di  -  mercoledì 15 maggio 2013

Come anticipato, il Nexus 4 è diventato da alcune settimane il mio unico telefono. Mi sono fatto una discreta cultura sull’ecosistema Android e, come annunciato qualche giorno fa sulla pagina Facebook di Appunti Digitali, ho proceduto allo sblocco del bootloader, all’installazione di una custom recovery (TWRP) e al rooting del terminale. Attendo l’imminente rilascio della nuova versione di Android (4.3) per decidere se iniziare ad esplorare il mondo delle custom ROM.

In attesa del wrap up finale, segnalo alcune difficoltà nella speranza che qualcuno abbia una soluzione che, malgrado le ore di ricerca e le numerose imprecazioni, mi è sfuggita. Non si tratta di problemi banali o piccoli bug, neppure di problemi strutturali, nondimeno di ostacoli piuttosto seri all’uso che quotidianamente faccio del terminale. Vengo subito ad elencarli:

1) chiamata vocale: 1 volta su 2 attivo Google Now e mi salta fuori una ricerca web avente come oggetto il nome del contatto; tra l’altro la chiamata vocale non può essere invocata con la pressione di un pulsante fisico (come su iPhone) ma richiede lo sblocco con codice del telefono e il tap su un’icona, non proprio il massimo durante la guida;

2) streaming Bluetooth A2DP: semplicemente non funziona; il che significa che per sentire musica in auto ho dovuto rispolverare il caro vecchio iPod – una non-soluzione temporanea.

Per risolverli sarei disposto a passare ad una custom ROM – sperando che qualche sviluppatore di buona volontà abbia voglia di far bene ciò che Google stessa ha fatto male. Qualcuno ha suggerimenti da propormi? Grazie in anticipo!

53 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Paolo
     scrive: 

    Sul punto 2 io ho un galaxy nexus con android liscio 4.2.2 e lo streaming via bluetooth funziona perfettamente… poi che non lo uso perchè la qualità peggiora leggermente è un altro discorso :)

  • # 2
    Matteo
     scrive: 

    Per il punto 1 anche dalla lockscreen puoi accedere a Google Now… Basta che fai uno slide verso l’alto a parte da quel cerchiolino che trovi al posto dei pulsanti di navigazione (home, indietro, multitasking)…

    Per il resto non saprei dirti o sono funzioni che uso poco o proprio mai…

  • # 3
    Matteo
     scrive: 

    Aggiungo che la cosa migliore per entrare in Google Now (quindi non effettuare un ricerca o un’operazione con Google Now) è di cliccare o nella notifica che appare nella barra (ogni n minuti) o ancora effettuare uno slide verso l’alto partendo dal pulsante “home”…

  • # 4
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Paolo
    Io su iOS usavo regolarmente (con musica a 128kbps) lo streaming BT senza riduzioni avvertibili della qualità audio. Ma sarei già felice se funzionasse…

    @ Matteo
    Vero, il punto è che se tieni il tel bloccato da codice devi prima inserirlo per accedere a Now (il che è poco pratico se non puoi guardare lo schermo). È logico da un pdv di sicurezza, ma allora mi viene da dire: perché vincolare la chiamata vocale a Now!

  • # 5
    nome
     scrive: 

    “ho proceduto allo sblocco del bootloader, all’installazione di una custom recovery (TWRP) e al rooting del terminale. Attendo l’imminente rilascio della nuova versione di Android (4.3) per decidere se iniziare ad esplorare il mondo delle custom ROM”

    Ah ecco il motivo del passaggio da iphone ad android insomma, siccome funzionava troppo bene ios ed avevi un sacco di tempo libero ti serviva una OS per sfogare le frustrazioni da geek ahahahahaa

  • # 6
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ nome
    In effetti è così :-P
    Forse sono io che sono malato ma usando Android senza root ho come la sensazione di perdermi qualcosa.
    Il tempo libero purtroppo manca, da cui le citate imprecazioni…

  • # 7
    nome
     scrive: 

    Torna ad iphone, dammi retta. Io presi un terminale android perché ero annoiato da ios, passata l’euforia iniziale per la novità ho preso e l’ho ammollato a mia moglie ‘-) … francamente dover smanettare per fare cose essenziali e imprescendibili ( come ad esmpio lo streaming audio BT che citi) é una cosa che ho piu’ voglia di fare, il tempo libero é sempre troppo poco per queste bojate.

  • # 8
    paolo
     scrive: 

    guarda non so alessio, probabilmente la mio autoradio è bluetooth 2.1 e quindi leggermente leggermente lo sento, sarà che poi sono abbastanza audiofilo non so :D in ogni caso che problema hai? io dopo aver fatto l’accoppiamento tra autoradio e nexus basta che avvio l’audio e parte… l’accoppiamento lo fa? se si hai provato a cambiare player? io per esempio uso now playing (ma funziona anche con quello di default, si può scegliere ovviamente dove far uscire l’audio)

    ciao

  • # 9
    paolo
     scrive: 

    cmq la sorgente a 128kbts è compromessa quindi probabilmente è per quello che non senti differenza… si sente male anche l’originale :D

  • # 10
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Paolo la differenza la sento quando mi siedo sul divano ad ascoltare musica ma in auto le condizioni di ascolto non sono certo ottimali, particolarmente quando si percorrono strade trafficate.

