di  -  lunedì 23 febbraio 2009

Qualche settimana fa durante il CES svoltosi a Las Vegas, AMD ha di fatto sbriciolato qualche record mondiale di overclock sotto elio liquido, portando un Phenom II X4 940 Black Edition a temperature prossime allo zero assoluto (che vi ricordo essere -273,15°C / 0 K) e ottenendo una frequenza di 6,5GHz, record mondiale di overclock per CPU quadcore monolitico. Come conseguenza, hanno ottenuto anche il record mondiale di 3DMark05 con 45474 punti. Impressionante. Ma anche utile alle vendite.

clip_image006_21.jpg

Image courtesy of amd.com

Non è un mistero infatti che nelle vendite delle CPU negli ultimi 2-3 anni il competitor storico di AMD, la INTEL, l’ha fatta da padrone con tutta la serie di cpu con socket 775 prodotte, riuscendo, complici anche mosse piuttosto azzardate da parte di AMD (l’acquisizione di ATI in primis) a stabilire record di vendite ad ogni CPU prodotta. Il motivo principale di questa supremazia Intel, oltre ad una qualità elevatissima del prodotto in sé, una campagna di marketing (da non sottovalutare mai) più che battente, e altri dettagli minori, può essere sicuramente indicato nei risultati in overclock per alcuni particolari modelli decisamente fuori dal comune anche con sistemi di raffreddamento tradizionali.

Per contrastare tutto questo successo, la AMD al CES ha tentato la carta del record in overclock, ottenuto utilizzando come raffreddamento l’elio liquido, capace di portare il processore a temperature prossime allo zero assoluto, toccando i -232°C e quindi saltando a pié pari nell’olimpo dei record mondiali ottenuti con metodi “poco ortodossi”.

clip_image004_2.jpg

Image courtesy of amd.com

Perché spendere migliaia di dollari in attrezzature e uomini (le persone che giocherellavano con l’elio liquido certo non l’hanno fatto solo per la fama…) in un esperimento che è praticamente impossibile ripetere a casa con mezzi comuni? Che senso ha mettere in piedi un evento del genere?

La risposta è incredibilmente semplice: vendere. AMD spera di riprendersi, oltre che nei database di record mondiali di overclock e 3dmark, il primo posto anche nei cuori degli appassionati, per troppo tempo seduti comodamente davanti a PC con cpu Intel. E quindi riuscire a vendere sia i processori, indicandoli ufficialmente come “incredibly overclockable CPUs”, sia le componenti ad esse collegate e dipendenti, prime fra tutte le schede video. Infatti, per battere il famoso record a 3dmark05, AMD ha usato, com’era logico aspettarsi, una ATI HD4870 x2 e schede madri basate su chipset AMD 790FX.

Quindi il tutto è solo ed esclusivamente una mossa commerciale per tentare di risalire nelle vendite, riportando la AMD a quei picchi di vendita che non ha più rivisto dai tempi degli Athlon XP, campioni di vendite ed overclock con qualsiasi core revision venisse proposto (chi non si ricorda gli eccezionali core Barton?), quando la concorrenza era ferma al suo P4 con core Willamette che erano decisamente ostici nell’overclock, o i successivi Prescott, overclockabili si, ma dei veri e propri altoforni in termini di calore generato e da dissipare, e tutto sommato un flop di proporzioni enormi per Intel.

Passare però dall’ottenimento di un record in un benchmark a vendite stellari sarà difficile per AMD, visto l’ancora radicata presenza di Intel nei pensieri di tutti gli overclockers a livello mondiale, molti dei quali ancora felicissimi possessori di CPU del calibro del Q6600 stepping G0, un vero e proprio gioiello. Nel frattempo, il web è inondato di video dell’evento AMD al CES, e già moltissimi banner pubblicizzano la piattaforma Dragon con il quale è stato ottenuto, rubando tutto lo spazio possibile nelle front page dei portali di notizie web.

