di  -  giovedì 28 agosto 2008

Logo FotoliaLo confesso: ho un debole per le pietre miliari, mi piacciono i numeri tondi e i traguardi. Ecco perché mi sono incuriosito quando ho scoperto che Fotolia, uno dei più grandi siti di stock photo del mondo, ha comunicato di aver raggiunto i 4 milioni di scatti. Per chi non lo sapesse Fotolia (disponibile anche in lingua italiana ) permette a chiunque di mettere in vetrina le proprie foto e quindi potenzialmente di trovare acquirenti, al contrario di altri siti dedicati ad agenzie e professionisti quali ad esempio il famosissimo Gettyimages. Dicevo, mi sono incuriosito e ho fatto due ricerche:

Fotolia nasce nel novembre 2005, quindi meno di tre anni fa, e prima di compiere 18 mesi ha superato i due milioni di foto, all’incirca nell’agosto 2007 (dopo una pulizia del database e una riduzione del catalogo). La foto numero 3 milioni è datata 21 gennaio 2008 e la 4 milionesima è del 26 agosto. C’è una progressione interessante nei traguardi. Il numero degli iscritti è passato dai 500.000 del 4 dicembre scorso ai 773.578 del 27 agosto, un incremento del 54% in otto mesi. Poiché c’è una selezione per le foto in ingresso, per evitare doppioni e tenere alta la qualità delle immagini, è piuttosto improbabile che questo incremento derivi solo dal maggior numero di fotocamere in circolazione. Questo perché, di norma, non basta scattare per avere poi belle foto, belle al punto di poterle proporre per la vendita, ci vuole sempre un po’ di allenamento.

Nonostante questo c’è evidentemente una componente molto forte di desiderio di mettersi in mostra, unita alla volontà di monetizzare il lavoro svolto, e la cosa non può essere relegata al solo mondo dei professionisti (che per l’appunto possono rivolgersi ad altri siti). E’ vero che Flickr uploada sui propri server 5 milioni di foto al giorno, ma è sicuramente diverso il target e l’intenzione. Parliamo solo di immagini stock. Getty Images, secondo wikipedia, incassa dalla vendita delle proprie foto 807 milioni di dollari l’anno, mentre Fotolia meno di 10. Però siamo sul web, e parliamo di micro stock photo. Come tutte le cose che partono dal basso e hanno una ampia base di utenti, prima o poi i piatti della bilancia si equilibreranno.
Se aggiungiamo una certa aria di crisi nel settore editoria – parlo di stipendi ridotti, giornalisti a tutto tondo che fanno il servizio, le foto e l’audio, editori che cercano di risparmiare sulle foto quando non addirittura le rubano da internet – dite che siti come Fotolia incrementeranno o diminuiranno il loro successo?

6 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Alessio F.
     scrive: 

    Io in ogni caso rimango fedele per i miei molti scatti non professionali alle licenze CC:
    CC by per quelle che voglio lasciare +libere
    CC by nc nd per quelle – libere

  • # 2
    BrightSoul
     scrive: 

    Ah, buono a sapersi, fitolia non lo conoscevo. Finora ho fatto acquisti da http://www.dreamstime.com che ha circa 3,6 milioni di immagini (siamo lì). I prezzi mi sembrano un pelino più bassi.

  • # 3
    Pio Alt
     scrive: 

    Ma come? rubate da Internet?!
    Ma le foto che si trovano su Internet non sono gratis, come la musica che si può scaricare da internet? non è gratis?
    :-) :-)

  • # 4
    des
     scrive: 

    giusta osservazione haha.
    Nemmeno io lo conoscevo..gli abbonamenti sono solo per professionisti del campo. Sono tentato di prendere qualche immagine, ce ne sono alcune incredibili.

  • # 5
    Datemi un dollaro a foto e… - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] lo sapete, ho un debole per le cifre tonde e l’occasione per qualche riflessione sulle foto online è troppo […]

  • # 6
    Francesco Carucci
     scrive: 

    Fotolia ultimamente (da qualche mese) e’ letteralmente andato via di matto con la selezione. Non e’ stretta, e’ del tutto casuale. ISP, DT e SS sono decisamente piu’ consistenti nella selezione.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.