di  -  mercoledì 12 novembre 2008

 mgestyk_come_minority_repor.jpg

Il film Minority Report è passato alla storia del cinema di fantascienza, come quasi tutti i film ispirati da racconti di Philip K. Dick. Quando però pensiamo a questa pellicola, la prima, e forse l’unica cosa che ci viene in mente, è la sbalorditiva interfaccia utilizzata da Tom Cruise, per interagire con l’elaboratore di cui si serve per prevedere gli omicidi (video ). Tale dispositivo è entrato a tal punto nell’immaginario collettivo da diventare il paradigma per molti dell’interfaccia perfetta.

Per questo motivo spesso ci si rifà a questo film ogni volta che ci stupiamo con nuovi dispositivi di puntamento. Successe ad esempio con il wii mote e con la presentazione di Microsoft Surface.

Questi dispositivi per quanto indubbiamente affascinanti ed efficaci, sono ancora ben lontani dal riuscire a garantire un esperienza paragonabile a quella “vissuta” dal protagonista del film John Anderton.

Se mi seguite nel seguito però, vi mostrerò un progetto, che si può considerare addirittura superiore quanto abbiamo visto nel film, realizzato tra l’altro con tecnologie tutt’altro che all’avanguardia, che ne permetteranno la commercializzazione su larga scala con costi paragonabili a quelli di una webcam di fascia alta. L’inizio della commercializzazione inoltre potrebbe non essere lontano!

Mgestyk è il più evoluto sistema di interfacciamento sull’onda delle fantasie hollywoodiane. Tutto il sistema si basa su una telecamera puntata contro le braccia dell’utente e nient’altro. La cosa sbalorditiva, che differenzia questo approccio da altri che vi abbiamo già proposto in passato e che lo rende persino migliore delle ipotesi fantascientifiche, è l’assenza di compenti da indossare da parte dell’utente. Niente led sulla punta delle dita, niente guanti dai tessuti riflettenti: semplicemente le nude mani.

Il cuore del’interfaccia è un software capace di riconoscere le mani all’interno del flusso video che arriva dalla webcam, elaborandone non soltanto la posizione nello spazio delle singole dita, ma anche la gestualità. Nella parte finale del video seguente, che mostra il sistema in funzione, noterete dei riquadri nello schermo contenenti una mano tridimensionale che imita esattamente la gestualità dell’utente di fronte allo schermo. Un sistema di riconoscimento dei gesti tanto avanzato apre la strada a esperienze di utilizzo persino più avanzate rispetto a quelli nel film diretto da Steven Spielberg.

L’unico limite che sembra essere presente a questo stadio di sviluppo è una risposta non proprio pronta ai comandi, dovuta sicuramente all’importante mole di calcoli necessaria per l’analisi del video in ingresso.

Sul sito di Mgestyk è possibile lasciare il proprio indirizzo email per essere avvisati non appena il prodotto sarà pronto per le vendite.

via | engadget

16 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Flare
     scrive: 

    Al posto del video finale, vedo solo
    Suppongo che sia questo:
    http://www.youtube.com/watch?v=FZyErkPjOR8

    Comunque molto interessante

  • # 2
    tmx
     scrive: 

    non male…
    interessante il fatto che basti una webcam :)
    (infatti MS ed altri ci vogliono far comprare roba più cara per fare la roba simile, diciamo…)

    Ora basta solo ottimizzare il LAG del SW.

    E poi mi sarebbe piaciuto vedere anche una tastiera su schermo a sto punto… perchè va bene che ci puoi giocare a crysis, ma se devi continuare a passare dalla webcam a mouse e tastiera allora vaff……

  • # 3
    Enrico (Autore del post)
     scrive: 

    Vedo che nel tuo commento, il codice che hai copiato dal post per inserire il video fa il suo dovere, non capisco perché non lo fa nel post. Ora provo a sistemarlo :-)

  • # 4
    tmx
     scrive: 

    *per fare roba simile

    mamma mia come suona male con quell’articolo che mi è scappato… :(

  • # 5
    Enrico (Autore del post)
     scrive: 

    tmx, invece di una tastiera su schermo, visto che ormai siamo lì, si potrebbe condire il tutto con un software per il riconoscimento vocale.

