di  -  venerdì 5 settembre 2008

wine tastingBarolo, Brunello, Dolcetto…

Tempi duri per i sommelier; se in passato erano loro i maestri del wine tasting, in grado di identificare uvaggi ed annate, da oggi le cose sembra siano cambiate. Un gruppo di scienziati europei ha infatti sviluppato una speciale “lingua elettronica” portatile in grado di indicare all’utente varietà d’uva ed anno di produzione, con la semplice pressione di un pulsante.

Originariamente creato per controlli di qualità nel settori vitivinicolo, questo strumento è sostanzialmente composto da 6 sensori in grado di rilevare alcune caratteristiche base di determinate varietà di vini. Misurando elementi come acido, zucchero, alcol, la lingua è in grado di descrivere una bottiglia di vino nella sua totalità.

Questo congegno, inventato da Cecilia Jiménez-Jorquera e da alcuni colleghi dell’Istituto di Microelettronica di Barcellona in Spagna, punta a velocizzare il processo di controllo di qualità nelle aziende vinicole, permettendo di realizzarlo in loco e in maniera economica; come indicato infatti da molti produttori, spedire campioni a laboratori specializzati fa perdere un sacco di tempo, con la lingua invece l’analisi del proprio vino è immediata ed affidabile.

Oltre all’analisi diretta di qualità, composizione, miscele, varietà ed annata, Cecilia Jiménez-Jorquera dichiara che: “questo strumento può essere utilizzato in maniera proficua anche per individuare frodi commesse relativamente all’annata di un vino o alla varietà di uva utilizzata”.

FONTE: The Royal Society of Chemistry

1 Commento »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    BrightSoul
     scrive: 

    Bell’aggeggio :) E’ sintomo di come la tecnologia arrivi dappertutto, anche (e specie) in campagna.
    In ogni caso mi viene un dubbio: anche la lingua elettronica ti dice che il vino ha “sentori di bouquet di fiori bianchi”?. Perché se è così non funziona.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.