    L’auto (una Toyota) proprio non riconosce il terminale nella riproduzione, e sulle impostazioni del telefono vedo scritto “connesso (contenuti multimediali esclusi)” o qualcosa del genere…

    Altri player: credo che il problema sia un po’ più profondo, player alternativi presentano modifiche “cosmetiche”, non credi siano in grado di risolvere problemi a livello di stack bluetooth.

  • # 11
    paolo
     scrive: 

    se ti dice “connesso (contenuti multimediali esclusi)” si il player non c’entra niente. Non so, la mia autoradio è una sony ma non ho avuto mai problemi, c’è qualche incompatibilità tra i 2, non ti so aiutare :(

  • # 12
    Roberto
     scrive: 

    Cosa strana, in macchina di mio cognato (Ford Fiesta) funziona benissimo con il mio LG stock, con il mio LG con CM9 e con un Galaxy S Advance Stock. Idem con patate per Xperia Z su autoradio aftermarket, basta accoppiare il dispositivo dopodiché funziona tutto, play/pausa/stop/avanti/indietro etc. etc. L’unica cosa che non sono riuscito a far funzionare è la chiamata vocale, se do l’ordine di chiamata all’auto il telefono prende fischi per fiaschi.

    P.S. Sul mio LG la chiamata vocale è impostata sul tasto fisico di ricerca, una pressione prolungata fa partire l’interfaccia. L’unica è che c’è bisogno della rete cellulare, mentre ad esempio con i vecchi Nokia non c’era bisogno.

  • # 13
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Roberto, la mancanza di un pulsante fisico (oltre ad accensione, volume up/down) è forse la radice del problema sull’attivazione “eyesfree” della chiamata vocale.

    Sull’accoppiamento del dispositivo devo indagare ancora, c’è un 10% che sia colpa del SW dell’auto…

  • # 14
    Frank
     scrive: 

    Aspettavo il seguito di questo filone di articoli, ma questo é proprio deludente :-(

    Ad inizio articolo dici che hai fatto il root ed installato non so cosa, perché lo hai fatto ? Era necessario per superare qualche vincolo ? Eri annoiato ?

    Dei problemi segnalati, se hai messo il blocco al telefono é corretto che tu non possa utilizzarlo senza prima averlo sbloccato, immagino sia lo stesso con iPhone

    Per l’a2dp scrivi che non funziona ma poi da tuoi commenti si capisce che a te non funziona con una particolare autoradio, non é la stessa cosa.

  • # 15
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Frank, ho fatto il root perché ho abbracciato la filosofia “aperta” di Android e voglio vedere fin dove arriva. Forse ti gioverà sapere che da un Nexus 4 stock puoi guadagnare il 30% di batteria con una semplice app, nemmeno root. Quindi se non “smanetti” sicuramente ti perdi qualcosa.

    Blocco del telefono: no, su iPhone con la pressione del pulsante centrale puoi attivare la chiamata vocale anche con telefono bloccato.

    E infine su A2DP e Bluetooth in generale, verifica pure su Internet, il problema è ben noto.

  • # 16
    metrics
     scrive: 

    insomma android non e’ buono perche':
    – gli sviluppatori google sono meno illuminati
    – non sanno vendere i loro prodotti
    – e prendono come mercato di riferimento gli smanettoni

    A me, invece sembra che google e’ entrata sul mercato con un prodotto scarso Android 1.0. come pure apple con iphone 1.

    Apple ha puntato sul marketing, google sul prezzo basso. A tempi alterni si sono copiati e hanno innovato ma sono sempre stati alla pari + o -.

    Io li metterei su un’ipoterica bilancia per valutare pro e contro di uno e l’altro sistema. Un team di persone che usano giornalemte Iphone, android, Win8 e BB e poi trarre delle conclusioni.

    Quello che non conta invece per la valutazione tecnica e’ il trend di mercato, o almeno dovrebbe contare poco.
    Personalmente conosco qualcuno che e’ passato da android 1.5/1.6 a Iphone 3gs e da Iphone 5 ad android 4.2.2.
    Conosco un po’ piu’ persone che sono passate da iphone a Samsung S3 ma questo credo questo sia il fattore marketing.

  • # 17
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Scusami chi ha detto che Android non è buono?
    Ci sono delle differenze che risalgono alle rispettive filosofie. Le versioni Android customizzate dagli OEM si avvicinano alla filosofia iPhone, come usabilità out of the box e di conseguenza come posizionamento di mercato, per raggiungere masse di utenti che non hanno voglia di fare quello che io sto facendo, avendo scelto un Nexus.

    Apple non ha puntato sul marketing ma su un’esperienza utente consistente e prevedibile, al costo di notevoli limitazioni nella personalizzazione del terminale e del software che ci gira su.

    Android da un lato è un prodotto che si presta, e anzi impone notevoli tweak, dall’altro è la fondazione su cui gli OEM possono costruire il loro valore aggiunto.

    Un team di persone sarebbe bello ma temo dovrete accontentarvi di me, che come valore aggiunto vi posso offrire la certezza che tutti i prodotti di cui parlo me li sono comprati coi soldi miei e quindi non ho nessuno da ringraziare con una recensione positiva.

    Di contro ho un modello d’uso molto ben definito che proviene da anni di uso consecutivo di iPhone. Non pretenderò nella mia analisi finale di dare un giudizio complessivo sul terminale, per quello c’è Hardware Upgrade. Piuttosto partirò da quanto, da utente iPhone, do per acquisito per capire cosa posso fare di più e cosa di meno e deciderò, in base a questo, se il terminale preso in esame sarà in grado di adattarsi al mio modello d’uso.

