di  -  venerdì 10 aprile 2009

e-waste

Ormai tutte le città hanno i propri bei bidoni per la raccolta differenziata: contenitore per l’umido, bidone per carta e cartone, campana per il vetro, bidone per i rifiuti generici… insomma ogni tipo di rifiuto viene raccolto in uno specifico contenitore.

Ma cosa fare dell’ e-waste? Cosa fare se per strada ti vien voglia di buttar via il tuo iPod che ha oramai raggiunto la fine dei suoi giorni?

Ok, ci sono le aree di raccolta. Ma per i piccoli oggetti quotidiani? Che fare?

Purtroppo l’e-waste finisce quasi sempre nei contenitori generici oppure, come spesso accade di vedere, direttamente sul marciapiede (televisori, vecchi PC, stereo…). Uno spreco incredibile perchè, anche se si può recuperare materiali primari come il metallo, esiste comunque la possibilità di poter farli funzionare nuovamente come insegnano le grandi aziende del settore (specialmente in tempi di crisi).

Per questo motivo, è stato recentemente indetto un concorso internazionale di design per la creazione di un logo e di una nuova linea di bidoni che incorporino il concetto di: “the 4th bin”. Ovviamente il concorso è americano, ma è aperto a tutti senza alcun tipo di limitazione.

Il vincitore del concorso, lanciato dalla Valiant Technology (Technology Solution Providers), vedrà il proprio progetto realizzato e i nuovi bidoni prodotti verranno disseminati in tutta New York City (e se la cosa funzionerà, anche in altre città).

Affrettatevi, l’accettazione dei progetti partirà il 1° maggio e rimarrà aperta fino al 19 luglio 2009. Il design vincitore verrà annunciato a novembre.

Finalmente anche l’e-waste inizia ad essere preso seriamente in considerazione; computer, monitor, tastiere, mause, stampanti, televisioni, lettori mp3… avranno il loro bidone per la raccolta differenziata in ogni strada.

5 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Marco
     scrive: 

    …. Ma per i piccoli oggetti quotidiani? Che fare?
    Esiste sempre ebay ….
    ciawa

  • # 2
    demon77
     scrive: 

    Mah.. non so voi ma io non è che butto via Ipod come fossero carte di caramelle eh??

    E’ giusto differenziare il rifiuto “tecnologico” perchè contiene moltissime parti recuperabili a percentuali davvero notevoli, ma penso che un centro di raccolta comunale sia più che adeguato!
    Se poi devi buttare il vecchio mp3 puoi pure fare lo sforzo di tenerlo da parte in una scatola e buttare via il tutto quella volta che capita!

  • # 3
    Ilruz
     scrive: 

    Ottimo suggerimento, i miei complimenti.

    Io uso tenere in casa sia le batterie esauste; le tengo un una bottiglia di plastica fino a che non ne ho fatto un litro, a quel punto le getto tutte insieme.

    Mi domando quanta gente non butti il vecchio telefonino nel secchio, insieme alla batteria. O lasci il televisore accanto ai cassoni … dove i solerti operatori ecologici lo caricheranno e triteranno insieme a tutto il resto.

    Credo anche io che per l’elettronica ci vorrebbe un contenitore a parte; cosi’ come tutte le medicine andrebbero obbligatoriamente gettate in farmacia, etc.

    Il problema e’ che in italia la raccolta differenziata non e’ entrata nella testa ne nelle coscienze: ho visto un asilo inglese con quattro cestini colorati per abituarli da piccoli (!!!)

  • # 4
    Davide
     scrive: 

    Credo che fra non più di una o due decadi il palloso ma necessario lavoro di smistamento dei rifiuti smetterà di essere addossato a noi cittadini e si creeranno appositi centri automatizzati, in cui saranno scaricati i nostri rifiuti, dove macchine economiche e inesigenti li assicureranno un buon futuro.

    Quando finalmente ci si è decisi di fare qualcosa per il nostro insostenibile sistema di smaltimento, è stata cucita la toppa della raccolta differenziata, ma dato che per noi si tratta di un’ indesiderata fatica in più, è ragionevole pensare che prima o poi questo compito verrà assegnato a qualcun’ altro.

    A quel punto libereremo un bel po’ di spazio in cucina per quei due o tre bidoni monotematici, e butteremo QUALUNQUE COSA nel nostro unico e degno bidone di casa.

  • # 5
    berserkdan78
     scrive: 

    ammazza ma qui ‘ qualcuno e’ nato stanchino e?
    che ci vuole a gettare la monnezza nel proprio posto? butti ugli avanzi del pranzo? li metti in un cestino! plastica?^ in un’altro li a fianco! e’ sempòicissimo e pure pratico

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.