di  -  mercoledì 11 luglio 2012

Pubblico questo interessante commento di Giovanni a questo pezzo perché credo la questione meriti ulteriore chiarimento. Coglierò l’occasione di sviluppare le mie riflessioni sugli argomenti proposti da Giovanni nei commenti.

Ti ringrazio della risposta,sono d’accordo con tutto tranne che su un punto:
“ciò che fino a prima di Wikipedia abbiamo chiamato enciclopedia, è qualcosa che nasceva istituzionalmente intorno al rispetto, anche in fase divulgativa, della filiera del metodo scientifico.[…]La rottura di questa filiera all’ultimo anello, a mio avviso, compromette anche ciò che vi sta a monte.”

L’enciclopedia è nata da svariate situazioni storiche e con intenti differenti,mi pare difficile sostenere che sia sempre stato così.
Il problema è sempre lo stesso,dove si trova il luogo di questa filiera?
Attenzione,non stiamo parlando solo di fisica o di chimica,ma di un enciclopedia che sulla strada di quella Francese, ha l’ambizione di trattare(in maniera cmq generale),tutto lo scibile umano,dalla religione alla storia fino alle pseudo-scienze,che seppur non confermate dal metodo scientifico,possono e devono essere inserite in un enciclopedia.
Il mio ragionamento mirava a mostrare come tutto quello che viene trattato non sia richiudibile nel concetto di scienza legata ad un preciso metodo scientifico,a dire il vero non so bene a cosa ci riferiamo con questo termine,un astrofisico lavorerà con metodologie diverse rispetto ad un biologo e non mi pare che il geologo si serva del doppio cieco per lo studio della conformazione di un terreno.
Inoltre se l’enciclopedia tratta di filosofia che facciamo?
Non venitemi a dire che lo storico della filosofia viene considerato come uno scienziato che utilizza un metodo scientifico perché allora porrei il problema di quale filosofo scegliere per tale scopo,poiché di competizioni e vedute diverse in questo campo(come in altri)non mancano.
Forse ci dimentichiamo che qualunque enciclopedia, si pone un minimo di imprecisione di cui il lettore dovrebbe essere consapevole,questo perché si parla sempre in termini generali;per farsi la miglior idea sui presupposti e le finalità su cui si struttura l’enciclopedia francese, la pagina di Wikipedia fornisce citazioni, e anche un certo numero di testi, sul quale si può svolgere una ricerca.
In questo senso non mi pare che nessuna enciclopedia fosse alla fine di un processo scientifico e anche se lo fosse sorgerebbe un problema.
Se,come da te confermatomi,”Il metodo scientifico “illumina” verità transitorie, valide fino alla successiva falsificazione”
che significato avrebbe una rigorosa enciclopedia che poi, a causa dello scorrere del tempo e delle scoperte successive,diventasse completamente obsoleta?
In questo senso non mi pare possa essere posta alla fine di nessuna filiera di studi,per fare un enciclopedia ci vuole tempo e nella tua ottica gli scienziati dovrebbero sacrificare il tempo delle ricerche per fornire un dispositivo in cui i concetti vengano ordinati in maniera un poco chiara e pure debbano essere generali e poco prolissi,nessuna voce di Wikipedia è formata da 150 pagine.
Escluso che valuti l’ enciclopedie sulla logica di quelle teorizzate dai Neopositivisti, che purtroppo sono naufragate in un nulla di fatto.

Sottolineerei un altro particolare che mi ha favorevolmente colpito di Wikipedia,e che potrebbe essere usato per superare il problema da te sollevato,cioè quello riguardante la “certezza”(anche se sarebbe meglio parlare di fondatezza)che il pinco pallino non da rispetto allo scienziato:
L’utilizzo delle fonti.
Queste sono un arma potentissima poiché mette in condizione il lettore di raggiungere il testo originale sul quale è stata costruita una certa pagina e costringe lo scrittore a riferire su quali testi ha costruito le sue osservazioni.
Quando ad uno scrittore, scienziato, pincopallino chiediamo le fonti delle sue osservazioni e lui ce le dà cosa possiamo chiedergli di più?
Una laurea in Honoris causa in “cose buone e giuste”?

