di  -  martedì 20 novembre 2012

Qualche giorno fa è emersa su BusinessInsider un’indagine dai risultati piuttosto allarmanti per Microsoft: fra un campione di 135.000 utenti Windows intervistati, il 42%  di coloro che valutano l’acquisto di un nuovo sistema, passerebbe alla concorrenza (Apple) a fronte della nuova UI di Windows 8.

Al netto di imprecisioni, metodologie approssimative/poco rappresentative, è certo che Windows 8, con la sofferta rimozione del pulsante start, interrompa una sequenza di UI fra loro affini che inizia alla metà degli anni ’90.

Il sistema operativo maggioritario per eccellenza è dunque destinato a planare verso quote di mercato più contenute? Il 90% di market share diverrà presto un ricordo? La resistenza di XP in reazione a Vista sarà probabilmente replicata da Windows 7 in reazione a Windows 8, il che basterebbe ad escludere cadute verticali.

D’altro canto la crescita di Windows 8 avverrà anche al di fuori del tradizionale PC, a partire da quel Surface che segna – altro momento storico – l’ingresso di Microsoft nel settore hardware “post-PC”.

Se Metro, nelle strategie di Microsoft, testimonia l’intenzione di puntare tutto su un effetto piattaforma fra PC, tablet e smartphone, a difendere la quota di mercato su PC rimarranno le retrovie. Il che rappresenta un cambiamento epocale nelle strategie di Microsoft, ma anche una grossa opportunità – ancor più di Vista – per i competitor. La “Big Forking Decision” delineata da Jean Lous Gassée più di un anno fa mostra oggi i suoi per nulla trascurabili effetti.

47 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Alessio
     scrive: 

    Da possessore al day 0 di W8, la mia valutazione è molto semplice: W8 è un ibrido di due realtà W8UI (metro) e desktop.

    Ciò che fa di un S.O. una realtà apprezzata e consilidata non è solo l’nterfaccia, ma ciò che l’interfaccia ti permette di fare, in questo caso le app.

    Le app tuttora disponibili sono poche e scarne. Non hanno opzioni se non quelle due o tre.

    Mi sembra di tornare anni indietro e di provare android 1.5. Certo con il tempo migliorerà ma di cambiamenti ne devono fare molti. E addirittura un tablet con W8RT non saprei come usarlo. Semplicemente anche le opzioni basilari sono molto intricate, soprattutto se lo paragono ad uno smartphone android (ma un tablet dovrebbe esser simile).

    Certo io ho utilizzato W8 da zero con uno schermo touch, ma ammetto che con un mouse farebbe alquanto ridere come interfaccia, purchè sia comunque usabile.

    Se ad un utente non piace, non è tanto difficile installare un launcher alternativo o altri programmi desktop in sostituzione di quelli di default. Certo W8UI non puoi cancellarlo, ma alternative se ne posson avere.

  • # 2
    Alex
     scrive: 

    Mi ritrovo in quel 42% di utenti. Dopo aver installato win8 ho pensato che era venuta l’ora di passare ad apple. Quello che mi trattiene ancora è il supporto di gran lunga migliore ai videogiochi ed alla grafica 3D sotto Windows.

    Non capisco per quale ragione la Microsoft voglia superare a destra la Apple a tutti i costi rischiando lo sfracello. Certo l’evoluzione è necessaria per poter continuare a sopravvivere ma il salto che si chiede agli utenti è eccessivo. E poi l’idea di uniformare l’esperienza utente su qualunque piattaforma mi sembra una follia. Mi ricorda i tempi in cui il browser stava diventando il centro di tutte le applicazioni web. Fortunatamente poi sono venute le app che hanno restituito dignità all’utente. Speriamo solo che questa modo della UI uniforme passi presto.

  • # 3
    floriano
     scrive: 

    ai temi di xp l’interfaccia grafica era molto personalizzabile, da vista in poi è diventato quasi impossibile (e le poche volte che ci sono riuscito sono dovuto ricorrere a dei procedimenti non banali)..

    non capisco la fissazione microsoft d’imporre interfacce nuove, secondo me al comando c’è qualche “mente suprema” che non capisce i gusti degli utenti, l’utente è pigro e non ha voglia d’imparare, basta fare un pseudo default per tutti con le impostazioni per modificarlo a piacimento (cosa che faccio anche su kde).

    microsoft è riuscita a imporre la sua interfaccia come base (ed è uno dei motivi per cui uno cambia sistema operativo, soprattutto tra le persone anziane) e si ostina a percorrere queste strade???

    Apple non mi convince per niente come azienda però conosce i suoi utenti e ha il buon gusto di fare “evoluzioni” e non “rivoluzioni”.. mah

  • # 4
    Alessandro
     scrive: 

    Dispositivi diversi -> utilizzi diversi -> approcci diversi -> applicazioni diverse -> UI uguale.

    Qui c’é qualcosa che mi sfugge. Boh?

    Il commento sopra coglie in pieno il problema, secondo me: la microsoft vuole imitare apple. Ma la microsoft non é la apple: ne nel DNA ne come target (anche se di recente questo confine é diventato decisamente piú fumoso).

    E quando i prodotti microsoft si sovrapporranno a quelli Apple, la scelta, temo, sará prevedibile. Di fatto, invece di impedire la concorrenza come ha sempre fatto, stanno tendendo braccia a chiunque (da linux ad apple), cercando di occupare una posizione che non le appartiene, e rischiando di venire stritolata.

    Giá da tempo sento che se non fosse per i giochi, molti sarebbero passati a linux (e forse con Valve le cose potrebbero cambiare). E, a quel che vedo dalla statistica effettuata, molti considerano Apple come una possibile scelta futura.