    Una nota sul marketing: non è che Google non sa vendere i suoi prodotti. Google non fa marketing per Android di per sé (né spinge i Nexus quanto potrebbe), semmai tiene relazioni con gli OEM i quali poi sviluppano delle strategie marketing – le quali, spesso e volentieri si muovono in maniera analoga ad Apple, fino al punto di far quasi sparire Android come vantaggio competitivo (memori forse dell’epopea di Microsoft all’epoca del PC).

  • # 18
    nome
     scrive: 

    @metrics

    Pensi che al di là dei geek, dei semplici appassionati o degli addetti ai lavori alla gente gliene fotta qualcosa di sapere che OS hanno sullo smartphone o peggio ancora che versione? Per non parlare poi dei tecnicismi che vengono sviscerati su queste pagine per il solo gusto di conoscere una materia che ci appassiona?
    Chi acquista un prodotto vuole semplicemente che funziona e la scelta iniziale é influenzata da diversi fattori e il primo é senz’altro il fattore estetico e il blasone. Parli di marketing per giustificare il successo di apple ma questa é una stupidaggine che a forza di essere ripetuta é divenuta quasi vera. Che cos’è il marketing??? Trovo molto piu’ pressante e presente a livello mediatico la pubblicità che fà samsung o la stessa nokia, basta guardare la TV o navigare un po’ su internet. Apple ha saputo imporsi in un mercato che ha creato lei stessa grazie alla bontà e alla semplicità della sua piattaforma, altro che marketing. Tornando a questa continua contrapposizione Android vs iPhone io dico che all’utente medio fotte una mazza dei discorsi sull’open source e sulla “libertà” di personalizzazione, al limite interessa che fuori dalla scatola il terminale riproduce gli mp3 via bluetooth, che non ha problemi con le videochiamate su skype e che non ha impuntamenti o crash delle applicazioni ( anche se sporadici ).
    Tra l’altro non é nemmeno una questione di voler smanettare, visto che su ios grazie al Jailbreak se vuoi smanettare e personalizzare il terminale le possibilità sono infinite. L’unico vantaggio di android oggi come oggi é che puoi prendere un terminale sulla carta performante ad un prezzo inferiore e senza sbloccare nulla puoi anche installarti le apps senza passare per lo store, quindi senza doverle eventualmente pagare ( ma anche qui gli androidiani spesso mascherano la cosa come una questione di libertà ).
    Comunque mi faccio una domanda, oggi é piu’ il brand android che tira o si é ridotto tutto alla contrapposizione Apple VS Samsung?

  • # 19
    borgusio
     scrive: 

    Ma é un articolo o una richiesta di aiuto?? :o

    Nel secondo caso la prossima volta postare nel forum please…

  • # 20
    Gio
     scrive: 

    Il problema del BT ( streaming e scambio dati) dovrebbe essere risolto con il prossimo aggiornamento ( forse, android è in perenne beta) mentre la chiamata vocale purtroppo se hai il terminale bloccato devi sbloccarlo per forza.
    Scusami qual’è l’app che ti fa risparmiare oltre il 30% di batteria?

  • # 21
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Riguardo alla chiamata vocale eyesfree non funziona nemmeno con lo schermo disattivato (prima che intervenga il blocco con codice) e resta il problema di Google Now che spesso invece di chiamare attiva una ricerca web.

    L’app si chiama JuiceSaver, non è l’unica e non credo sia neppure la più radicale non richiedendo il root. C’è da dire che i vantaggi menzionati avvengono su un Nexus 4 che non credo abbia un power management molto aggressivo. Mi è comunque stata consigliata da persone che usano terminal non-nexus.

  • # 22
    metrics
     scrive: 

    @ alessio
    La discussione diventa interessante.
    Sono d’accordo su quello che dici e la mia era + una provocazione in caso non fosse chiaro :)
    Hai ragione sulle “false” recensioni positive che si trovano in giro :)
    Leggendo l’articolo mi e’ sembrato quasi che la conclusione fosse semplice e scontata quando non credo che lo sia.
    I credo che sia google che Apple mirano alla stessa cosa, raggiungere la massa, vendere il piu’ possibile e fidelizzare il cliente.
    Mi chiedo cosa e’ la user experience cos’e’? perche’ alcune funzioni diventano normali/easy to use? perche’ facciamo delle cose in un modo invece che in un altro?
    Il mio ragionamento e’ molto semplice: (forse pure sbagliato):
    Sia google che apple sono partiti con dei prodotti scadenti e li hanno migliorati in corsa, innovando, copiandosi a vicenda e pure da altri.
    Apple e’ riuscita a lanciare il prodotto prima di google e seguendo la loro cultura aziendale ha speso non poco per presentare al meglio il loro prodotto (iphone 1). Vuoi o non vuoi questo ha influenzato sul come il mercato si e’ evoluto. User experience inclusa.

    Per google il core business sono i servizi e per penetrare il mercato in fretta la via per loro e’ stata il prezzo basso e dare accesso alla piattaforma a + aziende possibili.
    Come sostieni tu la filosofia e’ diversa, da una parte hai le varie aziende come HTC, Samsung che spingono sulla pubblicità ma poi raramente aggiornano il sistema piu’ di una volta.
    Dall’altra parte hai i nexus senza pubblicità’ ma che ogni 6 mesi circa ricevono un aggiornamento.