Scusate la conclusione un po’ scherzosa spero non venga presa a male.

23 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    In prospettiva diacronica di certo l’enciclopedia non può ritenersi sempre la stessa. Lo stesso metodo scientifico, che accomuna il biologo, il geologo e l’astrofisico, ha conosciuto affinamenti ed evoluzioni nel corso del tempo.
    Rimane alla base il fatto che, la nozione moderna di enciclopedia comprende un’istituzione senza la quale il concetto stesso di enciclopedia diventa discutibile: un comitato scientifico, il cui ruolo è duplice ed esplicito.
    – selezionare il rilevante dall’irrilevante
    – garantire l’accuratezza di *tutte* le materie trattate dall’enciclopedia.

    Possiamo chiamare enciclopedia una qualunque collezione ordinata di descrizioni di fatti, ma se ci poniamo il problema della conoscenza come divulgata, che è poi l’ultimo anello di un processo che parte proprio dal metodo scientifico, i ruoli di cui di cui sopra diventano fondamentali.

    Wikipedia ha applicato un metodo enciclopedico nella collezione delle voci, andando ben al di fuori di ciò che il comitato scientifico di una moderna enciclopedia riterrebbe rilevante. Dunque ha ceduto – almeno in parte, esistono interventi di moderazione di voci palesemente irrilevanti – il ruolo della selezione. Continua tuttavia a mancare la garanzia di accuratezza come derivante dall’esistenza di un comitato scientifico supervisore, anello terminale di quella filiera che per l’appunto parte da coloro che praticano la scienza.

  • # 2
    Pier Luigi Guerrini
     scrive: 

    Per quello che può contare la mia opinione, condivido molte delle riflessioni sul discorso enciclopedia. Sulla mancanza di un comitato scientifico supervisore, che si ponga come anello/garante terminale di un processo di acquisizione in costante divenire (quindi mai concluso), mi chiedo quali possano essere i criteri di selezione “super partes” di chi viene coinvolto (e chi no) tra “coloro che praticano la scienza”.

  • # 3
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Purtroppo un vero “super partes” non può esistere. Bisogna accontentarsi di garanzie parziali, che in questo caso sono rappresentate innanzitutto dalla presenza di un comitato scientifico palese, che possiede esperienze e curriculum vitae visibili a chiunque. Un comitato scientifico che si ponga per l’appunto a garanzia della scientificità di quanto scritto.
    È questa credo – in ultima analisi la tracciabilità delle posizioni espresse a partire da fonti validate e metodi d’indagine scientifici – la miglior garanzia che possiamo richiedere ad un’enciclopedia.

  • # 4
    Alessandro
     scrive: 

    Ma anche se l’autore dice che wiki e’ un enciclopedia, il che e’ esatto, trovo sbagliato lo spreco di un settore importante.

    Con un editore vero si avrebbero migliaia di collaboratori paganti. E questo mi rattrista.

    Anche il fatto che le voci devono essere anonime e non si puo’ modificare una voce inesatta.

    Per quanto le voci sono esaurienti, talvolta sono di parte o non esatte o con “si dice” “si pensa” etc. qualcuno mette la frase in evidenza “senza fonti”.

    Ma con una serie di supervisori “pagati” e “superprofessionisti” si potrebbe avere non solo un ritorno dal punto di vista di posti di lavoro, ma anche di migliore completezza e puntualita’.

    Talvolta si evidenziano notizie che sono quasi leggende metropolitane, per screditare una azienda o una persona.

    Mentre per gli articoli piu’ importanti, scientifici, ingegneristici, biografici, storici: ci dovrebbe essere sempre un autore che firma, e un comitato di supervisori e correttori che – senza censure, ma con coscienza – corregga i testi o li ampli.

    Mentre sarebbe buono che una serie (estesa) di utenti esperti possa contribuire con note o segnalazioni.

    Poi ci vorrebbe della pubblicita’ per pagare autori e personale tecnico, e un minimo di abbonamento per avere le pagine estese, magari i sunti gratis, e con un abbonamento di 10 dollari all’anno si potrebbe avere il testo completo, stampabile e con disegni e foto.

