di  -  martedì 13 gennaio 2009

Tesla Roadster Sport
Della Tesla Roadster avevamo già parlato. La giovane azienda costruttrice di auto sportive è stata la prima a capire che per vendere un’auto elettrica non bisogna sottolinearne la diversità dal resto del mercato, ma mostrare una linea di continuità con le cugine a combustione interna, accentuandone i punti di forza.

Le auto ordinate dalla sua presentazione sono più di mille, ma ne sono state prodotte circa 150. Nonostante la difficoltà a soddisfare gli ordini, anche i piani alti di Tesla Motors parlano di crisi, nella speranza forse di attingere, insieme ai colossi del settore, ai fondi fondi pubblici che i giganti del settore auto statunitense stanno chiedendo insistentemente.

Nel frattempo il progetto si evolve e si migliora e arriva la versione Sport, con nuove sospensioni, aerodinamica e una curva di coppia migliorata per il motore. Sale anche il prezzo naturalmente.

Alla (tutto sommato) modica cifra di 112.000 euro (tasse escluse) ci si può portare a casa il nuovo allestimento, dedicato a chi vuole correre davvero. Le modifiche iniziano già dalle gomme di primo equipaggiamento, che qui sono delle Yokohama UHP, passando per le sospensioni, che ora sono regolabili manualmente e beneficiano di barre anti-rollio irrigidite.

L’aerodinamica è stata rifinita con lo scopo di diminuire l’attrito e, insieme a un motore con potenza massima invariata ma con un’erogazione della coppia migliorata e appiattita, garantisce prestazioni sempre più ai vertici. Se la Roadster standard otteneva già un ottimo 3,9s da 0 a 100, la Sport abbassa ulteriormente il dato a 3,7s.

Chissà magari questo allestimento è stato proposto per rispondere al preparatore tedesco Brabus, che qualche mese fa presentò un’abominevole tuning della Tesla, che non apportava alcun miglioramento stradale e prestazionale, ma che aggiungeva neon e led blu a casaccio e l’emulazione di un V8 tramite un impianto audio installato nell’abitacolo appositamente: imbarazzante.

8 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Ilruz
     scrive: 

    Leggendo in giro su internet, ho capito che la tesla ha aperto uno stabilimento per la produzione di berline “familiari”, che e’ costato fin’ora 140 milioni di euro, prima ancora di rientrare dei costi delle vetture sportive: facendo i conti della serva – con 850 vetture sportive da consegnare, al prezzo di circa 100.000€ cadauna, hai un fatturato di 85 milioni di euro; gia’ questo suona malino!

    L’amiga delle automobili?

  • # 2
    tmx
     scrive: 

    sì, ma dopo quanti km la si ammortizza per l’ambiente? (per la prius ci vogliono almeno 80.000 km se no è INUTILE comprarla) E soprattutto dove caxxo la ricarichi quando sei in giro? la lobby del petrolio fa un buon lavoro in questo senso e lo rende difficile se non impossibile… massì lasciamo perdere e facciamoci venire tutti il cancro, così saran contenti…

  • # 3
    Stefano
     scrive: 

    Avevo letto che davano 400 KM come autonomia.
    Non male per un’auto elettrica con queste caratteristiche.
    Certo, per ora, devi ricaricare nel box privato ma 400 non sono poi pochi :-)

  • # 4
    nuovoarrivato
     scrive: 

    ho letto (non ricordo, quattroruote, boh?) le impressioni chi l’ ha provata: a parte la partenza da missile (grazie a tutta la coppia motrice subito disponibile), e l’ assenza di cambio (o meglio di rapporti superiori, c’è solo la retro), la cosa che più li ha lasciati disorientati è stata l’ assenza di rumore in marcia!!

    Deve fare un bell’ effetto ;-)

    cmq ripeto: già ora potrebbero benissimo produrre auto elettriche normali a prezzi concorrenziali e con buona autonomia.
    Ma finchè ci sarà 1 goccia di petrolio non ne vedremo una…

  • # 5
    Ilruz
     scrive: 

    Tmx – e’ una macchina sportiva, di ambientalista non ha un fico secco, anzi, ha una accelerazione mostruosa! nn vorrei dire una vaccata, ma il costo esagerato e’ dato proprio dalle batterie … che son assemblate usando la tecnologia delle batterie dei laptop.

    Mi domando dove collocare il senso di un messaggio come questo, che e’ al limite fra disinformazione pilotata e ingenuita’ pecoreccia, un po’ come quelli che dicono che “i pannelli inquinano” (fotovoltaici? termici?) … percui rimaniamo come stiamo, a portare a scuola i figli in suv e poi andare a far la spesa giornaliera.

  • # 6
    Megalosauro
     scrive: 

    tmx, ma cosa deve ammortizzare quest’auto nei confronti dell’ambiente? che significa? mica crea energia come un pannello solare fotovoltaico,in questo caso si puo dire: per costruirlo servono 2 unità di energia..in un anno produce 2 unità di energia, quindi si ammortizza il costo energetico in 1 anno. Un automobile consuma solo energia..fa un lavoro. Tesla Molto semplicemente consuma infinitamente meno energia di una vettura col motore a pistoni che ha rendimenti ridicoli ed emissioni nocive. il motore elettrico ha altissimi rendimenti, costruzione semplificata e l’energia che usa è creata in centrali elettriche che nel peggiore dei casi (anche se a combustibile) hanno emissioni e rendimenti assolutamente migliori di quelli del motore endotermico.
    La tesla è una vettura seria che si propone di entrare in concorrenza con vetture come porsche, allo stesso prezzo si hanno prestazioni superiori esclusività ed in ultimo un progetto concettualmente più teconologico di un maggiolone da corsa.
    L’evoluzione premierà per forza l’auto elettrica, le ricerche per gli accumulatori stanno avanzando sulla spinta dell’enorme sviluppo delle apparecchiature informatiche ed elettroniche. solo questo è il problema delle vetture elettriche.

  • # 7
    Hydrogen
     scrive: 

    Meno male che c’è uno che la pensa come me… Qui sono tutti convinti che ci sia SOLO cospirazione…che tutto sia pilotato dai petrolieri e solitamente sono quelli che credono a baggianate del tipo “non siamo mai andati sulla luna…”
    Finchè non affineranno le elettroniche e non riusciranno a produrre energia elettrica a bassi costi/emissioni non ci potrà mai essere una conversione totale nel mondo dei trasporti…E’ questa la vera ragione!!!
    Basta che danno la colpa ai petrolieri…

  • # 8
    skipephone
     scrive: 

    e si i petrolieri son brava gente…………….

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.