di  -  venerdì 23 gennaio 2009

SupermanCome Superman con la kriptonite, anche il timido e introverso Steve Ballmer – assieme a tutti gli imprenditori della terra d’altronde – ha la sua nemesi: il calo dei profitti.

La notizia è che questa nemesi, per stessa ammissione di Microsoft, è più prossima che mai. Il motivo? Il boom dei netbook, quegli oggetti che hanno messo ancor più in salita la strada di Vista, e che spingono oggi il colosso di Redmond ad affannarsi come mai, nel tentativo di rilasciare al pubblico Windows 7.

Protagonista indiretto di questa ammissione da parte di Microsoft è Linux, che per la prima volta raggiunge proporzioni tali da preoccupare il colosso di Redmond, per il presente e il futuro. Vediamo perché.
La diagnosi relativa alla criticità del fenomeno netbook l’abbiamo già formulata, e riguarda tanto Microsoft quanto Intel: il netbook rompe la rincorsa fra hardware sempre più performanti e software sempre più assetati di risorse, va dritto alle funzionalità base che servono al 90% degli utenti per il 90% del tempo.

Ecco quindi che per Microsoft, XP è tornato giocoforza ad essere una priorità – meglio vendere un OS vecchio che non vendere nulla. Piccolo problema: andando XP ad inserirsi su un prodotto che ha nel DNA il concetto di low cost, andando esso a competere più direttamente che mai con l’alternativa gratuita Linux, Microsoft non ha di certo potuto venderlo ai margini consueti.

Meglio comunque vendere XP a poco che non venderlo affatto, al limite meglio regalarlo, pur di contenere l’ascesa di Linux.

Tutto questo in attesa che arrivi Windows 7 e che, complice anche la crescita delle specifiche dei netbook, riesca a girare su decentemente su questa nuova declinazione del PC. Ma anche allora il netbook costerà poco, e Microsoft dovrà tener bassi i prezzi della licenza: l’alternativa Linux, nel mondo netbook è e sarà sempre agguato.

Tutto questo spiega lo stato di panico in cui il nebook è stato un grado di ridurre il colosso di Redmond. Pur nella sua fondamentale timidezza, penso che se Ballmer avesse sotto le mani l’inventore di eeePC gli farebbe passare un brutto quarto d’ora…

64 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Pietro R.
     scrive: 

    Per avere un sistema basato su Linux che sia equiparabile a Vista come funzionalita e usabilita bisogna usare una distribuzione coma OpenSuse e KDE4, che in termini di pesantezza è anche peggio di Vista.
    Dire che Linux è piu leggero di Vista in termini generici senza specificare di quale distribuzione si sta parlando e come viene configurata non ha senso.
    So anch’io che se ricompilo Gentoo ridotta all’osso posso farla girare su PC paleolitici, ma devo rinunciare a molte funzionalita e non ha piu senso paragonarlo a Vista. Altrimenti a quel punto tiro fuori Windows 95 che è piu leggero di qualunque distro Linux.
    I confronti si fanno a parita di configurazione.
    Vista è pensato per sfruttare al massimo l’hardware dei PC moderni e di conseguenza non si adatta al meglio nei netbook. Non questione di lentezza, è solo che non è progettato per quello.
    Io comunque l’ho provato Vista su un eeePC 901 e mi andava anche bene, poi scaduti i 30 giorni di prova l’ho tolto ma se fosse stato preinstallato me lo sarei tenuto volentieri.
    Seven lo sto testando abbondantemente su svariate configurazioni e devo dire che scala benissimo anche su hardware poco recente, anche su un pentium3 da 800mhz.
    Lo sto usando come unico OS al posto di XP sul notebook secondario, un vecchio Centrino (pentium-m 1,4ghz, 512MB di ram, readeon 9500 mobile) e sono veramente soddisfatto, non rimpiango per niente XP.
    Visto l’insucecsso nelle vendite che ha avuto Linux, con i produttori di HW che attendono con impazieinza il nuovo OS di redmond, non direi che Windows è in pericolo.

  • # 2
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Dire che Linux è piu leggero di Vista in termini generici senza specificare di quale distribuzione si sta parlando e come viene configurata non ha senso.

    Già, ma chi l’ha detto?

  • # 3
    sirus
     scrive: 

    Io questo successo strabiliante di Linux sui netbook non l’ho notato. La maggior parte dei netbook che vedo in facoltà è equipaggiata con Windows XP. Ovviamente tutto questo è dovuto a politiche di prezzo molto aggressive adottate da Microsoft che ha così limitato la diffusione di Linux anche sui netbook.
    Ad ogni modo sugli ultimi netbook (equipaggiati con 2 GB di RAM) ho provato Windows Vista e Windows 7 e direi che non c’è nessun motivo per utilizzare ancora Windows XP su questi prodotti. A breve la lotta sarà tra Windows 7 e Linux e credo che una politica di prezzi aggressiva da parte di Microsoft sarà applicabile più facilmente di quanto non lo sia ora.

  • # 4
    goldorak
     scrive: 

    Il problema per Microsoft non e’ tanto XP, Vista o 7 sui netbooks, quanto il prezzo che chiedono per la licenza oem. Come diceva qualcuno e’ finito il tempo di aggiornare il computer solo per il piacere (costo) di aggiornarlo. Oggi la maggior parte delle persone usa il pc ne’ piu’ ne’ meno come un elettrodomestico, e questo e’ tanto piu’ vero per i netbooks. Quindi ovviamente quest’ultimi hanno prezzi bassi (200-300 €).
    Ovviamente MS non puo’ chiedere 50 € per un licenza oem, rappresenterebbe il 25% del costo di un netbook. Una cosa assolutamente impensabile. Dare via XP/Vista/7 o a un costo ultra ridotto e’ una sconfitta tanto quanto se quei netbooks avessero linux preinstallato invece di windows.
    E il mercato dell’informatica che e’ cambiato in questi anni, e MS non ha saputo adattarsi con i prezzi.
    La MS pensa ancora in termini di desktop, il presente e futuro sono dispositivi mobili a basso costo.
    E per questo tipo di appliance il so non puo’ rappresentare il costo piu’ alto.

  • # 5
    Luca Faccin
     scrive: 

    “Microsoft: i netbook ci uccidono” -> Pazienza, ho fatto a meno di voi prima e non avrò problemi se morirete!…

    Scusate ma non ho resistito

  • # 6
    Ilruz
     scrive: 

    Ballmer non e’ uno scemo. Non ha paura di linux, ha paura del futuro android, altro che.

    http://www.internetnews.com/dev-news/print.php/10792_3788821_1

  • # 7
    Pietro R.
     scrive: 

    Già, ma chi l’ha detto?

    Quella era una mia analisi personale, non era riferito al tuo post ma piuttosto ai commenti che troppo spesso leggo sui forum, come questi due che ho trovato anche stamattina:
    “Linux fa le stesse cose di Vista usando meta delle risorse”
    “Perché spendere 2000 euro se Linux gira anche su macchine da 200 euro?”
    ._.

    Sono d’accordo sul fatto che Microsoft debba darsi da fare per recuperare il terreno perso, anche se penso che a lungo andare sia Linux quello che si trovera peggio.
    Linux adesso ha avuto un piccolo exploit solo perche nella linea di OS attuali di Microsoft c’era un buco e Linux ha provato ad occuparlo.
    Se Microsoft avesse fatto una versione Lite di Vista fin da subtio per i netbook probabilmente nessuna azienda si sarebbe mai butatta su Linux, forse al massino avrebbero fatto qualche esperiento di nicchia su qualche mercato ma non su larga scala.
    Con Seven Microsoft rimedierà all’errore di aver trascurao anche i sistemi low end e quindi non ci sara piu spazio per Linux.
    (Preciso che non ho niente contro linux, per certi aspetti mi piace anche!)