    Forse che la MS ambiva a quel tipo di fidelizzazione che utenti linux e apple hanno sempre mostrato nei confronti dei rispettivi ambienti? Ma microsoft é arrivata dove é ora perché andava a prendere gli utenti dove li trovava, attirandoli con OS belli da vedere e facili da usare su hw economici. Linux e Apple, dal canto loro, si aspettano che siano gli utenti a muovere il primo passo, e che poi rimangano li a dispetto di qualsiasi cosa. La MS ha forza in un pubblico ‘popolare’, non in quelli elitari che albergano altrove….

  • # 5
    phabio76
     scrive: 

    Windows 8 è un ibrido con tanti difetti di usabilità che può piacere o non piacere.
    La base è quella solida di Windows 7, è snello, c’è il nuovo gestore risorse… ma non è questo il punto.

    Microsoft ha fatto una scelta coraggiosa, intelligente e lungimirante, almeno nelle intenzioni.
    Piuttosto che mantenere oggi il (quasi) monopolio del mercato PC per poi ritrovarsi fra qualche anno con il 100% di niente, sta provando ad allargarsi su altre piattaforme facendo leva sul suo prodotto di punta.

  • # 6
    deglia
     scrive: 

    ho installato win8 fin dalla prima RC su 3 pc:il mio desktop,un portatile e sul pc che uso come media center/storage.
    parto dal portatile.lo utilizza principalmente mio padre (67 anni,pochissima esperienza col pc) per navigare in internet,gestire le foto,scrivere testi e email.
    dopo lo smarrimento iniziale ora è felicissimo di win8.il portatile sembra rinato,è molto + reattivo,si accende molto + velocemente e la nuova interfaccia la trova molto comoda e semplice da usare.
    per quanto riguarda il mediacenter/storage non credo ci sia interfaccia migliore.finalmente non mi devo più spaccare gli occhi x vedere il nome dei file e anche qui il pc sembra rinato rispetto a 7 (è un p4 3,2ghz con 2 giga di ram).
    sul mio desktop invece non è cambiato poi molto.a parte un incremento della reattività generale del sistema,faccio tutto quello che facevo prima.le cose che sono cambiate sono la gestione di + monitor che è molto migliorata,molte funzioni del pannello di controllo che ora sono + snelle e meno macchinose da configurare e il task manager.nessun problema di compatibilità con i giochi,il software o problemi a trovare i driver.il menù start non l’ho quasi mai usato,quindi personalmente non ne sento la mancanza.l’interfaccia nuova è comoda da usare anche con mouse e tastiera,ci sono un sacco di shortcut comodissime e alla fine si tratta solo di cliccare icone + grosse.certo,è un po’ acerba ed ha ancora molti margini di miglioramento e non è molto personalizzabile.concordo con quanto detto sopra che le app(quanto odio questa parola)gratuite sono al momento poche e piuttosto scarne però in questo mi rendo conto che la microsoft centra solo in parte.
    in conclusione sono molto contento di essere passato a 8 e ora come ora,soprattutto se migliorerà la quantità e qualità delle app,non ho assolutamente intenzione di tornare a 7.

  • # 7
    Alessio B.
     scrive: 

    Diciamo che non mi ritengo un fan dei sistemi operativi Microsoft ma ho comunque preso il nuovo Windows al day 1 complice anche un’adeguata politica economica e commerciale sugli aggiornamenti (avevo windows 7 in bundle con il notebook).
    In generale sono convinto che è giusto pagare un prezzo congruo per i software che uso ed inoltre mi piace provare prima di criticare (eventualmente) un qualsiasi prodotto.
    Beh, mio malgrado, dopo alcuni giorni di utilizzo del nuovo so, non posso dirmi soddisfatto.
    Sicuramente è stato fatto un buon lavoro “sotto il cofano”, è indubbio ma la nuova interfaccia, per uso desktop, è un pastrocchio.
    A mio modesto avviso se si usa il pc NON solo per navigare, leggere una mail e scrivere qualche riga, ovvero per fare le quattro operazioni di default presenti nella home di win8, ci si trova tra le mani un’interfaccia utente limitante e inadeguata che sembra quasi studiata per rendere complicata e lunga qualsiasi operazione.
    Mi trovo decisamente con Windows 7 Pro che ho sulla workstation.
    Non credo sia una questione di abitudine. L’interfaccia di W8 è un ibrido mal riuscito (almeno allo stato attuale).
    Mi spiace. Avevo riposto diverse speranze sul nuovo so. Non ho provato la beta per non farmi influenzare da qualche eventuale buco o lacuna che si potevano presentare in quella fase.
    Per 29 euro non muore nessuno. Ho fatto la mia parte in maniera seria ma non posso che dirmi abbastanza deluso e concorde sui molti commenti negativi che si leggono in giro.

  • # 8
    Sono una sedia
     scrive: 

    C’è poco da fare, una UI che sembra uscito da una puntata particolarmente creativa di Paint Your Life, un tentativo smaccato di sbattere in faccia agli utenti un megadepliant pubblicitario a tutto schermo dei servizi M$ con registrazione fortemente spinta in tutte le salse, un tentativo ancora più smaccato di diventare distributori unici del software per la piattaforma ancora più diffusa al mondo (e chi ha in mano il cliente finale ha in mano i soldi), affiancato dalla’ltro lato dal tentativo di f*77ere i partner storici produttori di hardware ponendosi ANCHE come distributori dell’hardware (e in un settore con margini così risicati, il vantaggio competitivo di chi fa il SO è una condanna a morte per tutti gli altri)…
    A questo giro M$ (o forse $inowski) ha tentato di buttarlo in _dove volete voi_ a tutto il resto del mondo (utenti, sviluppatori, vendor hw) con il tatto di un’elefante in un negozio di rarissime porcellane Ming, al punto che in un po troppi se ne sono accorti.

  • # 9
    Alessio B.
     scrive: 

    @ #5 phabio76
    Assolutamente d’accordo su questo.
    Ripeto, peccato, che al momento attuale il risultato su desktop sia alquanto “discutibile”.

