di  -  lunedì 16 giugno 2008

Wii ModchipIl caso dei mod chip torna alla ribalta nel Regno Unito dove, con un colpo di scena piuttosto clamoroso, un giudice dà ragione a tale Mr ModChip, che distribuiva sistemi per la modifica della console Microsoft XBox.

La ratio della sentenza risiede nel fatto che le violazioni delle relative norme di copyright hanno luogo prima o comunque separatamente dell’uso del chip, ossia nel momento in cui vengono acquistati o diversamente ottenuti eventuali software illegali la cui esecuzione il chip consente.

L’imputato, trovato nel 2007 in possesso di alcune migliaia di chip e di alcune console modificate, è stato dunque assolto dall’accusa e rimborsato delle spese processuali sostenute.

La questione è subito stata definita una pietra miliare nella lotta in atto fra detentori di diritti, produttori e modders, poiché salta a piè pari, o meglio rinvia ad altre sedi, alcune questioni legali finora ritenute primarie a carico del modding. Innanzitutto l’assimilazione fra modding e pirateria, che a guardar bene non è del tutto corretta, essendo alcuni mod chip sviluppati in modo tale da consentire l’uso della console per fini non necessariamente criminosi, come per esempio trasformare una console in un media center. Poi la spigolosa situazione in cui il chip viene usato per fruire di giochi originali ma importati da mercati esteri.

A quanto se ne sa oggi, la logica della sentenza sembra voler circoscrivere la rappresaglia delle associazioni vittima del reato di pirateria al nocciolo del problema, ossia alla duplicazione e distribuzione non autorizzata, piuttosto che agli accorgimenti tecnici che indirettamente agevolano queste pratiche.

Il che, se da un lato può sembrare un volersi nascondere dietro a un dito – non credo di esagerare quando penso che la popolarità del mod chip dipenda in larga parte dall’uso criminoso che se ne può fare, dall’altro difende il sacrosanto principio della libertà di utilizzare ciò che si è acquistato nella maniera che si preferisce.

Questa sentenza pone tra l’altro sotto una nuova luce anche la dibattuta questione dell’hackintosh.

Fonte: The Inquirer, Team Xecuter

5 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Lanfi
     scrive: 

    Mi trovo d’accordo, uno sulla consolle che ha comprato può fare quello che ci pare. Questo fermo restando che chiaramente decade la garanzia, e può essere bannato dai servizi live (che vedo come una cosa distinta dalla consolle in se).

    Per quanto riguarda l’hackintosh (penso che l’autore dell’articolo si riferisca alla psystar) in realtà quello che viene venduto è un computer normalissimo, su cui da quel che ho capito viene installata una copia “modificata” di mac os x. In questo caso mi pare che la violazione ci sia (all’eula di mac os x), visto che acquistando una copia di un software non se ne acquista anche la proprietà “piena” (c’è la disciplina del diritto d’autore).

    Diverso sarebbe il caso in cui inventassero un modchip da applicare su una scheda madre per replicare una logic board e quindi far girare nativamente os x. In quel caso non ci vedrei niente di male, perchè ripeto che sui dispositivi elettronici che uno acquista entro certi limiti il proprietario ci possa fare quello che vuole.

  • # 2
    paolo
     scrive: 

    ma tu, alessio, che lavoro fai nella vita?

  • # 3
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Che lavoro faccio nella vita lo puoi leggere nella sezione autori. Il motivo della domanda se è lecito?

  • # 4
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Lanfi
    Intendevo dire che la logica della sentenza potrebbe legittimare l’impiego dei modchip per la simulazione dell’EFI piuttosto che l’hacking dell’installazione di OSX.

  • # 5
    Edoardo
     scrive: 

    Vi consiglio di leggere questo articolo che ho trovato in rete:

    http://www.andreadagostini.it/articoli.asp?selezione=28

    L’articolo è stato scritto da un avvocato e cita la sentenza in cui è stato dichiarato che modificare o porre in vendita apparecchi idonei a modificare una console come la Playstation o Nintendo DS è reato.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.