di  -  giovedì 8 gennaio 2009

Streets of Rage copertinaDopo i bagordi delle feste natalizie alle quali avrete senz’altro partecipato, quel che senza dubbio ci voleva era una bella dose di sano esercizio fisico.
L’appuntamento settimanale dedicato al retrogaming torna infatti con una delle saghe più amate per i possessori di console targate Sega.
La trilogia del picchiaduro a scorrimento orizzontale che forse più rappresenta, in particolare, il Mega Drive e che a inizio anni ’90 ha innalzato il livello tecnico del genere in toto rappresentando un nuovo punto di riferimento per i titoli a seguire.

Ecco a voi Streets of Rage!


Facciamo un passo indietro per dare modo anche a chi non fosse avvezzo alla terminologia di capire di cosa stiamo parlando e successivamente di quale pezzo di storia fu la saga in questione.
Quest’estate vennero pubblicati un paio di articoli che cercavano di ripercorrere, a grandi linee, la storia del genere “picchiaduro” negli anni ’80 e vennero menzionate le due tipologie che sostanzialmente lo compongono: la prima, rappresentata da Street Fighter è, è quella definita come beat’em up ad incontri o 1 VS 1, nel quale due personaggi si sfidano al meglio di n round e il vincitore passa alla sfida successiva; la seconda, che porta ai capostipite come Double Dragon, Final Fight, è quella del cosiddetto beat’em up a scorrimento (scrolling in inglese), tendenzialmente orizzontale, dove il superamento del livello è determinato dalla sconfitta degli scagnozzi e infine degli stage boss.

Streets of Rage fa parte della seconda categoria.

Veniamo ora al consueto contesto storico. Siamo nella quarta generazione di console (16 bit) e Sega sta cercando di cavalcare il successo in particolar modo del Mega Drive, piattaforma di punta e che ha dominato il mercato prima dell’arrivo del Super Nintendo.

Per confezionare questo nuovo prodotto appronta un team di tutto rispetto dove spicca in particolare la figura di Yuzo Koshiro, musicista compositore di alcune dei più importanti e fortunati videogames dell’epoca, tra cui Shinobi, Sonic, ActRaiser e in seguito Shenmue.

Nel 1991 ecco dunque fare la comparsa il primo capitolo, Bare Knuckle in terra “NTSC” (Giappone e USA) e rinominato poi Streets of Rage per la regione PAL.

Qui verranno adottate le scelte che caratterizzeranno il gameplay dell’intera serie, dall’utilizzo dei 3 bottoni (del classico joypad A-B-C) per le mosse base (colpo speciale, pugno-calcio, salto), la presenza dei power-up per incrementare la propria barra di energia alla possibilità di utilizzare elementi presenti nel livello come armi.

I personaggi eleggibili sono tre, di cui due Axel (l’ex poliziotto esperto in arti marziali) e Blaze faranno la propria comparsa in tutti e tre gli episodi. La chimica funziona, forse la varietà di paesaggi e di combo non è molto ampia, ma senz’altro funziona.
Tant’è che solamente un anno più tardi verrà rilasciato il seguito.

Streets of Rage 2 screenshot

Ed è questo che viene direi quasi all’unanime riconosciuto, sia come valore tecnico, che come importanza storica, il più importante dei tre.

La qualità dei disegni e dei character migliora sensibilmente, più livelli e ambientazioni molto diverse tra loro (la barca dei pirati, la spiaggia, il grattacielo sono solo alcuni esempi); aumenta il numero di mosse (speciali e prese) e ora i personaggi diventano ben quattro, con la sostituzione di Adam (il pugile) con il fratello sui pattini a rotelle e l’energumeno di turno, molto simile all’Haggar di Final Fight.
Gameplay e longevità garantita da ben quattro livelli di difficoltà sono gli ingredienti finali a questo quadro di successo.

La storia riprende le fila del primo episodio: il malvagio Mr X che si pensava fosse stato sconfitto è invece tornato ed ha rapito proprio il fratello di Skate (Adam appunto). Compito della compagnia salvarlo ed uccidere definitivamente il cattivone, che farà la sua comparsa all’ottavo e ultimo livello.

