di  -  lunedì 7 luglio 2008

cellulare controllato con gli occhiEntusiasti del touch screen? Lasciate perdere, siamo già oltre; il futuro è il controllo di dispositivi elettronici tramite il solo movimento degli occhi.

In Giappone, presso il famoso NTT DoCoMo, un gruppo di ricercatori passa il proprio tempo comandando cellulari con lettore mp3 semplicemente spostando lo sguardo da una parte all’altra di una stanza.

Il gruppo di ricerca, denominato “Frontier Technology Research Group” e capitanato dal dottor Masaaki Fukumoto, sta perfezionando l’uso di segnali elettrici generati dal movimento degli occhi e catturati da delle “cuffione”, per poter alzare ed abbassare il volume, cambiare canzone sul proprio telefonino e, eventualmente, direzionare la videocamera su oggetti specifici per catturare i QR codes e fare fotografie.

Lo scopo di questa ricerca è di poter, in un futuro non troppo remoto, mettere in commercio un cellulare che virtualmente non richieda più il contatto con le dita umane. L’elemento più importante di questo tipo di tecnologia, oltre al fatto che tutto questo ci renderà ancora più pigri, è la possibilità di un potenziamento per l’utilizzo da parte persone disabili; un nuovo campo ancora vergine, aperto a nuovi sviluppi.

La DoCoMo sta sviluppando inoltre, anche altri progetti come l’UbiButton, un orologio da polso che rileva i movimenti delle dita (possibile applicazione per una futura tastiera virtuale) e il Yubi-Wa, un dispositivo (si vede nel video) che trasforma il dito in cellulare.

Il concetto di base rivoluzionario dell’azienda giapponese è proprio questo: cambiare totalmente la concezione che tutti noi abbiamo di dispositivo elettronico portatile.

6 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Alessamdro
     scrive: 

    Pensare che la natura ha impiegato milioni di anni di evoluzione a dotarci del pollice opponibile… e dovrebbe essere comodo dover girare la testa per fare semplici operazioni… Mah, non so quanto saranno comodi, seppur perfezionati…

  • # 2
    SteveJK
     scrive: 

    Non lo vedo assolutamente utile… e poi immaginate se ci giriamo a guardare qualche cosa e si alza il volume e ci spacchiamo i timpani, chiudiamo gli occhi dal dolore e si tira automaticamente lo sciacquone, imprechiamo e il cordless incomincia a suonare per segnalarci la sua posizione… e via via così fin quando non imbracciamo una carabina e incomiciamo a far fuoco a ogni cosa elettronica ;)

    Battute a parte, lo vedo difficile creare un sistema che coinvolga una parte utilissima del nostro corpo, come gli occhi in questo caso, per fare altro per cui “non è stata progettata”.

  • # 3
    biffuz
     scrive: 

    A me pare di una scomodità unica, oltre che spaventosamente invasivo: non possiamo fare nient’altro con gli occhi.

  • # 4
    Nicco
     scrive: 

    sai che belle foto ai didietro delle ragazze, o ai topless in spiaggia.. LOL

  • # 5
    mic
     scrive: 

    io la vedo utile solo per aiutare i disabili ( certo non solo per ascoltare mp3) ma mi sembra che questa tecnologia gia esista in quest’ambito.

  • # 6
    Ilruz
     scrive: 

    Quoto Mic – tecnologia medica, piu’ che commerciale. Forse ha qualche sbocco nei videogame, ma non molto di piu’.

    Mi sono sbellicato nel leggere il commento di SteveJK.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.