  • # 10
    splash
     scrive: 

    Meno male che mettete i link alle notizie originali. Non e’ il 42% degli utenti di windows intervistati che vuole passare ad Apple, bensi’ il 42% di quelli che intendono comprare un nuovo computer (che sono il 16%). Il restante 84% continuera’ ad usare l’attuale computer con Windows.
    Tra l’altro e’ indicativo il fatto che, quel 42% e’ composto da un 12% di persone che comprera’ un computer Apple e da un 30% che comprera’ un iPad. La maggior parte di questi ultimi, presumibilmente, comprera’ l’iPad “in aggiunta” e non “in sostituzione” al loro attuale computer.

    Per cui l’incipit dell’articolo andrebbe corretto come
    “fra un campione di 135.000 utenti Windows intervistati, tra il 2% e il 7% valuterebbe di passare alla concorrenza (Apple) a fronte della nuova UI di Windows 8.”

    Smettetela di abusare delle statistiche! Nella migliore delle ipotesi ci fate la figura di quelli che non sanno leggere due numeri, nella peggiore di quelli che travisano apposta.

  • # 11
    Alex
     scrive: 

    @splash

    Il 42% di quelli che intendono comprare un nuovo computer (tra cui il sottoscritto) sono quelli che non saranno più tra i clienti di Microsoft. Magari non accadrà a giorni, ma sono utenti che non daranno più soldi a Microsoft. Che poi molti di questi utenti intendono passare ad iPad non mi meraviglia. Per molte persone che navigano, leggono la posta o prendono appunti il PC è ormai sovradimensionato.

  • # 12
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ splash
    Giusta osservazione, ho rettificato, ma la sostanza del problema non cambia. Un cliente che non cambia prima o poi cambierà, e se questi sono i presupposti…

  • # 13
    splash
     scrive: 

    @Alessio
    chiedo scusa per essere stato brusco, ma quando vedo statistiche sbagliate vedo nero.

    Giusto per la cronaca :-) nell’universita’ in cui lavoro qualche giorno fa hanno reso disponibile l’upgrade a Ubuntu 12.04 con GNOME3. Le reazioni sono state paragonabili.

    Non e’ poi, grazie alla numerosa base utenti di iPad/iPhone, possa riuscire in futuro con facilita’ ad Apple il cambio di UI? Anche se prego che non lo facciano…

  • # 14
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ splash
    Figurati :-)
    In quanto ad Apple, credo abbia tutto il tempo per arrivare ad una soluzione di convergenza. Posto che ne senta il bisogno. Un iPad mini è il miglior compagno di un Mac (più dell’iPad da 9.7″) e se nel frattempo l’interfaccia ibrida di Windows 8 genera una fuga, Apple ha tutto l’interesse a raccoglierla con prodotti Mac/iOS ben distinti fra loro.

  • # 15
    Roberto
     scrive: 

    A livello di lavoro sotto al cofano Microsoft ha fatto davvero bene. Ho provato le vecchie beta e ora ho provato il definitivo, ma già dalle vecchie prove ero rimasto assolutamente soddisfatto. Dopo che saranno sistemati i primi bug di 8 sicuramente il sistema si potrà considerare molto più sicuro di 7 ed è già più reattivo (a meno di alcune sorprese che spero non ci saranno).

    A livello di interfaccia ok.. non sono un estimatore di Metro (anche se non la chiamano più così), anzi, ma penso che gli utenti normali possano risultare soddisfatti dopo un disorientamento iniziale. Il vero problema è per chi lo utilizza per altre cose. La schermata e le applicazioni a schermo intero non mi vanno giù. Cosa poteva fare Microsoft? Creare Windows 8 con due modalità facilmente selezionabili, per uso tablet e per uso pc e avrebbe soddisfatto probabilmente tutti.

  • # 16
    Altrove
     scrive: 

    Mah …. per me è semplicemente un EPIC FAIL.
    L’interfaccia è semplicemente un abominio (Android è mille volte meglio), la scocciatura per riavere un desktop decente è immensa, e fa venire voglia di rimpiangere Vista.
    Lasciamo perdere le prestazioni, esattamente uguali a Seven (come già testato da numerose riviste online), l’inutilità delle directx 11.1 ecclatante, i miglioramenti pari a zero.
    Certo, un utente Windows un minimo esperto ci mette poco a rimettere in ordine il tutto, e gli altri possono passare da un buon tecnico per farlo.
    Certo, una media porzione di polli ha già comporato 8 come upgrade (per sbattere poi contro ad una serie di problemucci per fortuna bem risolvibili) tanto per spendere soldi, e non ottenere nulla in cambio.
    Certo, i forum sono pieni di gente stipendiata da M$ per esaltare il nuovo (è successo perfino con Vista, ergo….), e le affermazioni sono talmente risibili che solo una persona a digiuno di informatica potrebbe crederci.
    Comunque resta un fatto: una INUTILE rincorsa all’ apple style, che ha già fatto CLAMOROSAMENTE fallire WM7e 7.5, che stà facendo fare una PESSIMA figura a WM8 e che causerà l’affondo inesorabile dei tablet con WIndows 8.

    Microsoft si pentirà MOLTO di questo errore, secondo me.
    Se uno deve imparare un’interfaccia nuova, perchè non andare in casa della concorrenza (Android in primis??)

  • # 17
    Davide Costantini
     scrive: 

    A me piace molto Metro, sia su smartphone che su Windows 8.

    Certo ci sono delle incongruenze con il desktop che non possono essere eliminate.

    Ho provato entrambe le preview a suo tempo (su PC “tradizionale”) e comprato Windows 8 un paio di giorni dopo l’uscita ufficiale sfruttando l’offerta a 30 euro. Commercialmente parlando potrebbe rivelarsi un grosso passo falso per Microsoft.

