di  -  venerdì 27 settembre 2013

La definitiva affermazione del Personal Computer è associata alla dirompente discesa in campo di IBM con il modello 5150 del 1981. Anche se, negli anni precedenti, altri competitor hanno spianato la strada alla nuova tipologia di computer (Apple, Tandy, Commodore, ecc…), l’arrivo di IBM ne sugella la definitiva affermazione come sistema professionale, e da ufficialità al termine Personal Computer stesso. Per chiarezza, indicheremo come “Personal Computer” solo i calcolatori che rispondono alle seguenti caratteristiche: requisiti: piccolo ed integrato, general purpose, basato su microprocessore, utilizzabile interattivamente da una singola persona, nessun training particolare richiesto, prezzo accessibile.

Il 5150, però, non è il capostipite dei microcomputer IBM, bensì è la naturale evoluzione di una serie di soluzioni inaugurate con il 5100, nato da SCAMP (1973, Special Computer APL Machine Portable), il primo prototipo di microcomputer IBM, realizzato da Paul J. Friedl (il papà dei Personal Computer IBM) allo scopo di emulare il minicomputer IBM 1130 ed eseguirne il relativo codice scritto in APL (A Programming Language).

friedl

Paul J. Friedl

A due anni di distanza, 9 settembre 1975, BigBlue presenta ufficialmente l’IBM 5100, basato su una processor-board realizzata con componenti discreti e dotato di un massimo di 64Kb di memoria.

5100

IBM 5100

Si tratta di una soluzione all-in-one, definito da IBM come “Portable Computer” nonostante i 20kg di peso, con display monocromatico da 5” e un sistema di archiviazione su cartucce DC300 della 3M (da ¼”) con una capacità di 204Kb.

Il cuore operativo del 5100 è soprannominato PALM (Put All Logic on Microcode) ed è in grado di eseguire un’istruzione (BASIC o APL) ogni 1.75µs. Tutto il necessario per il corretto funzionamento della macchina risiede in una ROM di 210Kb (denominata ROS, Read Only Storage) in cui trovano posto sia gli interpreti BASIC ed APL, sia le routine di gestione.

Il 5100 non ha un successo rilevante, relegato in un angolo dalla scarsa azione di marketing associata e l’alto costo che oscilla tra i 9.000 e i 18.000 dollari, a secondo della dotazione.

Il passo successivo di BigBlue è il 5110, molto simile a predecessore ma con il supporto a floppy drive esterni da 8”, fino ad un massimo di due doppie unità per una capacità totale di 4.8 Mb (1.2Mb per floppy).

 5110

BM 5110 con le unità floppy esterne

Con il 5120, il floppy drive da 8” entra nella dotazione standard, andando a sostituire l’unità a nastro, mentre il 5130 (1980, detto anche System/23 DataMaster) è il primo microcomputer IBM basato su microprocessore, l’Intel 8085: è nato il Personal Computer IBM.

 5120

IBM 5120

Sempre nel 1980 (giugno), IBM rilascia DisplayWriter, un sistema pensato espressamente per la video scrittura basato sull’i8086. Il sistema deriva dal 5130 e introduce una novità nel design IBM: tastiera, unità centrale e monitor non sono più integrati tra loro.

Partendo dalla base del 5130 e dal Display Writer, ad Agosto del 1981 IBM presenta quello che viene identificato come “il” Personal Computer IBM, ovvero il 5150.

 5150

IBM 5150

Da notare che l’anello mancante, l’IBM 5140, verrà rilasciato solo nel 1986. Il “convertibile” (come viene chiamato per enfatizzare la possibilità di utilizzarlo sia in ambiente desktop che mobile) vanta la CPU Intel 8088, fino ad un massimo 640Kb di RAM, ben due floppy da 720Kb ed un ampio display LCD da 10” monocromatico (80×25 testo e 640×200 grafica).

5140

IBM 5140

Se siete curiosi di saperne di più, potete consultare la relativa sezione sul portale StoriaInformatica.it.

8 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    PAP400
     scrive: 

    Il “convertible” 5140 sfoggia ancora oggi un design splendido.

  • # 2
    michelangelog
     scrive: 

    ok non ce la faccio a tenermela:
    “John Titor approva questo articolo”.

  • # 3
    TheFoggy
     scrive: 

    hahahaha! Mitico John Titor! Chissà se poi ne ha trovato uno funzionante e se siamo qui grazie a colui che ora sfottiamo allegramente! :P

    E quoto: il 5140 è tutt’ora apprezzabilissimo!!

  • # 4
    Felice Pescatore (Autore del post)
     scrive: 

    ha ha ha… non ci avevo pensato scrivendo l’articolo. Grandi ;)

  • # 5
    manublade
     scrive: 

    Mio padre lavorava in una scuola al tempo, e comprò il 5150 per la gestione del personale.

    So che in quella stessa scuola, il 5150 è ancora funzionante. Incredibile.

  • # 6
    dave
     scrive: 

    ne avevo trovato uno in discarica, funzionante.
    e poi l’ho buttato via pure io :(

  • # 7
    Mauro
     scrive: 

    Signori non scherziamo il primo VERO PC è stato l’M24 con hard disk. I precedenti sono stati degli splendidi giocattoli. Sistemini CPM o Basic compresi. Ottimi tutti per la didattica. Un buon approccio per la gioventù dell’epoca.

  • # 8
    Notturnia
     scrive: 

    io in soffitta ho ancora un M24E della Olivetti con disco da 20Mb e floppy da 3″1/2 …

    hehe

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.