di  -  venerdì 19 aprile 2013

Alzi la mano chi, almeno una volta, non ha giocato con Duke Nukem 3D, il più irriverente degli eroi dei videogiochi, rilasciato sotto l’effige di 3D Realms.

In realtà il nostro eroe nasce in seno ad Apogee Software Ltd, fondata da Scott Miller, e della quale ripercorreremo l’evoluzione, ricordandone i successi più significativi.

Le origini

ApogeeApogee Software nasce nel 1987. A credere nell’operazione è Scott Miller (programmatore di videogiochi da oltre un decennio) che ha una visione di business decisamente distante dai canoni che contraddistinguono il periodo specifico: è possibile fare profitto creando dei giochi shareware.

 scott_miller

Scott Miller

Infatti, mentre era abbastanza comune trovare delle versioni trial o limitate (o una combinazione di esse) di programmi applicativi, i giochi erano tipicamente esclusi da tale circuito. Miller però ritiene che sia possibile cambiare tale scenario sfruttando una modalità specifica per i videogiochi: offrire solo i primi livelli e consentire di completarli solo dopo aver acquistato la licenza di “sblocco” o la versione completa.

Un’idea semplice, quanto geniale, che farà la fortuna di Apogee.

ordering

Tipica schermata di info per l’acquisto

Il primo gioco, realizzato dallo stesso Miller, sotto l’insegna Apogee è Kingdom of Kroz, dotato di grafica EGA e di nemici e oggetti realizzati con i caratteri ASCII. KoK è articolato su tre episodi e 75 livelli, i primi dei quali shareware. Il titolo ha un successo immediato e fornisce alla società la necessaria copertura finanziaria (circa 100.000 dollari in due anni) per assumere nuovi sviluppatori ed iniziare la realizzazione di nuovi giochi.

 kingdom_of_kroz

Kingdom of Kroz

E’ interessante evidenziare che Apogee è anche una delle prime società ad introdurre i cosiddetti “cheat code” (meglio noti come “trucchetti”), che permettono di attivare funzionalità nascoste nel gioco, saltare livelli, ottenere l’invincibilità e così via.

Nel 1989 arriva Caves of Thor, creato da Todd Replogle, che diventerà di lì a poco il Team Lead del primo Duke Nukem.

caavethor

Caves of Thor

Me è il 1991 l’anno chiave per Apogee: George Broussard ne diventa co-proprietario e si proietta sulla poltrona di presidente. Con Broussard nel proprio organico, arrivano anche una serie di titoli prima commercializzati tramite la Micro/FX, primi tra tutti: Pharaoh’s Tomb e Trivia Whiz.

george_broussard

 George Broussard

trivia_whiz

Trivia Whiz

Il futuro presidente va, inoltre, a completare il quartetto che si cela dietro al primo DUCA, affiancando il già citato Todd Replogle, Allen Blum e lo stesso Scott Mille.

duke_nukem1

Duke Nukem

Sin dal lancio, Duke Nukem (1 luglio 1991) diventa un successo planetario, portando nelle casse di Apogee fino a 50.000dollari al mese, consentendole di mettere in cantiere nuovi titoli in house (Bio Menace, Rise of the Triad, Major Stryker, Crystal Caves, ecc…) e, al contempo, affermarsi anche come publisher di successo per altri produttori (Commander Keen, Paganitzu, Wolfenstein 3D, Alien Carnage).

major_stryker

Major Stryker

wolfstein3d

Wolfenstein 3D

E’ interessante notare come Apogee è in grado di attrarre a se piccole realtà, condividendo royalty e introiti attinenti ai titoli specifici, ponendosi come “guida” in un mercato complesso e articolato. Tra i vari developer che si avvicinano alla società di Miller c’è Tom Hall, uno dei fondatori della “piccola” idSoftware, che viene assunto per creare un sequel di Wolfenstein 3D, trasformatosi presto in Rise of the Triad.

Nel 1993 arriva l’atteso sequel di Duke Nukem, semplicemente Duke Nukem II.

duke_nukem2

Duke Nukem II

Il nostro primo post dedicato ad Apogee si conclude qui. In attesa del ritorno in 3D del DUCA, vi lascio con l’intro del secondo episodio della saga.

“I’m Back”

4 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    michelangelog
     scrive: 

    il primo duke nukem me lo ricordo ci giocavo sul nec v30 (clone 8086) ma anche bio menace anzi era no proprio bio menace e commander keen i miei preferiti al tempo (nonostante la grafica ega) poi un certo titus the fox in vga li surclassò con un colpo di spugna :-)

  • # 2
    Cipo
     scrive: 

    Tra i giochi dei primi anni 90 ne segnalo un paio cui giocai:

    “Math Rescue”
    “Cosmo’s Cosmic Adventure”

    tutti shareware naturalmente :D mi piacerebbe sapere come vanno a finire :D

  • # 3
    techno
     scrive: 

    Ahhh ecco spiegata la stringa “DNKROZ” per il cheat “god mode” di duke3d :P
    Non avevo mai capito cosa significasse (non conoscevo Kroz)

  • # 4
    Real Vault Boy
     scrive: 

    Avevo un CD acquistato in una nota catena di Informatica del tempo (96/97 mi pare) con dentro una marea di giochi shareware. Qualcosa tipo Shareware CD Collection, non ricordo bene, aveva un menu in ASCII grigio nero, in inglese e francese.

    Bon comunque sia, dentro c’era il paradiso dello shareware Apogee. Bio Menace, Crystal Caves (bellissimo il livello a testa in giù!), Duke Nukem, Cosmo’s Cosmic Adventure (carino), Secret Agent (tipo CC), Monster Bash (che stile ! :D), l'”anemico” Commander Keen (:D), Paganitzu, Blake Stone, Hocus Pocus, Mystic Towers, Raptor: Call of the Shadows e qualcun altro che ora mi sfugge…

    Che pomeriggi :°)

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.