    Microsoft con la collaborazione delle piu’ importanti enciclopedie cartacee poteva estendere encharta.

  • # 5
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Alessandro
    Credo che in un certo senso Wikipedia abbia messo fuori mercato o quasi molte enciclopedie online e offline a pagamento.
    Quando si può avere un’infarinatura gratis, molti la preferiscono ad una comprensione puntuale. È questo il problema che Wikipedia non crea ma catalizza: coadiuva ad un sistema (il cui altro elemento centrale è il motore di ricerca) che accelera la superficialità a scapito della validazione e dell’approfondimento.

    Certo, il problema non riguarda “ontologicamente” il motore di ricerca o Wikipedia: piuttosto il cattivo uso che se ne fa. Bisognerebbe insegnarle a scuola queste cose.

  • # 6
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Credo che la questione di fondo sia il fatto che Wikipedia NON sia un’enciclopedia, anche se viene spacciata, e lei stessa lo fa, come tale.

    C’è un’enorme differenza fra un compendio del sapere umano e una collezione di informazioni, qual è Wikipedia appunto…

    Concordo che bisognerebbe sensibilizzare la gente sull’argomento, in modo che conosca quale strumento che sta usando e i suoi limiti intrinseci, ma non so se la scuola potrebbe rappresentare una valida soluzione.

    Credo che sarebbe necessario in primis onestà intellettuale da parte di Wikipedia, indicando a caratteri cubitali che quella che si sta consultando non è un’enciclopedia, ma andrebbe a suo discapito e quindi non penso che lo farà mai…

  • # 7
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Cesare
    Se la definizione più consultata del lemma “enciclopedia” rimanesse quella che dà Wikipedia, il problema che anticipi potrebbe non porsi affatto. :-)

  • # 8
    AleJandro
     scrive: 

    Lunga vita a WiKipedia!

    Alla faccia dei TRE-CANI!

    Ma vi rendete conto che state discutendo di niente… o forse il caldo vi da alla testa?

    Wikipedia è quel che è.. è gratuita accessibile non sempre affidabile… ma E’!

    Punto

    Perchè sprecate commenti e Post vistosamente posticci per nulla?

    Si vede benissimo che questo Giovanni è sempre Alessio Di Domizio che scrive sotto pseudonimo e basta vedere le date dei commenti e dei post prontamente scritti subito dopo!

    Possibile che nessuno si accorga del tranello ?

    Forse pure tutti i commenti precedenti sono dello stesso Alessio Di Domizio che esprime la moltitudine delle sue psichiatriche personalità in post e commenti con nomi inventati magari per placare una qualche regressa patologia mai curata!

    Comunque senza offesa… (Escludendo che Giovanni sia lo stesso Alessio Di Domizio) ma credo che questo argomento non sia poi così importante da meritare così tanti post! Abbiamo capito tutti che Wikipedia non è la scienza e neanche una enciclopedia… cosa altro si può aggingere? A

    A si … perchè invece di dirlo a noi Alessio non lo va a dire al Fondatore o magari non lo scrive su Wikipadia stessa e poi magari ci linka il suo contributo?

    Bo… mistero… torno a pensare che qua ogni pretesto sia buono per far post e aumentare gli accessi … ma solo per quest che funziona questo sito… per il resto è noioso e poco originale, se non fosse per la possibilità di scrivere qualche commento non credo proprio che lo consulterei… :-)

    Ma ora che mi sorge il dubbio di commenti “pilotati” e mascherati allora penso per tutti che sia meglio non intervenire più!
    Tanto qua (Come dimostra questo triplice e inutile post) spesso in mancanza di idee se la cantano e se la suonano da soli.

    Puto.

  • # 9
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ 8
    Voglio sperare che i sostenitori di Wikipedia abbiano argomentazioni più solide delle tue.

    Colgo poi l’occasione per segnalarti il sito del mio “alter ego”: http://www.jurassicnews.com/
    Magari ci trovi dentro altro mangime per la tua fervida fantasia.

  • # 10
    banryu
     scrive: 

    @AleJandro:
    Trolling is an art!

