di  -  mercoledì 21 marzo 2012

In queste pagine sono stati riversati fiumi di inchiostro virtuale su Amiga, e non credo di sbagliare se affermo che rimane uno degli argomenti più apprezzati, e di cui mai si stancherebbe di parlare e di leggere, perché a distanza di 25 anni questa piattaforma rimane ancora nel cuore di tantissimi appassionati che hanno vissuto un’autentica epoca d’oro dell’informatica domestica.

Sebbene informalmente, AROS (di cui abbiamo già parlato tempo fa) fa parte di questa lunga storia, in qualità di sistema operativo “alternativo” ad AmigaOS (una sua completa riscrittura open source, nelle intenzioni).

Icaros (di abbiamo fornito un’introduzione in un altro articolo) nasce invece dall’idea di Paolo Besser, celebre giornalista italiano, di fornire un “pacchetto completo” ad AROS, intendendo con ciò tutta una serie di applicazioni (anche giochi!) e funzionalità di cui l’utenza ha bisogno di questi tempi.

Non che AROS non potesse funzionare senza (perché sappiamo che, al pari di AmigaOS, parliamo di un s.o. completo, funzionante già di per sé), ma è indiscutibile che col software sostanzialmente “di base” a corredo non si va molto avanti, perché mancano tante comodità a cui siamo abituati.

Un anno e mezzo circa di distanza sembra un periodo molto lungo, e considerando le pochissime forze in campo non ci si aspetterebbe grosse novità come ci hanno abituato s.o. ben più blasonati, eppure il lavoro svolto dal piccolo gruppo di sviluppatori di questa piattaforma continua a stupire.

A cominciare dall’istallazione, che sulla stessa macchina e stessa chiavetta USB ha portato al sistema pronto all’uso dopo circa mezz’ora: poco meno di un quinto rispetto alla precedente esperienza! Nel frattempo ho provveduto a installare anche l’ultima versione di VirtualBox, che si comporta decisamente meglio (ne parlerò anche dopo), ma che dubito possa essere l’unica causa di cambiamenti così radicali.

Infatti anche il tempo di boot è sceso considerevolmente, anche se non con quest’ordine di grandezza, passando a circa 18 secondi (quasi la metà rispetto a prima), tempo che appare di tutto rispetto, ma che letteralmente impallidisce di fronte ai circa 6 secondi (sempre dall’avvio da Grub) dell’immagine di Icaros Live utilizzata da VirtualBox.

Sempre da VirtualBox, il riavvio del s.o. (sostanzialmente si “salta” l’avvio da Grub) impiega circa 5 secondi, contro i circa 8 da chiavetta. Si tratta sempre di tempi assolutamente incredibili rispetto a quanto siamo abituati con piattaforme più blasonate del calibro di OS X e Windows, per le quali le rispettive case madri fanno i salti mortali per ridurre i tempi di avvio.

Ovviamente non è possibile confrontare la quantità di materiale caricata, sicuramente maggiore in questi ultimi due, ma all’atto pratico Icaros carica tutto ciò che gli serve, inclusa la Dock (con le icone di diverse applicazioni) che rappresenta ormai il suo “centro di controllo”, e l’utente si trova già davanti al sistema pronto all’uso…

Non sono tutte rose e fiori, perché sui PC su cui ho provato Icaros continua a funzionare esclusivamente in modalità VESA, causa mancanza di driver per i sottosistemi video utilizzati (GPU abbastanza moderne di casa AMD). Inoltre non è stato possibile impostare una risoluzione widescreen che meglio si sarebbe adattata ai monitor / display utilizzati.

Si tratta di problematiche di cui ero già a conoscenza, ma che su sistemi desktop si risolvono molto facilmente acquistando un’economicissima scheda video fra quelle supportate, per vedere sfrecciare le finestre di AROS, come m’è capitato col vecchio IBM ThinkPad R40 (purtroppo non più funzionante), rivitalizzato da un s.o. così leggero.

