di  -  venerdì 29 agosto 2014

ie-1.0_logo

Il 16 Agosto del 1995, Microsoft annuncia e presenta Internet Explorer 1.0. La casa di Redmond è in netto ritardo sulla “strategia internet”, inizialmente sottovalutata dallo stesso Bill Gates e cavallo di battaglia dell’allora leader del settore Netscape.

Nessuna meraviglia quindi che, per recuperare il terreno perso e sopperire alla mancanza di esperienza relativa, Microsoft decida di acquistare da Spyglass le licenze di utilizzo di Mosaic, il primo browser realmente degno di essere chiamato tale.

Mosaic, sviluppato all’interno dell’NCSA dell’Università dell’Illinois, è anche alla base di Netscape, essendo stato sviluppato dallo stesso team, guidato da Marc Andreessen, che, intuito il potenziale, fonda Netscape Communications. Il browser “accademico” non passa, però, sotto il controllo di Netscape, bensì viene creata la succitata Spyglass Inc. per gestire opportunamente il marchio e fornire la relativa tecnologia a terzi, tra cui proprio Microsoft.

ie6 ie1

Internet Explorer 1.0

Ma torniamo a Internet Explorer 1, ovviamente pensato per il nuovo Windows 95 (24 Agosto del 1995), ma relegato al pacchetto, a pagamento, Windows 95 Plus! Pack: in soldoni, Windows 95 non ha un web browser pre-istallato!

La dimensione di questa prima versione supera di poco 1 MB e, paradossalmente, i problemi di compatibilità con il nuovo sistema operativo ne rendono l’utilizzo tutt’altro che piacevole, soprattutto se confrontato con la soluzione di Netscape che, inoltre, ha già il supporto a javascript (sviluppato proprio per Netscape da Brendan Eich) ad HTML 2.0 unitamente ad alcune feature che arriveranno con HTML 3.0 (tabelle innestate). In pratica la prima versione di IE è un semplice viewer HTML e poco più, tanto che a novembre dello stesso anno Microsoft rilascia Internet Explorer 2, la prima a supportare anche il Mac, il Secure Socket Layer (SSL), i cookie e 12 lingue.

Al di là dei miglioramenti introdotti nella versione 3.0, tra cui javascript, la svolta arriva con Internet Explorer 4 (settembre 1997), ma non perché sia il miglior browser mai realizzato, bensì perché Microsoft decide di inglobarlo in modo nativo nel nascente Windows 98 (25 giugno 1998): un’azione di penetrazione ben studiata che spiazza Netscape e ribalta completamente lo scenario di marcato.

ie4

Internet Explorer 4

Al di là delle contese legali e della discussione sull’eticità della scelta, nel giro di un triennio Internet Explorer diventa “IL” browser e la versione 6 inclusa in Windows XP (25 ottobre 2001) diviene la versione più longeva di un browser della storia, tanto che la versione 7 sarà rilasciata solo dopo 5 anni, grazie soprattutto all’arrivo di Mozilla Firefox e alla riaperta contesa del dominio del settore.

ie6ie6ie6Internet_Explorer_6
ie6

ie6Internet Explorer 6

Dalla versione 8, Microsoft cambia completamente rotta: abbandona la presunzione di “dettare le regole” e comincia ad abbracciare gli standard internazionali, uno dei fattori che, nel frattempo, ha fatto la fortuna di Firefox e di Google in primis. Inutile dire che la sicurezza diventa uno degli elementi fondamentali su cui investire.

Con Internet Explorer 10, e Windows 8, arriva anche l’edizione con interfaccia ModernUI e, soprattutto, la nuova filosofia della casa di Redmond relativa al proprio browser: veloce, fluido e perfetto per il touch. L’ultima versione, la 11, accompagna Windows 8.1 ed è assolutamente all’altezza, se non superiore, in alcuni punti, ai diretti concorrenti, soprattutto in ambito touch.

ie11

Internet Explorer 11

Ma il cambio di rotta è sufficiente a garantire un futuro al brand “Internet Explorer”? La risposta è ancora incerta, visto che lo stesso team di sviluppo ha reso noto su Reddit che l’ipotesi di cambiare il nome a Internet Explorer è al vaglio di BigM, il tutto per scrollarsi definitivamente di dosso la percezione di browser mastodontico e lentissimo.