    Ma per me è il miglior Windows mai realizzato. Le prestazioni e la reattività sono senza rivali. Fatta l’abitudine con Metro ti trovi uno Start Menu più potente e personalizzabile che include un hub dei contatti, un client e-mail semplice ed altri software installabili.

    E tanto per la cronaca a casa ho due workstation una con Mac OS X e uno con Windows 8.

    Il problema maggiore che ho riscontrato è la mancanza di applicazioni ma soprattutto il fatto che le Metro app sono mediocri se non scadenti. Gli hub delle notizie sono decenti ma Contatti e Messaggi ad esempio hanno molto da migliorare.

    Infine, mancano dei tutorial decenti per insegnare ai novizi il funzionamento della nuova interfaccia.

    Quindi quanto intendo il miglior Windows mi riferisco esclusivamente al mio scenario d’uso. Il miglior Windows di sempre, tecnicamente e commercialmente, è stato Seven (parlando degli ultimi anni). Credo che Windows 8 stia attirando più critiche di quanto non meriti, specie per l’utilizzo su classico PC.

  • # 18
    Gendo Ikari
     scrive: 

    Io sono felice di aver trovato nei giochi indie una miniera di divertimento. E con Steam su Linux spero di poter a breve rimuovere completamente la mia partizione Windows.
    Potrei dargli una chance solo se Win8 avesse finalmente raggiunto livelli di qualita’ pari a OSX e Linux. Tanto per dirne una fra tutte: le prestazioni di Win8 calano progressivamente dopo l’installazione come in tutti gli altri Windows?

  • # 19
    xan273
     scrive: 

    ma c’e’ qualcuno a cui piace metro nel mondo? perche’ va bene la convergenza ma a chi piace veramente?

  • # 20
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    A me.

    E ai miei figli, quando gli ho mostrato la consumer preview sul MacBook Air. Non hanno fatto una piega dopo anni di assuefazione alla vecchia interfaccia di Windows (XP, Vista, 7 la più grandicella, soltanto 7 per il più piccolo).

    Forse il problema dei più grandi è che sono troppo abituati alla vecchia interfaccia. E’ come quando cambi casa e/o i mobili: per i primi tempi ti trovi smarrito, disorientato. Poi diventa tutto naturale, perché ti abitui.

    La convergenza è utile non adesso, perché siamo in fase di transizione, o per meglio dire rottura col passato, con Metro. Inoltre su desktop/notebook non è ancora diffuso il touch, anche se Metro rimane tranquillamente utilizzabile anche col mouse.

    E’ comoda la convergenza, perché hai un’interfaccia simile con qualunque dispositivo ti trovi ad avere a che fare.

    Infine, gli utenti più “spigliati” non avranno comunque difficoltà a sistemarsi l’ambiente come gli aggrada. ;)

  • # 21
    Davide Costantini
     scrive: 

    @Gendo Ikari: di che degradazione delle performance stiamo parlando? Neanche Seven degrada nel tempo, salvo uno non installi ogni giorno un diverso programma in avvio automatico e senza controllarli.

    Una cosa che rallenta anche OS X.

    Non siamo più ai tempi dei primi Xp, Windows non ha nessun complesso di mediocrità con la concorrenza e vanta il miglior supporto driver e API grafiche (OpenGL e DirectX).

    E come ho detto sopra ho anche una workstation Mac OS X Lion a casa, che amo parecchio.

  • # 22
    Alex
     scrive: 

    Ma tutti quelli che parlano di prestazioni migliori e di una maggiore reattività di win8 rispetto a win7 hanno notato di quanto è stata semplificata l’interfaccia utente rispetto a win7? Avete notato che hanno finalmente eliminato le inutili finestre trasparenti (altra moda seguita da microsoft e fortunatamente terminata) risparmiando risorse? Vi invito a configurare win7 in maniera minimalista esattamente come è adesso win8. Poi fatemi sapere se notate anche in quel caso una reattività migliore.

  • # 23
    ilfughi
     scrive: 

    due cose che non mi piacciono di windows 8
    1) l’interfaccia utente
    2) la chiusura del sistema windows rt

    sul punto 1 si può opinare quanto si vuole, ma a me non piace. Mi sembra un’interfaccia buona solo per il ragazzetto che deve sapere in tempo rease se su faccialibro qualcuno ha commentato la sua nuova foto stilosa. Ovviamente è solo una mia opinione, ma è la MIA opinione. C’è però di buono che per chi vuole si possono sempre usare programmi di terzi che permettono di bypasssare metro
    il punto 2 è però molto meno opinabile. Se si vogliono installare le “apps” (che già dal nome mi sono antipatiche: continuarli a chiamere programmi no?) si deve passare dallo store microsoft per forza. Per ora i programmi vecchi tipo ancora vanno, ma quando diventeranno “legacy” e nella migliore delle ipotesi verranno emulate n macchina virtuale (nella peggiore non supportate del tutto) come la mettiamo?

  • # 24
    fefe
     scrive: 

    @Alex
    Ho sempre configurato windows 7 sul netbook (quale miglior banco di prova) nel modo che dici, anche disabilitando servizi suerflui, e cose come lo switchback compatibility ed ogni altro genere di ottimizzazioni… ma windows 8 è decisamente più veloce… e migliora con gli smanettamenti di cui sopra! ;)

  • # 25
    fefe
     scrive: 

    @ilfughi

    1. a me piace… il mio parere vale quanto il tuo come la mettiamo? e non sono un ragazzetto!
    2. quando succederà ne riparleremo… basi le tue previsioni su qualche fatto o è solo terrorismo psicologico?

