

    @ roy

    >Non lo chiamerei fanatismo ma ingnoranza, molto spesso e

    Si, c’e’ anche molta ignoranza !

    >malvolentieri mi trovo a intervenire non per difendere >questo o quell’ argomento, ma a tentare di rimettere le >cose a posto, almeno per come credo che stiano le cose.

    Beato te che hai il tempo di farlo ;-)

    >Per quanto riguarda il tuo diritto di commentare, era >proprio questo diritto di ognuno, che io difendevo, >figurati se voglio censurare il tuo, di diritto.
    >Intendevo solo, che il gioco, per forza di cose ha i >suoi compromessi.

    Si ma ricorda che le regole del gioco cambiano nel tempo in funzione di nuove esigenze.
    Probabilmente è ora di pensare seriamente anche alla qualità dei contenuti e non solo alla quantità.

  • # 59
    Simon71
     scrive: 

    Scusate, ma non ho resistito…
    Questo Topic è del 2000!!! E cioè ante iPod, ante Osx….
    Ragazzi, è proprio vero che non è cambiato niente….
    Allucinante…Anzi, ai tempi c’era una cattiveria diversa…quasi crudele… ^__^
    Meditate, gente meditate

    http://gaming.ngi.it/archive/index.php/t-89273.html

  • # 60
    Radio Troso
     scrive: 

    ragazzi… le polemiche pc mac sono note da sempre ma i tempi ora sono cambiati…
    mentre una volta Apple aveva veramente l’asso nella manica, ora si è appiattita sul fronte hardware e sta scopiazzando sempre di più dal pc…
    ora comprare un macbook anche quello bianco, non è conveniente…
    rendetevi conto che un acer della serie 5xxx ha caratteristiche hardware migliori ma costa meno di 500 euro con windows vista installato…
    solo che non è bello come il mackbook…
    E con l’Acer faccio le stesse identiche cose che faccio con il makbook. Sono finiti i tempi che solo con apple si potevano fare bene alcune cose…
    insomma per l’utente medio apple non conviene…
    per non parlare dei mini mac, costano una follia …
    vedete, è tutto qui il problema…
    se i mac costassero di meno allora avrebbe un senso comprarli.
    ma spendere il doppio per una macchina che non mi offre nulla di più ( a parte l’estetica ) non so quanto sia una buona idea…
    il detto di Apple che dice che con un mac si fanno le stesse cose che fai con il pc solo che le fai meglio non vale più.
    per tanto oggi un mac è sullo stesso piano di un pc…
    Salutiiiii!!!!

  • # 61
    MARCO
     scrive: 

    Di la verità: Alessio Di Domizio.

    La tua era un esperimento scientifico. Una trappola per vedere se qualcuno fosse talmente fesso da cadere nel tuo tranello e dimostrare la tua tesi!

    Tesi dimostrata? Decidete voi senò mi bannano per aver dato del fesso a qualcuno… mentre io non lo ho proprio fatto! ;)

  • # 62
    Jimbetto
     scrive: 

    >ragazzi… le polemiche pc mac sono note da sempre ma i >tempi ora sono cambiati…
    >mentre una volta Apple aveva veramente l’asso nella >manica, ora si è appiattita sul fronte hardware e sta >scopiazzando sempre di più dal pc…
    >ora comprare un macbook anche quello bianco, non è >conveniente…
    >rendetevi conto che un acer della serie 5xxx ha >caratteristiche hardware migliori ma costa meno di >500 euro con windows vista installato…
    >solo che non è bello come il mackbook…
    >E con l’Acer faccio le stesse identiche cose che >faccio con il makbook. Sono finiti i tempi che solo >con apple si potevano fare bene alcune cose…
    >insomma per l’utente medio apple non conviene…
    >per non parlare dei mini mac, costano una follia …
    >vedete, è tutto qui il problema…
    >se i mac costassero di meno allora avrebbe un senso >comprarli.
    >ma spendere il doppio per una macchina che non mi >offre nulla di più ( a parte l’estetica ) non so >quanto sia una buona idea…
    >il detto di Apple che dice che con un mac si fanno le >stesse cose che fai con il pc solo che le fai meglio >non vale più.
    >per tanto oggi un mac è sullo stesso piano di un pc…
    >Salutiiiii!!!!