Insomma, riuscirà il nostro dragone (AMD) a sconfiggere stavolta l’eterno cavaliere rivale (Intel) e papparsi la gentile donzella (mercato)? Solo il tempo (e le vendite) daranno una risposta a questo quesito. Speriamo che anche questa storia non finisca come le solite leggende di cavalieri e dragoni…

29 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    stetteo
     scrive: 

    non sapevo neanche che esistesse l’elio liquido…
    comunque decisamente una mossa astuta da parte di amd, spero che così il mercato torni ad una reale concorrenza.

  • # 2
    Gas
     scrive: 

    IMHO al pubblco il recordo mondiale sotto elio liquido importa fino ad un certo punto.
    Sarebbe interessante capire le possibilita’ di OC con sistemi di dissipazione alla portata di utenti “normali”.

    Sinceramente non conosco le possibilita’ di OC sugli attuali processori di AMD, ma so per certo ad esempio che molti “core x” di intel si overcloccano senza alcuna fatica, anche con dissipatore stock (a partire del e6300 arrivando al q6600 di sicuro perche’ li ho provati personalmente, per i piu’ recenti lascio la parola a chi ha provato). Io credo che sia questo che interessa all’utente appassionato piu’ dei record mondiali, che magari servono a risollevare l’immagine della azienda presso i meno informati o quelli che si lasciano sbalordire dai numeri.

    Ripeto.. tutto IMHO =)

  • # 3
    George Clarkson (Autore del post)
     scrive: 

    @ Gas

    La corsa al record è un “rituale” che bene o male è sempre stato seguito da ambedue le case produttrici di processori, con particolare accanimento, a mio modesto parere, da parte di AMD, considerato anche il fatto che per un certo periodo INTEL ha difatto ostacolato (o per lo meno ci ha provato) in tutti i modi l’overclock. Mentre quest’ultima infatti sfornava processori con il moltiplicatore bloccato e non sbloccable in alcun modo, la AMD produceva CPU con moltiplicatore o già sbloccato, o facilmente sbloccabile (bei tempi quelli della “smatitata”…), favorendo di fatto (ma sempre non ufficialmente, ovviamente) l’overclock. Ultimamente, però, la parola overclock ha perso quel suo alone di “cosa malevola” che lo avvolgeva, e di fatto entrando anche nel linguaggio di marketing anche dei marchi più prestigiosi e blasonati. Stranezze del mercato…

    In poche parole, mentre prima dire overclock era quasi una bestemmia per il produttore, ora come ora se non è “overclocckabile”, un processore (o un chip grafico che dir si voglia) non è commercialmente valido. La prassi di ricercare il record mondiale è per me solo uno specchietto per le allodole, comunque: ti fanno vedere dove un processore “potrebbe” arrivare, con raffreddamento improponibile per un comune mortale, per dirti: “dai, anche tu puoi farcela!”. Magari pensando che tutti abbiamo nel garage sotto casa un bidone da 500L di azoto liquido…

    Convengo con te che sarebbe più logico far vedere fino a dove puoi spingerti con un sistema ad aria tradizionale, o al massimo con un sistema a liquido. Ma poi, chi griderebbe al miracolo per un overclock da appena 300MHz?

  • # 4
    George Clarkson (Autore del post)
     scrive: 

    @ stetteo:

    da wikipedia:

    Il suo punto di ebollizione estremamente basso rende l’elio liquido un refrigerante ideale per molte applicazioni a temperature estremamente basse quali i magneti superconduttori e le ricerche criogeniche, dove sono necessarie temperature prossime allo zero assoluto. Miscele di 3He e 4He sono usate nei refrigeratori a diluizione.