  • # 8
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Con Seven Microsoft rimedierà all’errore di aver trascurao anche i sistemi low end e quindi non ci sara piu spazio per Linux.

    Già, ma siamo sicuri che un prodotto commerciale possa competere ad armi pari con un prodotto gratuito, senza ricorrere a pratiche anticoncorrenziali? Mi spiego: nel momento in cui vedessimo due prodotti identici prezzati nello stesso modo, uno con un qualsivoglia OS commerciale, l’altro con un OS gratuito, non dovrebbe suonare un campanello d’allarme?

  • # 9
    Marameo
     scrive: 

    Steve Ballmer dovrebbe fare la stessa fine di Giovanna d’arco condannato per lo stesso identico motivo!

  • # 10
    milito
     scrive: 

    // Per avere un sistema basato su Linux che sia equiparabile a Vista come funzionalita e usabilita

    le à amico..
    cmq funzionalità ? bottone, si avvia, firefox, navigo, openoffice scrivo una lettera, stampo lettera, usb funziona, bluetooth funziona.
    Funzionalità è per caso l’icona trasparente del cestino, le directx 10 per i bimbiminchia ?
    no perchè allora dobbiamo riscrivere il vocabolario, oppure comprati la playstation 3.
    Usabilità ? chi usa un netbook non deve formattare dischi giorno e notte, reputiamo tutti così deficitari da non riuscire a trovare la cartella home ?

  • # 11
    beatoangelico128
     scrive: 

    Comincio a parlare di M$: Windows Vista e 7 a mio avviso sono troppo pesanti. Principalmente il sistema di gestione delle utenze/certificati che rende tutto pesante. Molti danno la colpa ad aero, ma in realtà non la penso così, provandolo a disattivare su un Wind, le prestazioni (io intendo carico di CPU,Ram R/W su disco) non cambiano di tantissimo. Ha anche un sistema di indicizzazione pesantissimo. Non so ancora perchè non si è sfasciato l’hard disk! Figuratevi se si mette su uno di quei delicatissimo SSD, che durano da Natale a Santo Stefano.
    Purtroppo Xp su queste macchine è l’unico prodotto m$ che gira decentemente; non sono io che lo dico ma l’intera comunità. Forse le persone che dicono il contrario avranno una loro personale visione della cosa o non l’hanno provato utilizzandolo come Os principale o non so io per quale masochistica ragione.

    Per quanto riguarda Linux. Io l’ho quasi sempre utilizzato, da quando avevo 14 anni (a 15 ho ricompilato il kernel per la 1a volta). Ovviamente usare distribuzioni come gentoo o procedure come la ricompilazione del kernel, non è utilizzare il pc, ma puro smanettamento, lo ammetto.
    Ci sono molti progetti vincenti ma ancora non completi ed amalgamanti fra loro.
    Ci vuole ancora tempo per creare una cosa leggera e bella da Vedere come OSX:
    quello si che ha quello che tutti vorremmo, grafica bellissima, librerie grafiche da capogiro, composito usato una spruzzatina per non pesare troppo sulla scheda video, utilizzo cpu in idle quasi sempre a 0 e 150Mb di RAM occupata al 1° avvio!!!! Questi sono basi da prendere in considerazione!!! E’ così’ che dovrebbe essere un s.o, non con quelle limitazioni, ma le cose che ho sopracitato dovrebbero averle tutte, senza esclusioni!!!!

    Spero in un futuro roseo, non per le aziende, ma per l’utente finale, che fin’ora ci ha solo rimesso!

  • # 12
    sabbia
     scrive: 

    @ Pietro R.

    “Per avere un sistema basato su Linux che sia equiparabile a Vista come funzionalita e usabilita bisogna usare una distribuzione coma OpenSuse e KDE4, che in termini di pesantezza è anche peggio di Vista.
    Dire che Linux è piu leggero di Vista in termini generici senza specificare di quale distribuzione si sta parlando e come viene configurata non ha senso.”

    Interessante, puoi indicarmi qualche link o dove hai reperito queste informazioni così preziose – che nemmeno la Microsoft usa, chissà perchè… – per dimostrare che il suo più recente SO e una qualunque distro Linux abbisognano delle stesse risorse hw o forse anche qualcosina in meno?

    Grazie infinite per la risposta che sicuramente sarà consona e quindi per la tua notevolissima e rigorosissima preparazione tecnica.

  • # 13
    FrAnKHiNrG
     scrive: 

    Strano che la M$ abbia il pepe al cu.o proprio ora che Google ha lanciato sil suo os mobile:)

    C’ho che spaventa M$ non è tanto Linux in sè…fino a quando esistevano 100000 distribuzioni diverse a loro andava bene e potevano dormire sonni tranquilli ma ora che Google ha lanciato il suo Linux (ricordo che Android è cmq basato su questo sistema opensource) iniziano a tremare.

    Si perchè si prospetta una piattaforma molto modulare, che può essere adattata sia allo smartphone che ai netbook (e chissà magari un domani anche notebook e desktop)…ma soprattutto una piattaforma UNICA.

    Per gli utenti quindi non ci sarà più bisogno di imparare mille modi di installare programmi o configurazre il proprio sistema (differenti oggi da distro a distro). Basterà imparare un solo metodo e via:D

    Da non sottovalutare poi l’elezione di Obama…che c’entra? C’entra c’entra. Sicuramente sarà un’amministrazione meno amica di quella Bush.
    E’ notizia di oggi che Obama ha incaricato la Sun di redigere unrapporto sui vantaggio dell’opensource…e questo preoccuperà non poco Ballmer & Co.

    Permettetemi di concludere dicendo: “W Obama e W l’OpenSource”

  • # 14
    Angelus
     scrive: 

    non ci vuole un genio: basta vedere la ram occupata e i tempi di avvio ubuntu vs vista per rendersi conto di quanto ubuntu é pesante.

    Ho adorato vector linux, e su un netbook dove non devo giocare sono anche io per distro linux; ma non venitemi a dire che a parità di funzionalità (voglio vedere un linux con riconoscimento automatico di sistemi biometrici, accelerometri, riconoscimento vocale che funziona al pari dei vecchi Naturally Speaking, gestione della rete con due click, firewall con regole diversificate a seconda della rete in cui ci si trova, Homegroup… quante cose fa linux in una distro come ubuntu di tutto questo senza impazzirsi?)

  • # 15
    dominick
     scrive: 

    Straquoto angelus,il non passaggio a distribuzioni linux-based è solo dovuto a pigrizia degli utenti, molto spesso, se sposti l’icona vanno nel pallone.
    Ma soprattutto molti utenti cercano la finestra colorata, trasparente e contornata da un DE fico a cui tralasciando l’usabilità, Gnome-KDE-XFCE… non sono ancora pronti.

    Parlo da utente GNU Linux e quindi per esperienza personale, ok utilizzare GNU Linux o chi per lui, ma se entri in azienda e devi utilizzare del software professionale o in contesti particolari, che dire…Microsoft regna ancora, ma per un netbook considerando l’hw e l’usabilità connessa penso che linux sia la scelta migliore.

  • # 16
    Itjad
     scrive: 

    @Angelus

    con ubuntu riesco a fare tutto quello che hai detto (tranne il riconoscimento vocale perchè non ho mai provato)…..

    Ho un Athlon64 939 2,1ghz con 1 gb di ram, in rete con altri 4 pc…..