    ROTFL :-D
    Chiedo scusa.. non ho resistito :-)

  • # 63
    max8472
     scrive: 

    Non so perché le persone scelgano di usare un Mac, ma provo a dirvi perché personalmente uso un PC:

    I Mac sono bellissimi e hanno un ottimo sistema operativo, ma purtroppo non posso permettermi una macchina simile, anche se prima o poi sarà mio. Ritenendomi (a torto?) uno abbastanza ferrato con il PC, su Win non prendo virus, anche se l’antivirus c’è l’ho e si sente. Sono uno che ama assemblarsi il PC da solo, scegliendo i componenti uno ad uno. Forse perché è divertente, forse perché pur spendendo una barca di soldi, lo fai a “rate”, boh! In più, sono un accanito videogiocatore, e lì, purtroppo, lo standard è Win.

    In tutti i casi, la diatriba potrebbe dilungarsi all’infinito. Bisogna valutare pro e contro, esigenze e disponibilità, ma soprattutto quello che si fa con un computer. Adesso uso i PC da 19 anni, e desidero un Mac forse da altrettanti…magari quando mi sarò deciso a fare il passo, Linux si mangerà entrambi i litiganti e sarà il terzo a godere!

  • # 64
    goldorak
     scrive: 

    Sapete quale e’ l’ironia del destino in questa triste storia ? Che il Macintosh all’origine era un progetto a basso costo per portare il computing a tutti, e relegare la fascia alta, ai pc ibm e all’allora Lisa (altro progetto di Apple per la fascia professionale).
    Oggi invece cos’e’ Apple se non il marchio di nicchia per definizione. Nicchia e costoso.

  • # 65
    Formicatossica
     scrive: 

    Gran bell’ articolo.
    La mia esperienza Windows è iniziata alla fine dell’ era Amiga. Ho praticamente usato solo Windows. Con Linux mi blocco non appena appare qualche problema e torno a Win più che altro per pigrizia nel tentare di risolvere.
    La diatriba Mac-Win in effetti mi fa incuriosire.
    Sostanzialmente non sento il bisogno di passare a Mac perchè con il PC faccio tutto ciò che mi serve con i suoi pro e i suoi contro però il tanto parlarne, bene o male che sia, fa crescere la voglia di conoscere l’ altra famiglia anche solo per farmi un’ idea. Così alla fine ciò che conta è questo:

    “Ma soprattutto, che se ne parli bene o male, se ne parla, ed è dopotutto questo il meglio che gli strateghi di Cupertino possono chiedere.”

    E’ una gran verità!

  • # 66
    MAGNO
     scrive: 

    @ROY

    @ Magno

    Un’altro nostalgico dei processori diversi che non si possono confrontare agli attuali, sicuramente quanto l’Apple usava la famiglia G4-G5 dicevi che l’apparente qualita’ era dovuta alla non confrontabilita’ delle diverse architetture, Mah.

    ———-evidentemente hai parecchio tempo a disposizione se ti puoi permettere il lusso di sfiderare gli altri a prove e diatribe varie su questo o quel sistema e ti vantio di essere uno smanettone, incitanto gli altri a provarti di usare un FinalCut (che ti ricordo ha un costo di 1.300 euro, quindi non c’e’ automatismo nel possedere un Mac e usare FinalCut, a meno che tu trovi normale usare programmi pirata)
    per finire Caro MAGNO, l’ottusita’ e’ di chi usa i computer non con serieta’ e per motivi di lavoro, ma per smanettamenti vari, confronti tabellari fini a se’ stessi, sfide all’OK Corral, Bambinate Quindi, lascia pertanto i Sistemi seri alle persone serie—-

    allora—- o non capisci cosa la gente scrive opppure come qlc ti ha già detto non capisci.

    OBBIETTIVAMENTE, se non per vezzi estetici o usi final cut oppure avere un mac per lavorarci non ha senso. tutto il resto lo puoi fare con un pc classico spendendo meno e in photoshop cs4 ad esempio avendo pure prestazioni migliori. (leggere sito adobe se non mi credi). poi torniamo alle schede mamma: sui pc fissi non imac sono intel rimarchiate e nemmeno di fascia alta. le memorie delle qualunque 800 cas 5 da 20 euro scarse. manco delle kigston garantite a vita sono.

    partiamo dal presupposto che ci lavoro eccome col pc… ho tho ho anche un bel raid 1 sui dati che sempre thò su mac non puoi avere, o una bella ati 4870 per farti una partitina la sera pagandola quanto tu paghi
    (ladrata) una 8600gs su sistema mac…

    io le cose le provo… ho 5 dischi e 3 sistemi operativi sul pc : seven beta (sono beta tester…), xp , leopard 10.5.5

    il sistema piu veloce flessibile e ludico, è il seven.

    leopard è allo stato attualeil sistema operativo che uso per fare la scansione antivirus degli altri dischi e per tenerci la posta.