    Ma ora che mi sorge il dubbio di commenti “pilotati” e mascherati allora penso per tutti che sia meglio non intervenire più!

    Eccellente idea, comincia a metterla in pratica, va!
    :D

    P.S.: ovvimente sono un clone di DiDomizio, ssssst!

  • # 11
    reflexion
     scrive: 

    Io su Wikipedia la penso esattamente
    come spiegato in questo video:

    https://www.youtube.com/watch?v=-K9Of80kYcE

    Il video era stato diffuso in quella settimana in cui Wikipedia si era autocensurata (era solo un false flag)

  • # 12
    AleJandro
     scrive: 

    @banryu

    Bravo vedo che sei sveglio… tra simili ci si riconosce… :-P

    A parte le battute… trovo singolare che appena dopo che questo Giovanni ha commentato Post Vecchi di Mesi arriva Alessio Di Domizio che lo “cita”…… Il resto lo lascio alla buona volontà di chi volesse controllare…

    Per il resto… io Troll?… non è esatto.. caro Alessio alias banryu o meglio “banner-You”… Ma che è questo NIK un un avvertimento? …

    Boooo ….. mi pare tutto molto sospetto…

    In quanto non tornare più qua… beh finirebbe il divertimento!

    Finiamola qua che per colpa tua vado OT!
    ___________________________________________________
    MA ORA ANDIAMO AL TEMA

    Wikipedia è libera gratuita accessibile e non è la scienza e non è sinonimo di ricerca scientifica, ma un compendio… un “Bignami” un riassunto un Appunto ecc… che può risultare utile per affrontare temi e averne sempre un utile schema riassuntivo davanti…… naturalmente è ovvio che essendo Wikipadia scritta non necessariamente da persone scelte e preparate, i contenuti non vanno sempre presi per veri o assoluti, ma confrontati con il proprio giudizio… istruzione e sopratutto vanno visti con sospetto tutti i temi come quelli degli alieni o delle schie chimiche o altre sciocchezze che sono frutto di psicosuggestioni di massa!

    Come fare ciò?

    Semplice basta che a scuola o università insegnanti e ricercatori preparati vadano proprio a cercare tutti gli argomenti poco convincenti di Wilipedia e li usino come esempi di cattiva divulgazione scientifica. Spiegando le reali ragioni di certe inserzioni ed asserzioni che spesso sono solo delle leggende o sono mal interpretate.

    Certo che in Wikipedia esiste pure la possibilità di smentire o correggere, ma la migliore smentita o correzione si fa spesso da soli e usando usando un buon metodo di valutazione che coinvolge le proprie conoscenze e le usa per mettere in discussione argomenti che appaiono controversi.

    E poi … Se fosse tutto vero quello che si scrive su Wikipedia … magari alla fine sparirebbe pure un poco di “magia” e fantasia… che nel grigio mondo di oggi sono davvero ben venute!

    Un parallelo con la storia…. Beh una volta esistevano i Miti le Favole le Storie tramandate e.. si credeva pure alle streghe agli gnomi e cose simili… oggi poi con la dischesa in “campo” di un certo Nano Testa D’Asfalto si crede proprio a tutto pure che Ruby è la nipote di Mubarak … ma queste sono convenienze, quindi … in definitiva anche se è vero che Wikipedia non è Perfetta e che da parte delle fonti poteva essere impostata meglio … Però è ormai insostituibile… e questo forse fa rodere chi da anni si è guadagnato il pane vendendo le più blasonate enciclopedie del mondo…!

    Stop!

    Ps.

    Comunque una enciclopedia cartacea è pur sempre utile… potrebbe essere che il PC si guasti o internet non vada più…… e …. la Carta o un DvD della Britannica potrebbe tornare sempre utile se non altro … per smentire le castronerie che si scrivono su Wikipedia……

    IDEA

    Potrebbe anche esserci un Wikipedia Parallelo con solo le smentite fatte dai diretti interessati o dalle stesse enciclopedie ufficiali…. ma penso che i canali ufficiali non gradiscano immischiarsi un queste forme di informazione libera e gratuita, proprio per il fatto che non ci ricaverebbero un soldo bucato!