    @ nome
    Google non ha interesse a fare sistemi per smanettoni, al contrario, io credo che loro vogliono penetrare il mercato con un prodotto funzionale e semplice da usare da ogni tipo di utente.
    Non hanno interesse a venderti uno oggetto cool, ma un oggetto che funziona al meglio per i loro servizi in primis. Non a caso schermo grande, CPU performante e schede video buone in modo che tu abbia la migliore esperienza possibile quando lo usi, soprattutto, su internet.

    Chi compra un prodotto molto spesso e’ influenzato non poco dall’aspetto estetico e dal blasone (come dici tu). La guerra del marketing e tra marche come Samsung, apple e nokia piu’ che sistemi operativi open or closed source e serve molto a vendere ma anche a fare lievitare i prezzi piu’ che ad innovare.

  • # 23
    Roberto
     scrive: 

    Alessio, oggi ho provato a fare una chiamata con il mio telefono in auto. Se uso i comandi vocali dell’auto prova a fare una ricerca web oppure prova a chiamare un numero strano, se uso il pulsante fisico invece tutto bene. Misteri della fede.

    P.S. Non uso Google Now, ma la ricerca vocale standard, prova a disattivare Google Now e vedi che succede.

  • # 24
    Frank
     scrive: 

    @alessio
    Nel tuo primo articolo dichiaravi :
    La mia valutazione, ripeto, terrà conto del mio punto di vista di utente iPhone: allo smanettamento preferirò sempre una funzionalità stabile e affidabile out of the box.

    Mi pare invece che hai cambiato velocemente rotta verso il lato oscuro della forza :-)

    Intendiamoci, ognuno fa quel che vuole col proprio dispositivo, ma dal tuo primo articolo mi sembrava che il tuo esperimento fosse volto a scoprire se android era una soluzione più o meno “funzionale” rispetto ad IOS.

    Penso che siamo quasi tutti d’accordo sul fatto che IOS sia blindato mentre android é naturalmente predisposto alle personalizzazioni/ ottimizzazioni, ma quanto tempo bisogna perdere per ottenere gli stessi o migliori risultati con il secondo ?

    Io utilizzo iPhone, da sempre senza jb, perché la mia prima necessità é quella di essere produttivo dedicando il minimo indispensabile di tempo alla manutenzione del telefono.
    Sono tentato a cambiare, odio i limiti imposti dalla Apple e ritengo i prezzi dei loro prodotti spropositati, sarebbe belli dai tuoi articoli capire se android é rivolto ai soli smanettoni o é diventato un prodotto maturo ed affidabile.

  • # 25
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ metrics
    Se li guardi con gli occhi di oggi i primi iPhone e Android erano dispositivi rozzi e limitati (l’HTC Dream più del primo iPhone) ma, al confronto con quel che c’era prima, erano davvero un altro pianeta. Con tutte le imperfezioni del caso hanno aperto la porta – iPhone ha aperto la porta a onor del vero – ad un modello di interazione col terminale che ha reso obsoleto tutto quel che c’era prima.

    Fast forward ad oggi: iPhone è un prodotto maturo che ormai innova su aspetti se vogliamo marginali così come i vari Samsung, Sony, HTC, LG idem. Schermo più grande e denso, CPU e GPU più potente, più memoria ma nel complesso nulla che ricordi vagamente il passaggio da iPhone 1 a 3G e poi a 3GS.

    Cos’è la user experience? È la capacità di un prodotto di rappresentare la filosofia che ispira chi lo ha inventato. Questo è il motivo per cui ho scelto il Nexus. Un Galaxy rappresenta più che altro la filosofia di Samsung, un Nexus rappresenta quella di Google, inalterata dagli interessi trasversali di OEM e operatori.

    Google offre agli OEM le fondazioni per costruire la user experience che ritengono più consona; un diritto che il Nexus estende all’utente finale.

    Apple si prende la responsabilità di prevedere quel che gli utenti vogliono, quasi azzerando la personalizzabilità del terminale – non è alla correzione gamma che mi riferisco, ma per esempio alla possibilità di far parlare le applicazioni fra loro – per fortuna risparmiandoci il crapware degli operatori.

    Questa in sintesi la differenza. Ma…

    Agli utenti che usano lo smartphone al 100% delle sue possibilità Apple offre l’iPhone, Samsung il Galaxy S4, HTC l’One etc etc.
    Agli utenti che usano lo smartphone al 5% delle sue possibilità Apple offre sempre l’iPhone, magari il modello precedente, ma comunque in grado di preservare la user experience “obiettivo”; quello che per semplificare chiamo il mondo Android offre invece terminali scadenti, la cui unica qualità è il prezzo basso.

    Telefoni che per il solo chiamarsi Galaxy, Xperia, One etc, “offendono” i top di gamma con materiali scadenti, hardware lento e obsoleto, qualità costruttiva pessima, display inguardabili e così via.

    Questo distinguo complica il tema della user experience sul fronte Android, e in un certo senso giustifica (o contribuisce a giustificare) il fatto che Google mantenga in piedi una linea di telefoni flagship, i Nexus. Che per ora, non a caso, sono gli unici che m’interessano. Anche perché, e concludo, ed è questo un altro punto a favore di Nexus ma anche di iPhone, di stare ai ritmi di LG, HTC o Samsung per gli aggiornamenti o vedere il mio terminale abbandonato dopo 1 anno e mezzo, non mi va proprio.

