di  -  martedì 30 ottobre 2007

osx86Come prontamente segnalato da L’Inq, a poche ore dal lancio sul mercato, un utente della community OSx86 scene ha già trovato il modo per installare la release ufficiale di Leopard su un PC, dando vita ad una nuova ed aggiornata incarnazione del cosiddetto “hackintosh“.

La procedura, che consta in una fase e pre e una post-installazione, è piuttosto complessa e richiede una certa destrezza con la linea di comando Unix. Il risultato finale, indipendentemente dalla quantità di capelli persi per raggiungerlo, non avrà certo la proverbiale stabilità di OS X ma dopotutto qual è l’obiettivo di un hacker se non la gloria?

Ironia a parte, per quanto il progetto OSx86 viva ancora in fase embrionale e sia ancora fondamentalmente materia per smanettoni, è difficile pensare che in qualche anno non diventi più “accessibile”. Questa prospettiva deve preoccupare non poco l’azienda di Cupertino, che scorge in essa una potenziale minaccia al suo ricco settore hardware.
Si avvierà dunque un altro gioco del gatto col topo, come accade già per l’unlocking dell’iPhone? Oppure il fenomeno rimarrà confinato a una nicchia di smanettoni? Ad avvalorare entrambe le ipotesi ci sono alcune buone ragioni. Da un lato probabilmente esiste un mercato potenziale per OS X che viene frenato dal costo dell’hardware Apple. Dall’altro però è lo stesso hardware Apple a rappresentare un magnete per la clientela più sensibile al design e all’ergonomia.

Personalmente credo che Jobs farà tutto il possibile per impedire una installazione semplice di OS X su hardware PC: perlomeno fintanto che riuscirà a mantenere i margini sul suo hardware nettamente sopra la media di settore. Di converso una limitata cerchia di smanettoni che suda per godersi OS X su PC, cosa fa se non alimentare quel “buzz” che da anni circonda di un alone mistico la casa di Cupertino?

8 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    SilverEagle
     scrive: 

    mhh
    con bootcamp puoi avere windows sui mac e sta bene
    ma macos sui pc no… perchè?

  • # 2
    sirus
     scrive: 

    Perché è illegale dato che la licenza non lo permette.

  • # 3
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Come ho scritto, il contratto di licenza che restringe l’uso di OS X su Mac è probabilmente una conseguenza del fatto che sull’hardware Apple, a differenza degli altri OEM, ha ancora un margine piuttosto elevato. Inoltre un supporto a un bacino di hardware “allargato” complicherebbe non poco la vita agli sviluppatori e, in assenza di un adeguato supporto – che Apple non intende fornire – toglierebbe molto all’esperienza di OS X.

  • # 4
    ilmionomevaqui
     scrive: 

    non si può perche apple costudisce gelosamente il segreto del suo os, fa i driver per il suo hardware ecc.
    comunque io lo provato (il tiger però) e non funzionava quasi niente se vuoi un apple comprati un apple in definitiva

  • # 5
    Tasslehoff
     scrive: 

    Io non credo che la % sull’hw sia poi così alta, nemmeno per Jobs&C.
    Inoltre non penso che sia così fondamentale l’aspetto estetico per l’utente comune, questa imho è una bella fiaba inventata dalla stampa e da Apple stessa…
    Il design è un ottimo argomento di discussione per i tuttologi da iPod :\

    Piuttosto credo che Apple si stia preoccupando di fenomeni come quello descritto nella news perchè minano alle fondamenta l’unico aspetto concreto e utile che avvantaggia il mondo Mac recente (non certo ai tempi del vecchio MacOS) rispetto al pc, la stabilità…
    Fattore garantito non tanto dalla bontà del sistema operativo stesso, ma dal ristrettissimo parco hw su cui girava.

    Dover fornire drivers per quasi tutto l’hw presente sul mercato (un po’ come succede per windows del resto) renderebbe MacOS stabile quanto il decantato WinME, e allora sai che risate da parte dell’utenza pc… :)

  • # 6
    maloxplay
     scrive: 

    ho provato tiger su pc… e devo dire che se vuoi una macchina con OSX è senza ombra di dubbio meglio comprare un MAC…

    se vuoi un po’ di gloria installando MAC OS X su PC ok… ma cosa ci fai?

    … x adesso tempo perso… a meno che si installa OS X su macchina con hardware identico a quello dei mac (a parte la configurazione firmaware ecc…)…

    il MAC è il MAC…!!!

  • # 7
    Lanfi
     scrive: 

    L’hardware apple e’ davvero troppo costoso, lo e’ sempre stato ma ora, con il passaggio a intel, tutto cio’ e’ lampante. L’ideale sarebbe se Apple continuasse a vendere il suo hardware e rendesse OS X “libero” pubblicando una lista di componenti hardware con cui e’ compatibile….cosi’ ai programmatori apple non verrebbero i capelli grigi a furia di sviluppare driver per ogni possibile componente :D! Pero’ dubito che succedera’…come si dice nell’articolo i profitti hardware che apple ottiene allo stato attuale sconsigliano questa mossa.

  • # 8
    R3GM4ST3R
     scrive: 

    Pure io ho provato la vecchia build 10.4.x sul mio E6600 ma giusto per vedere se partiva correttamente…
    Ho provato per mera curiosità a buildare i driver ATI di linux, ma con scarsi risultati (X1950XT)…
    Dubito sinceramente che Apple metta OSX libero…
    Sarebbe uno spreco di tempo e soldi, per quanto riguarda l’aspetto estetico, invece, a mio avviso è abbastanza importante, soprattutto se si parla di computer portatili…
    Personalmente credo che le caratteristiche che fanno alzare il prezzo sono:
    componentistica interna, portabilità, design, materiali
    Se poi guardiamo il fatto che con i pc Apple è possibile runnare qualsiasi sistema operativo, beh anche questo è importante!

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.