Interessante aggiunta anche la possibilità di duelli uno contro uno, insieme al classico “story mode”.
Nelle riviste di tutto il mondo Streets of Rage 2 ha avuto voti ben tra il 9 e il 10 ed è, per quel che possa valere probabilmente il mio gioco preferito su Sega Mega Drive. Tutto questo non poteva che portare al terzo e ultimo capitolo.

E’ il 1994 ed anche Bare Knuckle 3 si avvale delle coinvolgenti trame sonore di Yuzo Koshiro, affiancato com’era avvenuto per il secondo episodio da Motohiro Kawashima. Nonostante il team si sia preso il doppio del tempo per lavorare a questo nuovo capitolo, i miglioramenti non sono della stessa portata di quelli trascorsi tra il primo ed il secondo (e forse anche perché tutto sommato non c’era granché da migliorare, avendo sfiorato quasi la perfezione).

Il design character abbandona lo stile mangaka e si avvicina di più alla tradizione cyberpunk, di cui celebre è lo scontro con uno stage boss in cui si affronta l’Axel-cyborg. Il muscoloso Max viene sostituito dal bionico Zan, mentre gli altri 3 personaggi già visti in SoR 2 restano tra gli eleggibili dal giocatore umano.

A causa un po’ della sindrome da déjà-vu ma soprattutto dell’arringare del Super Nintendo (che nello stesso anno presenterà quella rivoluzione chiamata Donkey Kong Country) non riuscirà a ripetere il successo del suo predecessore.

Ma complessivamente possiamo tranquillamente affermare come Streets of Rage/Bare Knuckle sia una delle saghe di picchiaduro più divertenti in assoluto e da non mancare nelle soft-teche di tutti gli amanti delle console Sega, in particolare il Mega Drive.

A coronamento di quel che fu, la Sega negli anni ha pubblicato una serie di raccolte per Mega CD, Dreamcast e ultimamente attraverso il Virtua Console di Wii, a testimonianza anche di come i bei giochi, tutto sommato, sono un po’ come i diamanti e cioè per sempre.

13 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Rodolfo
     scrive: 

    Siii continuate con gli articoli di retrogaming!!! li adoro!( e spesso poi cerco di giocare alle vecchie glorie.. così apprezzo meglio quelli nuovi e le innovazioni!

  • # 2
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    Lo faremo senz’altro.
    Grazie per l’apprezzamento :)

  • # 3
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Nonostante abbia un passato da videogiocatore incallito, mi rendo conto leggendo questi articoli di essermi perso comunque tantissimi capolavori. :(

    Ma c’è sempre tempo per recuperare. :D

  • # 4
    Ciny2
     scrive: 

    Gli emulatori aiutano. Comunque Street of rage 3 poteva essere usato con il mitologioco controller a 6 tasti è potevi fare delle mosse in più.

    Tra l’altro tra la versione orientale e quella occidentale, cerano delle differenza abbissali, per contenuti, sia nel reparto sonoro ed altro e per il grado di difficolta del gioco.

    Infatti la versione occidentale era dannatamente difficile, rispetto alla contro parte giapponese, però ha il lato negativo, di esse stato pesantemente censurato.

    Comunque sbaglio ha avete preso un’immagine da un videogiocho amatoriale che si prefigge di essere una sorta di “remake” del gioco ? Si, avete capito bene! C’è un gruppo di ragazzi che sta lavorato ad un remake, si trova qui:

    http://www.bombergames.net/sorr_project/

  • # 5
    fos
     scrive: 

    Apprezzo anch’io retrogaming (anche se io potrei/dovrei chiamarlo nostalgia-gaming).

    Concordo ritenendo il secondo il migliore della serie. Il terzo non mi piacque per nulla; non tanto per le poche innovazioni aggiunte (cosa a cui, all’epoca, neanche pensavo), ma proprio per il cambio dello stile grafico e per il “futuristico” che azzoppava l’atmosfera. Credo che se avessero “reciclato” lo stile del secondo aggiungendo qualche livello avrebbe ottenuto più successo… gli è uscito proprio male, insomma (anche se è vero che il genere aveva già dato).

    In effetti Donkey Kong Country fu impressionante.

