di  -  lunedì 23 marzo 2009

predator.jpgLa notizia ha qualche giorno, lo ammetto, ma fa comunque riflettre sulle scelte che le grandi corporation del mondo dell’IT effettuano in materia di “cooling” per i propri PC di alta gamma, e nello specifico per il settore High End Gaming.

La US Consumer Product Safety Commission (Commissione Statunitense sulla Sicurezza dei Prodotti per i Consumatori) ha infatto obbgligato la ACER ad effettuare un richiamo ufficiale per alcuni modelli di “Predator” della loro serie gaming, e nello specifico i modelli ASG7200 e ASG7700, che in USA vengono venduti a prezzi che raggiungono i $3,000.

La ragione principale del richiamo risiede nel fatto che alcuni PC, sotto determinate condizioni di utilizzo estremo (sessioni di gaming intenso… ma non erano stati progettati proprio per questo?) hanno subito un surriscaldamento di alcune componenti interne (dalla ACER non meglio precisate) e che quindi hanno, addirittura, preso fuoco. Ebbene si, pare che alcuni PC pare siano andati letteralmente in fiamme.

Senza voler creare allarmismi, i casi di veri e propri Predator incendiati si contano sulla punta delle dita della vostra mano destra, e sinceramente il più delle volte si è trattato di un po’ di fumo (niente arrosto quindi) che è fuoriuscito dal case del PC. Ma la reputazione di un marchio come ACER non si può rischiare, e quindi il richiamo in massa dei PC venduti (negli USA solamente sono stati venduti qualche migliaio di sistemi, mentre quelli richiamati in Europa pare siano sui 200 circa).

Non avendo a disposizione che immagini dei PC danneggiati, non posso con certezza affermare quale sia stato il problema di questi PC decisamente ben equipaggiati (potete leggere le caratteristiche direttamente dal sito della ACER o dal sito dedicato, Acer Predator).

Analizzando però le foto ufficiali del prodotto, ed usando un minimo di intelligenza, si riesce ad immaginare, con ovviamente il beneficio del dubbio, che il problema sia la scarsa ventilazione che insieme alla non corretta gestione dei cavi interni di alimentazione delle varie periferiche (HD, schede video, lettori ottici) ha portato al surriscaldamento degli stessi e quindi a potenziali corto circuiti.

Ecco come si presenta l’interno di un Predator della ACER:

acer-aspire-g7700-predator-trooper-7.jpg

83-103-196-14.jpg

Image courtesy of Newegg.com

83-103-196-15.jpg

Image courtesy of Newegg.com 

Dalle immagini qui sopra postate, si può notare come proprio davanti alle periferiche di memorizzazione (il rack per HDD) siano posizionati, un po’ alla rinfusa tutti i cavi di alimentazione, compreso il cavo principale di alimentazione della scheda madre. Il tutto poi viene coperto da una paratia in plastica che ricopre non solo i cavi stessi, ma anche la parte superiore destra della scheda madre, nascondendo alla vista i banchi di RAM.

Sfruttando una sola ventola da 120mm sul retro, che tra l’altro viene usata per raffreddare il radiatore del sistema di raffreddamento a liquido prodotto dalla ASETEK, è caso certo che si crei una situazione decisamente “calda” all’interno del PC. Se poi la disposizione dei cavi ha di fatto favorito il loro surriscaldamento, e quindi che le protezioni si siano in alcuni casi sciolte ed abbiano prodotto cortocircuiti, è una conseguenza diretta della gestione decisamente pessima dell’assemblaggio del pc.

Sinceramente non mi aspettavo da una azienda come la ACER un così cattivo esempio di assemblaggio, soprattutto quando suoi competitors diretti, come la HP, hanno già da tempo presentato gaming PC con una configurazione simile a livello HW, ma decisamente più curati sotto l’aspetto assemblaggio e raffreddamento.