  • # 26
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Frank, hai ragione. Diciamo che il rooting (BTW oggi ho installato il Franco Kernel!) è un diversivo, ci ho preso gusto. Nella mia valutazione finale il ricorso alla “magia nera” per ottenere quello di cui ho bisogno e ho imparato a dare per scontato, verrà come promesso valutato negativamente.

    Quanto tempo? Tanto. Ve lo dirò fra qualche giorno. Ovviamente partendo da un Nexus. Magari con un prodotto Sony o HTC le cose sono diverse.

    Stay tuned ;-)

  • # 27
    Mic
     scrive: 

    come custom rom, ti posso consigliare, se sei in cerca di prestazioni estreme e completa liberà, la EOS rom
    se invece vuoi qualcosa di più sciallo, potresti orientarti verso la carbonrom, che è più semplice e consumer
    ovviamente, per tutto questo, il posto migliore dove cercare è XDA

    buona fortuna con i tuoi problemi, non tornerai più indietro dopo

    e per la cronaca con gli altri… non è che se esce il nuovo terminale da 999€ … l’esperienza perfetta che avevate prima diventa superata, inusabile
    solo i bambini viziati ragionano così
    e al massimo è solo la samsung, che si ostina ad offendere i top bollando con “galaxy” anche i pessimi ace o terminali ancora più inferiori
    ma posso assicurare che anche con un vecchio galaxy s+ (300€ DUE anni fa), una volta abbandonata la merdosa rom stock la tanto bella “user experience” è identica anche a nexus 4, gs4 o che ne so altro, cambiano solo le solite sciochezzuole (schermo, gpu..)

  • # 28
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Purtroppo i problemi menzionati non mi sono indifferenti. Mi dà gusto provare ma il telefono per me è innanzitutto uno strumento di lavoro, non di sperimentazioni, e p.es. la chiamata vocale mi rende tutto un po’ più difficile. Quel po’ dieci volte al giorno inizia ad essere un bel po’.

  • # 29
    nome
     scrive: 

    Ma morale della favola sul Nexus 4 con l’ultima versione ufficiale di android installata non funziona lo streaming bluetooth? Oh se é cosi’ per me é allucinante, sticazzi di personalizzazioni e menate tipo il root, qua si parla di funzionalità basilari!!!

  • # 30
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ nome
    Ad oggi la risposta è no. È un bug ben documentato (bit.ly/12gmID9) che riguarda l’intero stack bluetooth. Sarebbe ora che Google ci mettesse su le mani, anche perché è comune con tutte le ROM alternative basate sulla 4.2.2, Cyanogen compresa a quel che ho letto (ho infatti letto di utenti che tornano alla 10, basata su 4.1.2).

  • # 31
    Mic
     scrive: 

    allora, nel tuo particolare caso, ho cercato un po e sembra che il problema del bluetooth possa essere causato dall’impianto che hai nell’auto che è troppo vecchio per supportare il nuovo standard di A2DP high quality, impedendo la trasmissione (http://forum.xda-developers.com/showpost.php?p=39177896&postcount=8602) (http://forum.xda-developers.com/showpost.php?p=39450235&postcount=8781)
    probabilmente il tuo ipod è vecchio come il ricevitore, e quindi vanno a braccetto

    secondariamente, per quella cosa delle chiamate.. il vero problema, se proprio devo dirlo, direi che sta sull iphone,
    perché se tu hai messo un PIN, vuol dire che non vuoi che gli altri usino il tuo telefono
    e non mi sembra normale lasciare esposte a cani e porci le chiamate, volendo potrei chiamare in nuova zelanda e lasciarti col credito a 0
    2 possibili soluzioni potrebbero essere, una bella dock in auto che non fa andare in standby il cell (col now sempre acceso)
    .. oppure un qualche widget da mettere nella lock, adesso non mi sono informato su questo

    e, ultima cosa, la versione 4.3 è ancora distantuccia, nel tempo, quindi non perderei tanto l’animo ad aspettare

  • # 32
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Mic stai parlando della Cyanogenmod che proverò presto, io mi lamentavo della 4.2.2 ufficiale. Magari il problema persiste, ad oggi non posso dirlo.
    Quel che è certo è che la mia auto non risale al secolo scorso, è una Prius del 2010, diffusissima oltreoceano e abbastanza diffusa anche in Italia. Se non supporti un ricevitore del 2010 di una macchina non certo di nicchia, di un produttore che è il primo al mondo e che quel ricevitore nel 2010 presumibilmente l’ha usato su buona parte della sua gamma, il problema è tuo più che dell’utente o di Toyota.

    Sulle chiamate, non sono certo che la chiamata per numero sia sbloccata quando non sei collegato a un headset che hai previamente abbinato. Certo è che la chiamata per nome funziona sempre, capisco sia un tradeoff ma neppure così enorme, considerato il fatto che abilita un reale uso handsfree.

    Tra l’altro la policy del lockscreen è davvero restrittiva: con lo schermo bloccato non posso neppure sincronizzare i contenuti col computer. Capisco che questo dipenda dal fatto che non c’è sul computer un software che presieda ai trasferimenti e possa quindi rifiutarsi di prendere dati da dispositivi non riconosciuti. Però anche questa è una seccatura.

