di  -  venerdì 23 maggio 2008

Napster1999: il broadband era ancora un miraggio per la gran parte del pianeta, i masterizzatori CD erano da poco giunti a prezzi popolari e già da qualche anno esisteva l’encoder mp3, che consentiva la compressione delle tracce CD in file da pochi mega, idonei alla trasmissione tramite modem 56k, ma soprattutto con una qualità assolutamente adeguata per l’ascolto su impianti domestici.

A quel tempo – sembra ieri eppure sono passati quasi 10 anni! – i CD audio superavano spesso le 40.000 lire, un singolo arrivava 15.000 lire e le case discografiche nuotavano nell’oro. Lo scambio di file musicali aveva proporzioni minime ed avveniva primariamente attraverso canali come IRC o via server FTP pubblici e privati, con possibilità di ricerca molto limitate. Fu così che a Shawn Fanning, un diciottenne americano col pallino della rete, venne in mente di creare una piattaforma di scambio.

Nacque così Napster, un software che dal lato client permetteva agli utenti di condividere la propria musica e cercare quella condivisa da altri utenti. La peculiarità rivoluzionaria del modello era proprio il ruolo del server, che non ospitava “fisicamente” i file ma si limitava alla semplice indicizzazione del materiale condiviso dagli utenti connessi, rendendo possibile l’utilissima funzione di ricerca.

La limitazione del ruolo del server a semplice “catalizzatore” di scambio pose problemi legali notevoli, che generarono un dibattito memorabile e non ancora esaurito. Come puntare il dito su un servizio che non forniva altro che la ricerca sulle liste dei files provenienti da milioni di utenti? Perché non prendersela allora anche con mIRC che, in modo più rudimentale, agevolava lo scambio di opere protette?

Altro problemino: Napster era completamente gratuito per gli utenti – il modello di business di Napster, per quanto in ultima analisi fallimentare, è tuttora un parziale mistero – e non generava lucro dallo scambio di files.

Malgrado tutto ciò le major trovarono il modo di far valere le proprie istanze: non è una novità che il diritto segua come un’ombra gli interessi economici più pressanti.

Quello generato da Napster era infatti un problema di scala: grazie alla funzionalità di indicizzazione e ricerca, la piattaforma creata dal giovane Fanning arrivò, nel momento di massimo splendore, ad ospitare la bellezza di circa 60 milioni di utenti. Gente che si scambiava quantità di file abnormi, impossibili da veicolare nello stesso modo sulla rete IRC. Per contro a nessuno era mai venuto in mente di denunciare un quindicenne che copiava un CD su cassetta per la fidanzata.

Alla base di questo successo non c’era ovviamente il solo istinto al furto dei file sharers: la politica di prezzo applicata dalle major era estremamente conservativa, per non dire di peggio. Come sostenevo già qualche anno fa, il punto di prezzo, stranamente identico per tutte le maggiori etichette, era fondato sul monopolio della distribuzione, ovverosia sull’impossibilità degli utenti di approvvigionarsi di musica in modo alternativo.

Non dimentichiamo che erano quelli gli anni del CD, e che la copia su cassetta implicava comunque una perdita di qualità notevole. In conseguenza di tutto ciò, nell’utenza si era creata una forte spinta centrifuga, che Napster raccolse in modo massiccio, colpendo alla base il modello di business delle corporation della musica.

C’è di più: in un’intervista del 2002, lo stesso Fanning rivelò che Napster era stato lautamente finanziato da molti musicisti – tra cui Neil Young e Lou Reed – che si sentivano vessati dalle condizioni sempre più restrittive imposte loro dalle case discografiche.

La chiusura di Napster, avvenuta nel 2001, rappresentò un sollievo effimero per le ricche corporation discografiche: una pletora di piattaforme alternative, alcune basate sugli stessi protocolli di Napster, erano pronte ad attirare l’utenza orfana del capostipite del P2P, con funzionalità aggiuntive, un modello sempre più decentralizzato e la possibilità di scambiare tutti i tipi di file – Napster funzionava solo per gli mp3.

Sul versante della connettività, il broadband, senz’altro enormemente incoraggiato dallo stesso P2P, andava prendendo rapidamente piede, rendendo possibili scambi di interi album e video, quando, ai tempi di Napster, un solo mp3 poteva provocare copiose raffiche di imprecazioni.

Dall’altro lato della barricata, quegli anni hanno rappresentato per le major musicali – quelle cinematografiche ne hanno seguito fedelmente le orme – un periodo fondamentale: il momento in cui si è preferita la strada della battaglia legale a quella della comprensione del fenomeno, il momento in cui si sono poste le basi per la consegna del mercato musicale online ad operatori che prima e meglio hanno saputo concepire un modello di business per la distribuzione sulla rete.

Napster rimarrà nella storia per essere stato il primo a raccogliere i frutti del mix fra codifica mp3 e la diffusione della rete e poi del broadband. Un mix che la grettezza delle major ha saputo rendere dirompente, al punto che a tutt’oggi il P2P non cessa di crescere.