  • # 17
    Lybra
     scrive: 

    Paura di Linux? ma per favore :D il 99% di chi ha comprato un netbook Linux è andato il giorno dopo a farsi mettere su la copia pirata di XP, dai lo sappiamo tutti ;)
    Se parliamo di numeri di vendite ok, ma la vera diffusione di Linux è molto inferiore alle vendite delle versioni Linux, senza contare poi che in Italia p ordini online o nei vari discount gli Eeepc,Aspire One e compagnia bella sono tutti ormai solo con XP

  • # 18
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Paura di Linux? ma per favore :D il 99% di chi ha comprato un netbook Linux è andato il giorno dopo a farsi mettere su la copia pirata di XP, dai lo sappiamo tutti

    Hai dati che supportino questa affermazione? O dobbiamo crederti sulla parola?

  • # 19
    Pietro R.
     scrive: 

    cmq funzionalità ? bottone, si avvia, firefox, navigo, openoffice scrivo una lettera, stampo lettera, usb funziona, bluetooth funziona.
    Funzionalità è per caso l’icona trasparente del cestino, le directx 10 per i bimbiminchia ?

    Quelli che da un OS si aspettano solo questo che continuino a usare Windows 95 o KDE2 allora, io voglio di piu.
    Tanto per dirne una: se vado sul menu avvio -> file recenti per visualizzare un grafico e mi compare una lista di file come questi:
    asd44j.jpg
    rte345.jpg
    ftre44.jpg
    fgrt99.jpg
    come faccio a ritrovare quello che mi serve senza aprirli tutti uno per uno?
    Da un OS moderno mi aspetto che quando posiziono il cursore sopra il nome dell’immagne mi compaia una thumbnail con l’anteprima, mi serve per velocizzzare il lavoro, altro che effettini per i bimbominkia.
    Uno che parla un quei termini non ha capito niente di usabilità.
    Per avere le stesse funzionalità che l’interfaccia utente di Vista offre su Linux bisogna ricorrere a KDE4 che di risorse ne usa parecchie, e su questo non ci piove. Se a te non interessano è un altro discorso, continua pure col tuo gnome minimalista, ma se vuoi fare dei confronti fra sistemi diversi li devi fare a parita di configurazine.

  • # 20
    Pietro R.
     scrive: 

    @ beatoangelico128:
    Ho usato intensamente Vista su molti sistemi e ho verificato che su hardware recente è molto piu performante di XP e linux mentre su hardware di fascia bassa ha prestazioni simili. L’ho usato quotidianamente su sistemi dotati di 512MB di ram quindi so bene di cosa parlo.
    Su questo video si vedono benissimo le ottime performance che raggiunge:
    http://www.youtube.com/watch?v=WXS-BfTGn7g
    La maggior parte di quelli che ritengono Vista lento sono gli stessi che credevano che usasse 800MB di ram all’avvio perche consideravano anche quella usata dal meccanismo di cache, che in realtà è come se fossse libera. Questi non sanno neanche di cosa stanno parlando, sono solo degli gnorri che si lasciano condizionare.

    L’indicizzazione invece è utilissima per chi usa davvero il PC, non ho tempo da perdere a cercare di catalogare migliaia di documenti che col tempo si accumulano e aspettare chissa quanto prima di trovare quello che mi serve.
    Su fedora c’è UpdateDB che viene eseguito da regolarmente e quando parte i dischi fissi macinano alla grande e tutto i sistema diventa inusabile, è mille volte peggio del sistema che usa Vista che lo fa in background solo quando il sistema non viene utilizzato.

  • # 21
    Pietro R.
     scrive: 

    Interessante, puoi indicarmi qualche link o dove hai reperito queste informazioni così preziose – che nemmeno la Microsoft usa, chissà perchè… – per dimostrare che il suo più recente SO e una qualunque distro Linux abbisognano delle stesse risorse hw o forse anche qualcosina in meno?

    Si puo sapere dov’è che ho scritto che Vista è piu leggero di *qualunque* distro Linux?
    Ho detto che se si devono fare dei confronti si fanno tra sistemi che hanno una configurazione simile e che hanno abilitate le stesse funzionalita: non si paragona Arch a Vista, ma OpenSuSe a Vista, altrimenti non ha senso.

  • # 22
    Pietro R.
     scrive: 

    Già, ma siamo sicuri che un prodotto commerciale possa competere ad armi pari con un prodotto gratuito, senza ricorrere a pratiche anticoncorrenziali? Mi spiego: nel momento in cui vedessimo due prodotti identici prezzati nello stesso modo, uno con un qualsivoglia OS commerciale, l’altro con un OS gratuito, non dovrebbe suonare un campanello d’allarme?

    Non credo che succedera. Conosco bene il mondo *nix, è da anni che seguo Linux e che lo provo in diversi ambiti, e mi sono convinto rimarra sempre un OS di nicchia. Per svariati motivi tecnici non è adatto al mainstream, l’open source non è sostenibile nel lungo termine e per la scarsita di servizi e assistenza. Il costo della licenza non è sufficiente a compensare le altre lacune.

  • # 23
    MadCat
     scrive: 

    Tornando ai netbook killer brutti e cattivi, direi che la colpa piuttosto e’ della politica di monopolio che pretenderebbe di mantenere la M$. Che Vista sia inutilmente pesante e’ cosa detta da chiunque sia minimamente competente. Una macchina relativamente moderna con 1 GB di ram, con una scheda grafica accellerata che sia supportata da linux permette di avere migliori effetti grafici di quelli con vista, utilizzando compiz o altro window manager equivalente. Sempre come confermano anche esperti Poi si puo’ utilizzare kde o gnome o altro desktop manager a seconda delle preferenze. Saluti MadCat

  • # 24
    andrea c
     scrive: 

    Come mai, appena ne hanno avuto la possibilità, i consumatori di netbook si sono buttati su win xp?

  • # 25
    Ferdy78
     scrive: 

    Ma io non riesco a capire il perchè dovete per forza di cose paragonare kde con i sistemi windows e dire kde è più vicino a windows, le distro che più si avvicinano a windows hanno kde 4 ma sono “pesanti allo stesso modo”.

    Qua vi sfugge che a parte i videogiocatori, WINDOWS A CASA, MA ANCHE IN REALTÀ LAVORATIVE CHE NON RICHIEDONO chissà quali sw, può essere tranquillamente abbandonato, anche usando una ubuntu (che è debian a portata di utente..o vi fa schifo pure debian???)
    senza per forza andare a sbattere la testa su un kde 4 ancora in pieno sviluppo.

    Ms Non può pretendere di continuare con queste politiche di vendita impositive, insuslse ed arroganti.E’anche l’ora che le persone aprano i propri orizzonti.

    SE è vero che Obama ha dato mandato a Sun (che vi ricordo produce un notevole sw Open di vitualizzazione…nonchè Open Office) di stilare vantaggi del mondo Open, è la volta buona che qualcosa di grosso sta per avvenire, del resto una azienda NON può permettersi di sborsare centinaia di € in licenze.

  • # 26
    Pietro R.
     scrive: 

    Questi “Esperti” che vengano a casa mia e mi spieghino come fa Vista a girare fluidamente su un AthlonXP 2000 con 756MB di RAM e una GeForce 5600, molto meglio di distro come Fedora, SuSe o Ubuntu.
    La verita è che non sono esperti ma dei ciarlatani, fanboy che vogliono far migrare la gente a Linux raccontando balle, tipo “passa a linux che è invulnerabile, non si deframmenta e va anche su PC di 20 anni fa”.

  • # 27
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Pietro R.
    Prima di dare del ciarlatano a chi la pensa diversamente da te – cosa tra l’altro non ammessa dalle politiche di questo sito – dovresti sforzarti di capire che elevare la propria esperienza personale a legge, ed addirittura arrivare a formularci su giudizi offensivi, non è accettabile nel contesto di una discussione civile e argomentata.