Comunque anche in modalità VESA il sistema risulta discretamente godibile (tranne che per pachidermi del calibro di Directory Opus), segno che il lavoro di ottimizzazione degli sviluppatori continua e i frutti si vedono decisamente. Infatti, complice anche i suoi miglioramenti, anche con VirtualBox Icaros si mantiene utilizzabile, al contrario della precedente esperienza.

Una considerazione analoga vale per l’audio: facendo uso di chipset abbastanza moderni (anche se si tratta di comuni unità AC’97 “HD” integrate), non c’è stato verso di farlo funzionare. Anche qui, una soluzione discreta avrebbe risolto la questione con una spesa irrisoria.

Penso sia chiaro che il problema principale di AROS sia rappresentato dai driver, che rimangono il suo tallone d’Achille. D’altra parte parliamo di un sistema amatoriale, portato avanti da appassionati nel tempo libero, che hanno da fare con un vastissimo parco hardware.

Ciò non toglie che chi vuole godersi la piattaforma al meglio può contare su una lista di dispositivi compatibili sufficientemente ampia, e per tutte le tasche, da permettere di togliersi delle soddisfazioni.

Da questo punto di vista rispetto a un anno e mezzo fa ne è passata parecchia di acqua sotto i punti. Infatti finora non ho avuto blocchi al sistema e mai è apparsa la famigerata finestra di dialogo di Guru Meditation, spauracchio di antica memoria.

Tanti, davvero tanti bug sono stati corretti, grazie anche alla chiusura dei bounty attinenti al port di AROS per gli originali sistemi 68000, che hanno contributo a rendere il sistema molto più solido e accurato in termini di compatibilità con le API di AmigaOS.

A tal proposito segnalo che non servono più le ROM originali e/o i file del vecchio s.o. per far girare emulatori come (Win)UAE (che le include nel pacchetto), oppure applicazioni come l’AmiBridge/Janos-UAE fornito con Icaros: è già possibile sfruttare allo scopo AROS in versione 68000, che nonostante sia un giovane port, si comporta discretamente bene.

Si tratta di un risultato che in tutta onestà si aspettava da una vita, fin dalla nascita di AROS, tanto che negli ultimi anni si pensava che non si sarebbe mai raggiunto, e che è si concretizzato grazie ai due bounty aperti e che avevo citato anche in qualche altro articolo. Un lavoro enorme, di cui ha tratto vantaggio non soltanto il port per 68000, ma tutto il s.o..

Sia chiaro che questo non significa che il s.o. abbia lasciato alle spalle i problemi strutturali che si porta dietro dal primo giorno (mancanza di memoria protetta e resource tracking in primis), ma che il grande lavoro di test e bug fix ha consentito di arrivare a un prodotto decisamente più stabile rispetto alle versioni più vecchie.

I miglioramenti hanno portato ad avvicinarsi nuovi utenti, che a loro volta magari hanno contribuito con le loro segnalazioni e osservazioni, innescando un circolo che si spera diventi sempre più fruttuoso. Fa bene Besser a evidenziare e a gioire dei circa 3000 download di Icaros nella pagina del sito per l’ottimo risultato raggiunto: si tratta di dati non indifferenti per un progetto di questa natura.

Per questo risultato bisogna ringraziare anche la recentissima integrazione di un browser moderno, OWB (Odyssey Web Browser), portato da un s.o. AmigaOS-like “cugino”, MorphOS, non senza citare l’indispensabile lavoro di aggiornamento del framework Zune, “equivalente” del più famoso MUI per Amiga, che di recente è stato aggiornato e a cui sono state integrate un po’ di funzionalità (grazie all’n-esimo bounty; un meccanismo “popolare”, che ha dimostrato di funzionare bene) fondamentali per far girare OWB.

Sappiamo tutti che oggi poter accedere alla rete è diventato praticamente indispensabile (non saremmo qui a discutere!), e per questo lo strumento per eccellenza a cui ci affidiamo è il browser. Per AmigaOS ce ne sono stati diversi, alcuni anche a pagamento, ma si sentiva la mancanza di uno che fosse tecnologicamente avanzato.