    TU, saresti un utente serio?
    un professionista comelo intendo io su una macchina di fascia workstation tiene un raid 1, non usa maxtor penosi da 5400rpm, ha sistemi di backup. punta alla potenza e non allo stile. osx va bene a chi ha poca volgia e vuole fare le cose senza troppa cognizione di causa. io lo faccio usare a mia mamma quasi sessantennne…

    oppure lo usi su un portatile se hai bisogno di 6 ore di aqutonomia.

    ma guarda da chi mi devo far fare la morale.

    epoi io ho scritto che all’epoca del g5 erano Superiori. cazzo centra la comparazione. andavano di piu rispetto ai pc!!! prima di parlare visto che mi dai della persona poco seria, prova il 7 e dimmi come va.

  • # 67
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Il che è falso. I G5 sono stati mediamente sotto gli equivalenti x86 in termini prestazionali. T’invito a rispolverare anche i benchmark effettuati da AnandTech e PCWorld un po’ di anni fa, che erano abbastanza umilianti.

    D’altra parte, per chi lo ricorda, il passaggio di Apple dai PowerPC agli x86 fu contrassegnato dalla classica pubblicità taroccata di Apple, che fino al giorno prima mostrava i suoi Mac con G5 che erano “fino al doppio più veloci” dei PC, e dopo il passaggio la nuova pubblicità urlava con gioia che i nuovi Mac x86 erano “fino a 4 volte più veloci” dei precedenti PowerPC, e uno Steve Jobs al MacWorld che recitava “la differenza coi PC è nel sistema operativo, MacOS”. :D :D :D

    @goldorak: non so se sia vero o no che i Mac sarebbero dovuti essere computer a basso costo, ma sono sempre costati un occhio della testa.
    Un Amiga con A-Max, l’emulatore Mac, costava una frazione dell’equivalente, e… era pure più veloce. :D

  • # 68
    MAGNO
     scrive: 

    boo mi ricordavo quando lo usava un amico e ti parlo, boo del 2001 che fosse decisamente piu veloce, ma effettivamente benchmark non ne guardavo e io cmq all’epoca avevo un tbird 1400@ 1503 mhz dovrei controllare. bhè steve jobs ne spara grosse, ma pure la microsoft non è da meno. anche se noto con piacere che dopo vista si sono dati una regolata. definito il nuovo seven semplicemente come : “un vista che funziona”

    senza troppe trovate pubblicitarie. eppure amio avviso una volta tanto stan facendo un sistema che pare andare bene. peccato che non booti da usb come leopard.

  • # 69
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Nel 2001 P3 e Athlon avevano prestazioni sostanzialmente allineate a quelle dei G4.

    Con l’avvento dei P4 dotati di Hyperthreading, ma soprattutto degli Athlon64, non c’è stata storia.

    Sulle trovate pubblicitarie, nulla da dire: il marketing fa giustamente il suo lavoro.

    Come utente, però, mi permetto di definirlo “sporco”, perché non mi aggradano le prese in giro. Da parte di chiunque. ;)

  • # 70
    Marco
     scrive: 

    Il titolo della discussione è proprio azzeccato!
    Io sono contro Apple perchè ho la percezione di pagare di più per avere lo stesso risultato. Che poi non è una percezione ma la realtà.. i prezzi sono osceni!!!
    Attualmente uso windows xp sp3 che come sappiamo è obsoleto ma svolge bene il suo lavoro, windows vista neppure lo guardo (purtroppo in casa ho un notebook che gira con windows vista ed è lentissimo quando ho tempo devo fare un downgrade).
    Uso anche ubuntu ed è un s.o. fantastico.
    Mi considero un tipo aperto alle innovazioni, anzi da molti anni ho la curiosità di provare ed usare MacOSX che sicuramente è ottimo ma se lo possono tenere con quei prezzi!!!
    In casa apple ho avuto un’unica esperienza con Ipod, mio fratello si è comprato il lettore (a caro prezzo rispetto agli altri) se a lui è piaciuto è ok.. ma la cosa strana è che per aggiungere o togliere un mp3 sei costretto a caricarlo con itunes, invece con un qualunque altro lettore mp3 (io ho un sony) basta che lo inserisci alla presa usb e lo vedi come una pen drive!!