12 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Tutan
     scrive: 

    Purtroppo credo sia un’operazione necessaria.
    C’è troppa gente che continua a dire che IE fa schifo, portando come prova problemi e bug della versione 6.

  • # 2
    lukehack
     scrive: 

    beh IE è tipicamente uno dei peggiori software mai utilizzati dalla massa, veicolo di virus, ha accesso ad API del sistema potenti
    (tramite COM), ignora i principali standard, ecc.
    questo fino alla versione 8;

    calcolando che tale versione è del 2008 (o 2007)
    abbiamo un arco di 13 anni prima di raggiungere il decoro (con la versione 9)

    quindi una brutta fama si, ma ampiamente meritata

  • # 3
    Dej611
     scrive: 

    Se con le ultime versioni non si divertissero pure a cambiare le API – che poi renderono l’esperienza d’uso di webapp con HTML5 terribile – potrebbero anche prendersi qualche elogio.
    Poi con tutta la crociata sui pointer da Internet Explorer 10 l’hanno fatta proprio fuori dal vasino IMHO.

  • # 4
    io
     scrive: 

    IE2 non supportava javascript, AFAIK.

  • # 5
    Felice Pescatore (Autore del post)
     scrive: 

    @io… è vero… IE3 ;-)

  • # 6
    kais
     scrive: 

    Io spero che continuino a proporlo, con IE10 il balso avanti è notevole e funziona molto meglio di FF e chrome, casomai mancano le estensioni che sono oramai parte integrante dei browser.

  • # 7
    TheFoggy
     scrive: 

    Ampia fama negativa ampiamente meritata, vero, ma se da una tot versione e per le 3 successive questi problemi non ci sono più, non ha senso continuare ad insistere su questi punti per non preferirlo ad altri..

    Una cosa che trovo ancora sotto tono, rispetto agli altri browser – mancanza di estensioni a parte – è la lentezza nell’apertura di una nuova tab. Rispetto a Chrome è decisamente più lento, in questo..e visto che ho il vizio di navigare aprendo tab come non ci fosse un domani, per me, è una cosa abbastanza limitante/frustrante. (ripeto: per me). A parte questo, le ultime versioni sono decisamente migliori delle vecchie, ma capisco che il cambiamento di nome (spero non lo chiamino BingBrowser o OneBrowser!) possa servire a risollevarne le sorti. Anche se i non avvezzi, continueranno a cercare “internet explorer”.. (per loro sinonimo di Internet)

  • # 8
    Felice Pescatore (Autore del post)
     scrive: 

    @TheFoggy, OneBrowser è bellissimo ;-) ;-)

  • # 9
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    TheOneBrowser. 8-)

  • # 10
    none
     scrive: 

    @TheFoggy
    L’apertura di nuove tab è immediata su IE9+.
    Se per te non lo è ti preannuncio che è sicuramente colpa di qualche estensione (anche quelle messe dagli AV), parlo per esperienza riscontrata sul campo.

  • # 11
    Mauricio
     scrive: 

    Strano non sembra un articolo da AppuntiDigitali. L’articolo sembra voler dire, in modo molto vago, che IE una volta faceva schifo ma ora è ottimo se non superiore.
    Io sviluppo pagine web da quando c’era IE 5.5, posso dire con assoluta certezza che la cattiva fama di IE non è meritata, è strameritata! Non avete idea di quanti problemi ho dovuto affrontare per colpa di IE, se li avessi segnati tutti ora avrei una enciclopedia.
    Le evoluzioni di IE in questi anni non sono state per competere con la concorrenza, bensì per tappare i propri buchi, mentre gli altri andavano avanti veramente.
    IE 11 ora è ottimo, fate un giro su caniuse.com poi ne riparliamo.

    ps. e pensare che abbiamo ancora IE8 sul groppone, che per esempio non supporta gli svg.

  • # 12
    Sisko212
     scrive: 

    di IE non ne sentiremo la mancanza visto il foriero veicolo di virus quale era.
    Capisco benissimo che il solo cambio di nome non ne cambierà la sostanza, e sarà solo un operazione di marketing per i non addetti ai lavori, ai quali, il nome “Internet Explorer” è associata solo una brutta fama.
    In ogni caso, sarà un altro pezzo di storia per il retrocomputing…

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.