  • # 33
    Gio
     scrive: 

    @Alessio
    Scusa ma quando dici che iPhone e prodotti android con i loro limiti erano un altro pianeta rispetto al passato, mi dai l’impressione che tu usassi un nokia 3310, perche di smartphone questi prodotti non avevano nulla rispetto a windows mobile o a un symbian ma anche un bb.
    Cioè per oltre due anni non avevano apps degne di questo nome e solo web app, il vantaggio di ios e android è stato quello di sdoganare a non business man il prodotto che va oltre chiamate e SMS.

  • # 34
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Gio iPhone ha avuto il merito di rendere progressivamente quelle funzioni fruibili a chiunque, “business man” o meno, che non avesse voglia di perdere più tempo sul pannello delle impostazioni che ad usare il terminale. La chiave di questa rivoluzione si chiama interfaccia e non parlo solo di touchscreen ma di accessibilità delle funzioni.

    Che all’inizio convengo non erano assolutamente le stesse, ma la base c’era e nel tempo ci si è costruito su – già dal 2008 l’app store di Apple ha incrementato drasticamente l’utilità dei terminali che la gente aveva già in tasca, e così con ogni successivo aggiornamento SW.

    Dall’altra parte c’erano oggetti incompatibili fra loro con interfacce legnose e nel caso di WP, ispirate a null’altro che la volontà di trasformare lo smartphone in un piccolo desktop con tanto di tasto start.

    La differenza fra uno di questi oggetti e un 3310 è ai fini pratici un centesimo di quella che insiste fra questi e la moderna concezione di smartphone di fascia alta. Per l’appunto un altro pianeta ;-)

    Impilare funzionalità “half-baked” dentro terminali con hardware sottodimensionati e schermi minuscoli è nulla rispetto a rendere molte di quelle funzioni accessibili e usate quotidianamente dalla massa.

  • # 35
    Mic
     scrive: 

    la policy del lockscreen, a mio modo di vedere fa il suo sporco lavoro: tu hai impostato un codice per poter usare il telefono?
    bene, nessuno potrà accedervi senza averlo inserito
    sennò tanto varrebbe che io te lo collegassi al computer, e ciao ciao anche alla tua privacy-sicurezza
    io con la semplice lockscreen con l’anellino sono più che apposto

    tornando invece al problema del bluetooth.. io cercando in giro avevo trovato quello… adesso guardando meglio avevo visto che forse era meglio far partire il pair dall’auto piuttosto che dal telefono
    e avevo letto di un altro tipo, che nell’auto era andato su AUX, di più non saprei
    chissà che magari cambiando rom il problema si risolva

  • # 36
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Mic è una differente interpretazione del concetto motivata da una differente situazione lato computer. Il lockscreen di iphone lascia aperte alcune funzioni perché l’unica interazione con il computer avviene se quest’ultimo è stato associato al dispositivo mediante l’account.

    Questo tipo di sicurezza non esiste su Android e dunque il lockscreen rimane come unico baluardo al trasferimento indebito dei dati.

    Questo però inibisce delle funzioni che su iPhone sono più intuitive, come per esempio la sincronizzazione delle foto con Dropbox, o il trasferimento di file, che su Android richiede lo sblocco dello schermo.

    Sul bluetooth ti ringrazio per l’aiuto, anch’io sto spendendo molto tempo nella ricerca ma ahimè soluzioni non se ne vedono all’orizzonte. Se trovo qualcosa anch’io la posto.

    Mi sto attrezzando per il test di Cyanogenmod con un backup completo (tra l’altro sincronizzato con Dropbox, una mano santa per terminali che non hanno storage esterno).

    Mi aspetta un’altra notte di smanettamento…

  • # 37
    Mic
     scrive: 

    aan, capisco adesso la situazione
    effettivamente no, su android non ci potrebbe mai essere questo tipo di accessibilità (magari potresti spuntare “rimani attivo se sottocarica” dalle opzioni sviluppatore come workaround)

    comunque, sarà che ci ho preso l abitudine, ma quando cambio rom.. più di perdere 20 minuti in titanium backup per backuppare i salvataggi di qualche giochetto e lo storico sms non ci spendo
    le foto e tutto quello che c’è in ./sdcard non vanno persi

  • # 38
    Tasslehoff Burrfoot
     scrive: 

    @nome
    > francamente dover smanettare per fare cose
    > essenziali e imprescendibili
    > ( come ad esmpio lo streaming audio BT che citi)

    Cose essenziali e imprescindibili? Queste?
    Talmente imprescindibili che ci sono gozzilioni di persone che non sanno nemmeno che queste cose esistono e che lavorano, telefonano, producono usando dei semplici telefoni che fanno appunto questo, telefonano.
    Io per lavoro uso un N70 tanto per dirti quanto siano imprescindibili ed essenziali le cose che citi…

    Torniamo sulla terra per cortesia.

  • # 39
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Mic Ecco una domanda in proposito: se con Titanium faccio un backup completo, posso ripristinarlo su un’altra ROM (tipo passando da stock 4.2.2 a CM 10.1)?

    @ Tasslehoff
    Sulla terra milioni di persone sono passati da baracche tipo N70 o N73 che possedevo personalmente, a iPhone o Android, esattamente per poter dare per scontate funzioni che prima neppure si potevano sognare. Ma questo lo sai prima che te lo dica. Cosa ti spinge ciononostante a venire qui a fare il fustigatore degli altrui costumi?

