di  -  venerdì 20 febbraio 2009

Apple’s stated position in personal computers is innovative technology leader. This position implies that Apple must create a standard on new, advanced technology. They must establish a “revolutionary” architecture, which necessarily implies new development incompatible with existing architectures.

[…]

As the independent investment in a “standard” architecture grows, so does the momentum for that architecture. The industry has reached the point where it is now impossible for Apple to create a standard out of their innovative technology without support from, and the resulting credibility of other personal computer manufacturers. Thus, Apple must open the Macintosh architecture to have the independent support required to gain momentum and establish a standard.

Ci lasciamo alle spalle la ricca parentesi videoludica delle ultime puntate, per tornare ad occuparci di quei punti di svolta che hanno condizionato e condizionano presente e futuro dell’industria informatica.

Come avrete intuito dal titolo, siamo di fronte ad un momento storico nell’evoluzione del mercato PC: Bill Gates, CEO della rampante Microsoft, fresca di accordo con IBM, propone ad Apple di aprire la sua architettura hardware, in modo da stabilirsi sul mercato come uno standard.

Standard è una parola che vediamo spesso ricorrere nel vocabolario di Gates: una parola che possiamo dire abbia ispirato la sua intera concezione imprenditoriale. Essere lo standard è stato innanzitutto l’obiettivo di Microsoft, fin dai primi giorni della sua esistenza.

Il memo di cui discuteremo in questo nuovo tuffo nella nostalgia informatica, arriva ad una Apple in piena fase di riorganizzazione, in seguito al coup d’etat dell’allora CEO John Sculley, nel maggio del 1985.

Gates scelse in effetti il momento migliore per lanciare la sua idea di modifica del modello di business di Apple: le vendite del Macintosh, dopo una partenza a razzo, erano stagnanti da circa un anno e l’impressione generale dell’industria – che dall’altra parte vedeva il mondo PC x86 in continua evoluzione, grazie in buona parte agli sforzi dei rampanti produttori di cloni e periferiche di terze parti – iniziava a profilarsi intorno all’idea che lo sviluppo del Mac fosse in una fase di stasi, che il sistema fosse sottodimensionato in quanto a dotazione hardware, incapace di adattarsi ai requisiti del mondo aziendale e in ultima analisi destinato a soccombere.

Il momento era azzeccatissimo anche perché l’influenza di Jobs, acerrimo rivale di Gates fin dal momento dell’annuncio di Windows, sull’evoluzione del Mac, era appena stata azzerata dal massiccio riassetto operato da Sculley, il quale era al tempo favorevole a procedere sulla strada dell’interoperabilità col PC.

La mossa di Gates, già coinvolto attivamente nello sviluppo del PC – dopo la marginalizzazione del padre del DOS, Gary Kildall – e nello sviluppo di quello che negli anni a venire verrà considerato dai fan del Mac, il più grande ripoff della storia, ossia Windows, testimonia la sua geniale lungimiranza commerciale.

Sul futuro dei cloni pesava nel 1985 ancora la paura di una causa legale di IBM (prima che il gigante di Armonk prendesse la strada delle estensioni proprietarie come MCA), che avrebbe potuto sigillare l’intero mercato – va ricordato che due anni prima, un produttore americano di cloni dell’Apple II, Franklin, perse una causa contro Apple e fu costretto a cessare la produzione del suo Ace.

Come conseguenza dell’apertura di Gates al nascente mercato dei cloni, non è difficile immaginare che la stessa IBM, all’indomani di una vittoria legale, avrebbe imposto ad una Microsoft privata di una interessantissima prospettiva di sviluppo, condizioni molto più stringenti e un’attitudine molto più ostile.

L’idea dell’apertura di un fronte di fitta collaborazione con Apple rappresentava dunque per Gates molto più che una mossa “just in case”: operare con un produttore che abbracciasse esplicitamente l’idea di diventare uno standard, avrebbe significato per MS un ruolo da protagonista su entrambi i tavoli su cui si giocava la partita del futuro del PC.

La natura del rapporto Apple/Microsoft immaginato da Gates, nell’ipotesi dell’apertura del Mac, merita una riflessione.