OWB è basato su WebKit, il noto render HTML che troviamo in altri browser più famosi (Safari e Chrome su tutti), mentre per il resto l’applicazione è nativa, cioè sviluppata apposta per il mondo AmigaOS e facente uso del già citato framework MUI, popolarissimo e molto usato. Non è, quindi, diverso da quanto è stato fatto con gli altri browser che si basano su questo componente (che è sostanzialmente agnostico dal punto di vista della piattaforma su cui gira).

Senza nulla togliere agli altri aggiornamenti e applicazioni a corredo che sono stati aggiunti (Audio Evolution 4 per gestire tracce audio e FryingPan per masterizzare CD & DVD, sono gli elementi che spiccano di più, ma… c’è tanta altra roba!), non credo di sbagliare se affermo che OWB sia l’elemento principe, quello che fa la differenza rispetto al passato.

Oggi, come già detto, un computer senza un buon browser serve a ben poco. Siamo quasi sempre connessi, e questo strumento ci è assolutamente necessario. Per cui averne uno che supporti già HTML5 & compagnia (sebbene non siano ancora visualizzati i video, e… manca Flash), tecnologie che rappresentano il futuro del web, è davvero un grosso passo avanti per Icaros.

OWB non è certo perfetto (ad esempio m’è capitato di non poterlo chiudere subito: appariva una finestra di dialogo chiedendomi di inserire il “volume 2″, scegliendo poi “annulla” appariva la giusta finestra di dialogo con la conferma dell’operazione), si presenta in maniera abbastanza spartana (ma ampiamente personalizzabile, come da tradizione MUI), però mette a disposizione tutte le funzionalità che bene o male servono al tipico navigatore.

Una cosa che ho notato è la ventola della CPU che gira a pieni regimi anche dopo aver finito di caricare e renderizzare la pagina (operazione abbastanza veloce, specialmente nel PC principale), segno che l’engine dev’essere ancora ottimizzato allo scopo. E’ evidente che al momento si bada più alla sostanza (far funzionare l’applicazione e mettere a disposizione nuove funzionalità) che al perfezionamento dell’esistente, ma è comprensibile vista la natura strettamente amatoriale (questo non significa che non si provvederà mai!).

Infatti passi avanti ne sono stati fatti molti, anche su cose che a prima vista sfuggono. Ad esempio nelle finestre di Wanderer (il “sostituto” del ben più famoso Workbench) è adesso presente un’iconcina che consente di minimizzare la finestra dell’applicazione, riducendola sotto forma di icona su desktop (che riporta l’immagine dell’applicazione e il suo nome), per essere poi ripristinata con un doppio click.

Collegare e accendere la stampante ha fatto apparire la finestra di Poseidon (lo stack che gestisce le periferiche USB), che ha mostrato le informazioni che è riuscito a recuperare dal dispositivo, anche se al momento non sono stato in grado di stampare perché il supporto è limitato alle stampanti Postscript.

Sono segni di un progetto che è vivo, che nell’ultimo periodo è cresciuto molto grazie alla spinta degli sviluppatori, agli utenti che si sono avvicinati, che hanno apprezzato il lavoro, e che si sono affezionati, forse in ricordo dei vecchi tempi.

C’è ancora parecchio da fare (sarebbe bello che venisse messo a disposizione un desktop environment più moderno; si spera in un prossimo port di Ambient, grazie ai miglioramenti dell’implementazione di MUI), ma vedo la strada che porta alla fatidica versione 1.0 sempre più vicina.

22 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    [D]
     scrive: 

    Ringrazia che a te funziona in vesa perchè da me neanche quello e la gpu è nvidia… semplicemente resetta perchè non è contento di trovare una nvidia integrata e di dover girare su un’altra nvidia su pci-ex

  • # 2
    Sisko212
     scrive: 

    Che dire… Lunga vita ad Amiga e lunga vita ad Aros.
    Chissà come starà sorridendo da lassù Jay Miner, vedendo tutto questo interesse ancora vivo attorno alla sua creatura.

