di  -  giovedì 5 febbraio 2009

icq_98a_screenshot.jpgIncuriosito dalle nuove funzionalità della versione 5 di Google Earth, ho provveduto all’aggiornamento del software che già era installato nel mio pc. Sono andato sul sito e scaricato l’eseguibile di 600 kB ho lanciato l’installazione che appena avviata ha provveduto a scaricare tutti i file necessari per l’operazione.

Ho notato che questi automatismi, che ricercano automaticamente i file più recenti, sono sempre più presenti, sopratutto nei software gratuiti, che poi propongono l’installazione di aggiornamenti insistentemente, o in alcuni casi arrivano ad aggiornarsi senza preavviso e senza nessun controllo da parte dell’utente.

Facilitare e automatizzare gli aggiornamenti che risolvono problemi relativi alla sicurezza è certo importante, ma non sempre gli aggiornamenti sono ben voluti.

Rimanere fedeli alle vecchie versioni aiuta a risparmiare risorse e a limare i tempi di avvio delle applicazioni, vantaggi utili soprattutto se si utilizza hardware non recentissimo o se cerchiamo di non farci mancare veramente niente nel nostro netbook e non sono in pochi a ricorrere a questa pratica.

Tra gli utenti non è una rarità che ci si affezioni ad una precisa versione di un software e non si voglia aggiornare, tanto che in alcuni casi è diventata una pratica comune tra gli utilizzatori di un determinato applicativo. Ai tempi in cui ICQ conosceva un’ampia diffusione, tantissimi utenti rimasero fedeli alla release 98a per lungo tempo, snobbando le successive, che pur con un maggior numero di funzioni erano ben più pesanti e instabili.

Anche Firefox che nella versione 2 era caratterizzato da un’insostenibile pesantezza, in parte risolta nella terza major release, conobbe le resistenze di chi rimaneva fedele alla 1.5, che tra l’altro godeva dell’appoggio di un team di sviluppo che ne hanno sviluppato una versione portatile e arricchita di alcuni componenti aggiuntivi, preinstallati per sopperire della mancanza di alcune caratteristiche del successore.

Esiste poi un sito, per chi ancora non lo conoscesse, dedicato ai nostalgici o a chi deve contare i singoli byte allocati per non sovraccaricare il pc. Si chiama oldversion.com e vanta un vastissimo parco software gratuito di uso comune, tra cui i più diffusi client IM e Voip, player multimediali, encoder, gestori di archivi (come WinRAR) e molto altro, e per ognuno viene mantenuto uno storico delle versioni scaricabili, con accanto anche le dimensioni del file di installazione, che può essere un indicatore (approssimativo) per la comparazione dell’effettiva richiesta di risoerse del software in funzione.

Io ad esempio mi ostino ad utilizzare la versione 6 di Adobe Reader, leggera e affidabile e che non mi costringere ad attendere un eternità quando incontro un pdf sul web. Mi piacerebbe tornare in dietro nel tempo anche con Google Talk, prima che Google decidesse di puntare tutto sul web, quando il client IM si arricchiva, mese dopo mese, di funzionalità utili o comunque gradevoli, senza appesantire il sistema e l’interfaccia.

Gran parte di queste ora sono scomparse e in questo caso temo non si possa far niente, sia perché immagino che le possibilità scomparse non siano più supportate dal lato server e sia perché Google aggiorna automaticamente e senza nessun avviso all’ultima versione disponibili.

Sarebbe bello poi se questo post fosse uno spunto per instaurare un dibattito tra gli utenti su quali software pensiamo debbano tornare sui propri passi e quali vecchie glorie mai aggiornate vengono ancora oggi utilizzate con soddisfazione.

Questo post infine, può essere collegato ad una recente riflessione di Alessio sulla reale necessità di una sfrenata corsa all’aumento prestazionale nel contesto in cui viviamo, tema questo, portato alla ribalta con forza in questo periodo, con l’affermarsi dei netbook.

30 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    karplus
     scrive: 

    Anche msn a partire dalla versione 8 si installa tramite un downloader, ma ora girano gli .msi classici per fortuna.

    Acrobat 6 non é stato l’acrobat più lento della storia? Quello che bisognava usare un programmino apposta per togliere un sacco di plugin inutili all’avvio…

    Io uso ancora paint shop pro 7 del 2000, lo trovo comodissimo! Ovvio che gli mancano alcune cose e per quello uso gimp, ma psp7 si apre in 1ms e ha tutto a portata di mano!
    Fino a non molto tempo fa usavo la versione 3 di cuteftp anche quella del 2000, poi ho scoperto filezilla!