    Quindi continuerò ad usare Wikipadia e naturalmente non sarò tanto tonto da credere che esista il signoraggio bancario o le scie chimiche o altre castronerie simili.. sarebbe poco scientifico crederci … peccato che purtroppo la massa degli utenti spesso sono dei creduloni!

    Un Saluto ai WikiPediani! CIAOooo

  • # 13
    AleJandro
     scrive: 

    @reflexion

    Buona parte del video è corretta, anche se è esagerato pensare che wikipedia sia parte del “sistema” di disinformazione!

    Diciamo che essendo libera gratuita ed accessibile è anche un ottimo strumento per chi usandone i meccanismi di libertà e accessibilità lo riesce a monopolizzare manipolandone i contenuti, appunto usando sistemi di censura e di controllo dei contenuti, ma non è così per tutto!

    E’ ovvi che quando si parla di signoraggio bancario o di scie chimiche o di UFO alla fine quello che si scrive su Wikipedia è quello che spesso viene proposto anche da certi gruppi di influenza o mediatici che non si fanno scrupoli e sfruttano qualsiasi canale per far pubblicità alla loro editoria piena zeppa di spazzatura… Ovvio … semplice e però così difficile da identificare!

    Dico io … ma che ce ne frega a noi se esistono gli ufo o se i cerchi sono sul grano o se Kazzenger è una realtà parallela?

    Nulla … è tutto uno spettacolo, un business un modo come un altro per intrattenere e divertire, ma le menti deboli e stanche purtroppo credono a tutto, basta che sia scritto su un libro o che si legga su “internet”… purtroppo non è possibile limitare questi fenomeni se non con una BUONA informazione e un Buon senso critico derivante speso da Buon livello d’intelligenza e d’Istruzione!

    Che altro dire?….. Molti credono a Wikipedia? PEGGIO per LORO se son Pecoroni… finiranno tutti nel recinto e addio!

    Menomale che non tutti sono pecoroni.. ci mancherebbe!

    PS.
    Ho visto il filmato… e credo che su una cosa ci ha pienamente azzeccato… ed immagino che non se le sia tagliate più… anche se avrei voluto vedere se poi avesse avuto anche una più bella voce, magari come quella del mitico Farinelli! :-P

  • # 14
    AleJandro
     scrive: 

    @8 (Alessio Di Domizio)

    Mi hai dato questo sito.. http://www.jurassicnews.com/

    Ma non ci trovo nulla che centri con il post…

    E poi con il tuo commento mi stai portando OT… ma sei un troll?

    Rispondendomi mi hai confermato che il fantomatico “Giovanni” è frutto della tua fantasia!

    va beh finiamo così… tanto sei tu quello che hai il coltello in mano… io sono solo un utente che in sincerità ha notato certe coincidenze tra le date di post dei commenti e dei successivi Re-Post…. Coincidenze? … o Che altro?…

    Lasciamo perdere tanto non è che ci guadagno nulla a dimostrare qualcosa, ho solo posto l’attenzione su semplici particolari.. e poi ho usato un metodo di deduzione e ho scritto il mio pensiero come commento pertinente alla serie di post che girano sempre su uno sterile quesito…

    Ora dico io Discuterne una volta, è giusto e corretto due volte è poi gradito, ma la terza volta … è incredibile che prontamente questo Giovanni sia tanto interessato a commentare post vecchi di mesi… e poi tu Alessio gli rendi omaggio riproponendo il pollo freddo con la solita salsa verde…… davvero NOIOSO!

    Menomale che esistono i commenti… ha ha ha….

  • # 15
    Giovanni
     scrive: 

    @banryu
    “A parte le battute… trovo singolare che appena dopo che questo Giovanni ha commentato Post Vecchi di Mesi arriva Alessio Di Domizio che lo “cita”…… Il resto lo lascio alla buona volontà di chi volesse controllare…”

    Ma hai almeno letto cosa ho scritto?
    anche perchè sono più vicino alle tue posizioni che a quelle di alessio.