  • # 40
    Tasslehoff Burrfoot
     scrive: 

    > Sulla terra milioni di persone sono passati da baracche
    > tipo N70 o N73 che possedevo personalmente, a iPhone
    > o Android, esattamente per poter dare per scontate funzioni
    > che prima neppure si potevano sognare. Ma questo lo sai
    > prima che te lo dica. Cosa ti spinge ciononostante
    > a venire qui a fare il fustigatore degli altrui costumi?

    Beh Alessio, anzitutto io non ho sono venuto qui a fustigare niente o nessuno, non ho dato alcun giudizio su chi usa queste features.
    Mi sono semplicemente limitato a correggere una cosa palesemente falsa, ovvero che quelle features sono essenziali e imprescindibili.
    A dimostrazione di tutto questo ci sono le tante persone (la maggior parte) che non le usano (e addirittura non sanno che esistono) e ciò nonostante utilizzano i cellulari con grande profitto.

    Per quanto mi riguarda uno può usare il cellulare come piastra per cuocere le bistecche, libero di farlo e non sarò certo io a fermarlo, ma da qui a dire che la funzione “bistecchiera” è una feature essenziale e imprescindibile per un cellulare ce ne passa, non credi?

  • # 41
    Mic
     scrive: 

    oddio, se con backup completo intendi TUTTI TUTTI i programmi…
    te lo sconsiglio vivamente, perché così quando andresti a ripristinare il mega-backuppone i dati delle applicazioni di sistema (bluetooth, google play, impostazioni) andrebbero a sovrascrivere quelli della CM, e sarebbe un problema perchè non si possono intercambiare fra una rom e l’altra

    tuttavia per quanto ne so io, tutte le restanti applicazioni non hanno problemi di questo tipo e puoi stare certo che anche passando da una 2.1 a una 4.2 andrebbero ancora lo stesso al 100%

    ps. una volta che ti sarai capito con il cambio di rom, ti riporgo l’invito a provare la eos rom è davvero fantastica ;)

  • # 42
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Tasslehoff

    Io per lavoro uso un N70 tanto per dirti quanto siano imprescindibili ed essenziali le cose che citi…

    Torniamo sulla terra per cortesia.

    Non le definirei essenziali in senso letterale ma sono abbastanza imprescindibili per il mio modo di usare il terminale.
    Della maggior parte delle persone che usano felicemente tecnologie degli anni ’90 se permetti m’interessa il giusto, in questo thread ci occupiamo di tecnologia “avanzata”, stiamo parlando di terminali evoluti e costosi dai quali è lecito attendersi molte funzioni che a te magari non servono ma a me che amo la musica e faccio 30000km all’anno sì. Per carrucole, catapulte, schede forate, aste e bilancieri abbiamo una rubrica apposita ogni venerdì. ;-)

  • # 43
    Gio
     scrive: 

    Scusami Alessio, ma symbian aveva un interfaccia che non redimersi legnosa, e WM aveva si un concetto di PC desk, ma le funzioni che ti permetteva di fare erano anni luce avanti a ios/android degli albori per almeno due anni…mi trovi d’accordo che l’ha era sottostimato e che con un hw superiore le cose sarebbero state diverse, vedi omnia, ma a prescindere da ciò e parlando di solo OS…beh di un altro pianeta era questi OS rispetto a ios/android non certo il contrario.
    Se poi per te l’importante era fare 4 cose ma fatte in modo veloce e semplice, allora hai perfettamente ragione…ma non parliamo di smartphone, non all’inizio almeno :-)

  • # 44
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Giò esattamente di cosa parliamo, di inserire uno smartphone in un ambiente active directory? Ma come puoi tu produttore concentrarti su funzioni verticali se l’esperienza web ed email fa pena? È innovando su questi aspetti fondamentali che iPhone e poi Android hanno conquistato il mercato.

    Forse non erano avanti come numero di funzioni ma lo erano di certo come fruibilità di quelle 4 funzioni che stanno alla base delle esigenze del pubblico allargato.

  • # 45
    Gio
     scrive: 

    Web e mail pena? Su WM? Insomma…a me pare facesse pena quella su ios che 6 anni fa non supportava flash, allora diffusissimo anche in ambito aziendale…con mail che oltre lo zoom supportava malamente le cartelle IMAP…. Che poi dopo due anni avevi, apparire, migliorie, funzionalità migliorate è vero…ma senza le vendite iniziali ( che andarono male inizialmente, ricordo il ribasso di prezzo in usa con i contratti) a quest’ora iPhone sarebbe stato come Apple TV, di ultra nicchia e questo vale anche per android che mt a parte mostrava le stesse lacune più o meno di ios.
    Cioè, si può dire che erano macchinosi, che erano scarsi di hw, ma che non erano completi gli OS per smartphone ( smart non pseudo prodotti che mischiavano un iPod con navigazione web e mail e chiamate)..beh proprio no.

    Esatto, erano avanti per 4 funzioni…touch, schermo, hw, funzioni base che quelli che usavano un telefono volevano migliorare passando a qualcosa di completamente touch e quindi sdoganando lo smartphone, ma di smart vero e proprio avevano pochissimo se non proprio 3 cose 3.