  • # 2
    Marco
     scrive: 

    Io come vecchi software uso winamp 2.91 e acdsee 3.1
    Per i pdf sono passato all’istantaneo foxit reader 2.2

  • # 3
    v1
     scrive: 

    enrico ti consiglio foxit reader per i pdf.
    a me era successo di preferire Nero 5 (o 6?) ai pesanti successori. ora uso cd burner xp.
    sono abbastanza d’accordo sulla considerazione finale. in fin dei conti gran parte del software in circolazione una decina di anni fa poteva assolvere alle stesse necessità che la gente ha oggi, ma in modo generalmente più parsimonioso.
    però aero è proprio bello ;)

  • # 4
    Paganetor
     scrive: 

    anche io ho tolto nero per cd burner xp… quando ho formattato ho installato l’ultima versione di nero: 700 mega di roba per un software pachidermico!!!

    scaricato CD burner XP e sembra di avere un altro computer! clicchi sull’icona e – magia! – il software si avvia, anzichè stare lì a pensare 10-15 secondi per poi mostrarti una interfaccia pesante e poco user-friendly…

  • # 5
    montemurro Antonio
     scrive: 

    Eccomi qui, uno dei tanti fedeli ad alcune particolari “vecchie” versioni di software.

    Ero fedele anche io a quella particolare versione di icq, leggera e compatta, poi sostituita causa computer non proprio (università) dalla sua controparte icq2go, poi purtroppo dovetti cedere a msn causa moria di contatti (ormai nessuno più si connetteva a icq.. pur essendo ai tempi nettamente superiore a msn per funzionalità e compattezza).

    Uso tuttora il paint shop pro 7.04, bellissima versione del suddetto programma di grafica. Gli ho integrato varie trame e plugin delle versioni trial successive ma lì è rimasto. Reattivissimo, appena clicco si apre al volo (su un netbook!) e ci faccio di tutto. Dal semplice fotoritocco, al creare disegni da zero!.

    Idem per winamp. fedelissimo alla leggerissima e perfetta 2.8

    :-)

    Un salutone “nostalgico”

    +Montex+

  • # 6
    montemurro Antonio
     scrive: 

    ah..volevo ricordare anche io la acdsee 3.1 (o forse era ancora più vecchia!) ma a volte aveva un leggero bug che rendeva falsati i colori e allora dopo anni di venerato servizio l’ho sostituito con xnview.

    Il nero avevo il 4 ai tempi dell’athlon 600, era perfetto e leggero.. ora uso i vari software leggeri free senza alcuna preferenza particolare.

    per i pdf anche io uso ormai da tempo foxit reader. Leggero e perfetto!

  • # 7
    Davide
     scrive: 

    E approposito di google earth e downloader…dove mi trovo ora viene bloccata la possibilità di utilizzarlo (anche impostando un proxy), stessa problema l’avevo con msn 8…solo che li ho recuperato l’msi…

    Per google earth avete qualche link per installarlo direttamente?

    grazie :)

  • # 8
    Davide
     scrive: 

    Nel sito segnalato ho trovato l’exe dedlla versione 4…però volevo proprio vedere questa versione 5 :(

  • # 9
    densou
     scrive: 

    msn 2009 è stata una piacevole sorpresa (e lo dice uno che viene da anni di client IM, ma che alla fine usando prevalentemente il protocollo messenger non sentivo più la necessità di restare con pidgin o miranda)

    se proprio non se può fare di meno utilizzare vecchie versioni sarebbe opportuno VALUTARE le oramai onnipresenti alternative (es. foobar2000 > winamp 4.x/5.x) [no comment su jre/jdk], ma chi ha paura del cambiamento sebbene piccolo non potrà mai sperare in vita migliore (/evil off)

  • # 10
    Software: quando conviene non aggiornare (ovvero “non l’avessi mai fatto!”) « RaccoltaBlog
     scrive: 

    […] See original here: Software: quando conviene non aggiornare (ovvero “non l’avessi mai fatto!”) […]

  • # 11
    Don Luca
     scrive: 

    Lasciamo perdere… ho aggiornato openvpn sul server e mò nn mi si connette più… sono 4 giorni che ci sto smadonnando contro e nn riesco a farla andare ._.