  • # 71
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    A mio avviso la chiave di tutto sta proprio in questa frase “io sono contro”, che poi scatena questa “guerra di religione”.

    No, io non sono proprio contro nessuno. Io valuto e le mie scelte le pondero in base alle mie esigenze.

    Io sono il tipico utente che il PC se lo assembla (o fa assemblare se non ne sono capace), ma se in futuro ci dovesse essere una soluzione Apple che mi soddisfa, perché non dovrei comprarla? Solo perché Apple “mi sta antipatica”?

    Ma non ci penso proprio.

    Il portafoglio e le MIE esigenze sono le variabili a cui faccio riferimento. Le ideologie e le simpatie preferisco lasciarle a casa. ;)

  • # 72
    asdo
     scrive: 

    sugli articoli tecnici c’è una media di 10 post.. quando si parla di cavolate si arriva a 70.
    è questo il potere del marketing.

  • # 73
    Giovanni
     scrive: 

    Sistemista da anni. Lavoro con pc tutto il Santo giorno sette giorni su sette; a casa mi tengo stretto il Mio MacBook Pro 15″ …e a volte sono pure contento che poche persone lo abbiano provato e dicano oscenità senza avere la minima idea di quello che stanno dicendo..Fa ridere leggere Pago tanto per avere le stesse cose che ha un pc?? è semplicemente ridicolo… anche la Ps3 o la Xbox 360 hanno componentistica di qualche anno e costano ancora care… e alla fine dei conti i Mac non sono altro che console.. che hanno un software ottimizzato e che fanno lo stesso lavoro di un pc…solo…meglio!!
    I problemi hardware? li hanno tutti…Marketing? Ovvio e non è sbagliato…quanti di voi lavorano gratis? io credo nessuno..e se potete guadagnarci…lo fate anche voi…sopratutto se avete da proporre un sistema con il loro..cosa me ne faccio di un quad core hard disk da 1Tb 8 Gb di memoria..se il mio sistema operativo non li sfrutta?? Il principio è quello delle console appunto..Xbox360 e Ps3, che con hardware di qualche anno fa, fanno andare i giochi meglio di moltissimi computer proprio perchè ottimizzate a fare solo quello che devono fare, farvi giocare. Mac fa lo stesso proponendo software spesso proprietario per ottenere il massimo dall’hardware presente..

  • # 74
    Hololuke
     scrive: 

    Sacrosanto appello al buon senso, che cadrà nel vuoto. La mia impressione è che, mentre ci scatenano a disputare chi ce l’ha più grosso/duro/bello/lucido/economico, Steve e Bill se la ridono, con le loro tasche sempre più piene: è solo mia l’impressione che non si facciano reale concorrenza?

  • # 75
    ianes
     scrive: 

    OK aggiungo la mia esperienza:
    Ho cominciato a lavorare nella grafica usando un macII come prima macchina, sono sempre stato innamorato dello stile del case, del look dell’interfaccia e della manegievolozza del SO

    Quindi ho deciso di comperare un Power6100 come mio primo computer da usae a casa. Siccome costava un fottio ci ho messo un anno a pagarlo, facendomi anticipare i soldi dal datore di lavoro che se lo era fatturato. Siccome i soldi erano pochi e avevo anche l’affitto della stanza nella città dove lavoravo, la RAM era quella in dotazione base, per cui applicazioni 3d come InfiniD non mi funzionavano appena aggiungevo qualche solido, e lo avevo preso senza lettore cd. Solo quando ho finito di pagarlo ed era ormai diventata una macchina vecchia ho potuto aggiungere più ram e un lettore cdrom esterno (SCSI!!!)

    Poi come seconda macchina ho preso un PC assemblato (ho fatto l’erreore di prenderlo con hd e cdrom SCSI per vecchi retaggi del Mac. Ho speso quasi un terzo, ha sempre lavorato bene, anche se ho combinato qualche casino per imparare ad installare WindowsNT, ed installandoci applicazioni che prendevo dal lavoro e che richiedevano hardware certificato.

