di  -  venerdì 20 giugno 2008

blog chiuso

Francesco Federico ha riportato la vicenda del blogger a cui che si è visto pervenire dall’amministratore della Mosaico Arredamenti una richiesta di risarcimento da 400 mila euro per aver decritto in un post la propria negativa esperienza di acquisto presso l’azienda responsabile.

L’incauta iniziativa del dottor Rossetti, questo il nome del titolare dell’azienda in questione, ha suscitato la reazione tra lo sconcertato e l’esterrefatto di molti blogger, che si sa, sono piuttosto sensibili nei confronti della propria libertà di espressione.

A seguito della vicenda i blogger hanno sottoscritto una lettera con la richiesta di ritirare la querela, e qualche disinteresasto consiglio su come gestire il rapporto con il cliente, nella speranza di far comprendere che il maggior danno per l’azienda non proviene in effetti dal post di Sergio Sarnari, ma dal caos sollevato in seguito dalla denuncia, incomprensibile e controproducente.

Fermo restando il diritto per un’azienda di tutelarsi rispetto a delle calunnie – in ogni caso è tutto da dimostrare che ciò di cui ha parlato Sergio non corrisponda al vero – è evidente che in questo caso l’effetto prodotto è diametralmente opposto, e per rendersene conto è sufficiente effettuare una ricerca con i termini “mosaico arredamenti”.

La ditta, sempre per mano del dottor Rossetti risponde alla lettera inviata da Marco Camisani Calzolari e sottoscritta da molti blogger:

Non era certamente mia intenzione attaccare una categoria che conosco poco e che ritengo assolutamente in buona fede. Se questo è il messaggio che è passato, me ne scuso nei confronti di tutti i Blogger, e questa missiva ha proprio la funzione di chiarire definitivamente questo aspetto.
In ogni modo, ritengo assolutamente doveroso tutelare un’azienda, nella sua immagine e attività, sulla quale ho investito più di dieci anni della mia vita e che offre lavoro a tante persone.

La sensazione è quella che si sia ormai superato il punto di non ritorno. La mia personale impressione è che il dottor Rossetti, in cuor suo, si sia reso conto di aver commesso un errore e che in questo modo, comunque vada i due protagonisti di questa vicenda ne usciranno con le ossa rotte. Il blogger, che ha già scelto di chiudere il proprio blog, e sicuramente non sta vivendo giorni tranquilli, e l’azienda la cui immagine rischia fortemente di essere segnata in maniera decisiva.

È evidente l’inesperienza di molte aziende, piccole o grandi che siano, nel gestire quello che negli Stati Uniti per esempio, è un fenomeno ben noto, conosciuto come lo Streisand effect – guardacaso questa pagina non ha ancora una corrispettiva in italiano.

Spero fortemente che ci siano ancora i margini per recuperare questa situazione, per il bene di tutti. Sarebbe sufficiente che le parti individuassero un intermediario per stabilire un contatto, sono sicuro che a questo punto si sono tutti resi conto che perseverare non porta a nulla. Voglio leggere, nelle parziali ammissioni contenute nella lettera del dottor Rossetti, uno spiraglio per risolvere positivamente la controversia, a vantaggio della serenità dell’uomo Sergio, prima che del blogger, e per il bene dell’immagine della Mosaico.

5 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    BrightSoul
     scrive: 

    Secondo me l’unico che ne uscirà con le ossa rotte sarà il dott. Rossetti. La corte stabilirà che un feedback negativo non può essere considerato calunnia e la Mosaico arredamenti dovrà accollarsi tutte le spese processuali, oltre al danno d’immagine che si sono già auto-inflitti.

  • # 2
    Ilruz
     scrive: 

    “Danno d’immagine” non rende l’idea – non so come sono i suoi mobili o i suoi servizi, ma so da chi NON comprero’ i miei prossimi arredamenti.

    Il fatto che un cliente su mille sia scontento … e’ statistica: se su ebay un fornitore ha il 99.8% dei commenti positivi, io ci compro lo stesso con fiducia. Ovvio che se vado a leggere il commento negativo come minimo c’e’ scritto che tizio e caio devono cambiare mestiere etc – ma … cosa devono fare i sellers su ebay? una denuncia per ogni commento negativo?

    Ma su …

    Mi dirai che poteva richiedere un contraddittorio, questo si, oppure come un utente qualunque poteva registrarsi e pubblicare le scuse – per me vale 1000 volte di piu’ una azienda che si scusa (le aziende sono fatte di persone, e spesso un’anello debole rovina una ottima catena) e mi fa uscire dal casino!

    Come ha detto Marki, la situazione e’ andata oltre il gestibile: anche se la Mosaico ritirasse la denuncia ora la vedo dura su come riguadagnare fiducia.

  • # 3
    Giulio
     scrive: 

    Ovvio che bisogna intavolare una trattativa, altrimenti se ritira ora la denuncia, si becca all’istante una contro-denuncia…

    Cmq pessimo, pessimo, pessimo, pessimo comportamento…

    Spero che Rossetti si renda conto della gaffe (ma poi il blog di uno, suppongo, sconosciuto, come diavolo è andato a trovarlo???) e ritiri la denuncia.
    Anche perché, siamo seri… C’è qualche giudice disposto a condannare il blogger??? Considerando qualche sentenza mi verrebbe da dire si, però dai…

  • # 4
    Markingegno (Autore del post)
     scrive: 

    Purtroppo la burocrazia e i tempi della giustizia comportano che entrambe le aprti debbano sopportare spese e costi (non ultimi in termini di tempo) ancor prima che si arrivi ad una sentenza. Non e’ cosi’ facile.

    E d’altro canto sono convinto che ridimensionare tutto questo polverone sia anche nell’interesse dell’azienda.
    Spero le parti riescano a trovare il modo per farlo.

  • # 5
    » Appunti Digitali #33 | Il blocco-note di Markingegno
     scrive: 

    […] Mosaico Arredamenti risponde con una lettera ai blogger. […]

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.