  • # 28
    Pietro R.
     scrive: 

    Ferdy78 micorosft non impone niente a nessuno, sono i produttori a scegliere windows perche è la soluzione migliore.
    Linux potevano metterlo gia anni fa se volevano senza che nessuno gli dicesse niente, ma non lo hanno fatto perche linux a quei tempi faceva schifo.
    Adesso ha raggiunto un livello decente, hanno provato a fare dei tentativi di proporlo ma non hanno avuto successo, le vendite dei sistemi basati su Linux infatti sono irrisorie (vedi Dell e ubuntu).

    Riguardo il costo delle licenze, quello rappresenta solo una parte marginale e si amortizza molto velocemente. E stato dimostrato da molti casi studio che il TCO di linux nelle aziende non è inferiore a quello di Windows.
    Le aziende comprano il SO assieme all’hardware, un PC da 400 euro con Windows preinstallato verra 420, è una percentale irrisoria. Inoltre i sistemi di microsoft vengono supportati per un periodo lunghissimo. Windows XP sara supportato fino al 2014, ben 13 anni. Non c’è nessuna distro che dura cosi tanto.

  • # 29
    sabbia
     scrive: 

    “Questi “Esperti” che vengano a casa mia e mi spieghino come fa Vista a girare fluidamente su un AthlonXP 2000 con 756MB di RAM e una GeForce 5600, molto meglio di distro come Fedora, SuSe o Ubuntu.
    La verita è che non sono esperti ma dei ciarlatani, fanboy che vogliono far migrare la gente a Linux raccontando balle, tipo “passa a linux che è invulnerabile, non si deframmenta e va anche su PC di 20 anni fa”.”

    Che strano ai ( > 20 ) pc con hw simile, con vista e una debian in dualboot a me succede il contrario… e di solito i clienti mi chiedono di rimettere XP e lasciare linux semmai (sic).
    ma io non sono un tecnico e sicuramente sbaglio qualcosa,
    Come ho detto prima, mi inchino alla tua incredibile competenza… ehh c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare sotto il sole e c’è sempre qualcuno fantastico che fa miracoli sotto il sole.
    Grazie per le informazioni e per la inarrivabile precisione.

  • # 30
    Pietro R.
     scrive: 

    @Alessio
    Quando MadCat dice:
    “Che Vista sia inutilmente pesante e’ cosa detta da chiunque sia minimamente competente.”
    mi sta dando indirettamente dell’incompetente, o no? di conseguenza gli rispondo a tono, altrimenti non avrei mai dato del ciarlatano a nessuno.

  • # 31
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Pietro R.
    C’è una differenza e riguarda la presenza o meno della parola “ciarlatano”. È una differenza che capisci benissimo e attorno cui è imperniata la politica di moderazione: nessun insulto diretto o tantomeno (non è il tuo caso ovviamente) parolaccia. Se avessi risposto “chiunque abbia un minimo di competenza sa che…” l’avrei trovato perfettamente accettabile.

  • # 32
    Peppe
     scrive: 

    “Conosco bene il mondo *nix, è da anni che seguo Linux e che lo provo in diversi ambiti, e mi sono convinto rimarra sempre un OS di nicchia. Per svariati motivi tecnici non è adatto al mainstream”

    Perché? Ad esempio Mac OS X è un sistema *nix parzialmente open source, eppure è totalmente “mainstream”. Linux non ha nessun motivo tecnico per non diventarlo.
    Già lo è per ambiti limitati (i netbook, di cui si parla in questo post) e tutti i segnali indicano che è sulla buona strada per esserlo anche in un contesto più generico (distribuzioni sempre più amichevoli).

  • # 33
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    OS X è il risultato di uno sviluppo coerente costato negli anni un ingentissimo investimento che la comunità open source, se non finanziata, non può permettersi.
    Canonical con Ubuntu sta facendo un ottimo lavoro, ma risultati paragonabili come coerenza dell’interfaccia e semplicità d’uso in ogni scenario non sono minimamente allo stesso livello – a partire dalla necessità ancora troppo frequente in Ubuntu, di fare ricorso alla linea di comando.
    Il parco software Linux non è inoltre gestito nello stesso modo in cui lo è quello di un OS proprietario il che, ahimè, contribuisce ad un’esperienza d’uso estremamente eterogenea così come è eterogeneo il livello di qualità.

    Viceversa i netbook rappresentano un’ottima occasione per Linux, innanzitutto perché sono dispositivi molto orientati alla semplicità d’uso e all’esecuzione di specifiche funzioni (vedasi in proposito l’interfaccia di eeepc e simili). Nella misura in cui l’utenza che acquista un netbook ha esigenze chiare e delimitate alle funzionalità presenti, Linux diventa un ottimo OS anche per il segmento consumer.

    Su alcuni versanti anche Linux per sistemi come eeepc ha ancora parecchia strada da fare, per esempio prima di raggiungere il livello qualitativo di una piattaforma come WindowsUpdate o il System Update di OSX.

  • # 34
    Notty
     scrive: 

    ma è sempre guerra fra linux e windows su tutto ? :-D

    ah… e che roba è M$ ? .. la malboro ?.. o qualcuno che usa linux ha la tastiera difettosa ? -.-”’

    cmq un netbok è l’idea per linux a patto di usarlo per quello che è .. un trabicolo piccoli ma maneggevole per andare in internet e leggere la posta e poco più.. mai mi metterei a usare excel o photoshop su un netbok anche avesse un i7 da 1000 euro installato.. il netbok ha altre carenze.. e non è il sw il suo problema..

    sarei proprio curioso di sapere se Microsoft è spaventata dal mercato netbok.. personalmente non ne vedo molti in giro da clienti e amici.. vedo più portatili e fissi che netbok.. al limite palmari.. ma sto mercato netbok a quanto ammonta ? il 5% del totale ?

  • # 35
    Fiber
     scrive: 

    il 90% della gente ha bisogno di computer da 4 soldi = da poca potenza perche’ deve navigare ,chattare guardare 2 dvx ed ascoltare gli mp3?

    forza che comprino degli apple a 2000€ che risparmiamo

    scusate ma nn ho resistito :-) :-)

  • # 36
    MadCat
     scrive: 

    X Pietro R
    ———-
    > Quando MadCat dice:
    > “Che Vista sia inutilmente pesante e’ cosa detta da
    > chiunque sia minimamente competente.”
    > mi sta dando indirettamente dell’incompetente, o no? > di conseguenza gli rispondo a tono, altrimenti non
    > avrei mai dato del ciarlatano a nessuno.
    ———-
    una domanda al Pietro R che si e’ tanto inalberato che cosa signiica essere incompetente
    in ambito informatico???
    Saluti
    MadCat

  • # 37
    gioggio
     scrive: 

    come al solito, queste discussioni vanno a finire in una gara fra chi ce l’ha più lungo fra linux e win, ma in questo caso il problema è un altro come correttamente segnalato nell’articolo: i margini praticabili su questo tipo di prodotto…

    MS non può applicare su questi prodotti i margini che applica per le altre licenze OEM perchè sarebbe un controsenso commerciale, quindi il suo fatturato è destinato ad erodersi proporzionalmente (almeno nel comparto OS) alla diffusione delle soluzioni netbook…
    se seven manterrà le promesse in termini di leggerezza non cambierà nulla: saranno costretti a venderlo con margini risicatissimi per riuscire a rimanere nella fascia di mercato dei netbook…

    ai pc sta succedendo quello che è accaduto ai cellulari: i tempi in cui si dovevano spendere centinaia di euro per i prodotti con funzionalità-base sono finiti…

  • # 38
    Massive
     scrive: 

    L’unica cosa che mi viene da dire è:

    FINALMENTE!!!