  • # 12
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    Winamp 2.5, Nero 7.5, Photoshop 7 (anche perché le versioni CS non sono esattamente regalate) di esempi sul mio pc ne potrei fare tanti.
    Tutto sommato per problematiche di funzionalità e sicurezza l’aggiornamento è richiesto e gradito soprattutto per i browser e suite di sviluppo (Eclipse, Visual Studio ecc.), altrimenti se ne può fare spesso a meno.
    Su Acrobat non sono mica tanto d’accordo. La 6 che ho utilizzato ahimè per molto tempo anche io me la ricordo come la più pesante (e più buggata) della storia.
    Con la 7 prima e con la 8 ora mi trovo comunque bene e i PDF li apro velocemente.

    A proposito di software però metto sul piatto un altro “non aggiornamento necessario”. Molti non saranno d’accordo ma io trovo che anche per quanto riguarda BIOS e driver se ci si trova bene, a meno che non si mettano a disposizioni nuove feature irrinunciabili, non vedo un motivo solo per aggiornare, tanto più che in questo caso, visto che si vanno a pilotare direttamente le periferiche, in caso di problemi il sistema corre il serio rischio di non funzionare correttamente (= perdita di tempo per sistemarlo).

  • # 13
    Giulio
     scrive: 

    A me personalmente non piace più Nero… Di tutti i programmi che conosco è quello che, nel tempo, si è appesantito di più. Per fortuna che nell’installer si possono togliere un bel po’ di cose, anche se non tutto! Almeno questo è un fatto positivo. Odio quando i programmi vogliono installare tutto a forza…

  • # 14
    Luxeon
     scrive: 

    Leggendo l’articolo pensavo a Nero, che era il migliore una volta mentre oggi fa proprio schifo e la cosa grave è che non c’è stato nemmeno il minimo accenno a sminuire quel software così pesante così inutile:centinaia di programmi-pidocchi che si inseriscono ovunque pregiudicando e non poco la pulizia del sistema.

  • # 15
    James Kirk
     scrive: 

    Concordo su tutto tranne sulla leggerezza di Adobe Reader, ed in particolare a partire dalla 6.0 … poi ognuno ha le sue preferenze e nostalgie.
    Comunque provate Foxit Reader se volete valutare un lettore PDF leggero!

  • # 16
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    Personalmente la GUI di Foxit non mi è mai piaciuta, anzi e poi con certi PDF specialmente pieni di diagrammi ecc. ho avuto problemi nella corretta formattazione per cui dalla 7 propendo nettamente per il Reader gratuito, poi ovviamente de gustibus :)

    Su Nero concordo in parte, le versioni Micro e Portable (non ufficiali ma sulle quali si possono cmq utilizzare i seriali detenuti legalmente per la 7 e 8) sono davvero ben fatte.

  • # 17
    geihard
     scrive: 

    Nero 6 funziona anche oggi straordinariamente bene su XP (vista, tanto per rimanere in tema, non lo voglio sul mio PC), molto meglio delle versioni seguenti.
    Non capisco come si possa uccidere dei software in questa maniera, Nero non aveva eguali fino alla versione 6.
    Per masterizzazione di immagini consiglio il gratuito imgburn.

  • # 18
    Sire_Angelus
     scrive: 

    beh che dire..

    per i pdf cé foxit.
    per il resto.. in effetti la versione nuova di msn fà un pò schifo.(e anche il nuovo windows live.. mi sa che alla microsoft devono fare un pò di studi su campioni di gente normale sull’ease of access..)
    sto seriamente pensando di passare a un client free.

    (ps: vi scrivo da una macchina virtuale win 7 con soli 256 di ram, con 6-7 tab di Ie8 aperte… la ram nn é tutto :D)

  • # 19
    lillo
     scrive: 

    ma un bel dizionario d’italiano e la grammatica sottotiro prima di scrivere un articolo no eh….. almeno il correttore automatico dai…

  • # 20
    Roberto
     scrive: 

    Non sono per niente d’accordo. Amo le installazioni automatiche e per di più non aggiornare i propri software significa andare incontro a gravi pericoli per la sicurezza del pc e dei propri dati personali.
    Controllate qua http://secunia.com/ e guardate ogni giorno quante falle nei programmi vengono scoperte. E’ ovvio che DEVONO essere corrette. Non sempre gli aggiornamenti sono solo grafica e funzioni. Se leggete i changelog spesso troverete “Fixed several security issues” ovvero “Corretti vari problemi di sicurezza”.

  • # 21
    ciao
     scrive: 

    a geihard:
    ma ancora sta storia che vista non lo si vuole sul pc? Ma resta a windows 95 allora. Ma basta con questa storia, almeno prima di odiarlo provalo… pecorone!!

