di  -  venerdì 30 gennaio 2009

amd_yukon_neo.jpgIl successo dei netbook si vede, oltre che dai numeri di vendita e dall’inquietudine che aleggia tra le aziende coinvolte per via dei scarsi margini ottenuti dalle vendite, dal fatto che in un solo anno si è già creata una fascia di puristi, che vorrebbe imporre determinate caratteristiche di prezzo, prestazioni e dimensione in cui delimitare tale segmento, contro le politiche di marketing che cercano sempre nuove nicchie per (non) sempre nuovi prodotti.

Forse Asus con il lancio del  suo eeePC 700 aveva stuzzicato la curiosità di molti più per il form factor che per la collocazione data da prezzo e prestazioni, infatti il mercato sta rispondendo con modelli sempre più performanti e versatili.

AMD propone la piattaforma Yukon, che con un consumo, pur basso, ma superiore a quello delle piattaforme usate nei netbook e con prestazioni decisamente migliori, vuole coniugare due mondi agli antipodi: gli elitari ultraportatili e i netbook trovando il giusto compromesso tra prezzo, dimensioni e potenza che in tanti forse stanno aspettando.

I tempi in cui il mondo dei portatili si suddivideva nelle categorie distinte di notebook e subnotebook, sono passati in un batter di ciglia.

Ora che i netbook hanno dimostrato a tutti che si può fare a meno di un sistema operativo di ultima generazione per controllare la posta, fruire di film e musica, navigare sul web, lavorare con suite da ufficio e tutte quelle attività che prendono la quasi totalità del tempo della quasi totalità degli utilizzatori di computer, si è rotto definitivamente l’equilibrio storico che sosteneva un tempo il duopolio Wintel.

Quindi l’hardware datato trova nuova vita, con nuovi processi produttivi e con bassissimi costi quindi per il reinserimento in commercio, che garantiscono prestazioni sufficienti, con costi non eccessivi e margini probabilmente rispettabili per i produttori di CPU.

AMD si è inventata Yukon probabilmente anche perché incapace di investire sul fronte dei netbook per via della situazione finanziaria non proprio felicissima al momento, ma l’idea di riproporre vecchi progetti rivalutandoli con nuovi processi produttivi e un riposizionamento di prezzo non necessariamente nella fascia entry level.

L’idea può avere successo anche perché AMD avrà un insolito alleato nella lotta per l’affermazione di questo segmento: Intel, che ha già annunciato lo sviluppo di una soluzione concorrente.

Il colosso californiano non rappresenterà solo uno scomodo e forte rivale, ma anche un valido aiuto per la promozione di questa fascia contro l’Atom , che Intel stessa sembra osteggiare, e in alternativa agli ultraportatili di lusso, segmento cui AMD non partecipa.

6 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Alessio Di Domizio
     scrive: 

    Yukon potrebbe ben rappresentare una base di partenza per una nuova concezione di netbook. Dipenderà tuttavia dalla resistenza sul mercato dell’attuale incarnazione del netbook, orientata a prezzo minimo, hardware ridotto all’osso e funzionalità di base, e dalla capacità di AMD di sviluppare partnership.

    Certo è che, nella misura in cui Yukon rappresenta un business case interessante, riceverà una competizione serrata da parte di Intel e, se non fornità un rapporto prezzo/performance molto migliore rispetto alle tecnologie rivali di Intel, dovrà di nuovo giocarsela sul solo prezzo.

  • # 2
    Max
     scrive: 

    sottovalutano spesso l’importanza dei prezzi e sopravvalutano spesso l’importanza delle prestazioni.
    I netbook vendono più che altro per il prezzo, che deve solo scendere per garantire maggiori vendite.
    Capisco che vendite non significa profitti , e che il guadagno in questo segmento è relativamente minore rispetto agli altri.

  • # 3
    francesco
     scrive: 

    speriamo bene per amd

  • # 4
    Giulio
     scrive: 

    Io apprezzo tantissimo l’idea di Amd… E anche Intel l’apprezza visto come si è fiondata nella stessa direzione.

    Tuttavia se poi mi ritrovo un netbook a 500-600 euro o più mi faccio un portatile. Tanto se già ora pesano 1kg e passa figuriamoci tra un po…

    Quindi 10pollici di schermo e non più, batteria buona, pochi fronzoli e prezzo basso. Altrimenti… Scaffale! (IMHO)

  • # 5
    Enrico Pascucci (Autore del post)
     scrive: 

    A me intriga molto il form factor del macbook air, se si immettesse sul mercato qualcosa di simile, con la possibilità di “bootare” da USB per l’installazione di un sistema operativo, potrei persino valutare di adottarlo come soluzione definitiva, senza nemmeno un desktop d’appoggio. Mi basterebbe un nas a casa per il backup e non vorrei più sentir parlare nemmeno di lettori ottici.

  • # 6
    Secondo Dell Windows 7 costerà troppo - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] di un nuovo segmento di notebook ultramobile a basso costo basato sulla piattaforma CULV di Intel e Yukon di […]

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.