di  -  venerdì 22 febbraio 2013

Febbraio sembra un mese particolarmente rilevante per i linguaggi di programmazione. Infatti dopo Thompson e Wirth, domani (22 febbraio) sarà Thomas Eugene Kurtz a festeggiare gli anni: ben 85!

thomas_kurtz

Thomas E. Kurtz

Ma perché Kurtz è così importante nella storia dei linguaggi di programmazione? La risposta è semplice: si tratta del co-autore, insieme a John George Kemeny, del Dartmouth Time-Sharing System a cui è indissolubilmente legata la creazione del BASIC (Beginner’s All purpose Symbolic Instruction Code).

Nato ad Oak Par (Illinois) nel 1928, Kurtz consegue la laurea allo Knox College nel 1950 e il dottorato in matematica a Princeton nel 1956. Tre anni dopo si trasferisce al Dartmouth College e comincia a lavorare a stretto contatto con Kemeny (direttore del dipartimento di Matematica), maturando insieme la convinzione che:

“….knowledge about computers and computing must become an essential part of  a liberal education.”

“…. la conoscenza in merito ai computer e all’informatica deve diventare una parte essenziale di una educazione liberale.”

Tale proposito prende corpo quando, nel 1963, Kemeny convince il College a dotarsi del nuovo calcolatore GE-225, in sostituzione dell’obsoleto LGP-30. Per consentire di sfruttare efficacemente il nuovo sistema (in combinazione con il GE Datanet-30), i due colleghi cominciano a lavorare sul Dartmouth Time-Sharing System (DTSS), un sistema di time-sharing interno all’università.

Kurtz_Kemeny

 Kurtz e Kemeny

Con DTTS comincia a prendere forma la prima parte del proposito dei due scienziati (accesso ai computer), ma manca ancora, però, uno strumento, un linguaggio, semplice e compatto per apprendere l’arte della programmazione. In questo caso la visione dei due matematici diverge: Kurtz tende per realizzare una versione “leggera” del FORTRAN mentre Kemeny pensa ad un nuovo linguaggio di alto livello con una curva di apprendimento minima.

ge235

Il General Electric 235, simile a quello di Dartmouth College

La seconda opzione ha la meglio e dà vita al Beginner’s All purpose Symbolic Instruction Code (Istruzioni Simboliche di Uso generale per Principianti) che già nel nome evidenzia la propria indole. Kemeny e Kurtz hanno già lavorato ad altri due linguaggi: il Dartmouth Simplified Code (Darsimco, 1957) e il Dartmouth Oversimplified Programming Experiment (DOPE). E’ interessante sottolineare come lo sviluppo avviene prima della ricezione del GE-225, che al momento della consegna (estate del 1963) viene sostituito con il GE-235.

Il 1 Maggio del 1964 il sistema è completo (Time Sharing, compilatore BASIC e programma di test) e viene eseguito il primo programma in BASIC. In particolare il linguaggio è decisamente ben realizzato, tanto da spingere il Dartmouth College a renderne pubbliche le specifiche.

Negli anni successivi (1966- 1975), Kurtz ricopre il ruolo di direttore del Centro di Calcolo di Kiewit (Kiewit Computation Center, sempre a Dartmouth) e quello di direttore dell’Ufficio dell’Informatica Accademica (Office of Academic Computing, 1975-1978).

true_basic

Nel 1983, mentre è direttore del direttore del programma Sistemi d’Informazione e Computer di Dartmouth, fonda con Kemeny la True BASICInc. per commercializzare il True BASIC, versione aggiornata e potenziata del BASIC derivata dal Dartmouth BASIC 7, e noto anche come ANSI BASIC.

Nel 1991 Kurtz viene insignito dell’IEEE Computer Pioneer Award e nel 1994 diviene membro onorario della Association for Computing Machinery.

11 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Michele
     scrive: 

    Articolo interessante.
    Grazie :)

  • # 2
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Il BASIC è il primo linguaggio che ho imparato. Ancora grazie, Kurtz!

  • # 3
    Gennaro Tangari
     scrive: 

    Mi annovero tra quelli che hanno iniziato con il Basic. Grazie Kurtz!

  • # 4
    michelangelo giacomelli
     scrive: 

    Anche io ho iniziato col basic, per essere precisi sul BBC Basic sull’olivetti prodest 128s (un bbc master compact importato da olivetti, ma al tempo non lo sapevo), poi passai al gw-basic e quindi al quickbasic 4.5 da cui è partita anche la mia carriera professionale che mi ha portato a realbasic e poi all’asp… e quindi al php e al java allontanandomi per sempre dal basic, però i ricordi del bbc basic e del gwbasic sono ancora vivi e ben impressi nella memoria.

  • # 5
    Andrea Garbagnoli
     scrive: 

    Oggi, 1° marzo,è il compleanno di Seymour Papert, inventore del LOGO.

  • # 6
    ufo.rob
     scrive: 

    Io ho iniziato nelle ore di matematica alle medie con il GWBASIC su MS-DOS (nel 1998!) però ho imparato pochissimo, non so se era per la prof. o forse non ero abbastanza maturo però credo fosse in parte per la prof infatti mi sembra di ricordare troppi GOTO. Adesso non so com’è, spero non sia prevista la programmazione in GWBASIC nel programma delle medie, io inizierei a fare qualcosa già in Pascal per preparare alle superiori (se non sbaglio la programmazione in Pascal c’è ancora nel programma di matematica del biennio di liceo scientifico e tutti gli istituti tecnici, io ad esempio a ragioneria lo facevo). Infatti il Pascal mi sembra buono per avvicinarsi alla programmazione (l’hanno inventato apposta).

  • # 7
    Alessandro
     scrive: 

    Iniziato sullo Zx81 per poi passare allo ZXspectrum

    ancora adesso continuo ad usarlo con programmi per Access ed Excel in Visual Basic, che forse ormai di Basic non e’ rimasto molto semmai il for next e if endif.

  • # 8
    Germano Abram
     scrive: 

    Io ho iniziato con il Vic20, viva il Basic! dapprima a copiare listati dalle riviste come Commodore Computer Club….. Poi qualche passetto in assembler e via via! rimpiango tantissimo quei tempi, c’era la sensazione di poter ancora creare qualcosa di nuovo…. adesso qualunque cosa pensi di fare… c’è già!!!

  • # 9
    nnever2000
     scrive: 

    Quindi in basic nasce come un liguaggio compilato??? Questa non la sepevo. L’ho sempre legato indissolubilmente all’essere interpretato.

  • # 10
    nnever2000
     scrive: 

    Comunque io penso che simili linguaggi (come il gwbasic e il pascal) debbano ancora essere insegnati a scuola: troppa gente programma senza sapere cosa sono i file .obj cosa è un compilatore ad una o due passate e cosa comporta, cosa è il complemento a due e perchè l’estremo superiore di una variabile numerica spesso è rappresentato da -1……. E’ come guidare un auto senza sapere come funziona il motore: ci riesci e anche molto bene ma nei passaggi più difficile ti torna molto utile sapere cos’è uno spinterogeno.

  • # 11
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    A scuola è meglio insegnare i concetti base, lasciando dettagli di più basso livello quando si sarà maturata la giusta mentalità.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.