  • # 26
    ilfughi
     scrive: 

    @ fefe
    1) è la mia opinione. Mica ho detto che è il vangelo. Però la penso così. Sarò qundi fra quelli che salterà questa versione. A meno che, ovviamente non esca un service pack che permette di installare l’interfaccia tradizionale. E per microsoft i miei soldi (e quelli di tutti gli altri utenti insoddisfatti) sono buoni quanto i tuoi. Per ora ritengono che quelli persi da noi vecchietti insoddisfatti ritorneranno per altre vie, ma non è detto che sarà così
    2) le apps devono passare per forza dallo store. Se mi andasse bene questo sistema comprerei un i-quarcheccosa (l’indice totale di coricabilità aumenta. Purtroppo non scherzo)
    senza rancore, eh! mica ti voglio obbligare a usare l’interfaccia di windows 98 come faccio io

  • # 27
    fefe
     scrive: 

    @ilfughi

    Ho letto male avevo capito ti riferissi ai programmi normali e non a quelli metro
    Cmq i normali programmi si possono e si potranno installare anche in futuro senza passare dallo store e windows 8 in modalità desktop è quasi identico al 7… non vedo il problema

  • # 28
    Sono una sedia
     scrive: 

    Metro è una rottura col passato?
    Metro è una novità?
    Il paradigma del desktop che prima di 9x mancava a Windows si è rivelato geniale e vincente sempre e ovunque, ed è la cosa che più manca agli utenti andoid e ios di tutte le fasce: è stato messo in secondo piano davanti ad una interfaccia ostentatamente portata avanti come “quella nuova, abituatevi” che ne è priva: è una novità? No, è un avanzo di Windows 3.11 (che amavo a parte per la mancanza di un vero desktop).
    Il paradigma delle applicazioni “immersive” non ha niente di nuovo a parte il neologismo, è un residuato dell’epoca del dos e sistemi precedenti. E è una brutta copiatura di quanti accade in android e ios.
    Ecco, il problema con Metro, a parte essere brutto come il layout di novella 2000 di 15 anni fa, è quello di essere una brutta riproposizione di paradigmi di usabilità ampiamente superati, e scopiazzatura di quanto hanno fatto sistemi ben più primitivi e limitati di Windows.
    Quei sistemi non hanno venduto perchè erano zoppi a livello di UI, hanno venduto perchè sono su macchine mobili, rugged, leggere, economiche e cool.
    In M$ hanno capito l’esatto contrario e hanno buttato via il loro vantaggio (anche peggio con la vaccata delle app e dello store che pestano i piedi a tutti gli sviluppatori win32) senza (per ora) colmare il gap.
    E se anche lo colmeranno, dopo aver buttato via il loro vantaggio, saranno solo il terzo incomodo dopo Apple (ottimo fattore coolness) e dopo Google (una piattaforma online seria, non come quelle vaccate di M$), per inciso il terzo incomodo che non ha ne un brand hw cool nè il monopolio de facto dei servizi e dell’advretising online.
    Hanno appena cominciato a vedere quanto la pagheranno cara, questo è il primo passo falso potenzialmente letale di M$.

  • # 29
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ 28
    Windows 8 nasce con la missione di rappresentare in trait d’union con l’universo dei dispositivi touch e dunque allargare il mercato – primariamente su tablet – ad un’utenza meno smaliziata o che comunque è refrattaria alle complicazioni di una UI desktop.
    Per chi non usa il computer abitualmente, la stessa metafora del desktop o la sovrapposizione delle finestre crea difficoltà. L’app full screen di metro elimina questo livello di complessità alla radice, mentre il desktop retrostante risponde ad esigenze d’uso meno casuali – posto che pure il nerd qualche volta vorrà navigare in santa pace senza altre 10 finestre che notificano in background.
    Dire che i due ambienti sono poco omogenei e parlano poco fra loro è una cosa, la bocciatura tout-court di metro non mi pare condivisibile.

  • # 30
    francesco
     scrive: 

    Dal (mitico) winXP sono passato con enorme soddisfazione a win7. Passare a win8 non mi fornisce nessun vantaggio reale nell’utilizzo del mio notebook. Avrei preferito che Microsoft rilasciasse un service pack 2 piuttosto che sfornare un “nuovo” os con un’interfaccia da cellulare. Capisco che sono tempi in cui occorre vendere ma non vedo quali possano essere i vantaggi di un utente medio nel passare a win8. Risultato? Valve (come tutte le terze parti) non ci sta a sottostare agli obblighi dello Mstore. Prevedo (un po’ a casaccio), un esodo di massa verso il pinguino, almeno in ambito pc. Il mercato tablet non lo vedo collegato in nessun modo a quello pc, quindi è tutta un’altra storia… e li, putroppo per M, ci sono la mela e il robottino a farla da padrone…

  • # 31
    antonio
     scrive: 

    Non credo che tutti possano permettersi ( economicamente ) di passare ad un sistema apple, molti non vogliono spendere più di 400€ per un computer completo.

  • # 32
    djfix
     scrive: 

    prima di tutto torniamo a parlare come persone serie:

    windows ha usato l’interfaccia finestre perchè raccoglieva i programmi secondo la loro tipologia (win 3.0); nessun menù start.

    è stato scelto da MS di raggruppare i Sw in piccoli menù per semplificarne la scelta; partiamo con win95 è l’era del menù start.
    il perchè il menù start è stato introdotto è semplice: pc sempre più potenti e quindi possibilità nuove, molti più Sw e questo era il miglior metodo disponibile al momento.
    con win 98, Me, NT e 2000, è stata mantenuto la struttura ma si sono verificati problemi nella mole di sottoelenchi che in casi piuttosto frequenti riempiva lo schermo da massimo 1024×768.

    win XP introduce alcune novità anche nel menù start ma più nel totale del sistema si eliminano le strutture vecchie come il DOS e si stabilisce una base NT per gli anni avvenire. viene tuttavia manetnuta compatibilità Sw con base anche molto datate a 16Bit.
    Si fa un esperimento tecnico dando alla luce win XP 64 bit dove tutta la parte 16 bit viene eliminata, si genera una nuova base di partenza per il futuro HW.