  • # 5
    Gas
     scrive: 

    @George
    beh.. portare un 6300 @3,2 Ghz (partendo da 1,86) raffreddando con il dissipatore stock non e’ “overcloccare di 300 Mhz” e magari portare un q6600 @3,2 Ghz (contro i 2,4) non e’ moltissimo.. ma a mia discolpa posso dire che e’ un g0 piuttosto sfortunato =P (LOL)

    Fino a qualche tempo fa invece di AMD si diceva che non saliva molto..
    Adesso evidentemente le cose sono cambiate: mi piacerebbe avere un idea delle loro possibilita’ in OC (con componentistiche “umane”).

  • # 6
    phabio76
     scrive: 

    L’overclock in generale non ha più molto senso, ok posso tirar fuori quei mhz in più quando ne ho bisogno e guadagnare un 10% in tempi di elaborazione o frame-rate…
    Ormai anche i produttori di motherboard forniscono le utility per farlo, senza dover nemmeno entrare nel bios.
    Se prima era una pratica da smanettoni (il Barton tirato sulla Abit AN7 a quasi 3Ghz…) ora è una feature standard. Sbandierare l’overclockabilità (anche quella fattibile) ai fini del marketing non credo che sia la strada giusta per AMD.
    Visto sul piano prestazioni/mhz ha perso in partenza,
    farebbe molto meglio a reintrodurre un PR (e con i nomi dei nuovi Phenon II l’ha praticamente fatto) e puntare tutto sul rapporto prezzo/prestazioni.
    Perchè bisogna riconoscere che, superati tutti i problemi e i ritardi, la nuova generazione di quad core AMD è (a perità di prezzo) nettamente migliore in quasi tutti gli aspetti a un Core2 e ha un rapporto qualità/prezzo superiore ai Core i7.
    Infondo, per fare un paragone, se a parità di prezzo una Radeon HD4850 ha migliori prestazioni di una Geforce 9800, vi chiedete a quanti mhz gira la gpu?

  • # 7
    Guada88
     scrive: 

    Beh, si. Per il semplice fatto che più le prestazioni sono alte, a parità di clock, più l’architettura è azzeccata, i consumi ridotti (un phenom II a parità di clock e core consuma di più di un 45nm intel, secondo la tabella dei TDP dichiarati), e il margine ottenibile.

  • # 8
    Mister24
     scrive: 

    Quoto quanto dice Gas. Ho un core 2 duo E4400 e l’ho portato fino a 3.2GHz, poi nell’uso quotidiano lo tengo a 2.66GHz.

    Il tutto con un dissipatore ad aria della Arctic Cooling si ha quindi un incremento di 1.2GHz.

    Comunque ormai i processori hanno raggiunto prestazioni tali che l’overclock ha sempre meno senso.

    In effetti anch’io non ho capito bene a chi sia rivolta questa pubblicità. Gli utenti smanettoni non utilizzano di certo sistemi simili, mentre la gente comune non sa nemmeno cosa sia il processore.

  • # 9
    George Clarkson (Autore del post)
     scrive: 

    @ Gas

    Beh, se è per questo il mio vecchio Northwood 1800A @ 2918MHz aveva un solo wb a raffreddarlo, senza problemi.

    Il mio post però voleva solo sottolineare la “prova di forza” fatta da AMD, per dimostrare, un po’ gongolandosi, come si possa “facilmente” overclocckare una CPU fino a limiti impossibili per noi comuni mortali. Puro marketing, appunto.

    La realtà, poi, è ben diversa, e anche tu con il tuo overclock ad aria lo dimostri: che bisogno c’è dell’elio liquido (o azoto liquido, o dry ice, o phase change, o gli alieni da marte…) per fare overclock, quando già con il dissipatore stock raddoppi di fatto la frequenza, e stai ancora in un range di temperature umano? E’ il solito gioco a chi ce l’ha più grande (l’overclock, che avete capito?!?).

  • # 10
    D
     scrive: 

    Giusto per curiosità, quali sarebbero i test e le precauzioni da fare per testare una volta seriamente le capacità di overclock del proprio sistema ? Come si fa a capire quando smettere ? Quali sensori sono migliori per verificare le temperature ?