  • # 16
    AleJandro
     scrive: 

    @Giovanni

    Giovanni scrive:
    @banryu
    “A parte le battute… trovo singolare che appena dopo che questo Giovanni ha commentato Post Vecchi di Mesi arriva Alessio Di Domizio che lo “cita”…… Il resto lo lascio alla buona volontà di chi volesse controllare…”

    Ma hai almeno letto cosa ho scritto?
    anche perchè sono più vicino alle tue posizioni che a quelle di alessio.

    Rispondo io AleJandro perchè quello che citi l’ho scritto io.

    Con questo mi sa che ti sei scoperto da solo … sei un troll … fai finta di sbagliare soggetto e rispondi ad un altro … tecnica di provocazione!

    Ma veniamo a Giovanni alias Alessio Di Domizio … certo Giovanni sostiene quello che è evidente e noto a tutti e talmente palese che pure un bambino che non sa ne leggere ne scrivere capirebbe!

    Differenza sostanziale tra una TreCani e Wikipedia è appunto che la varietà degli argomenti trattati in Wiki a volte sono derivate de credenze e leggende metropolitane… e spesso sono controllati da chi per esempio scrive sugli UFO o sull’area51 o sulle scie chimiche ecc.. insomma è una sorta di pubblicità e di marketing per pecoroni creduloni e persone poco intelligenti.
    Mentre la TreCani è una seria enciclopedia che spesso si limita nell’inserimento delle voci non controllabili e non confermate dalla scienza… al massimo si limitano a riportare le teorie e le credenze caratteristiche di una cultura contestualizzando così quello che viene riportato.

    Il Punto sta nel fatto che ALESSIO DI DOMIZIO ha postato il lungo commento di Giovanni e poi invece di chiosare in fondo, si è messo come Commento… precisando la necessità della presenza di un comitato scientifico anche in wikipedia.

    IO RISPONDO A TUTTI E DUE come ho detto prima:

    […]
    Wikipedia è libera gratuita accessibile e non è la scienza e non è sinonimo di ricerca scientifica, ma un compendio… un “Bignami” un riassunto un Appunto ecc… che può risultare utile per affrontare temi e averne sempre un utile schema riassuntivo davanti…… naturalmente è ovvio che essendo Wikipadia scritta non necessariamente da persone scelte e preparate, i contenuti non vanno sempre presi per veri o assoluti, ma confrontati con il proprio giudizio… istruzione e sopratutto vanno visti con sospetto tutti i temi come quelli degli alieni o delle schie chimiche o altre sciocchezze che sono frutto di psicosuggestioni di massa! […]

    Questo per dire che se questo fantomatico Giovanni fra 2-3-6 mesi si dovesse svegliare e commentare nuovamente questo post e poi Alessio Di Domizio scrivesse un quarto post di citazione… allora mi cadrebbero le braccia … anche perchè mi pare che sull’argomento non ci sia nulla che si può dire di più di quello che si è detto… e al massimo consiglierei ad Alessio di contattare direttamente Wikipedia e proporgli un altro metodo … oppure di iniziare a fare una nuova enciclopedia più scientifica radunando i migliori scienziati del mondo a contribuire gratuitamente a divulgare la propria scienza….. credo proprio che gratuitamente pochi sarebbero davero disposti ad esporre le proprie teorie.. senza pensare che molte ricerche sono pure coperte da segreto e da brevetti… quindi dovremo accontentarci di Wikiedia che si limita a Sbirciare nella scienza e parascienza e ci racconta qualche notiziola tanto per etterci al corrente di teorie anche bislacche… ma è ovvio che sta ad ogniuno di noi capire quando le cose che si affermano sono reali o frutto di fantasie troppo accese… vedi- Csie chimiche, UFO, Signioraggio Bancario… teorie complottistiche… ecc.

    ———————————————————-
    In definitiva Wichipedia offre un vasto panorama d’informazione, ma è come la TV non va sempre presa sul serio!
    ———————————————————-

    Non voglio ridurre tutto il problema in due balletti e poche righe, ma se la questione è che Wichipedia non è sinonimo di metodo scientifico… è davvero una boiata pensare il contrario!