    Vista cerca di recuperare gli anni persi con lo sviluppo ma non è stabile e le noviutà introdotte sono difficili da comprendere.
    (nessuno si è sognato di abbandonare windows)
    Pronto Win 7 anche Vista resta a seguire le preinstallazioni dei produttori e non viene sostituito; tutto bello ma cominciano le strade 32 e 64 bit a dividersi: non tutto funziona sul 64Bit ma si ha sempre più bisogno di ram ed il 32 Bit non basta. il menù star viene ancora rivoluzionato aggiungento sotto menù anche alla barra delle applicazioni (jumplist).

    Win 8 cambia strada e vuole spingere un metodo interattivo diretto; io lo seguo dalla pre beta e solo quando i 2 mondi (start/deskto e ModernUI) si sono divisi ho valutato come ripristinare la situazione.

    nessuno cambierà sistema operativo solo a causa di una interfaccia poco comprensibile sul Desktop; questa non è certo mouse-freandly ma lo start è solo nascosto e si può richiamare tale e quale a win7.

    quello che MS vuole è una unione tra lo sviluppo desktop e tablet/mobile. non credo che si difficile per molti di voi ricordare come il win mobile sia stato dichiarato poco usabile sui palmari perchè troppo vicino all’ambiente desktop. ora si è solo invertita la partita; io resto dell’idea che l’interfaccia diversa non mette in difficoltà nessun utente e che anzi la destinazione d’uso di pc e mobile resta ben nettamente diversa con ovvie necessità di programmazione differenti; trovo utile dare la possibilità di generare Sw con la facilità di portabilità e scalabilità che dovrebbe portare winRT.

    tutta la tecnologia innovativa resta sempre un mondo Nerd all’inizio per poi permeare nelle abitudini giornaliere di tutti.

    NESSUNO CAMBIERà SO SOLO PERCHè IL MENù START NON C’è PIù.

  • # 33
    kramaz
     scrive: 

    sinceramente penso che MS non capisca nulla…. a me che mi tocca a afre il sistemista con tutta sta gente che nn sa fare nulla se non casini e segue solo la moda mi tocca a farmi un culo come na capanna per windows 8 e gli spillo anke i soldi e poi si lamentano…… io sarei rimasto a un interfaccia stile xp ma su windows 7. vista è stato un flop come il me. e spero anche questo windows 8 perchè io rivoglio il fottuto pulsante start e poi sta ripicca dell DX hanno rotto le palle.. posso capire dal passaggio da xp a 7 ma il 7 e l’8 non hanno scuse per la retrocompatibilità. maledetti massoni.

  • # 34
    biffuz
     scrive: 

    Io sto pensando di tornare a 7 sul PC principale. Mal che vada almeno la licenza di 8 l’ho comprata e posso rimetterlo, se mai ne avessi necessità.
    Il motivo è ovviamente l’interfaccia. A me Win8 sembra una sorta di Frankenstein schizofrenico, che salta senza ragione da una realtà all’altra. Le app metro sono per me totalmente inutili – a che serve un’app che mi fa vedere una notizia per volta su un monitor 23″? Anzi, più che una notizia, una gigantografia di un politico con una didascalia a fianco.
    E poi Metro è brutta forte, e anche il nuovo Aero. Pensavo che peggio di Vista non potessero fare, ma mi sbagliavo.

    Per i supposti miglioramenti, non ho notato nulla di eclatante, sarà perché è un C2Q con 8 GB di RAM e un SSD… chissà, forse su altre macchine si nota di più…

    In conclusione, tanti peggioramenti e nessun miglioramento. Poi, se a voi piace buon per voi…

  • # 35
    Gennaro Eduardo Tangari
     scrive: 

    Io a parità di macchina ho visto grandi miglioramenti in termini di fluidità del sistema (già buona per la verità con Windows 7) e velocità di avvio/stop/spegnimento finalmente accettabili. Inoltre anche sulla rete ora prende l’indirizzo IP in un attimo, quando con il vecchio Win7 passavano diverse decine di secondi.

    Il nuovo Start su desktop proprio non mi piace, ne lo reputo adatto. Ho tuttavia installato da poco “StartIsBack” ed ecco il vecchio Start di Windows 7 torna indietro. Così facendo Windows 8 è diventato alla fine l’OS principale. Spero seriamente che Microsoft capisca che le esigenze di chi usa un PC “tradizionali” sono diverse da chi usa smartphone e tablet e detta tutta .. spero che questa moda del caxxo del “less is more” e dell’app per ogni esigenza passi quanto prima, perché a mio modo di vedere, oltre a qualche effettivo beneficio (vedi l’abbassamento dei prezzi delle licenze dei software) sta facendo dei grossi danni per tutti.

  • # 36
    overnoise
     scrive: 

    Mi sa che alla maggior parte dei “non ho ancora capito quale sia il vantaggio di w8 rispetto a w7″ sia sfuggita quella che per MS (che non è una onlus) è la cosa più importante.

    VENDERE

    La nuova interfaccia metro/ui8 o come si vuol chiamare è stata fatta proprio per avvicinare ai pc/notebook/tablet etc un ENORME massa di potenziali utenti (quindi clienti) che ancora non ne vuol sapere di usare il “computer”.

    GLI OVER 60

    Sono una marea, ed in questi tempi, caratterizzati da bassa natalità contrapposta alle alte prospettive di vita degli individui più anziani (nei paesi sviluppati), il vero mercato da aggredire non sono più i giovani (con i chiari di luna che ci sono uno non si mette più a cambiare pc ogni 1/2 anni).

    Molti non ci vorranno credere ma moltissimi over 60 (figli del periodo dell’industrializzazione e non dei servizi) DEL “COMPUTER” NON NE VOGLIONO SAPERE!!!

    Hanno difficoltà perfino a gestire discretamente un mouse, quando devono cercare un programma nel menu delle applicazioni ci mettono una vita a cliccare quello giusto (senza uscire dal menu per sbaglio tra l’altro).