  • # 22
    massimo m.
     scrive: 

    roberto> il problema e’ che le versioni nuove non sono fatte per correggere problemi vecchi, ma per inserire funzionalita’ astruse che fanno figo ma nessuno usa mai.

  • # 23
    ciccio pasticcio
     scrive: 

    per la cronaca il programmino che alleggerisce acrobat reader è questo (freeware)
    http://software.bootblock.co.uk/?id=adobereaderspeedup
    personalmente lo installo su tutti i pc che trovo…
    AR7 sul mio pc ciofeca ci mette circa 1 secondo ad aprirsi :)

  • # 24
    Fiber
     scrive: 

    @Cicio Pasticcio

    bravo, se si usa poi ancora Adobe Reader 7.10 ( che e’ ancora pienamente supportato da Adobe) ottimizzato con Reader Speedup si apre a freccia ed occupa in ram circa 9MB

    Foxit in confronto e’ na’ ciofeca nella GUI e non compatibile con alcuni PDF

  • # 25
    Carla
     scrive: 

    yahn

    adobe reader si può velocizzare

    nero si può installare solo il burning rom senza il bloatware

    google talk è un programmino così microscopico che non vedo come si possa volere versioni precedenti

    mha io sono uno di quelli che mette l’adobe reader pure su pc di 6 anni fa, la gente che non aggiorna driver, bios, software, non l’ho mai capita

  • # 26
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    Non si capisce per quale motivo si debba aggiornare BIOS e driver quando la macchina è già rock solid.
    Tolti alcuni bugfix importanti (che possono esserci in una roadmap di release) o funzionalità imprescindibili (poche), il rischio di andare ad aggiornare componenti software così delicati (che possono sì provocare instabilità del sistema) non vale la candela.
    Discorso diverso vale per gli applicativi, ma l’aggiornamento va sempre contestualizzato in base alle proprie esigenze ed è questo credo il succo dell’articolo di Enrico.

    Per quanto riguarda l’argomento sicurezza, sì alcune falle corrette sono importanti e necessitano l’aggiornamento ma il problema si colloca in un discorso a più ampio respiro.
    Non è il programma X a fare la differenza ma l’utilizzare un account con privilegi limitati, sandbox per file a rischio (magari una macchina virtuale) evitare di aprire file di dubbia provenienza ecc. ecc.
    Insomma le buone abitudini che tutti gli utenti di un PC dovrebbero seguire.

  • # 27
    Lorenzo
     scrive: 

    alcune cose sono condivisibili però “acrobat reader 6 leggero” è una sciocchezza.

  • # 28
    geihard
     scrive: 

    a Ciao:

    Io vista l’ho provato su un sacco di computer di utenza domestica e PER QUESTO MOTIVO non lo voglio nel mio pc.
    Non so dove tu sia vissuto nell’ultimo anno, ma che Vista sia un flop che fa venire la depressione solo a sentirne il nome pure a Redmont è cosa ormai assodata. Riguardo a Vista: fossi solo io o qualche “home user” pecorone a non averlo voluto conterebbe poco, è che non lo vogliono grandi aziende e istituzioni e ciò alla Microsozz sta dando parecchi dolori.
    Non è un caso infatti che si senta parlare SOLO di windows7 da mesi.. un bombardamento pubblicitario costante a partire da quasi DUE ANNI prima del rilascio!

    Per quanto riguarda FoxItReader son d’accordo con chi se ne lamenta, le ultime versioni l’hanno un bel pò peggiorato, si è appesantito e la visione dei PDF non è granchè.. pure lui ERA MEGLIO PRIMA DELL’AGGIORNAMENTO!

  • # 29
    Roby&Roby
     scrive: 

    @geihard

    uso vista dal day one:

    ho vista su 2 pc a casa: mai nessun problema

    ho vista su 3 portatili: mai nessun problema

    ho vista business su un asus n10j: mai nessun problema

    ho vista su 5 pc in azienda: mai nessun problema

    ho vista business sul server in azienda: mai nessun problema

    Penso di essere l’uomo più fortunato del mondo!!! quasi quasi metto al superenalotto ….vedi mai!

  • # 30
    masso
     scrive: 

    Anche io come altri ho usato in passato versioni molto vecchie di programmi.Il problema purtroppo è rimanere sempre aggiornati sulle falle di sicurezza.Chi usa versioni di abobe reader precedenti a quella attuale(9.xx) e Winamp 2.xx..dovrebbe sapere che entrambi hanno gravi falle che permettono l’avvio di codice malevolo e molti siti che diffondono mallware usano librerie javascript confezionate per riconoscere e sfruttare queste falle

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.