12 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    righe90
     scrive: 

    :) mi piacciono molto i tuoi “articoli del venerdì”!!

    ho 17 anni, l’affascinante storia dell’IT mi è quasi sconosciuta e leggo sempre i tuoi post con molto interesse!

    Fabio

  • # 2
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Sono contento che li gradisca. Questo settore è spesso vittima di errori ciclici: parlare un po’ di storia non fa mai male! :-)

  • # 3
    Ciny2
     scrive: 

    sbaglio ho lo stesso autore di napster voleva fare un accordo che avrebbe fruttato tanto alle major, ma quest’ultimi hanno preferito far chiudere il suo lavoro senza ascoltarlo ?

  • # 4
    ardelo
     scrive: 

    Grande! Purtroppo queste parti di storia non le insegnano a scuola, ci tocca tirare avanti a forza di wikipedia e appunti digitali!

  • # 5
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ Ciny2
    Fanning per scamparsela le ha tentate un po’ tutte. Oggi Napster è uno dei tanti stores playsforsure (il DRM MS), a dividersi le briciole del mercato dominato dal ben noto iTunes.
    A Fanning comunque l’onore di aver dato, per l’appunto, la prima picconata a un business paleolitico e per alcuni versi vessatorio come quello della distribuzione musicale.

  • # 6
    Parappaman
     scrive: 

    Bei tempi… allora Napster era veramente un mondo incredibilmente innovativo. Sono fiero di poter dire “io c’ero”! :D

  • # 7
    Rubberick
     scrive: 

    anche io lo ricordo bene e funzionava su mac :D

  • # 8
    Lanfi
     scrive: 

    Anche io c’ero, e per giunta ai tempi avendo meno di 14 anni (appena meno) non ero neanche imputabile :D!!!

    Mammamia cos’era scaricare qualcosa da napster…non solo a quei tempi i cd costavano un enormità (ma anche adesso…) ma se volevi sentire dei brani della tua band black metal preferita dovevi per forza usare questa via (almeno per chi stava in un piccolo paesello come il mio). Per quanto riguarda il download….era una vera avventura! Allora…per prima cosa si cercava di scaricare da chi aveva conessione del tipo T1 o T3, poi bisogna ricordare alcune cose (se non ricordo male, la memoria mi può ingannare):

    1) Non c’era (almeno all’inizio) la funzione resuming, per cui se il tipo si disconnetteva il tuo mp3 si fermava dove era arrivato.

    2) Scaricavi il file dal singolo utente e ti mettevi in coda con gli altri che volevano quel file.

    3) Si usava (almeno io al tempo) una connessione 56k, i più fortunati ISDN.

    Quando “chiusero” napster fu davvero un brutto colpo…anche se poi si diffusero client alternativi quali imash, morpheus, winmx etc.

    P.S.
    Alessio sei davvero sicuro che non si potessero scaricare file video? A me pare di ricordare chiaramente che qualche .avi circolasse….

  • # 9
    Majinga
     scrive: 

    Mi ricordo il giorno in cui diedero la notizia che napster avrebbe chiuso (poi il giorno dopo ha riaperto). Ho passato tutto il giorno e tutta la notte a scaricare, spendendo un botto di telefono (all’epoca col 56k senza flat) e tra le bestemmie dei miei per il telefono occupato. AH! che bei tempi!

    Se penso che oggi … porco … oggi sto ancora col 56k!!! Stupido digital divide!

  • # 10
    XRY
     scrive: 

    Ai tempi di napster ancora gli .avi in mpeg-4 (quindi compressi) non erano in voga, girava solo qualche mpeg/mpg .La diffusione massiccia di divx e xvid (e quindi file avi) cominciò verso il 2002 quando più che collegarsi al server centrale (che era sotto inchiesta e spesso off-line) ci si spostò sui server open-nap che ospitavano tanto materiale. Ma già napster (per come era stato ideato) stava tramontando, i 56k lasciavano il posto alle prime Adsl BBB di Telecom, e fu allora che sostitui’ la mia flat TEMPOZERO (95 mila lire per internet e telefonat 24h) di libero con l’adsl telecom. Non dimenticherò l’intrigo amoroso e l’incontro con la sorella torinese di un tizio con cui scambiavo canzoni… mi fece conoscere i “pornoriviste” heeheh ed altra musica del genere. Artisti di cui ignoravo l’esistenza e quindi non avrei mai potuto comprare un loro cd.

    Primo mio commento qui su AD con lacrimuccia.

    Saluti – XRY

  • # 11
    MP3: la rivoluzione dell’audio digitale - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] infine, non citare la nascita delle reti peer-to-peer destinate allo scambio di file MP3 con Napster, una delle più celebri applicazioni di sempre, sia per l’innovativo servizio reso accessibile, […]

  • # 12
    The Pirate Bay in fase di acquisizione, vira verso la legalità - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] di tornare ai giorni della conversione di Napster a piattaforma di distribuzione legale, dopo la raffica di cause che ne decretarono la chiusura. Un […]

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.