    Alla fine ho un pò ripudiato la Apple perchè mi sono reso conto che con molti meno soldi e un po di smarronamento potevo avere la stessa cosa. Non ci ho messo tanto ad adattarmi, ovviamente devi cercare di capire come le cose che prima facevi in un modo adesso le devi fare in un altro modo per essere produttivo.

    Sono quindi passato dalla grafica al video e ho cominciato ad usare PC Windows anche al lavoro. E mi sono trovato bene e sono diventato un power user anche meglio di quando lavoravo su Mac.

    Poi è uscito Finalcut… Molti studi video con cui lavoravo sono passati a Mac per usare questo programma, ed io mi sono anche incavolato perchè già devi prendere più o meno due o tre programmi di video per essere preso in considerazione da tutti i committenti, dal momento che ognuno ha la sua applicazione preferita. Figuriamoci se deco anche acquistare un Mac che costa non solo più di un assemblato, ma anche più di un HP (anche se i prezzi adesso sono quali pareggiati).

    Ho cominciato ad usare OSX86 e mi sono preso un Macbookpro.

    Adesso ho riscoperto il fascino dell’Apple. ritrovo lo stile di un tempo, mi intriga il terminale. Non sopporto il mouse, per il quale proporrei una action class per l’artrite che provoca col passare delgi anni, e la tastiera non estesa del macbook (mi dicono che posso usare il tasto Ctrl, ma è come dire che possso usare la manovella al posta dell’alzacristalli elettrico in una macchina come una BMW)

    Sono macchine bellissime, il sistema operativo è bellissimo, veramente sento l’irresistibile attrazione a buttare i PC e tornare definitivamente al Mac. Stò anche pensando se prendermi un iPhone.

    Comunque, visto i prezzi, se la Apple buttasse fuori ls suite di Finalcutstudio, non dipo per windows, ma almeno per linux, mollerei subito senza rimpianti il mac resterei con il pc e spenderei la differenza con una escort di lusso…

    PS scusare ovviamente la sintassi

  • # 76
    goldorak
     scrive: 

    @ Cesare di Mauro : parlo del primo Mactinosh, a meta’ degli anni 80. Non occorre dimenticare quanto costavano i pc ibm. Relativamente a loro, il MAC era piu’ conveniente. Poi le forze del mercato, l’incuccio tra Micrsoft e gli OEM, le scelte sbagliate di Apple durante gli anni 90 hanno portato alla situazione di adesso. Ma inizialmente la visione dei prodotti in Apple era molto diversa, non solo volevano competere su tutti i livelli, come si direbbe oggi nella fascia mainstream ma anche in quella business cercando di spodestare i pc ibm (che ricordo non erano mica regalati eh all’epoca con una configurazione hardware ridicola a confronto del piccolo MAC).
    Quindi e’ abbastanza ironico vedere come oggi la Apple sia considerata una azienda di “lusso” quando alle origini la sua visione era molto piu’ “proletaria” ^_^
    Se sei interessato ti do il seguente link : http://www.folklore.org/index.py tutta la storia dello sviluppo del MAC attraverso le persone direttamente coinvolte nel progetto.

  • # 77
    Flare
     scrive: 

    Ah ah ah! Bellissima la foto!
    Ai vecchi tempi avrei comprato tutti i modelli di home computer. Io avevo il classico Commodore 64, gurardavo con molto interesse lo ZX Spectrum di un mio amico e mi piaceva capire come funzionava, con le sue peculiarità, ma anche un coso di cui non mi ricordo più il nome né la marca di un altro. A me piace la tecnologia e questo prendersi a cornate non l’ho mai capito. Quando ormai usavo il PC, facevo ancora il tifo per la sopravvivenza di Amiga. Poi il mondo hardware dei personal computers è diventato meno vario di un tempo e anche Mac è diventato MacIntel, restavano i SO. O meglio ho visto “morire” delle belle cose come OS/2 e BeOS… Ma il bello è che oggi ce ne sono tanti che si possono provare gratuitamente (non solo GNU/Linux in tutte le salse con svariati DE e WM). Forse anche per questo, GNU/Linux per me è molto divertente. Ho ancora Windows (XP) in dual boot, oltre a svariati emulatori e macchine virtuali, ma sono lì per motivi diversi dal semplice uso, infatti ormai, da tempo, uso solo la mia distro (supersmanettata). Non è tutto rose e fiori, naturalmente: certe distro di GNU/Linux o aspetti di versioni di Windows non mi hanno fatto una buona impressione; vorrei un SO che riunisse diverse caratteristiche, perfino coi DE vorrei un mix di varie cose che ci sono in KDE, Gnome, XFCE, ecc. Sono incontentabile :P Anche i temi li smanetto senza pietà. Idealmente sarebbe bello avere tutto su misura, guardare le belle idee intorno e altrove e implementarle.
    Certe altre cose sono solo questioni personali: ad altri piaceranno o andranno meglio altre cose, rispetto a quelle che piacciono o sono più adatte a me. Il mondo è vario e mi piace così, che ci sia scelta e varietà (anche di idee).