    Molti cercano di ovviare al problema facendosi riempire il desktop di icone. Così dopo un pò impazziscono nel cercare l’icona giusta e poi devono affrontare il problema del cliccarla.

    La nuova interfaccia di w8 ti mette a disposizione delle piastrelle talmente grandi (e dall’immagine significativa) che devi essere veramente impedito per non riuscire a capire che programma va ad avviare e quindi a cliccarlo o ditarlo.

    Secondo me questo è il vero motivo di esistere di w8.

    Per quanto mi riguarda invece, essendo un giovane 36enne :-))) di w8 adoro l’avvio istantaneo.

  • # 37
    Gendo Ikari
     scrive: 

    @Davide Costantini
    Ogni singolo utente “esperto” che conosco, compreso me stesso, che abbia mai avuto a che fare con Windows, compreso il 7, ha sempre inevitabilmente registrato un progressivo calo di responsivita’ del sistema, non solo quindi l’avvio, nel tempo.
    Guardando dieci minuti su Google (giusto per controllare se magari non sono stato sfigato io e tutti quelli con cui ho avuto a che fare), ho trovato facilmente che non sono il solo.
    Il suggerimento collettivo, e’ formattare ogni 1-2 anni.
    Questo dipende in gran parte dalla progressiva “corruzione” del registro di sistema, che diventa sempre piu’ pesante ed incasinato. Si puo’ usare tool di pulizia, fare manutenzione, defrag, etc… (tutte cose che non ho mai fatto con Linux) etc… ma se il tuo Windows non lo usi solo come un soprammobile, ma installi, disinstalli (ovviamente EVITANDO l’esecuzione automatica, altrimento e’ ovvio il ritardo all’avvio), il drop di reattivita’ nel tempo e’ una costante.
    Davvero, non conosco nessuna persona che abbia usato Windows davvero, perche’ ci programma, che non abbia percepito e misurato questo calo di reattivita’ nel tempo.
    E la cosa e’ evidente se formatti, e reinstalli tutto. Magari vivo in una realta’ parallela dove tutti hanno problemi con Windows xD

  • # 38
    Teomondo Scrofalo
     scrive: 

    @overnoise
    Ti è sfuggita una cosa importante, gli over 60 “che non ne vogliono sapere di piccì” vivono in un mondo in cui i mainframe e il concetto di servizi elettronici esiste da 50 anni, praticamente da quando erano regazzetti.
    E vivono in un mondo in cui i PC sono realtà da 30 anni, quando erano in piena età lavorativa.
    E vivono in un mondo in cui il web è realtà di massa da 15 anni, quando avevano ancora davanti almeno uno o due decenni di vita lavorativa.
    Chi ha passato gli ultimi 5 decenni a “non volerne sapere” difficilmente cambierà modus vivendi perchè ora l’interfaccia della cosa misteriosa chiamata piccì che riempiono gli scaffali dei supermarket vicino alla frutta con cui accedere alle cose misteriose che sono i programmi o persino (giusto cielo!) il webbe, è Bob 2.0 anzichè Windows 7.
    Se ne sono fregati finora, hanno comprato il piccì 10 anni fa perchè gli dicevano che c’erano i p*rno gratis e l’hanno messo a prendere polvere, hanno cmprato l’ifòn 5 anni fa perchè sennò non eri qualcuno e lo usano per mandarsi gli sms.
    Credimi, Bob 2.0 gli cambierà la vita meno del sapere che gli abitandi di Betelgeuse girano la galassia facendo l’autostop.

  • # 39
    Gurzo2007
     scrive: 

    @Gendo Ikari

    ma anche no…dipende dalle porcate che ci fate…dato che sono 3 anni che ho win7 in dual boot sul mio mbp 13″ e di rallentamenti neanche l’ombra…

    l’unica costante è usare alla cacchio il proprio Os…dato che i tempi di xp sono finiti da un pezzo…

    ps ovviamente col pc non ci guardo facebook o youtube ;)

  • # 40
    overnoise
     scrive: 

    @Teomondo Scrofalo

    Hahahaha, vero!

  • # 41
    Dario
     scrive: 

    Ciao a tutti.
    Ho installato W8 appena rilasciato agli sviluppatori.
    Il s.o. è decisamente migliorato, più reattivo e parco di risorse. Si, la nuova interfaccia può spiazzare ma dopo il primo (breve) smarrimento è molto comoda ed intuitiva.
    Ovviamente questa release di Windows è un “ponte” verso il futuro, e necessariamente deve esser un ibrido per compatibilità con il passato. Non oso immaginare le critiche (giuste) se i progettisti avessero rotto con il passato. Vorrei sottolineare che, a differenza di Apple, il s.o. di Microsoft deve funzionare su hw diversi e disparati quindi è “lecito” che ci più siano malfunzionamenti che per iOs (che non è esente da difetti).
    Saluti
    D.

  • # 43
    E' finita la commedia
     scrive: 

    Come da programma, seguendo da vicino la strada tracciata dalle dichiarazioni roboanti uscite ai tempi del lancio di Vista, oggi l’oste sta dicendo che il vino è buono.
    40 milioni di volte buono.
    Peccato che le licenze vendute agli OEM non siano sistemi effettivamente installati quanto piuttosto potenziali, temibili, invenduti sugli scaffali.
    Pesanti macigni al collo a un settore che si aspettava il turbo da W8 (e da qui le grandi quantità di licenze messe in circolazione) e invece si è preso una solenne mazzuolata in testa.