  • # 3
    Giacomo
     scrive: 

    da quando AROS è stato coordinato dal Paolone i progressi hanno messo il turbo :)

  • # 4
    Cesare Di Mauro (Autore del post)
     scrive: 

    Una cosa che mi sono dimenticato di dire è che sia dal sito che dalla stessa Icaros è disponibile un CORPOSO manuale in cui sono contenute tantissime informazioni interessanti, che aiutano a rivolvere possibili problemi che si possano presentare.

    E’ in inglese, ma è molto ben fatto e l’invito è quello di dargli almeno un’occhiata. Un must, invece, per chi ha problemi.

    @D: leggiti il manuale. ;)

    @Sisko212: purtroppo della sua creatura è rimasto poco ormai. Con AROS/Icaros è sopravvissuto il solo software.

    Ma penso che Jay apprezzerebbe lo stesso. :)

  • # 5
    uebmaestro
     scrive: 

    Non potevo certo farmi sfuggire anche questo pezzetto di rigurgito post-Amiga :-)

    Trovo Icaros molto carino (lo uso sotto VBOX), ma tutto il progetto AROS è molto interessante e la comunità di contorno estremamente collaborativa e “focalizzata” (nella ml degli sviluppatori e le discussioni non degenerano o scadono in flame). Pochi ma buoni, verrebbe da dire.

    Non credo che ancora sia uscito allo stato di s.o. giocattolo, e personalmente non credo darà mai noia a qualche grande “attore”, ma è un oggetto divertente con cui baloccarsi e a me tanto basta.

    Quanto alle funzionalità mancanti che hai citato – tipiche di un s.o. moderno – posso dire che qualche testa si sta ponendo il problema, già da tempo; credo che alla fine qualcosa succederà ;-)

    Sento anche parlare che potrebbe avere un suo perché per una certa fetta di mercato embedded, ma non ho ancora potuto farmi un’idea in merito. Natami?

    p.s. “Wanderer”, non “Wonderer” :-)

  • # 6
    Cesare Di Mauro (Autore del post)
     scrive: 

    Ne ho parlato proprio nell’articolo dedicato ad AROS.

    P.S. Corretto grazie.

  • # 7
    paolo besser
     scrive: 

    Heilà, grazie per l’ottimo articolo. Solo un paio di puntualizzazioni:

    1. non ho capito bene se avevi problemi ad andare in widescreen su VirtualBox o su una macchina fisica. Nel primo caso, si può aggiungere alle macchine virtuali di VirtualBox una modalità VESA personalizzata con la risoluzione che si preferisce, e poi istruire AROS ad andare in VESA a quella risoluzione. Trovi scritto come si fa nel manuale. Da questo punto di vista forse è meglio usare VMware Player 4, che è altrettanto gratuito e che offre un ambiente di virtualizzazione più solido rispetto a VirtualBox, oltre a una più semplice gestione delle modalità VESA “non tradizionali”.

    2. il suono è supportato sia in VMware, sia in VirtualBox. In entrambi i casi il manuale spiega come ottenere i risultati migliori (selezionare le modalità non hi-fi nelle preferenze di AHI su VMware, usare una scheda AC97 emulata su VirtualBox), in ogni caso l’audio in virtuale funziona perfettamente. Anche su QEMU, fra l’altro.

    @Giacomo: io non coordino AROS, io al massimo credo di aver contribuito, nel mio piccolo, a spingerlo nella direzione giusta (ho rotto talmente tanto gli zebedei ai programmatori di AROS per avere questa/quella funzionalità, e per costringerli a usare il loro sistema operativo, che alla fine hanno dovuto accontentarmi :D).

    @Sisko212: Dio abbia Miner in gloria. Purtroppo non avrà mai la fama di un Jobs, ma alla fine nessuno potrà mai sindacarne le doti umane e professionali, mai.

  • # 8
    Cesare Di Mauro (Autore del post)
     scrive: 

    Mi riferivo alle macchine fisiche. Infatti parlavo di chipset e soluzioni discrete.

