di  -  martedì 9 dicembre 2008

montecitorioDa Obama alla Gelmini, passando per Di Pietro, sempre più politici cedono al fascino del web. Pochi giorni fa il Ministro della Istruzione Mariastella Gelmini, ha inaugurato il proprio canale su Youtube per comunicare in maniera diretta con gli studenti e non solo.

Non è la prima esponente politica italiana a scegliere questo strumento, ma certamente una dei pochi Ministri, se non l’unica, componente del Governo. Il che conferisce un ulteriore veste di istituzionalità al fenomeno.

E’ il segno di una crescente curiosità della sfera politica verso il nuovo canale di comunicazione digitale, frutto anche dell’esplosione di Facebook in Italia, che nel giro di pochi mesi è balzato da due a cinque milioni di utenti, rendendo evidente come esista un pubblico, soprattutto tra i giovani a cui la Gelmini vuole certamente rivolgersi, che può essere intercettato grazie ad Internet.

Facebook, ma non solo, va considerato anche il fattore Obama. Il successo di quello che all’inizio delle primarie era poco più che un outsider, e che invece ha battuto la più accreditata Hillary prima, ed il rivale Repubblicano poi, anche grazie anche ad un intelligente uso di Internet, sin dalle prime fasi di raccolta dei fondi, non poteva passare inosservato nelle Camere del Parlamento.

Se ne è discusso anche in una recente conferenza, organizzata dall’Onorevole Palmieri, uno dei più attivi su Facebook con il supporto di Codice Internet , dal titolo: “Obama 1 mese dopo: la vittoria di Internet? Come Obama ha usato il web per vincere le elezioni.”

Tra i dati emersi, e portati proprio dall’Onorevole, sul rapporto tra Internet e politica, sappiamo che su 630 deputati, 231 hanno un proprio sito personale, e 133 hanno un profilo su Facebook.

Ancora troppo poco, soprattutto se teniamo presente che una parte di quei siti personali sono lì puramente pro forma, e che non sappiamo quanto siano vivi ed animati quei profili sul Social Network. Non abbastanza, evidentemente, per evitare alcune proposte di legge al limite sulla materia, al limite raccapricciante.

In proposito, durante la conferenza è stata forte e sentita l’affermazione di David Orban, uno dei relatori, rivolto ai politici in sala: “Se non conoscete lo strumento, non siete abilitati a legiferare”.

Il mormorio e la levata di scudi successiva a questa affermazione dimostra come David abbia ancora una volta colto nel segno. E la risposta affidata ad una metafora sportiva non è affatto soddisfacente; è stato infatti proposto l’esempio di Mourinho, che pur non essendo un calciatore è diventato un grande allenatore.

Facile smontare questa tesi: primo, Mourinho ha studiato per diventare allenatore. Secondo, sarebbe pensabile che le leggi che regolano l’economia o la Sanità, venissero fatte da persone completamente digiune dell’una o dell’altra materia? Ci auguriamo tutti che questo non avvenga.

Non viene chiesto ai politici di conoscere l’html o di saper realizzare siti Internet; ci si aspetta però, che se non sono profondi conoscitori dello strumento in quanto mezzo di comunicazione, perlomeno si facciano consigliare da persone comptenti, prima di prendere decisioni avventate o peggio, sconsiderate.

[photo credit: Ramella]

4 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Michele
     scrive: 

    Più che per ragioni sociali o politiche, un eventuale legislazione di internet sara in italia il modo per inserire sempre più controllo e censura.. Ai vari onorevoli non conviene lasciare in balia della popolazione uno strumento di comunicazione potente come internet, preferendo un unico canale per rivolgersi agli elettori: la tv. Pochi canali, niente contraddittorio, si controlla facilmente.. Internet, d’altro canti, non si controlla tanto facilmente.

  • # 2
    caffeine
     scrive: 

    beh io sono per la tecnocrazia… quindi figuriamoci… mi sono rotto di vedere manager a gestire la sanita’, o gente senza alcun titolo di studio, gestire un ambito…
    si hanno i loro team di consiglieri, ma chi prende le decisione e firma è la “figura”….

  • # 3
    Stefano
     scrive: 

    Quoto in toto Michele, vedrete che, soprattutto in Italia e soprattutto la destra, se i politici “metteranno mani” su Internet state pur certi che quello scopo (il controllo dell’opinione pubblica e del livello culturale) sarà in cima alla lista degli obiettivi

  • # 4
    StiloS
     scrive: 

    Che coraggio la Gelmini a mettersi su Youtube. Conoscendo il livello medio dei commenti dei video sarà dura farsi largo tra insulti e volgarità.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.