    Vediamo questi dati, che per MS sono peggio che trovarsi uno shoggoth nell’armadio:
    “According to Net Applications, Windows 7 reached a 4% market share in less than three weeks.”
    4% circa di sistemi up and running in 3 settimane, spannometricamente il 5,5% in un mese.
    La stessa statistica, effettuata con la stessa metrica, oggi mostra che a un mese dal lancio il market share di 8 e RT è all’1% circa!
    Meno di un quinto!
    Altro che buone vendite, gli OEM dichiarano il coma profondo!
    Altro che una marea di aggiornamenti grazie al prezzo stracciato, solo un miserrimo 1% di macchine W8 up and running!
    Il che si accoda prefettamente con il risultato di un terzo di macchine attivate in periodo di beta rispetto a W7, peggiorando ulteriormente il quadro.

    Ecco i fulgidi risultato di 1,5 miliardi di $ di pubblicità (potevano comprarci una decina di F35 e farli passare a volo radente sulla spiaggia di Rimini con striscioni pubblicitari, avrebbero avuto lo stesso impatto…), ecco i fulgidi risultati di vendere le licenze ad un sesto del prezzo della versione precedente, della manfrina del finto crack dello store e di quello per le attivazioni gratis (come se nel 2012 la pirateria potesse aiutare come negli anni ’90, ragazzi il mondo è cambiato, Willy Smith non è più il principe di Bel Air).
    Stiamo parlando di un flop di proporzioni colossali, che la titanica quantità di invenduti che sta generando renderà ancora più epica.

    Preparo i popcorn.

  • # 44
    NZXT
     scrive: 

    Windows 8 nasce per sfidare Apple (o meglio per rincorrerla con MOLTA fatica) e per cercare di creare un ecosistema unico per più utilizzi. Sarebbe come se ci fosse un’auto capace di correre in una pista di F1 e all’occorrenza lavorare nei campi. Non si può. Windows 8 scontenta tutti e quel che è peggio non farà neanche il solletico ad Apple. Gli utenti “classici” lo hanno bocciato in partenza perchè un’interfaccia da tablet non può e non deve essere usata in ambiente desktop: Android per esempio è un ottimo SO ma chi si azzarderebbe a fare un porting per PC desktop? Sono due cose diverse. Poi MS con le varie incarnazioni di WP non ne ha azzeccata mai una, cosa spera di fare imponendo anche agli utenti di PC quello schifo di coso? Comunque la frittata è fatta come si suol dire, e questa volta i dati di vendita gonfiati non basteranno a convincere gli utenti sulla bontà di questo SO.

  • # 45
    E' finita la commedia
     scrive: 

    Già oggi i roboanti proclama di regime di Redmond si squagliano come neve al sole: http://www.tomshardware.com/news/Windows-8-Devices-Microsoft-Sales,19430.html
    -21% di vendite rispetto all’anno scorso, mentre il lancio del nuovo sistema e la colossale campagna di ads e di hype scatenata da MS doveva portare a chissàquale aumento – ma perdinci, anche un pareggio con un anno come il 2011 già di crisi e già condizionato dalla concorrenza di tablet e smartphone sarebbe stato un discreto risultato… se solo non ci fosse stato di mezzo quell’obbrobbrio di 8 che pretende di rimasticare concetti di usabilità (e tentativi di monopolizzare la distribuzione) dei primi anni ’90 e spacciarli come novità!

  • # 46
    E' finita la commedia
     scrive: 

    Il market share di VistaBob 8 a due mesi dal lancio:
    http://netmarketshare.com/operating-system-market-share.aspx?qprid=10&qpcustomd=0&qpct=2
    La quota di mercato è crescita di mezzo punto percentuale sul mese precedente, probabilmente il peggior risultato di sempre di un sistema operativo Miocrosoft, e per di più nella Holiday Season.
    A due mesi dal lancio VistaBob 8 insomma è cresciuto un terzo meno di Vista nonostante il budget pubblicitario stellare e il target price di un quinto: complimentoni a Steve Ballmer e al suo piano di suicidio aziendale, condoglianze a tutti i dipendenti Microsoft.

  • # 47
    E' finita la commedia
     scrive: 

    60 Milioni di sbirilioni di licenze vendute, è l’ultima dichiarazione a 10 settimane dal lancio di VistaBob 8 Squarepants.
    Ok, vediamole dove sono queste licenze, MS è quotata in borsa e negli ìunaitedsteits hanno leggi molto severe sull’agiotaggio, quindi si presume che effettivamente in MS ci siano fatture di vendita o prevendita per 60 milioni di licenze, o contratti vincolanti di maintenance che prevedono l’opzione di upgradare la linea di prodotti esistenti a una fee annua (recentemente aumentata del 15% da MS, tra l’altro).
    Quindi, le licenze sono state messe da qualche parte.
    E gli utenti?
    Netapplications misura un 2,0poco % di utenti Windows 8 questa settimana, erano 2,0pochissimo la settimana precedente, proiettato su base mensile siamo a 0,poco%, ben lontani anche dal disperatamente basso 1%/mese di utrenza “conquistata” ai suoi tempi da Svista.
    Forse il CES darà una mano a digerire il surplus di licenze di 8 (evito battutacce), ma sia il lancio che il Natale che il miliardemmezzodidollari di marketing abbiano aiutato più di tanto…
    Quindi abbiamo 60 milioni di licenze, presumibilmente per la maggior parte OEM su decine di milioni di macchine parcheggiati sugli scaffali (non sono upgrade, si vedrebbero come utenti attivi!) a prendere polvere.
    Come nel ’29, anzichè adattare l’offerta alla domanda si è fatto il contrario, con l’intuibile risultato di un crack epocale.
    MS ha scelto la stessa strada, un epic fail spettacolare anzichè scomparire pianpiano nell’oblio o il buon vecchio “sopravvivi oggi, combatti domani” magari scommettendo la compagnia su un prodotto migliore di uno Zune appiccicato fastidiosamente sul loro miglior Windows.
    Che dire, Microsoft meriterebbe un Darwin Award se si assegnassero anche alle compagnie.
    Windows 8 è vera evoluzione, si, attraverso la non sopravvivenza del less fit…

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.