    La prossima volta proverò anche VMWare Player. In genere preferisco VirtualBox, perché trovo VMWare abbastanza pesante, ma se il supporto che offre è migliore, lo prenderò in considerazione alla prossima occasione.

    Grazie per i consigli.

  • # 9
    Amig4be
     scrive: 

    provarlo su VirtualBox forse è la cosa migliore come primo contatto, dato che è decisamente godibile anche in modalità grafica vesa, widescreen e con l’audio funzionante. Senza avviare applicazioni in 3D si avverte una bella sensazione di velocità e completezza; se poi piace si può cercare di farlo andare su una macchina fisica…

    Ho quasi completato una guida/recensione che metterò on line tra qualche giorno

  • # 10
    pleg
     scrive: 

    Una curiosita': quali sono le componenti principali che determinano il tempo di avvio? La mia debian box ci mette circa un minuto a partire, qualcosa che si avvia in <10s sarebbe un sogno :)

  • # 11
    Cesare Di Mauro (Autore del post)
     scrive: 

    La ragione credo sia perché ci sono pochi file che vengono caricati. AmigaOS come s.o. è “tagliato” abbastanza bene: poche librerie organizzate ottimamente e molto leggere.

    Tanto per rendere l’idea, considera che il port per 68000 di AROS è disponibile anche in “versione ROM” (da utilizzare al posto della ROM originale dei vecchi Amiga) e occupa circa 600K.
    Questo è sufficiente per eseguire il boot (in realtà serve qualche comandino da poche decine di KB in tutto per far partire il desktop environment).

    Comunque AROS di per sé occupa circa 25MB di spazio (versione x86), e ci trovi:
    – GRUB;
    – il kernel;
    – tutte le librerie (compresa Zune per le interfacce grafiche MUI);
    – tutti i comandi di sistema;
    – alcuni filesystem;
    – driver (non sono molti, ma comunque per una periferica generalmente c’è un solo file da caricare);
    – font;
    – numerosi tool di sistema e applicazioni (persino demo).

    Parliamo, quindi, di un sistema completo e funzionante, e nemmeno ridotto all’osso.

    Icaros aggiunge PARECCHIA altra roba, ma in ogni caso i file da caricare non subiscono un’impennata.

  • # 12
    paolo besser
     scrive: 

    “AROS di per sé” purtroppo è un SO che si può considerare “pronto per l’uso”, quando carica, alla stessa stregua dell’AmigaOS originale o di Windows 3.1, facciamo pure Windows 95 prima edizione va là, ma niente di più: l’utente poi è costretto a installare roba su roba e configurarla per arrivare a un MINIMO livello di applicazioni tale da rendere il computer utilizzabile ogni giorno.

    Icaros cerca di spaziare un po’ ovunque e di dare tutti gli strumenti necessari, a patto che siano disponibili, per fare qualcosa con il computer. Sia esso scrivere musica, creare/editare filmati, navigare su internet, chattare, giocare… Ovviamente con la versione Live! si fa un po’ di tutto, mentre la versione Light può essere considerata una distribuzione essenziale per avere tutti i servizi offerti dalla Live!, ma senza le applicazioni di contorno: quindi c’è il browser, c’è l’emulatore Amiga integrato, c’è Mplayer, c’è FryingPan… ma non ci sono i giochi, gli altri emulatori, i video e la musica esemplificativa, ecc ecc ecc. Con la Light insomma ci avvii il computer e sei un po’ èiù felice rispetto a una nightly build di AROS (e ha pure le icone migliori) ;-)

  • # 13
    sergio
     scrive: 

    A questo punto, sè fossi nei panni dei programmatori di AROS, punterei tutto su un porting per Raspberry PI.
    Sfruttando le doti di leggerezza del S.O. e con una buona ottimizzazione dei drivers, potrebbero garantirsi un ottimo futuro.

  • # 14
    Cesare Di Mauro (Autore del post)
     scrive: 

    Purtroppo Raspberry ha una GPU blindata, e Broadcom fornisce driver binari esclusivamente per Linux.

  • # 15
    Alanford
     scrive: 

    Bellissimo articolo!!!! Bravo Cesare.