  • # 11
    George Clarkson (Autore del post)
     scrive: 

    @ D

    Ti conviene fare queste domande sul tuo forum preferito, l’argomento rischia di essere troppo lungo e particolareggiato, poiché nessun overclock è uguale all’altro, dipendendo troppo dai singoli elementi a tua disposizione, come cpu, ram, scheda madre, sistema di raffreddamento, alimentatore, ecc.

  • # 12
    lol
     scrive: 

    ma dai…ma che vuoi che gliene freghi al mercato mondiale…:asd: cala cala.

  • # 13
    Giulio
     scrive: 

    Non capisco queste conclusioni come possano essere tratte, dal momento che la maggior parte dei processori (così come degli altri componenti hardware) vengono venduti in PC OEM sostanzialmente, le cui caratteristiche in genere risultano oscure ai proprietari.

  • # 14
    Nome
     scrive: 

    0 °K

    Per i Kelvin non si usa il simbolo °, quindi:

    0 K

  • # 15
    D
     scrive: 

    @George Clarkson

    Sicuramente i componenti che monto, sono i migliori per la fascia di sistema che uso (X2 6400+, Ram e Alim Corsair, MB e Video Asus) però mi servirebbe sapere qualcosa di più sui software per fare i test oltre a 3D mark

  • # 16
    L’importanza di un record mondiale di overclock per le vendite di …
     scrive: 

    […] Articolo:  L’importanza di un record mondiale di overclock per le vendite di … Articoli correlati: Amazon.com registra vendite da record in disaccordo con la crisi […]

  • # 17
    homero
     scrive: 

    i processori amd hanno un buon rapporto prezzo/prestazioni e questo oggi basta e avanza….

    preferisco la stabilità alle prestazioni sempre e comunque…

    mi sono un scocciato dell’architettura X86

  • # 18
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Preferiresti l’Itanium? :D

  • # 19
    George Clarkson (Autore del post)
     scrive: 

    @ Nome:

    Grazie di avermi segnalato la svista, ho provveduto a correggere.

  • # 20
    Carla
     scrive: 

    IPSE DIXIT “GEORGE CLARK”
    record mondiale di overclock per CPU quadcore monolitico (e quindi con 4 core per die, e non 2 core in 2 die separati, come Intel
    ————————
    A che era geologica sei rimasto? Paleozoico? Mesozoico?
    Le CPU Intel della serie Nehalem, in commercio da mesi, sono anch’esse formate da 4 core per die, NON separati.

  • # 21
    bateau
     scrive: 

    Secondo me hanno fatto bene a fare questo test assurdo e dispendioso, semplicemente perchè solo loro lo potevano fare! Vi immagnate le redazioni dei nostri siti di notizie informatiche preferite alle prese con l’elio liquido?!?
    I test che voi richiedete a gran voce, ovvero test fatti con hardware “umano” da casa, ci penseranno i vari siti a farli! Magari facendo anche il paragone con la controparte, e cercando di essere imparziali.

    Perchè la Honda/Yamaha/ecc.. si ostinano a sviluppare le moto del motomondiale visto che sono prototipi da pista che non vedranno mai la strada? La solita vecchia gara a “chi c’è l’ha più grosso” (il motore si intende!)

  • # 22
    Alessio Di Domizio
     scrive: 

    @ carla
    L’errore è stato corretto. Per la cafonaggine dei tuoi toni non trovo miglior terapia che lasciare il commento fuori.

  • # 23
    George Clarkson (Autore del post)
     scrive: 

    @ Carla

    Prima di tutto per cortesia impara a scrivere il mio nome correttamente, rischi di offendere altre persone inconsapevoli e “innocenti”.

    Secondo: Esistono modi più garbati e gentili di far notare un errore (dovuto a trascrizione di notizia ricevuta da internet – quindi mi scuso con te e con tutti i lettori per la svista). Come d’altronde Alessio Di Domizio ti ha fatto notare, e non solo questa volta.