  • # 46
    Gio
     scrive: 

    Scusami, appstore non apparire…correttore automatico inutile :-)

  • # 47
    Nome 1
     scrive: 

    …sei sicuro , dato che in diversi non hanno problemi di di uso (mi sembri tu un pò “scarso”) , nè di connessione via bluetooth all’autoradio (ma se scrivi per questa testata , dovresti sapere che si possono avere problemi anche solo di rubrica telefonica col vivavoce via bluetooth.. tecnologia implementtata Malissimo quella bluetooth , in barba all’ Itu)…
    …sei sicuro che non scrivi tutto questo solo , per pubblicizzare la semplicità da utonti che il melafonino ha..(e tutti i bug che l’imperfetto iOs ha , o ha avuto in passato (ad onor del vero).

    Insomma se volevi “un aiutino all’utonto neofita” scrivi nei forum , non farne un articolo , sei ridicolo.

    ovviamente IMHO

    ovviamente tonto con affetto , mica è un insulto , ti trovo solo un pò “lento”… un pò POCO FERRATO IN MATERIA … e scrivi per questa testata????
    Mi sono Chiarito?

  • # 48
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Gio diciamo che iPhone e poi android hanno ridefinito il concetto di smartphone, che prima cercava di essere un pc in miniatura, macchinoso, limitato, con un’interfaccia scadente ma con le funzioni di un piccolo pc. Poi è stato un oggetto a sé stante, con le sue iniziali limitazioni ma col pregio di offrire una buona funzionalità in ambiti d’impiego su cui era concentrata l’attenzione del grande pubblico.

    In effetti il paragone fra vecchi e nuovi smartphone ha i suoi limiti perché sotto lo stesso nome si celano due cose completamente diverse come pubblico di riferimento. Del resto Se iPhone fosse stato pensato in prima istanza per contrastare Windows Phone avrebbe avuto feature e diffusione analoghe a Windows Phone. Invece è stato progettato attorno alla fruibilità di alcune funzioni “Smart” interessanti per il grande pubblico, e da lì in poi si è mosso ad abbracciare altre funzioni più di nicchia, con l’ausilio dell’app store che ha debuttato già nel 2008.

  • # 49
    Gio
     scrive: 

    Su questo siamo d’accordo, mi chiedo cosa sarebbe accaduto se il primo iPhone non fosse piaciuto alla massa…chiesa come si sarebbe evoluto android a livello funzionalità.

  • # 50
    Gio
     scrive: 

    Chissà, non chiesa :-(

  • # 51
    Tasslehoff Burrfoot
     scrive: 

    > Non le definirei essenziali in senso letterale ma
    > sono abbastanza imprescindibili per il mio modo
    > di usare il terminale.

    Non mi pare di aver dato dell’eretico a chi non usa un cellulare degli anni ’90, ne di aver bollato come inutili diavolerie queste features avanzate.
    Ho solo detto che non è corretto definirle essenziali o imprescindibili, uno in un’auto può volere come optional “l’alza-lava-stira-scalda-raffredda specchietto” ma da qui a definirlo essenziale come optional ce ne passa ;)

    > Giò esattamente di cosa parliamo, di inserire
    > uno smartphone in un ambiente active directory?
    > Ma come puoi tu produttore concentrarti su funzioni
    > verticali se l’esperienza web ed email fa pena?
    > È innovando su questi aspetti fondamentali che
    > iPhone e poi Android hanno conquistato il mercato.

    Ok Alessio, però vorrei farti notare che è proprio su ambiti applicativi verticali che Microsoft e HP si erano create un impero (poi stupidamente abbandonato a se stesso) con Windows Mobile e i terminali iPaq.
    Qualche anno fa questa piattaforma era lo standard di fatto, anzi un vero e proprio monopolio per applicazioni industriali e lavorative in genere, non c’era corriere, magazziniere, rappresentante commerciale che non girasse con uno di quei palmari con Windows Mobile e una qualche applicazione vbscript o .Net che si interfacciava con l’ERP di turno.
    E’ stata una tecnologia che ha veramente lanciato .Net, tant’è che sparito quel mercato di .Net restano le briciole.

    La verticalità di queste soluzioni la ritrovi esattamente come prima ma su terminali diversi, in pochi hanno sviluppato su BES, la massa s’è spostata su Android, e non perchè Windows Mobile faccia pietà nel web o nella fruizione della posta, ma perchè ormai non si trovano più i terminali, e quelli che ci sono costano una fucilata…

    PS: se posso avanzare una proposta, inserite la quotatura nei commenti :)

  • # 52
    Gio
     scrive: 

    Usate disqus vi prego, cosi si migliora la fruibilità dei commenti…grazie :-)

  • # 53
    Tasslehoff Burrfoot
     scrive: 

    > Usate disqus vi prego, cosi si migliora
    > la fruibilità dei commenti…grazie :-)

    No vi prego, non cominciate anche voi a impelagarvi con inutili servizi di terze parti per fare un submit su una form con una semplice text area…
    Per fare tutto questo basta un po’ di banalissimo javascript, oppure integrate i commenti con vbullettin come gli altri siti del network di hwupgrade.

    Non capisco poi in cosa migliori la fruibilità con quel servizio, vedo siti che usano disqus e lo trovo un servizio pessimo, alberatura dei messaggi limitata a pochi reply, paginazione lenta come la fame e in generale una reattività del servizio pari a un bradipo morto semi congelato :\
    Vabbè scusate l’OT :)

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.