di  -  mercoledì 4 giugno 2008

PrincePrince si è di nuovo fatto notare per la sua poca flessibilità in materia di diritti d’autore online.

L’ Associated Press , ha recentemente riportato che il “Principe” ha richiesto che tutte le versioni della sua cover live di “Creep” dei Radiohead siano immediatamente rimosse da YouTube.

Tutta la vicenda nasce quando, qualche giorno fa al festival statunitense Coachella, in California, Prince ha deciso, cosa per lui del tutto inusuale, di cantare una cover dal vivo e, la canzone prescelta è stata appunto “Creep” dei Radiohead.

Per rinfrescare la memoria, il “Principe” è lo stesso artista che poco tempo fa ha imposto la rimozione di un video che ritraeva un bambino mentre danzava la sua “Let’s Go Crazy”, azione che non ha fatto altro che moltiplicare il numero di post che inserivano il video online. Questa volta però le cose stanno diversamente, la canzone cantata non è sua e i Radiohead non sembrano essere d’accordo con il blocco. Thom Yorke ha dichiarato: “Davvero? L’ha bloccato? […] Bene, ditegli di sbloccare il video. È una nostra canzone”.

YouTube proibisce di postare materiale protetto da copyright senza esplicita autorizzazione del titolare di quei diritti. Se dunque un artista chiede la rimozione di un video che relativo a un suo pezzo, YouTube solitamente lo rimuove; in questo caso però tutto sembra poco chiaro ed intanto prende tempo: per ora è ancora possibile ciccare il video che, come potete vedere in fondo a questo post, è sgranato, di bassa qualità, ripreso da lontano e che di sicuro non può recare danni di alcun tipo a Prince.

Comunque, questa disputa rappresenta un esempio molto interessante sulla proprietà digitale, portato avanti da due “aziende” con visioni diverse in fatto di musica ed Internet. I Radiohead infatti sono famosi per aver messo il loro album “In Rainbows” disponibile per il download dalla rete ad un prezzo deciso dall’utente stesso (leggete gli interessanti post di Tambu e di Enrico sull’argomento) ed inoltre, gestiscono anche un canale su YouTube .

Per adesso i fan urlano: Prince is a Creep! (più o meno: Prince è un verme!) Vedremo cosa accadrà…

6 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Paganetor
     scrive: 

    non vorrei dire una cavolata, ma ci sono i diritti sulla canzone e i diritti sull’artista che la canta/suona…

    ad esempio, le musiche di Mozart sono eseguibili da chiunque senza richiedere permessi (dopo un tot di anni decadono i diritti), ma se io la suono oggi nessuno può riprendere e diffondere la MIA esecuzione dell’opera di Mozart.

    Morale: i Radiohead hanno dato l’ok a Prince per cantare (e lui avrà pagato delle royalty), ma Prince detiene i diritti della SUA esecuzione del brano ;-)

    se ho sbagliato ditemelo, ma mi pare funzioni più o meno così…

  • # 2
    Giuliano
     scrive: 

    in Italia è così

  • # 3
    Paganetor
     scrive: 

    ah ecco, in effetti ^_^

  • # 4
    dgiluz
     scrive: 

    si ci sono due diritti diversi: i diritti degli autori e i diritti degli esecutori. In questo caso Prince è proprietario dei diritti relativi all’esecuzione dei radiohead e se vuole non rendere disponibili le registrazioni può farlo. Per contro se qualcuno vuole effettuare una registrazione (audio, video, etc.) di un brano di qualcun altro (cosidette cover come questa) in linea teorica dovrebbe farsi dare la liberatoria dagli autori. E’ anche per questo che è nata creative commons,

    ciao, bel blog,

    g.

  • # 5
    Tasslehoff
     scrive: 

    [QUOTE]per ora è ancora possibile CICCARE il video che[/QUOTE]

    Ciccare? Un consiglio da un vostro appassionato lettore, non usate word per scrivere le bozze degli articoli :D

  • # 6
    stefano odorico (Autore del post)
     scrive: 

    Chiedo scusa per la svista…
    la parola è ovviamente “cliccare”

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.