    Ora per cortesia, se devi inserire un tuo commento sul contenuto del post, fallo pure, con toni garbati ed educati, come fanno tutti gli altri.

    Saluti.

  • # 24
    Federico
     scrive: 

    Oggi più che mai la pratica di overclokkare i processore serve poco a niente per la stragrande maggioranza degli utenti, la potenza disponibile attualmente è più che adeguata, oso dire anche superflua.
    La cosa più importante per i PC attuali è l’equilibrio della potenza di calcolo distribuita tra il processore, la scheda grafica, l’harddisk, la scheda audio e la memoria; oggi più che mai valutare la qualità del PC da acquistare mediante i MHerz del processore è fuori luogo.
    Poi viene spesso trascurato l’alimentatore e la scheda madre.
    Io ho un sistema oramai obsoleto che con il passare degli anni ho aggiornato poco a poco per quello che potevo aggiornare, ci faccio di tutto ci gioco anche con i moderni videogiochi per PC affamati di potenza di calcolo ma non sento la necessita di acquistare un nuovo PC.
    Secondo me oggi se si possiede un PC basato su un vecchio processore athlon64 monocore ed equilibrato al riguardo della potenza di calcolo ripartita tra i vari componenti, ha potenza da vendere, almeno che non si vogliano usare software tipo di modellazione 3D e rendering per produzioni professionali …

  • # 25
    Federico
     scrive: 

    Trovo ridicolo che per navigare in internet, visionare DVD, ascoltare musica multicanale, Chattare, scalare le immagini scattate con la propria fotocamera digitale o montare film amatoriali di eventi personali da mostrare ad amici e parenti, creare MP3 o stampare le photo, o giocare
    occorre un sistema con il processore n-core a 1000 elevatro alla k, quattro schede video ciacuna con NGPU e con 1000 elevato alla k giga byte di meoria DDR 1000000000.

  • # 26
    battagliacom
     scrive: 

    Il problema di marketing di questo esperimento è stato a chi questo esperimento fosse rivolto.
    Naturalmente una persona che non ha molta dimestichezza col PC non sa cos’è l’overclock, quindi non capirà mai l’importanza di questo record.
    Chi invece se la cava, e magari fa pure ovrclock, sa di non poter mai avere elio liquindo, quindi anche per loro l’esperimento sarà nullo.
    Al massimo potrà avere effetto su chi ha dimestichezza con i PC però non pratica l’overclock, ma sempre dal punto di vista superficiale perchè sa che non facendo overclock nn avrà quei livelli di prestazione.

  • # 27
    Overclock: in via di estinzione? - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] I più intrepidi ovviamente  continuano ovviamente a fare le cose “alla vecchia maniera”, giocherellando nel BIOS ed applicando modifiche hardware soprattutto alle schede video, usando trimmer e saldatore alla ricerca di quel 0,01V in più che farà la differenza tra un punteggio discreto a 3dMARK ed un record mondiale. […]

  • # 28
    La telenovela dei record continua: è il turno di Intel… - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] Per fare ciò, è sceso sul campo niente meno che Francois Piednoel, Intel Performance Guru, il quale ha mostrato al pubblico “esterrefatto” una piattaforma ACER basata sul processore Intel Core i7 975 (di nuovo, la musichetta noiosa…) overclocckato a 5,07GHz usando un “semplice” dissipatore ad aria, specificatamente progettato per questo evento. C’è però da precisare che il tutto è stato mostrato all’iterno di una stanza di hotel con aria condizionata e temperatura mantenunta intorno ai 23°C. Comunque il risultato è impressionante, poiché la controparte è riuscita ad ottenere i propri record solo attraverso l’uso di sistemi di raffreddamento estremi, come LN2 ed elio liquido. […]

  • # 29
    Elio liquido - Forum di Tom's Hardware Italia
     scrive: 

    […] Elio liquido Ciao…. Si pu

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.