  • # 78
    Fede
     scrive: 

    Leggendo i vari commenti a questo articolo di AD mi rendo conto che spesso si parla per sentito dire, per sensazioni, per dicerie trascurando totalmente l’aspetto puramente tecnico, spero di riuscire a colmare questa lacuna …

    Lasciando stare le questioni sui costi, sull’estetica ecc… ecc… concentriamoci sulle funzionalità dell’hardware e del sistema operativo che lo gestisce delle due piattaforme PC e MAC…

    In passato le piattaforme MAC erano indubbiamente superiori a quelle dei PC sopratutto per l’utilizzo nel settore della grafica digitale in generale e in particolare del Desktop publishing, e ciò è dovuto:

    1- Ai processori non Intel adottati indubbiamente superiori soprattutto per la potenza di calcolo che mettevano a disposizione a confronto i vari 8086, 286, 386, 486 e i primi Pentium MMX erano dei dinosauri goffi e poco agili nel muoversi

    2- Al sistema operativo con la GUI decisamente familiare e intuitiva per l’utente e studiata nei minimi dettagli. Ricordo i commenti sui primi sistemi operativi adottati dall’Apple sui suoi MAC con interfaccia grafica su riviste specializzate d’informatica nei quali si ammetteva l’assoluta semplicità di utilizzo unita ad una estrema intuitività ma si dubitava di avere a che fare con un vero e proprio sistema operativo tanto erano diffusi i sistemi operativi a riga di comando come il DOS

    Da qualche anno a questa parte dire quale sia la piattaforma migliore è piuttosto difficile perché le piattaforme PC basate sull’architettura Intel x86 a 32 bit ed oggi l’architettura AMD x86 a 64 bit sono in grado di fornire elevate potenze di calcolo e anche superiori per le effettive esigenze elaborative di un normale utilizzatore, tutto questo è stato possibile grazie all’entrata in competizione di AMD con Intel grazie al suo primo vero gioiello tecnologico quale è stato l’Athlon (vi ricordo che i primi Athlon erano nettamente superiori rispetto ai Pentium basati sull’architettura del Pentium Pro soprattutto dal punto di vista della potenza elaborativa).

    Molti acerrimi fans della piattaforma MAC ancora oggi continuano ad insistere sulla causa Apple elogiando alcuni aspetti dei MAC per esempio:

    – Il sistema operativo dei MAC è inattacabile da virus, worm, malware ecc … contrariamente a quanto accade per le piattaforme PC

    – Il sistema operativo dei MAC è molto stabile, è statisticamente impossibile il verificarsi dei così detti Bluee Screen … contrariamente a quanto accade per le piattaforme PC

    Le ultime due affermazioni si possono smentire facilmente … Assodato che oggetivamente le piattaforme PC sono più diffuse di quelle MAC ne segue che ovviamente la maggior produzione di software è destinata ai PC dunque è più propabile che vengano installati applicativi, drivers, proccessi ecc. ecc. nei sistemi PC con codice pieno di bug e che quindi comportano l’instabilità del sistema operativo e dunque il verificarsi dei predetti blue screen. Per quanto riguarda i virus, malwares, worms ecc. ecc. lo scopo principale di scrivere questa tipologia di codice è la massima diffusione possibile e dunque risulta ovvio il target al quale devono maggiormente puntare … ossia i PC

    Io per esempio diffido molto dei PC assemblati, e sono ancora più diffidente rispetto a marchi quali HP, Acer ecc. ecc. mi fido solo di me stesso e infatti me li assemblo io e configuro io il sistema operativo e gli applicativi che in esso installo infatti non ho avuto mai problemi e già con windows 2000 i blue screen sono per me dei veri e propri ignoti; tuttavia qual’ora mi trovassi nelle condizioni di dover acquistare un PC assemblato allora mi butterei sicuramente sulla piattaforma MAC perché sono tecnicamente più curati e preventivamente progettati a tavolino, trovo che il “tutto chiavi in mano” sia molto più professionale dell’accozzaglia di componenti Hardware per esempio degli assemblati HP (per non parlare del software installato …).