Il core business di MS nel 1985 consisteva nello sviluppo e la commercializzazione in bundle di sistemi operativi in partnership con IBM e i primi produttori di cloni. L’azienda era presente anche nel mercato delle applicazioni – vendeva tra l’altro un nutrito numero di programmi per Apple II e Mac – ma la sua posizione rispetto alla concorrenza era molto più solida nel mercato degli OS.

Inoltre la lettura del memo, che in più occasioni fa riferimento alle deficienze hardware del Mac, e ai benefici che la piattaforma avrebbe potuto ricevere dall’apertura della sua architettura hardware allo sviluppo di OEM e produttori di periferiche esterni – è utile ricordare che al tempo la quasi se non totalità delle periferiche Mac era prodotta dalla stessa Apple – lascia intendere che l’idea di Gates circa il business di Apple, fosse quella di una hardware company più che di un’azienda che traeva i suoi utili dal vendere ad un mercato allargato di OEM MacOS: un’azienda, insomma, più complementare che competitiva rispetto a MS.

Un’idea che ha assolutamente senso se consideriamo che, al tempo dell’invio del memo, il business di Microsoft era ancora strettamente legato ad IBM – il mercato dei cloni cresceva ma era ancora immaturo – e che, dal punto di vista di un’azienda, è naturale sforzarsi di non dipendere da un solo partner (ironicamente, fra le criticità del Mac, Gates citava la paura delle aziende di un “lock in” nella piattaforma HW/SW di Apple).

Nel memo Gates offre la sua collaborazione anche sul fronte del “OEMing software”, ma questo non basta per escludere secondi fini: MS-DOS era l’OS più venduto sulla più venduta e più rampante piattaforma hardware del momento. Gates aveva senz’altro da guadagnare sul fronte applicazioni, da un’espansione della quota di mercato della piattaforma Mac compatibile, ma è pur vero a pochi mesi dal memo, Windows 1.0 avrebbe debuttato, con l’intento di privare MacOS del suo principale vantaggio competitivo.

Mi pare dunque del tutto ragionevole pensare che, all’indomani dell’apertura dell’architettura, MS avrebbe portato i protagonisti del suo core business, MS-DOS, e il nuovo nato Windows, sul Mac, facendo eventualmente leva sulla stessa esperienza nel “OEMing software” che offriva ad Apple, e che Apple non aveva affatto.

È d’altronde difficile pensare che lo scopo della proposta di Gates fosse, in ultima analisi, quello di dare un’altra chance a un OS avanzato ma dopotutto già relegato a una quota piuttosto minoritaria, contribuendo a farne il rivale n° 1 dei suoi MS-DOS e prossimo venturo Windows.

MS-DOS godeva tra l’altro di una fortissima presenza in mercati scettici rispetto al Mac: un potere che avrebbe facilmente persuaso Apple ad inghiottire la pillola.

Una pillola che capiamo dunque essere avvelenata, in quanto avrebbe ridotto Apple alla stessa fine di IBM, con la differenza che Apple non possedeva il salvagente che ha tenuto a galla IBM dopo l’uscita dal mercato PC, ossia un fortissimo indotto proveniente dalla presenza in mercati ricchissimi, esterni al mondo consumer.

In quest’ottica suscitano perplessità tanto le affermazioni di alcuni executive Apple relativamente al memo – se avessimo dato [il Mac] in licenza ieri, saremmo la Microsoft di oggi diceva nel 1994 Ian Diery, ex VP – tanto quelle di un libro del 2004 (un anno prima che IBM uscisse definitivamente dal mercato PC), Apple Confidential 2.0, in cui si sostiene che il più grande errore strategico di Apple è stato quello di non dare in licenza l’hardware e il software Mac.

Come per molti casi presi precedentemente in esame, anche l’attuazione del piano di Gates avrebbe comportato enormi differenze nel presente dell’industria: in primis il protagonismo, o perlomeno co-protagonismo a fianco di x86, della discendenza del 68000.

Col senno di poi tuttavia, l’esito della vicenda mi pare il migliore, anche se non l’ideale, per il mercato nel suo complesso, e forse anche per Gates il quale, in assenza di un avversario, avrebbe forse ricevuto ancor più pressione dall’autorità antitrust.

