di  -  giovedì 8 gennaio 2009

noce di cocco

La noce di cocco è indubbiamente un frutto difficile da aprire; il processo di rottura del guscio, che ci permette di raggiungere la polpa bianca conservata al suo interno, richiede una notevole forza e decisione (e, a volte, qualche attrezzo).

Questa sua particolarità unica ha indotto un gruppo di scienziati texani ad ideare un particolare materiale composito costituito, in parte, dalla stessa noce di cocco.

Detto fatto.

Il materiale è già stato realizzato e si tratta di una combinazione di gusci di noce di cocco mescolati con polipropilene, composto plastico; materiale che presenta interessanti caratteristiche di durezza, resistenza e leggerezza (per guscio bisogna intendere tutta la buccia esterna).

Il primo sviluppo concreto di questa “plastica al cocco” ha portato alla creazione, presso la Baylor University di coperture interne per le portiere d’automobile (rigide e resistenti agli urti): andando così, a rimpiazzare l’utilizzo delle classiche fibre sintetiche di poliestere.

Ma è possibile un utilizzo su larga scala?

La risposta è sì però, ovviamente, tutto dipende dalla dislocazione geografica. Sicuramente in Italia sarà difficile realizzare questo materiale a partire dalla esotica noce di cocco (sempre che non vogliate svuotare il vostro fruttivendolo di fiducia) ma in altre parti del mondo, dove questo frutto abbonda, la cosa risulta decisamente più semplice.

Un materiale rinnovabile ed abbondante che consentirebbe inoltre, di ravvivare un mercato, quello della noce di cocco, che da sempre non fa registrare grossi guadagni e che permetterebbe così, a paesi in via di sviluppo, di avere una nuova entrata economica, seppur minima, in un mercato relativamente ad “ampio respiro” come quello delle automobili.

Il team texano sta attualmente collaborando con una azienda plastica che rifornisce le principali case automobilistiche.

3 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Pio Alt
     scrive: 

    Tutto sbagliato!

    Come si ricicla quel materiale quando si demoliscono le auto?

    I materiali compositi sono i più dannosi perchè non si può più separare il cocco dalla plastica, allora cosa fai? la bruci!
    Bruci resina derivata dal petrolio… allora meglio fare tutto di plastica che viene sempre dal petrolio ma almeno si può riciclare.

    Accidenti a loro! inventori di morte!

  • # 2
    Biffuz
     scrive: 

    Poi andrà a finire come i biocarburanti, grazie ai quali i contadini del terzo mondo hanno ancora meno da mangiare rispetto a prima… chi gestisce il business invece ingrassa sempre di più.

    Perché, tanto per cambiare, non cercano piuttosto di riutilizzare gli scarti? O la merce invenduta dai supermercati occidentali?

  • # 3
    Megalosauro
     scrive: 

    questi materiali esistono da tempo, ormai con le resine plastiche hanno provato a mischiare di tutto.
    Pio alt ha ragione, se i designer tenessero a mente quello che hanno studiato il primo giorno saprebbero che lo scenario futuro contempla solo materiali riciclabili al 100% si possono fare degli sconti solo per oggetti particolari che per costruzione e uso si avvicinano ad essere eterni. Le automobili sono un prodotto non durevole, dovrebbero essere fatte tutte di plastica e alluminio. Un martello da lavoro lo posono fare anche di titanio mischiato col plutonio e cocce di pinoli se questo lo rende indistruttibile, tanto la sua forma è fossilizzata da secoli.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.