    Finalmente sono arrivati i netbook!

    Finalmente Microsoft sarà invogliata a migliorare la qualità e abbassare i prezzi!

  • # 39
    Baffman
     scrive: 

    Non vorrei vantare vista ma credo che la pubblicità negativa da cui è stato sommerso sin dai primi mesi dalla sua uscita è quasi totalmente ingiustificata, pensate solo alla pubblicazione di xp, quando volevo comprarlo per rimpiazzare il compianto 2k tutti i tecnici con cui ho parlato (a quei tempi ero un utonto) pensavano che fossi matto. Mi dicevano cose tipo: “Xp è un mattone, tieni 2000, quello si che è un buon s.o.”. Ora sta succedendo più o meno la stessa cosa e alla Ms hanno capito che non basta più raddoppiare il numero di pietre per fare una casa più resistente (un pò in ritardo forse). Anche se seven sarà solo un vista più leggero, Ms avrà cmq fatto centro anche solo per aver invertito la tendenza al “se è complesso deve per forza essere un mattone”. Tendenza che a mio avviso è molto meno sentita in campo linux, perciò è lecito aspettarsi che questa volta il mondo opensource giocherà alla pari con la Ms, a tutto vantaggio di noi consumatori. Proprio per questo abbiamo di che gioire delle paure di ballmer, verrà profuso più impegno nello sviluppo di seven. A proposito di gnome: su quali basi viene definito minimalista? Con pochi click è possibile ottenere una copia (almeno visivamente) di aero, anche se 2 volte più leggera e con il doppio delle funzionalità…

  • # 40
    goemon
     scrive: 

    è chiaro che microsoft ( e intel! intel aveva quasi pronto l’atom, ma per dispositivi tipo palmari, da loro denominati MID) con origami e simili puntava a margini di profitto elevati… un similpc tipo i netbook era qualcosa che volevano in tanti da tanto tempo (sony ux 40-50, hp jornada, nec mobile pro erano costosi ma appetibili..)

    complimenti ad asus (anche per l’uso di linux) spero mantenga quote di mercato

    quest’anno (dopo le meraviglie tablet, ma già gigabyte aveva immesso nel mercato jappo un modello di questo tipo) vedremo la lotta nell’hardware della piattaforma, nvidia e amd (il cui ceo in questi giorni ha rilasciato delle interessanti informazioni sul loro prossimo processore yukon: stessa piattaforma netbook e notebook

    PS bellissimo quello di sony ma col modello base a 999E e 600gr di peso ci rientra quasi di striscio nella categoria

  • # 41
    ZioTom
     scrive: 

    Quello di cui Ballmer ha paura sono i prossimi Netbook con processore diverso da x86 dove Windows non potra’ girare… In quel caso l’unica alternativa possibile sara’ usare Linux.

  • # 42
    Daniele
     scrive: 

    Caro ZioTom ti quoto in pieno :)

  • # 43
    Paul
     scrive: 

    il problema è che quei geni della microsoft si sono divertiti ancora una volta a fare un sistema pesante e completamente inaffidabile (specie con i giochi che nonostante gli aggiornamenti e i componenti migliori continuano a girare peggio che con xp) che richiede come al solito cpu enormemente piu pesanti per farlo girare discretamente e a che prezzo?? a 499€ per un sistema che non è lontanamente paragonabile a XP che lo batte come leggerezza e affidabilità!!

    di linux sui portatili li ho visti solo nella facolta di informatica della mia università (che ospita il “club” linux cittadino) e devo dire che se ubuntu lo facessero meno dipendente dalle linee di comando sarebbe veramente un enorme e valida alternativa a windows (io vorrei un ubuntu (o cmq una distro linux in generale) che puoi scegliere la strada della linea di comando o il sistema semplice di installazione come su windows in modo da accontentare tutti)

    spero che windows 7 sia molto piu leggero del vista e possa girare anche su cpu molto meno potenti e vecchie (proprio come ubuntu che mi gira su un portatile amd xp 1,2ghz) e che recuperi la figura di m…. che vista ha lasciato (secondo me il peggior capitolo della storia microsoft) soprattutto per le aziende che dalle mie parti lo evitano a priori!!

  • # 44
    bopalo
     scrive: 

    Sinceramente credo che Gnome sia molto piu’ leggero ed usabile di KDE4, e’ solo questione di abitudine trovarcisi bene o no. Ho un notebook con Vista che preferisco non disinstallare perche’ e’ corredato di numerose utility proprietarie, ma sul mio desktop ormai mi trovo cosi’ bene con Linux che non vorrei mai piu’ tornare indietro. Si, e’ vero, nessun operativo e’ invulnerabile, tanto meno linux, ma e’ una veria goduria usare un sistema privo di antivirus e firewall petulanti da tanti anni e non aver mai avuto un problema che fosse uno. Microsoft adesso deve affrontare per la prima volta nella sua vita di azienda in posizione dominante un minimo di concorrenza e non essendoci abituata sta correndo ai ripari fornendo agli utenti finalmente un sistema operativo facile e veloce da usare senza tante features truffaldine che alla fine gli si sono ritorte contro (e infatti non le hanno messe in windows7, ah bene la concorrenza). Ovvio che sono dispiaciuto per i dipendenti microsoft licenziati, ma sono convinto che la concorrenza crei comunque piu’ posti di lavoro rispetto ad un solo produttore di qualsivoglia cosa. La concorrenza fa solo bene al mercato.

  • # 45
    Baffman
     scrive: 

    Ancora con lo spauracchio della linea di comando… chiunque può installare ubuntu, aggiornarlo, installare programmi, giochi, andare su internet, lavorare, ascoltare musica, vedere dvd, insomma fare (più o meno) quello che vuole senza mai aprire una sola volta il terminale. La shell esiste per chi vuole smanettare, approfondire le sue conoscenze o semplicemente fare il “figo” (io rientro in tutte e 3 le categorie). Di sicuro un vero appassionato di linux preferirà sicuramente scrivere comandi a mano, ma l’utente casual può anche farne a meno (almeno con ubuntu).

  • # 46
    caffeine
     scrive: 

    pietro hai mai usato opensuse? no vero?
    installato opensuse 11.1 con kde4 su un eeepc con celeron 900 mhz e grafica integrata e 512mb di ram, e va benissimo…. con 1gb di ram è una scheggia…

    uno dovrebbe studiare le cose, prima di parlarne….

    kde usa librerie che verranno (o forse gia’ vengono) usate da nokia per cellulari, le stesse identiche librerie, non è che esiste la versione mobile e la versione computer…. sono le stesse…

    e kde4 è una scheggia come velocita’

    cosi’ come chi dice che gnome è piu’ leggero… si vede che non hai mai fatto prove vere… gnome è solo piu’ scarno…. un MEMBRO DELLO STAFF GNOME fece un benchmark tra gnome e kde3 (il 4 è molto piu’ leggero del 3) e risultato, kde3 anche se di pochissimo, vinceva in vari test come velocita, cmq nella maggior parte erano pari….
    se cercate in giro si trova questo benchmark
    qui vediamo come XORG sia molto piu’ esoso su gnome che su kde
    http://spooky-possum.org/cgi-bin/pyblosxom.cgi/kdevsgnome.html

    qui invece vediamo un vecchio test
    http://ktown.kde.org/~seli/memory/desktop_benchmark.html

    http://www.techenclave.com/open-source/kde-4-the-lightest-desktop-yet-114725.html
    ma usano un kde4 ancora kd 4.0 quindi praticamente ancora “instabilissimo” infatti dal passaggio a 4.1 c’è stata una rivoluzione sia in stabilita’ che performance