    Insomma per tutto quello che ho detto prima sottolineo di nuovo che oggi giorno è difficile dover scegliere tra un MAC ed un PC l’unico fattore discriminante potrebbe essere il costo (oggettivamente i MAC sono tutt’altro che economici)

  • # 79
    Fede
     scrive: 

    … è anche vero che il costo del PC dipende molto dalla qualità e livello tecnologico della componentistica hardware adottata. personalmente ogni volta che assemblo un mio nuovo PC ci spendo molto sulla qualità dell’hardwaree i risultati li vedo mediamente mi durano dai 5 agli 8 anni, l’ultimo che ho assemblato è tecnologia del 2003 e ad oggi ancora non sento la necessità di doverne assemblare uno nuovo, in particolare punto molto sull’alimentatore sulla motherboard, e sulla memoria e annualmente sostituisco qualche componente che si rivela troppo obsoleto.

  • # 80
    Sam » Blog Archive » The Weekly News #6
     scrive: 

    […] Squisito. Da leggere e rifletterci. Sono d’accordo con l’autore: Macintosh: si può essere solo pro o contro? […]

  • # 81
    lakar
     scrive: 

    Ottimo articolo.
    Purtroppo è vero che con certe persone non si può discutere e questo porta a rovinare i forum e ad allontanare proprio le persone più intelligenti che potrebbero contribuire di più alle discussioni che diventano poi flames bambineschi.
    I fan esistono per tutti i sistemi ma per esperienza personale gli Apple fan sono quelli più religiosi e meno obiettivi. Guai a far loro notare che l’iPhone (ad esempio) ha dei difetti o mancanze. Lo negheranno arrivando anche all’insulto.

  • # 82
    N3m3s1s
     scrive: 

    **** COMMENTO OT MODERATO ****

  • # 83
    GREZZO16
     scrive: 

    ciao a tutti
    ho scritto molti commenti fa, e qualcuno mi ha puntualizzato di non aver considerato l’utenza linux: l’ho fatto volontariamente perchè qui si parla di win e mac. ho escluso l’utenza linux proprio per quel motivo.
    cmq ritornando in tema, ho letto in questi altri commenti che osx è considerato facile/a prova di bomba/non serve manutenzione.
    Non ho esperienza diretta con OSX ma queste da voi elencate sono caratteristiche che sento da persone che usano quel sistema operativo (ovviamente intendo solo su sistemi apple).
    Prima offendevo anche io apple per l’elevato prezzo finale di molti suoi prodotti, per delle scelte hardware discutibili, ecc; ma ora sono cambiato e guardo molto di più l’utilità e l’usabilità.
    – l’iphone è 1 ottimo telefono che sta spopolando tra i colleghi di università: purtroppo in POCHISSIMI lo sfruttano pienamente scaricando applicazioni, aggiornandolo, ecc.
    – l’ipod: in particolare il nano, è un dispositivo che fa ancora scuola oggi, ma quando ho dovuto scegliere un lettore di file audio da regalare, ho scelto il prodotto di un altro marchio che aveva delle caratteristiche SECONDO ME UTILI per la persona a cui era destinata: vivavoce, registrazione audio, organizzazione interna di file e cartelle standard (senza usare quindi Itunes su altri computer).
    – linux: l’ho usato per diverso tempo ed ho imparato moltissime cose, ma sono ritornato a windows per 2 motivi:
    1-> il software per navigatore che uso spesso, non è disponibile per linux e non funziona tramite macchina virtuale.
    2-> la batteria durava sensibilmente meno rispetto a windows. questo perchè alcuni settaggi avanzati andavano fatti a mano e non ne ero a conoscenza (= la batteria da 4 ore di autonomia è passata a 1,30 e dopo 5 mesi è morta).

    Tutto qui.

    quindi, come anche succede nel mondo dell’auto, il nome fa molto anche se la quasi totalità dei contenuti sono identici (parliamo di skodaaudi? di GpuntoMito?).

    vi saluto!

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.