    Stiamo solo attenti a prendere per vero tutto quello che leggiamo!
    Ma come fare?
    Bisogna avere studiato almeno un poco e conoscere gli argomenti che si cercano, bisogna usare l’intelletto e la nostra cultura acquisita a scuola all’università al lavoro ecc… per poter almeno discernere se gli argomenti sono PER NOI rilevanti o NO.
    Insomma il Comitato Scientifico è possibile farlo in proprio… e poi discernere se quello che sta scritto ha un senso o è solo Fantasia o peggio frutto di ignoranza!

    Per esempio nell’ottocento si studiavano le caratteristiche fisiognomiche e si riconosceva l’indole delle persone… si pensava pore che i neri non fossero umani… e questo si scriveva su i libri cosiddetti scientifici…

    Quindi pure la scienza sbaglia e diventa cieca e sorda se si fonde con pregiudizi e false credenze…

    E qua finisco.. mi pare proprio che non ho più nulla da dire… aspetto questo GIOVANNI e voglio vedere che dice… (non ti disturbare Giovanni… lascia perdere non rispondermi… altrimenti Alessio si esalta troppo e ti dedica l’ennesimo noioso post su Wikipedia….

    Davvero noioso questo argomento… menomale che ci possiamo sfogare con i commenti!….. ha ha ha

  • # 17
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Più che sfogarsi nei commenti (sic.), bisognerebbe leggerli.

    Soprattutto, visto il “castello” costruito, è indispensabile andare a leggere anche quelli precedenti, scritti anche in articoli diversi, per rendersi banalmente conto che Giovanni è un lettore di vecchia data, che ha pure un suo sito che in parte si sovrappone con questo (parlando di storia dell’informatica… capita), e… ha una sua testa e delle sue idee.

    Come amo ripetere, il complottismo NON è il profumo della vita…

  • # 18
    Giovanni
     scrive: 

    Salve, intervengo ora er sciogliere un malinteso: il soggetto che nomina solitamente il sito http://www.jurassicnews.com sono io (in genere intervengo sui post del venerdì attualmente di Felice, un tempo di Alessio. Solo per correttezza perché ciò non significa che il Giovanni qui citato non esista infatti qualche insignificante equivoco è già sorto in passato e comunque ho avuto modo di scambiare qualche commento anch’io con lui (ricordo per esempio le lunghiissime diatribe sul caso nucleare).
    D’altra parte una volta scelto un nome con cui entrare nelle discussioni (il mio, tra l’altro) è più corretto mantenerlo almeno per coerenza con il proprio pensiero!!! Oppure siamo dei casi di dissociazione e schizzofrenia: è un blog tale per cui non riesco proprio a capire una eventuale necessità di nascondersi dietro un falso nome!
    Piuttosto l’alterità e gli sproloqui di tale @Alejandro che confronta Wikipedia (un ottimo progetto open e che non avrebbe motivo di esistere in altra forma) con la Treccani (un’enciclopedia, che è sostanzialmentte altra cosa)mi sembrano reazioni eccessive: forse dovute al caldo di questi giorni!?!

    Nel merito della questione Wikipedia la mia posizione è abbastanza in sintonia con quella del mio omonimo.Come detto sopra, a parte il nome del progetto informatico (comunque azzeccato), non bisogna farsi trarre in inganno. Il concetto di enciclopedia è sorpassato da moltissimo tempo (questo lo avevo già detto a proposito dei post di Felice su Encarta)perché appartenente ad altre epoche e difficilmente riproponibile nella contemporaneità per una lunga serie di fattori divaria natura.

    Il fatto che Wikipedia possa essere assimilabile ad un’enciclopedia, oltre che dal nome, è dato anche da una sorta di UTOPIA che questa ha in comune con l’enciclopedia settecentesca. Per il resto è evidente a tutti che la validità dei contenuti è discutibile a prescindere da 1) presenza o meno di un “comitato scientifico”, 2) dall’eventuale “autorità della persona” (anche qui siamo di fronte ad un problema che ci si porta avanti dal medioevo!) e 3) dall’ “autoregolamentazione”.
    Quest’ultimo aspetto è una novità permessa dal mezzo tecnologico (il web su internet), ma è anche vero che è assolutamente controverso e risulta palese che il sistema “democratico” del numero e della maggioranza non è certo applicabile in questo contesto e non produce verità ma solo “superstizioni”… alla faccia degli Illuministi e della loro enciclopedia (ma questo, anche loro lo sapevano già) !!!