  • # 47
    Fiber
     scrive: 

    @Paul:

    ecco che Vista installato pulito e senza crapware gira anche su Netbook con CPu Intel Atom 1,6Ghz single core dalla potenza irrisoria:

    http://www.youtube.com/watch?v=UlEtKIwUVos&feature=related

    http://www.youtube.com/watch?v=zH2-dUN7NpQ

    se poi non siete proprio niubbi e sapete stoppare 5 o 6 servizi che nn vi servono da gestione servizi arriva ad occupare anche 400Mb di ram nvece che 470mb..( superfetch escluso ovviamente )

    quindi io dire che prima di dire fesserie in rete e poi diffamare le cose per sentito dire provate sulla vostra pelle..fa sempre bene

  • # 48
    Notty
     scrive: 

    Paul non so a che giochi giochi tu.. ma i ocon vista non ho problemi a giocare.. e fra l’altro ho vista 64 bit .. neanche il 32.. eppure ci gioco..

    forse tu non sai installarlo ? :-D

    serve potenza per usare giochi su vista ?.. perchè crysis su linux viaggia con cosa.. un PIII ? …

    giusto per capire.. perchè io non ho notato tutta questa differenza.. i giochi che andavano veloci prima lo fanno anche adesso.. quelli lenti prima lo sono anche adesso.. (a dire il vero adesso non va niente lento grazie alla GT280..) .. vista lento e pesante.. mi pare di parlare della mia automobile non di un OS :-D

    inoltre.. è così importante lo spazio che occupa l’OS o è più importante quello che si fa con gli SW installati ?..

    io personalmente non lavoro con l’OS.. ma con gli applicativi che installo..

    o siamo ancora al ’86 quando si faceva a gara a chi sapeva usare meglio himem.sys ?….

    o signur…

  • # 49
    Mike
     scrive: 

    Su netbook il miglior sistema operativo É e resta sempre una distro Linux, semplicemente perchÉ si fa tutto quello che si fa su windows come produttivit personale, web ed usi comuni, con un sistema operativo che il + delle volte risulta essere * leggero di win e completamente gratuito. Quella di Micrsoft la vedo + come una bella strategia di marketing per giustificare il riassetto interno e addossare la colpa dei licenziamenti a linux e quindi danneggiandone l’immagine. Tuttavia i netbook da quanto letto non hanno levato fascie di mercato ai notebook e siccome É quasi impossibile trovare un netbook dove non giri xp, io direi che ci hanno solo guadagnato vendendo un vecchio s.o. per questi dispositivi. Ovvero un qualcosa in + e non in meno. E i problemi commerciali di vista non riguardano certo i netbook ma i pc in generale dove una gran fetta di utenZa predilige di gran lunga xp. Solo un bambino credulone crederebbe ciecamente a questa mera travata di marketing onestamente.

  • # 50
    bopalo
     scrive: 

    Quoto in pieno Mike!
    Adesso alla Microsoft dicono:
    “I netbook ci uccidono”
    Ma da che pulpito viene la lamentela! loro che hanno distrutto aziende intere con le loro politiche aggressive e con il potere dei loro capitali immensi grazie anche al favore dei politici che l’hanno aiutata a salvarsi la pelle dalle numerose cause antitrust. Se Microsoft perde quote di mercato sara’ una vera occasione per nuovi posti di lavoro e sana concorrenza nel mondo dell IT. Concorrenza significa anche vera innovazione.

  • # 51
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    mah veramente i netbook hanno cominciato a vendere da quando è arrivato Windows. Per quanto riguarda Vista alcuni modelli ne sono dotati e in ogni caso il prolungamento del supporto per OEM da parte di MS per XP (anche embedded) consente di arrivare alla presentazione di Seven che si annuncia rivisto in diversi aspetti per permetterne un utilizzo più efficace anche su dispositivi come i netbook.

  • # 52
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    arieccoci con la solita solfa -_-…voi che parlate di poca innovazione potreste fare la cortesia a tutti gli altri (che magari vanno oltre gli stereotipi e qualche documento lo leggono) di andare a vedere i progetti rilasciati da Microsoft Research in questi anni e anche la storia se possibile di alcuni dei prodotti.
    Ma così eh, tanto per andare sul concreto e meno sui luoghi comuni. Per quelli ci sono i bar, per esempio.

  • # 53
    bopalo
     scrive: 

    Arieccoci con il solito fanboy.
    L’innovazione non si puo’ misurare se c’e’ un solo produttore a prescindere dai brevetti. E’ OVVIO che un qualunque prodotto progredisce DI PIU’ se ci sono piu’ teste pensanti che lavorano con diverse filosofie e sono tutte presenti sul mercato. E’ cosi’ banale che quasi mi vergogno a dire che la competizione stimola l’ingegno. Insomma mi sono stufato anch’io dei soliti discorsi da bar e le sciocche difese al nababbo di turno.
    Basterebbe pensare a cosa sarebbe il mondo dell’auto se Fiat avesse il 95% del mercato.

  • # 54
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    anche l’accusa di fanboy è un classico su cui chi non ha argomentazioni di sostanza cerca di appigliarsi. Niente di nuovo e basterebbe leggere gli articoli dove si dimostra il contrario i link li hai a destra in ogni caso e gradirei li leggessi gli articoli visto che mi attribuisci epiteti senza conoscermi.
    Punto primo.

    Punto secondo, visto che già so che tu non abbia né alba né voglia di leggerti alcunché (il fanboy o il reverse-fanboy come lo chiamo io, cioè quello che disprezza a prescindere seppur poi magari compri), ti cito solo Singularity o Surface, un paio di progetti piuttosto grossi e decisamente innovativi sulla scena.
    Senza contare per esempio che il discorso dei privilegi e permessi tanto decantato per Linux/Unix è in realtà (o almeno era) estremamente meno flessibile e granulare delle ACL introdotte con la famiglia NT di Windows (stiamo parlando di eoni fa).

    Detto questo, sul discorso competitivo hai perfettamente ragione, ma d’altra parte se il mercato ha scelto in modo netto non è certo solo perché alla Microsoft sono stati più furbi e lungimiranti dei concorrenti ma anche perché hanno offerto semplicemente quel che voleva la gente: semplicità e coerenza.
    Quel che Linux che tanto affermi sia l’ideale per i netbook non è riuscito (ahinoi) a dare.
    E lo testimoniano i numeri non le difese d’ufficio di Tizio o Caio.
    E in ogni caso seppur i numeri siano sproporzionati, questo non significa affatto che non si innovi per il semplice motivo che è un settore in cui nessuno può prendersi il lusso di rimanere fermo.
    Ci sono prodotti + o – validi ma si innova sempre e questo vale anche per Microsoft.
    Basterebbe solo citare i progressi fatti in campo mobile dalla versione 2002 di WindowsMobile o per Windows Server che ha eroso discreto mercato alle controparti Unix…oppure nello sviluppo dove Visual Studio è attualmente una delle migliori se non forse la miglior suite nel suo genere.
    Questi sono fatti e ci sono i numeri a comprovarlo.

    Il resto sono chiacchere e stanno a zero, comprese le tue. Ed almeno qui su AD, visto che cominciano a ripetersi ciclicamente (ri-ahimè) ogni qual volta si citi un X marchio che a taluni non va a genio, cominciano anche a stufare. Informatevi, prendete conoscenza di quel che affermate e poi se ne può riparlare, altrimenti è “pour parler” generico che non serve a niente…e tanto vale discutere di moviolone e futilità di vario tipo.