    E bravo a Paolo

  • # 16
    floriano
     scrive: 

    aros è stato ispirato da amigaos, haiku da beos, ce ne sono altri?

  • # 17
    floriano
     scrive: 

    se anche aros implementasse http://tiltos.com/drupal/node/17 probabilmente sarebbe ancor più interessante.

    ps. sia aros che haiku soffrono parecchio di drivers, magari qualche artificio per riciclare quelli di linux? (tipo le noveau per nvidia..)

  • # 18
    Cesare Di Mauro (Autore del post)
     scrive: 

    AROS usa già Noveau per le schede nVidia. :P

    Gli sviluppatori hanno deciso di legarsi a Gallium proprio per avere la possibilità di sfruttare il lavoro fatto dalla comunità open source allo scopo.

    Sarebbe interessante poter avere qualcosa di simile anche per l’audio e il networking.

    Riguardo a KDE, personalmente non vedo di buon occhio l’importazione di applicazioni “aliene” in un s.o. AmigaOS/like. Ma è una mia opinione, sia chiaro.
    Comunque è fattibile nella misura in cui verrà fatto il port delle Qt per AROS.

    Per rispondere alla tua prima domanda, c’è ReactOS che si ispira a Windows, e FreeDOS al DOS. Non ne conosco altri.

  • # 19
    floriano
     scrive: 

    un bel pò di programmi aggiuntivi non fa male :)

    magari con il porting di java e python (ammesso non ci sia già) oppure della dalvik machine di android le applicazioni potrebbe aumentare ulteriormente,

    tralasciando le applicazioni in html5 (che dovrebbero funzionare tranquillamente) mi incuriosiscono le motivazioni che portano a sviluppare software dedicati per delle piattaforme così di nicchia come haiku e aros (è solo passione?)

  • # 20
    Cesare Di Mauro (Autore del post)
     scrive: 

    Penso di sì, la passione è la discriminante di maggior peso.

    Riguardo al porting di Java, dovrebbe già esserci, ma non mi sono mai interessato.

    Python, invece, c’è già in versione 2.5 (quindi abbastanza vecchia), ma mancano parecchi moduli. Purtroppo non è né matura né completa.
    Servirà un bel po’ di tempo per portarla a livello delle implementazioni per le altre piattaforme, ma soprattutto per quelle più recenti (2.7 per la “linea” 2.x, e 3.2 per la 3.x).

    La cosa interessante è che per Python è stato scritto un modulo per interfacciarsi con AREXX e, se non ricordo male, per fungere da REXX master.

  • # 21
    paolo besser
     scrive: 

    @floriano: per “riciclare” i driver di Linux occorre adottare la licenza GPL che, a noi “arosiani”, non piace particolarmente. Tutto ciò che è almeno LGPL si può usare senza problemi nel sistema, quello che è GPL, invece, no (a meno che il programma non funzioni per così dire “standalone”, senza cioè diventare un tassello fondamentale per il sistema operativo – parte del software incluso nella distribuzione e nelle build, infatti, è coperto dalla licenza GPL). I driver ovviamente non rientrano nella categoria del software GPL che si può facilmente integrare.

    Premesso questo, AROS e Linux sono due SO totalmente diversi fra loro. Ci sono cose che si possono adattare, come Gallium 3D, e altre che invece sono lontane anni luce e del tutto incompatibili fra loro. Il driver model rientra ampiamente in questa categoria: ci si può ispirare per scrivere dei driver appositi per AROS, ma più difficilmente si può prendere un driver di linux così com’è e ricompilarlo.

  • # 22
    Gendo Ikari
     scrive: 

    @paolo besser
    Sono molto interessato ad AROS e a tutto quello che riguarda e riguardava Amiga. Mi chiedevo, esiste una lista di hardware raccomandato per usare AROS senza problemi di driver o di bug o quant’altro?
    Qualcosa del tipo, se compri questo pc assemblato dal costruttore XXX va tutto, alla prima, senza problemi, tutto integrato.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.