  • # 6
    Banjo
     scrive: 

    “Il film Minority Report è passato alla storia del cinema di fantascienza”
    Mah, così detto sembra che sia un capolavoro… i film degni di passare alla storia sono altri.

  • # 7
    Maruga
     scrive: 

    diciamo però che nel film lo schermo era semi olografico, mezzo tondo ed era lungo tipo 4 metri, con una percezione 3d reale. Perciò era davvero a “gaso”. :D

  • # 8
    Antares88
     scrive: 

    Molto bello, però mi sembra un sistema un pò scomodo e noto una certa latenza tra il comando e la sua esecuzione.

  • # 9
    vampiro
     scrive: 

    Riprendendo la citazione di Enrico riguardo ai software di riconoscimento vocale…

    Beh a parte Dragon Naturally Speaking che è troppo pesante già ora si può provare a comandare via voce qualche gioco e/o applicazione.

    E’ un po’ vecchiotto ed è ben lungi dall’essere perfetto, ma provate “Game Commander” (ho provato anche VR commander, ma mi son trovato meglio con il primo), combinato (ad esempio) con i comandi della tuta di Crysis o con Star Trek bridge commander (dire “velocità warp” e vedere la nave andare in curvatura non ha prezzo) toglie non poche soddisfazioni.

    Tra gli altri software da me provati c’è anche Tazti, ma è ancora troppo limitato per quel che riguarda le personalizzazioni.

  • # 10
    SteveJK
     scrive: 

    Sinceramente, preferirei essere collegato al pc via cavo… come in Matrix. Credo sia più immediato un pc che elabori direttamente i pensieri che cerchi di capire che voglio fare con le mani.

  • # 11
    banryu79
     scrive: 

    “Sinceramente, preferirei essere collegato al pc via cavo… come in Matrix. Credo sia più immediato un pc che elabori direttamente i pensieri che cerchi di capire che voglio fare con le mani.”

    Tipo i netrunner nei romanzi di Gibson? :D
    Magari è anche possibile, considerando che si è riusciti a implantare un braccio cibernetico mappato su sistema nervoso (con tanto di feedback per il senso del tatto) di Claudia Mitchell, ex marine, a seguito di un incidente in moto.
    Ma a quel punto avrei davvero paura a prendere un virus…

  • # 12
    Interfacce … « Tecnologia e non solo
     scrive: 

    […] fonte: appuntidigitali.it […]

  • # 13
    Giovanni
     scrive: 

    Mi pare del tutto mediocre.

    -Il lag è enorme.
    -I gesti non hanno attinenza con quelli reali (a volte l’operatore fa chissà che movimento, ma in realtà il software aspetta solo che si alzi o abbassi il dito).
    -Pur essendo questa una promo si vede che la precisione abita altrove.
    -Nonostante l’insistenza sui FPS è evidente che questo è l’ultimo dei campi a cui potrebbe essere applicato.
    -Abbiamo solo due mani. Pur investendo pesantemente sul progetto si arriverebbe alle funzionalità fornite da un mouse. La tastiera ha una flessibilità impossibile da avvicinare.

  • # 14
    Xan
     scrive: 

    potrebbero chiamarla la tecnologia “non-touch screen”

    amaauuuauauauu

  • # 15
    Apple ha bruciato Microsoft Surface, non ve ne eravate accorti? - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] stendevo il post dedicato all’interfaccia in stile Minority Report sviluppata da Mgestyk, ormai vicina alla commercializzazione (o così auspichiamo tutti), ho avuto […]

  • # 16
    Belsatam
     scrive: 

    Si ma io mi stanco a stare con le braccia tese 3 ore davanti al monitor! Per me non e’ adatto ai giochi ma solo ad alcune cose.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.