    Ah e non entro neanche nel merito delle vicende sull’Antitrust, perché dopo i recenti episodi dell’UE che ben pensa di spendere le proprie energie per una multa a causa di Internet Explorer quando ci sono cartelli, interessi e magna-magna intorno al settore delle telecomunicazioni (anche nostrano) che sì bloccano l’innovazione e così palesi da far vergognare anche chi si disinteressa della cosa.

    P.S.: i brevetti non hanno nulla a che fare con l’innovazione nel nostro discorso. Tanto più che in Europa il software patenting sembra per il momento arginato per cui non ci azzecca nulla. Si innova perché così chiede il mercato non per depositare un nuovo foglio all’ufficio Brevetti.

  • # 55
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Bopalo
    Cerchiamo di mantenere la discussione sulla materia tecnica, non c’è alcun bisogno di entrare sul personale. Grazie.

  • # 56
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Non voglio entrare nel merito della solita disputa XP vs Vista, per la quale eventualmente vi rimando al mio post. http://www.appuntidigitali.it/2998/vista-vs-xp/

    Vorrei lanciare uno spunto di riflessione: di Vista (così come delle più evolute GUI di Linux) sui netbook c’è bisogno? In altri termini, delle innovazioni che porta Vista in termini visuali – al pari delle ultime release di KDE – che sono quelle che poi tassano di più l’hardware, c’è bisogno su sistemi che nascono per occupare il segmento netbook?
    Ne deriva la seconda domanda: non si rischia di snaturare il concetto stesso di netbook (basso prezzo, prestazioni general purpose accettabili), per portarne l’hardware all’altezza dei requisiti di Vista/KDE4?

  • # 57
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    Parere personale: più scelta c’è, meglio è, così l’utenza può decidere serenamente che cosa comprare.
    Anche perché la varietà di modelli e marchi è talmente ampia che davvero c’è spazio per tante piattaforme diverse (magari un Android nel futuro).
    Detto questo Vista non è probabilmente indicato per un uso di questo tipo. Manca la commercializzazione di una versione “minimale” (una sorta di XP Embedded) ed è il motivo per cui Microsoft si sia trovata come ben spiega l’articolo nella situazione di aver un conflitto in casa: da una parte l’esigenza di spingere il nuovo prodotto (Vista) e dall’altra l’esplosione del fenomeno netbook che ha richiesto la presenza di XP.
    Sottolineo la parola richiesto perché è stato il mercato a chiedere la presenza dell’OS Microsoft.
    Se non fosse stato così e se non ci fossero stati una serie di costi a favore dell’adozione dello stesso rispetto a Linux (il costo per licenza di volumi di quel tipo ha un’incidenza minima rispetto a quanto possa costare a un privato) state tranquilli che non l’avrebbero utilizzato.
    Ed ecco spiegato un (altro) fallimento di Linux nella pretesa di diventare competitivo al pari Win e MacOSX.
    Dura lex sed lex.

    In ogni caso come avevo scritto anche su un articolo di qualche tempo fa, prevedibilmente la data della commercializzazione di Seven avrà luogo nel 2010 (metà, difficilmente prima, forse inizio 2011), periodo durante il quale verrà ancora venduto XP in versione OEM, la cui vita è stata prolungata appositamente proprio per i netbook.
    E da quanto sembra Seven è davvero ben fatto sul fronte dell’uso delle risorse…per cui c’è di che sperare :)

  • # 58
    bopalo
     scrive: 

    x Alessio Di Domizio

    A mantenere i toni non sul personale doveva pensarci prima quel tizio che ha cominciato per primo con “arieccoci con…..” ed ha proseguito con “…chiacchiere da bar”, al quanto irritanti. Che non ci hai fatto caso? Poi mi si accusa anche di non aver argomentazioni quando ne ho portata una validissima: “il 95% del mercato in mano a una compagnia”. Piu’ ovvio di cosi’!
    Poi mi riferisco non alle ultime vicende europee alle quali, tra l’altro do ragione a Microsoft, ma a quelle passate, quando durante il Clinton la suddetta azienda stava per essere smembrata e riesce a salvarsi successivamente solo grazie all’aiuto del “per niente guerrafondaio e eticamente intatto ” Bush.
    Non sono nemmeno d’accordo sul fatto che linux non sia riuscito a fare molto. A mio parere questo sistema operativo, nonostante il boicottaggio di quasi tutte le aziende costruttrici di hardware e software (boicotaggio magari anche legittimo, visto che le aziende non stanno a fare prodotti per la gloria) e’ riuscito a ritagliarsi alcune fette di mercato in vari settori. Un’azienda come microsoft, con una presenza cosi’ invadente e con capitali cosi’ assurdi, non puo’ che inquinare il mercato della normale concorrenza. Non e’ questione di “non esser riusciti od altro…”. Non sara’ mica che solo alla Microsoft lavorano “geni” ed il resto del mondo e’ popolato da ritardati! Prova di quanto anche “l’odore” di un minimo di concorrenza non possa far altro che bene lo e’ sicuramente Windows 7 che si presenta come un prodotto molto valido al contrario di quel “a mio parere” pessimo prodotto che e’ stato Vista che sembra proprio che la microsoft volesse dire: ….e adesso “Vista” ve lo puppate lo stesso, e non potete farci niente perche’ ve lo ritrovate installato su ogni PC nuovo, e persino su qualche netbook!”

  • # 59
    Jacopo Cocchi
     scrive: 

    ” x Alessio Di Domizio

    A mantenere i toni non sul personale doveva pensarci prima quel tizio che ha cominciato per primo con “arieccoci con…..” ed ha proseguito con “…chiacchiere da bar”, al quanto irritanti.

    “quel tizio” sarei io, bopalo, e mi puoi dare anche un nome e cognome visto che IO mi firmo con nome e cognome.
    E per quanto ti irritino, sono chiacchere da bar perché fondate su stereotipi.
    Io questo ho contestato non l’interlocutore (cioè te), cosa che hai fatto tu quando mi hai dato del fanboy e basterebbe leggersi gli articoli per capire ilcontrario.
    Ma è molto più facile additare la persona con cui si discute senza poi verificare i fatti.

    Detto questo, io non discuto il fatto che Microsoft abbia quelle percentuali di mercato e mi pare di averti dato ragione sul fatto che se fossero equilibrate forse ne trarremmo vantaggio anche noi consumatori (mi sembra ovvio e l’ho scritto più volte in alcuni articoli).

    Quello che contesto e quel che secondo me SI’ sono chiacchere da bar è l’assioma “posizione dominante allora non si innova”: è una stupidaggine.
    Ti ho citato una serie di prodotti, ricerche a tu fra l’altro non hai minimamente risposto (sarà un caso?) che dimostrano ampiamente il contrario.
    Ma per quanto tu faccia finta di non vederli, esistono e sono parte del progresso compiuto in campi dove la Microsoft non eccelleva affatto (esempio nei dispositivi mobili)

    “Non sono nemmeno d’accordo sul fatto che linux non sia riuscito a fare molto. A mio parere questo sistema operativo, nonostante il boicottaggio di quasi tutte le aziende costruttrici di hardware e software (boicotaggio magari anche legittimo, visto che le aziende non stanno a fare prodotti per la gloria) e’ riuscito a ritagliarsi alcune fette di mercato in vari settori. Un’azienda come microsoft, con una presenza cosi’ invadente e con capitali cosi’ assurdi, non puo’ che inquinare il mercato della normale concorrenza. ”

    Perfetto è una tua opinione. Ma anche qui parlano i numeri e le chiacchere sono irrilevanti.
    Se andiamo a vedere il trend commerciale (e di questo si parla perché quando affermo che Linux non ha fatto progressi significativi mi riferisco alla diffusione), ha guadagnato minime percentuali di mercato. Si parla di decimi di percentuali in anni di presenza.
    Nulla. Meno di MacOSX che pur è legato a macchine Apple.