  • # 6
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    x Cesare

    queste chicche non c’erano su Amiga :P

    x Ciny

    è vero, giusta osservazione la tua quella del joypad a 6 tasti. Io però coscienziosamente non l’ho ritenuta granché importante perché alla fine i tasti in più servivano semplicemente a rendere disponibili con un pulsante quel che nel 2 si faceva con combo di pulsanti come il B+C che nel caso di Axel davano il pugno girato.
    Di differenza aggiungeva un tasto (non ricordo quale) che sempre nel suo caso permettevano una successione di un doppio calcio laterale…però praticamente inutile :D

    Lo sshot è preso da Streets of Rage 2, ma grazie mille per il link, ne ero totalmente all’oscuro.
    Spero dedicheremo presto un appuntamento o magari di più al fenomeno dell’emulazione e dell’homebrew :)

  • # 7
    Maxhell
     scrive: 

    Gran bell’articolo su una delle mie saghe preferite in assoluto.
    Una piccola nota in Street of Rage 2 i livelli di difficoltà erano più di 4. Finendo il gioco al livello very hard si accedeva al livello Mania, di questo son sicuro. Penso che fosse presente inoltre il livello very easy.

  • # 8
    norbertom
     scrive: 

    Ottimo articolo. Hai tirato fuori un titolo da 90.
    Tra l’altro visto che è il migliore della serie. il primo era troppo scarno mentre il terzo era troppo sofisticato.
    Le musiche a dir poco spettacolari. Tra l’altro potresti proporre anche qualche articolo sulle colonne sonore dei vecchi giochi, oltre questa. Tipo Thor, Comix zone (tra l’altro oltre la cartuccia era incluso il cd con i brani) Ranger X e molti altri… Quante partite…

  • # 9
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    x Maxhell

    sì in realtà i livelli erano sbloccabili tramite una particolare combo di tasti e faceva parte dei cheat esclusivi della versione PAL di SoR2.
    Di default però i livelli erano 4 per questo ho scritto 4. Grazie della precisazione però :)

    x norbertom

    Grazie intanto :)
    Il tuo suggerimento sulle musiche è senz’altro interessante e verrà tenuto in considerazione anche perché per quanto riguarda il retrogaming se non proprio dei videogiochi ma ad esso legato, in Giappone è fiorente anche quello delle colonne sonore dei titoli.
    E la serie di Thunder Force di cui abbiamo parlato è uno dei pezzi più ricercati tanto da sforare abbondantemente il tetto dei 10mila yen per compilation.
    Una bella cifra considerando il prodotto di nicchia e il fatto che sia un audio cd.

  • # 10
    The Revenge of Shinobi: il Mega Drive mostra finalmente i muscoli - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] responsabile di alcuni dei capolavori per la console a 16 bit tra i quali Streets of Rage di cui abbiamo già parlato, porta alla luce le nuove avventure di Musashi, il maestro ninja che deve vedersela ancora una […]

  • # 11
    Nuova giovinezza per il Mega Drive: disponibile a breve online e negli store UK - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] alcuni dei capolavori che hanno creato il mito del Mega Drive e della Sega (come Streets of Rage 2 e Thunder Force 4), ma ci si può ben accontentare. A dir la verità Blaze aveva già presentato e […]

  • # 12
    SuperHero
     scrive: 

    Amazza…!!!

    Il remake di Street of Rage 2 (per PC) l’ho finito l’anno scorso (2008).

    Ero veramente curioso come Bombergames (software house spagnola, appassionati) avesse realizzato questo remake.

    Fighissimo, insieme ad altri titoli che stanno rifacendo.
    Sono molto gettonati su Internet.. bravi così sono in pochi nel fare Remake di glorie da Cabinato su PC!

    E’ fatto molto bene, mi manca anche Golden Axe e q.che altro titolo dove c’era un personaggio Haggart.. si chiamava così, quante partite in doppio.

    Tutto al Cabinato!!! (del bar sottocasa)

    Le migliori 200lire (a partita) mai spese ;)

  • # 13
    Daniele
     scrive: 

    Grandioso questo gioco! Era molto bella la colonna sonora, che comprendeva i migliori suoni da club anni 90, per la prima volta perfettamente mixati su un gioco per Megadrive! Andavo pazzo per la colonna sonora del combattimento contro il boss, durante il primo, il terzo e il sesto livello!

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.