di  -  giovedì 4 settembre 2008

codice internet2Marco Montemagno, CEO di Blogosfere e conduttore del programma “Reporter Diffuso” di Sky TG 24, ha presentato oggi ufficialmente il suo progetto Codice Internet, un ambizioso programma che prevede mesi di eventi ed incontri per portare internet alle persone.

Come noto l’Italia è tra i Paesi Europei a più bassa penetrazione della banda larga e, in generale, internet non è “penetrato” nelle teste degli Italiani. Più che di digital divide si deve insomma parlare di “cultural divide”.

Codice Internet si propone di risolvere proprio questo secondo problema, organizzando una serie di eventi nei quali, con un linguaggio semplice ed accattivante, le persone saranno avvicinate al mondo di internet, ai suoi servizi e alle sue opportunità.

I format di questi eventi attualmente previsti sono cinque:

The Internet Corner: incontri pubblici con personaggi/testimonial che parlano di web
The Internet Guru: interventi di esperti/guru italiani e stranieri finalizzati a divulgare la Rete
• The Internet Show: il primo spettacolo dedicato al tema della Rete, fatto da Marco Montemagno
• The Internet Buzz: da un lato partecipazione ad altre iniziative non tecnologiche, es. Festival della Creatività, portando in quel contesto uno o più dei format indicati sopra. Dall’altro lato sostegno e visibilità alle altre iniziative, convegni/conferenze/barcamp/blogfest/ecc. che in Italia hanno uno scopo divulgativo
• The Internet Week: 1 evento di una settimana/10 giorni dedicato alla Rete e alla cultura digitale

E’ interessante notare che il sito ufficiale di Codice Internet ha aperto i battenti “in sordina” durante l’estate. Senza pubblicità o altre forme di promozione diverse dal passaparola è riuscito a superare i 1000 iscritti in Agosto, un segnale molto importante proveniente dagli “addetti ai lavori” di questo mondo che hanno dimostrato di essere disponibili a fare qualcosa di concreto per sensibilizzare l’opinione pubblica.

Il nostro Davide Pozzi ha intervistato per Hardware Upgrade Marco Montemagno, ecco il video:

Sono molto entusiasta di questa iniziativa e spero che parta subito col piede giusto. In particolare gli eventi in programma all’Ottagono sono carichi di un enorme potenziale, vista la sede e la durata. Una concreta occasione per spiegare internet alle persone.

5 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Anonimo
     scrive: 

    Come si risolve il problema della banda larga ? Con un governo forte che convochi i maggiori provider di telecomunicazioni italiani e li metta spalle al muro.

    O entro una tal data hanno fatto arrivare la banda larga anche in mezzo alle capre sul Gennargentu (facciano come preferiscono: fibra ottica, adsl, wimax l’importante è che sia funzionale e realmente banda larga quindi con minimali nettamente elevati) o multe a 7 zeri (notare la parola multe, quindi non solo una) senza possibilità di rimodulare le tariffe per scaricarle sugli utenti, con successiva sospensione e rivendita delle licenze.

    Scommettiamo che un po’ di linea dura e nel giro di 5 anni anche l’eremita sulla montagna ha i suoi minimo 5 mbit ?

  • # 2
    ZaR
     scrive: 

    Quoto totalmente Anonimo ….multe,multe,multe,e SENZA possibilità di scaricarle sugli utenti, ma credo sia solo un sogno…purtroppo siamo in Italia, terzo mondo d’Europa :(

  • # 3
    Boris
     scrive: 

    oddio…a me queste iniziative fanno un po’ sorridere. Insomma, i costi di una connessione internet e di un pc non sono più proibitivi ormai, e non c’é azienda che non abbia un sito internet. Spesso mandare un’email è anche il modo più semplice per richiedere informazioni di ogni sorta, certi di non essere rimbalzati da un centralino all’altro. Se le persone non si avvicinano ad internet (come a mille altro cose, vedere per esempeio l’insegnamento delle lingue straniere e delle materie scientifiche nelle nostre scuole) è più che altro per una questione culturale. E per questo c’é poco da fare, la mentalità delle persone non cambia dall’oggi al domani. Non dimentichiamo che siamo uno dei paesi con la più alta percentuale di anziani e dove si legge meno.
    Ciao

  • # 4
    Anonimo
     scrive: 

    La gente può avere tutta la cultura di internet di sto mondo ma se non gli si dà il mezzo tecnico per connettersi, c’è poco da fare, si sprecano solo parole a vuoto.
    E comunque, sempre mezzo tecnico permettendo, quello che serve non è una cultura per capire internet in se, ma una più generale ed estesa che porti da se i corretti approcci con i quali interfacciarsi alla rete.
    A me ed a molta altra gente nessuno ha spiegato come navigare su internet eppure non sono mai caduto nelle moltissime trappole delle quali è disseminato.

    Forse perchè applico una versione aggiornata della regola del dittafono nel film dei Flintstones:

    “Da fesso non passare leggi prima di firmare”

    era l’originale ma con internet si può cambiare con:

    “Da fesso non farti fregare, informati bene prima di cliccare”

    Questa semplicissima regola ed un po’ di malizia mi hanno salvato praticamente da tutto: virus, phishing, lamerozzi vari (non dico hacker, non ho la pretesa di tenere lontani tipi così), truffe di vario di genere…

  • # 5
    Codice Internet commette qualche errore, ma l’entusiasmo può ancora salvare tutto! - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] Speravo che il progetto partisse col piede giusto e, invece, devo purtroppo rilevare alcuni “inciampi“. In estrema sintesi direi che gli errori commessi sono stati due: l’aver sprecato la visibilità data dall’ottagono e l’aver coinvolto persone inadatte al target di riferimento. […]

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.