10 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    D
     scrive: 

    Essere lo standard comporta avere il potere. Noi non possiamo sapere se microsoft questo potere lo voleva o meno ma se certamente se non erano loro, sarebbe stato qualcun altro e nessuno può dire come si sarebbero messe le cose quindi Bill ai tempi, avrà concluso “meglio noi che altri”

  • # 2
    roberto
     scrive: 

    mah, visto che apple ha perso la guerra sulle cpu… forse adesso avremmo avuto due mercati (x86 e compatibili vs 68k/ppc), prezzi migliori per la concorrenza e sistemi operativi decisamente migliori (BeOS per esempio)

  • # 3
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    Chi ha perso un’occasione a mio modo di vedere è stata molto di più IBM che Apple.
    La seconda maturava una filosofia visione del mercato nettamente diversa (già allora) rispetto a Microsoft.
    IBM aveva invece risorse, agganci ed interessi enormi; non ha creduto nella configurazione in una certa ottica del mercato e alla fine l’ha pagato, seppur continuando ad essere un gigante.

  • # 4
    atomo37
     scrive: 

    Anche se nessuno lo ricorderà nel 1996 Apple provò ufficialmente a dare in licenza hardware e software a vari produttori OEM, i più famosi cloni in america furono i Gateway, addirittura in italia uscirono, in quegli anni, i cloni Mac della CHL. Stiamo parlando di Mac a tutti gli effetti con cpu motorola e sistema operatico mac con licenze legali ed ufficiali.
    Non so bene a quali anni si riferisce il libro “Apple Confidential 2.0″ nel dire che apple fece un errore a non tentare questa strada, cmq Apple la strada la tentò ma con scarsissimi successi tanto da affrettarsi in pochi anni a revocare tutte le licenze ed a tornare a produrre tutto in casa.

  • # 5
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Mi sa che non sei l’unico a ricordarlo… è opinione comune, anche dello stesso Gates (1994 credo), che fosse ormai troppo tardi per un programma di licensing. OT Figurati oggi che chance avrebbe Apple di sopravvivere nel caso in cui Psystar dovesse averla vinta… /OT

  • # 6
    bateau
     scrive: 

    Quello che io non capisco è:
    visto che ormai PC e MAC usano lo stesso Hardware di fondo, perchè la Apple non concede a noi “comuni mortali” di installare (e quindi comprare) il MacOS nei nostri PC?
    Magari facendolo pagare(molto)di più rispetto a chi compra un MAC…non incrementerebbero le vendite/profitti?
    Vista la fama di SO stabile e leggero prenderebbe di sicuro una buona fetta di mercato, secondo me il prezzo dei Mac è ancora uno scoglio molto duro per molti acquirenti che, invece dei Mac, comprano i PC a poche centinaia di euro negli ipermercati.

  • # 7
    Giorgio
     scrive: 

    @bateau

    Infatti la cosa sarebbe tecnicamente possibile. Però rischierebbe di mettere a nudo il fatto che OSX è “stabile e leggero” perché gira su un hardware ben preciso e certificato. Dovesse aprirsi alle architetture terze, temo soffrirebbe degli stessi problemi di Windows, e il mito della sua superiorità tecnologica si incrinerebbe non poco.

    Come argomento speculare, molti citano la XBOX di Microsoft, che monta un S.O. di base Windows ma che tuttavia gira fluido e stabile, essendo ottimizzato per un hardware ben preciso.

  • # 8
    MSX, il piano di Bill Gates per dominare il mondo HW - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] contro la sua volontà – sia stata proprio Microsoft, e nella fattispecie Bill Gates, che poco dopo sarebbe divenuto tifoso del Macintosh come standard da cavalcare, a promuovere presso una serie di produttori […]

  • # 9
    Compaq Deskpro 386: compatibilità ad alta velocità - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] su uno standard di fatto (come abbiamo raccontato parlando dell’ACT Sirius ma anche di una lettera di Bill Gates alla Apple), la partita si spostò quindi sui prezzi, e di lì cominciò la fine dell’avventura IBM nel […]

  • # 10
    Ha senso per Microsoft entrare nel mondo hardware PC? - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] chiedeva alla Apple di John Sculley – quasi all’indomani dell’uscita di Jobs – di aprire le specifiche hardware del Mac, per farne lo standard di mercato (il successo di Windows era ancora molto distante), supportava […]

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.