Proprio la HP con il suo Blackbird 002 rappresenta per il mercato americano un punto di riferimento, sia per quanto riguarda l’estetica (ma questa è soggettiva) sia per quanto riguarda l’ottimizzazione degli spazi e di conseguenza anche dell’assemblaggio, con ovvia conseguenza una cura particolarmente maniacale per la disposizione dei cavi dati e di alimentazione.

gallery_firebird.jpg

Già l’immagine “ufficiale” della prima versione di PC HP qui sopra dimostra senza ombra di dubbio che la gestione dei cavi di alimentazione è stata affrontata in maniera ben diversa rispetto ad ACER. Ovviamente il case è stato progettato ad hoc, per ospitare anche una scheda madre di formato proprietario. Ma i cavi sono cavi…

large_hp_blackbird.jpg

La seconda versione del Blackbird, la 002, monta invece una scheda madre di design e formato tradizionale ATX (forse una Striker Extreme?) ma come si vede, anche in questo caso i cavi sono stati diligentemente, ed intelligentemente fatti convogliare sul retro del case, non impedendo il flusso d’aria, e permettendo quindi una areazione ottimale dell’intero case (i cavi vengono perfettamente organizzati sul retro della scheda madre, in un alloggiamento appositamente ricavato).

Anche questa seconda versione monta un raffreddamento a liquido, contando stavolta su di un radiatore che supporta 2 ventole da 120mm, ed è posto sulla paratia superiore del case, accelerando quindi il normale risalire dell’aria calda.

Alla luce dei fatti, ora come ora non consiglierei ad un amico di acquistare un PC preassemblato, soprattutto se questo è destinato al gaming (e quindi con componenti “caldi“). Ed in caso che questo fantomatico amico comunque decidesse di non seguire i miei consigli, gli indicherei l’HP Blackbird 002 come un ottimo esempio di assemblaggio accurato. Ad occhi chiusi.

8 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Riccardo C. [Gibbo]
     scrive: 

    L’estetica del Predator è qualcosa di grottesco poi… quel pc va bene giusto per dei preadolescenti tamarri e viziati :-P

  • # 2
    Banjo
     scrive: 

    “Sinceramente non mi aspettavo da una azienda come la ACER un così cattivo esempio di assemblaggio…”
    ———————
    Io sì
    ;-)
    E, tra l’altro, ‘sto cabinet el xe tuto un plasticòn…

  • # 3
    George Clarkson (Autore del post)
     scrive: 

    @ Banjo

    Guarda che è solo la struttura esterna in materiale plastico. Sotto la “pelle” vi è un comune case in lamiera metallica grigia.

  • # 4
    Banjo
     scrive: 

    I commenti sui materiali di questo cabinet non sono troppo benevoli in riferimento alla stessa notizia pubblicata 4 giorni fa su hwupgrade:
    http://www.hwupgrade.it/news/sistemi/operazione-di-richiamo-per-i-sistemi-acer-predator_28429.html

  • # 5
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    il Predator (1) è in bella mostra in un Mediaworld della zona.
    Penso non lo venderanno mai…a 3000 e rotti Euro poi

  • # 6
    Pietro
     scrive: 

    ah ah … al nostro negozio ce l’abbiamo a 849, ma dato che abbiamo il 20% di sconto su tutto… 679,20 centesimi…. ma sta ancora li! Lo prenderei per sventrarlo e travasare tutto in un case…. non quel bidone :-)

  • # 7
    floc
     scrive: 

    si ma l’errore e’ paragonare acer ad hp :) seriamente, vi sembra che abbiano le stesse politiche e la stessa qualita’? meglio non cominciare a parlare dei portatili acer lol

  • # 8
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    Anche io avevo una serie di stereotipi infinit su Acer. Quando però mi sono trovato a dover sostituire il mio Santech defunto ho comprato un 5920G in offerta aprile scorso e non ne sono per niente pentito. Anche adesso trovare un portatile a 600 Euro con una 8600GS non è facilissimo.

    Con i Gemstone hanno risolto in gran parte i problemi di design che avevano avuto con le serie precedenti (Aspire in primis).

    Il Predator resta comunque una pataccata :)

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.