    Saluti

  • # 19
    Giovanni
     scrive: 

    @Alejandro
    Mi pare singolare che una persona che affermi la noia di un argomento si impegni tanto poi nel rispondere.
    Ma al di la della pratica contradditoria del”non c’è più niente da dire” ma alla fine si risponde sempre, non capisco proprio come tu possa rispondere a due post totalmente diversi.
    Voi(mi pare)sostenete che wikipedia non sia un enciclopedia eprchè prendete per buono quel che dice alessio,io dico che quello che dice alessio non è assolutamente vero,l’enciclopedia non è alla fine di nessuna filiera perchè quest’ultima neanche esiste(a parer mio si intende).
    Cmq mi spiace che qualcuno si sia impegnato a camuffarsi dietro il mio nome per spiegare che io ed alessio siamo la stessa persona,presumo che sia un ragazzino(lo spero per lui)altrimenti la cosa è triste.
    Non mi voglio dilungare,solo dire che non sono un frequentatore del sito e che questa discussione l’ho trovata con google e solo pochi giorni fa mi sono accorto dell’articolo di risposta di alessio…
    A già,ma io e lui siamo la stessa persona,come ho fatto ad accorgemene solo adesso?
    O mio dio nooo!!un altra confessione!
    Agrrrrr

  • # 20
    Giovanni
     scrive: 

    Ho letto meglio il post di giovanni,ritiro il ragazzino :D

  • # 21
    Giovanni
     scrive: 

    Attenzione che nn mi sono camuffato, volevo precisare che nn ero io l`autore del primo commento. Purtroppo sono inconvenienti dovuti all`uso dei nomi propri, giovanni e` abbastanza comune!

    Riguardo a wikipedia io dico che e` una enciclopedia perche` ne condivide l`utopia di poter racchiudere lo scibile umano.. nello stesso tempo dico che non funziona perche` il concetto stesso di enciclopedia e`superato da tempo.
    Questo non significa che Wikipedia nn sia una buona iniziativa.. ma a patto che non venga sottoposta a condizioni commerciali, magari proprio con le torbide ragioni della qualita` (come accade per la sanita` e adesso anche con l`acqua)..
    Saluti

  • # 22
    banryu
     scrive: 

    @AleJandro:

    Per il resto… io Troll?… non è esatto.. caro Alessio alias banryu o meglio “banner-You”… Ma che è questo NIK un un avvertimento? …

    Boooo ….. mi pare tutto molto sospetto…

    Bella questa :D
    No, “Banryu” è il nome dell’arma brandita da “Bankotsu” un personaggio del manga “InuYasha” che uso come avatar per il mio profilo (banryu79) nella sezione dedicata alla programmazione di hwupgrade.it

    Ma ovviamente tu, tutto questo lo saprai già perchè… io sono il clone di Alessio, delle varie incarnaizoni di Giovanni e anche di te! Che ovviamente hai (ho) ragione: è tutto un mistero misterioso, tutto molto sospetto… lol.

    Ok, don’t feed the troll direte voi, e avete anche ragione, ma stavolta non sono riuscito a resistere.

  • # 23
    Andrea
     scrive: 

    Eddai però, bisogna prendere le cose cum grano salis, come dicevano gli antichi. Wikipedia è uno strumento utilissimo e non ha mai avuto pretese di oggettività scientifica, se c’è gente che la utilizza a quel modo è solo ed esclusivamente colpa loro. Non la userei mai per costruirci una tesi sopra, ma in quanto a rapidità di consulto o per farsi un’infarinatura su un determinato argomento di cui si sa poco o niente, svolge il suo lavoro egregiamente. Poi immagino dipenda dai campi di ricerca, ma in generale non ho mai riscontrato degli errori grossolani o così frequenti nel mio uso (quotidiano).

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.