    “Non sara’ mica che solo alla Microsoft lavorano “geni” ed il resto del mondo e’ popolato da ritardati! Prova di quanto anche “l’odore” di un minimo di concorrenza non possa far altro che bene lo e’ sicuramente Windows 7 che si presenta come un prodotto molto valido”

    No ci sono sviluppatori e team validi anche nelle altre società e d’altra parte Google come l’ha conquistata la sua posizione? Firefox non ha eroso il 20% del mercato a Microsoft che pur lo deteneva con IE?
    Questi casi dimostrano il fatto che seppur da una posizione dominante, i prodotti validi nella maggiorparte dei casi vengono premiati dal mercato indipendentemente dai concorrenti.
    Per quanto riguarda Windows7 sbagli il ragionamento.
    Non è “l’odore della concorrenza” a portare a Seven ma il fatto che Vista non sia stato percepito come un buon prodotto (ed abbiamo scritto fiumi d’inchiostro in proposito per cui ti invito a leggere articoli passati) nonostante non sia affatto malvagio e porti diverse innovazioni. Tanto che a livello di kernel sostanzialmente non cambia molto da Vista a Seven stesso.
    Ma le impressioni e il costo di sviluppo enorme hanno portato Microsoft a rivedere alcune strategie e così è stato.
    La pseudo-concorrenza di Linux e MacOSX non hanno nulla a che fare con questo percorso checché ne dicano i detrattori.

  • # 60
    Fiber
     scrive: 

    @Bopalo

    Bopalo scrive:

    he bene lo e’ sicuramente Windows 7 che si presenta come un prodotto molto valido al contrario di quel “a mio parere” pessimo prodotto che e’ stato Vista che sembra proprio che la microsoft volesse dire: ….e adesso “Vista” ve lo puppate lo stesso, e non potete farci niente perche’ ve lo ritrovate installato su ogni PC nuovo, e persino su qualche netbook!”

    ______________________________________________________

    Capisco che all’inizio Vista possa aver dato dei problemi per il fatto che e’ un OS col kernet riscritto da capo e non una modifica del kernel di XP e predecessori cosi’ come su Vista e’ stato adottato un nuovo Driver Model quindi il fatto che nel primo anno ci possano essere stati problemi di gioventu’ TOTALI e di driver mal compilati DAI PROGRAMMATORI per i device etc ( e non da Microsoft) puo starci ….ma continuare a dire che anche ad oggi Vista col SP1 ed i driver aggiornati e finalmente programmati nel modo giusto (per piu esperienza dei programmatori sul nuovo driver model ) piu i relativbi software aggiornati ed ottimizzati per Vista , dicevo continuare a dire che Vista AD OGGI e’ ancora un prodotto non riuscito perdonami ma sta facendo una disinformazione totale ( ed questa disinformazione che a sput.tanato il nome Vista) come tutti quelli che leggo su tutti i forum internet , Hwupgrade compreso che senza mai aver provato Vista SP1 installato pulito e senza fronzoli/skifezze preinstallate = crapware ed i driver aggiornati continuano a parlare PURTROPPO a vanvera e solo per sentito dire dal passaparola letti su altri Forum

    Chiunque di questa gente scriva sui forum dice baggianate come ad esempio: Vista fa skifo perche’ occupa 1GB di ram all’avvio non sapendo che Vista installato e con tutti i servizi attivi di default che apportano nuove features ( che poi servano a tutti o non servano sono altre questioni personali) dicevo si continua a dire stupidate del genere senza sapere che Vista in se come OS occupa circa 470Mb di ram ed il resto e’ il precaricamenteo di Superfetch che in base poi alle richieste di ram di applicazioni aperte rilascia o riprende la ram su opportuna esigenza = quinidi se la genstisce ..( servizio superfetch che si puo’ anche disattivare da gestione servizi per chi non lo volesse )

    Quindi se Vista occupa 470Mb di ram e si hanno 2 GB di ram installi sulla macchina (35€) rimangono poi 1,53GB di ram disponibile per i programmi quindi Vista di per se’ come puro OS funziona sia con 1GB di ram che con 2GB di ram.. avere piu’ ram serve solo per poi lavorare meglio con piu’ programmi aperti in simultanea ( multitasking) e non perche’ altrimenti Vista non funziona come vedo scrivere dappertuto su internet da chi sa’ poco nulla di informatica

    Ecco queste ,solo per fare degli esempi,sono la piu’ totale e completa disinformazione che regna sovrana su internet .Quindi vi pregherei prima di continuare a scrivere che Vista e’ un prodotto mal riuscito anche ad OGGI dopo il SP1 ,le pacth sistemative ed i driver aggiornati e senza sapere nulla ,di informarvi almeno su come funzionano le cose e di pensare invece a cosa era Windows XP prima del SP1 = una tragedia totale tantoche il95% delle aziende non sono passate ad XP prima del SP2 ( anche perche quando si cambia OS poi si rinnova anche il parco macchine e quindi il tutto e’ anche prettamente legato da un discorso di scelte commerciali/economico aziendali )

    I problemi di XP prima del SP1 ve li siete dimenticati mentre ora va di moda solo sparar boiate su Vista perche’ e’ argomento attuale..

    cercate di essere obbiettivi una volta tanto

    Win7 non e’ altro che Vista SP3 con nome cambiato per colpa di chi su internet ha danneggiato il nome Vista ed alla gente ora per i sentito dire non gli si riesce piu’ a togliere dal cervello questa cantilena per autoconvizioni e vari passa parola

    Quindi nuovo nome a Vista cn Win7 , lavaggio del cervello .servizi scalabili in automatico e che si attivano in ram solo se se ne ha bisogno, per farlo diventare piu’ leggere per i NetBook ( per chi nn sa stoppare i servi a a mano ) ed ecco che la gente iniziera’ PER SENTITRO DIRE anche stavolta a pensare che WIn7 e’ la vera rivoluzione senza capirci quasi niente come al solto

    si parla solo pee sentito dire ed alla M$ alla fine hanno capito come muoversi di furbizia per annientare le diffamazioni/disinformazione attuate in rete da chi ha in mano il computer ed una connessine ADSL e capisce purtroppo poco nulla di queste cose ma parla troppo senza ragionare

  • # 61
    Gianluca
     scrive: 

    Ragazzi il vostro atteggiamento non mi piace per nulla avete da ridire su Linux che grazie a Dio è open source e ci dà ancora il diritto a tutti di avere un Os sulle nostre macchine??? Ma per piacere queste arringhe difensive per un azienda che ha sempre lucrato di idee altrui non le condivido proprio, se Microsoft un giornò crollerà sarà la realizzazione di un piano storico nient’altro………la gente s’è rotta le scatole con queste prese per il cu….

  • # 62
    Windows 7 per netbook: limitazioni inaccettabili? - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] ha poche settimane fa sottolineato con forza le diseconomie che il fenomeno netbook ha generato nei suoi bilanci, principalmente nei termini di […]

  • # 63
    Microsoft scatena la guerra del prezzo contro Apple - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] questo discorso è escluso il segmento netbook, che comporta un inevitabile abbassamento dei margini per MS, costringendola a vendere a prezzo scontato OS di vecchia generazione o – come pare sarà il caso […]

  • # 64
    Moblin: su netbook si prepara uno scontro Intel - Microsoft? - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] come i netbook può far valere costi molto competitivi – è dunque riuscita, ma a costo di una sostanziale riduzione dei margini per licenza […]

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.