di  -  lunedì 19 maggio 2008

copertina di Wii FitQuale è la cosa peggiore che può succedere dopo aver speso 69 sterline per regalare alla propria figlia la tanto bramata Wii fit? Arrivare a casa e scoprire con orrore che non funziona? Inserire le batterie e vederla esplodere? No, sentir dire alla piccola decenne “sei grassa” e vederla precipitare in depressione, come è accaduto a un genitore dell’Inghilterra del Sud-Est, subito coadiuvato dalle associazioni contro l’obesità in una campagna contro Nintendo.

La Wii Fit, l’ultimo accessorio della popolare console giapponese, ha registrato il tutto esaurito in Inghilterra dopo pochi giorni dalla commercializzazione. Si tratta di una specie di bilancia venduta in combinazione con un programma di allenamenti pensati per migliorare la forma fisica e la postura dei giocatori, il tutto tramite la console che si occupa di registrare i progressi. Uno dei punti cardine del Wii Fit è la capacità di calcolare l’indice di massa corporea, una misura biometrica data dal peso fratto il quadrato dell’altezza, in grado di inserire una persona in una tabella che va da “gravemente magro” a “super obeso”. Un indice di massa corporea normale sta tra 18,5 e 24,9.

L’articolo del Daily Mail non specifica quale fosse la fascia in cui la Wii Fit ha inserito la bambina inglese, mentre riporta le misure fornite dal padre (38 Kg per 1,45) per cui possiamo dire che anzi la bimba sarebbe fin troppo magra (indice 18,07 – vedi la tabella di wikipedia), e invece il nuovo giocattolo targato Nintendo l’ha apostrofata con un “sei grassa” e c’è voluta la pazienza di due genitori e molto tempo per convincerla che non è vero.

Immagino che alla fine di ogni sfida a Super Mario Galaxy ci voglia la stessa pazienza per convincerla che non può volare di pianeta in pianeta o trasformarsi in ape, ma tant’è che i problemi qui sono due e sono ben distinti: è sicuramente vero che l’indice di massa corporea non è un metrica adatta ai bambini, come dice Tam Fry del Forum nazione sull’obesità, e che non è bello sentirsi dire “sei grassa” quando questo non è vero (quindi Nintendo dovrebbe in qualche modo mettere un disclaimer in questo senso), ma mi pare altrettanto pacifico e assodato che un bambino non dovrebbe andare in depressione per una frase palesemente falsa, almeno stando al padre.

Quella su Super Mario Galaxy era una battuta, certo, ma qui la colpa è più di Nintendo che non dice “attenzione, l’indice di massa corporea sotto i 10 anni è molto approssimativo e soggetto a variazioni repentine” o dei genitori che hanno in casa una figlia che crede ciecamente a quel che gli viene detto da una console e che non è in grado di giudicare da sé se sia vero o falso, o che peggio si fida più della Wii che della smentita di papà e mamma?

13 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    caino
     scrive: 

    vorrei segnalare che l’indice di massa corporea non ha senso neppure per gli adulti.
    è solo una porcheria generalista: che senso dovrebbe avere una valutazione [a spanne] basata sull’altezza e sul peso senza una minima misurazione della struttura ossea e muscolare?
    ha un valore differente una plicometria a sette pliche, che è una misurazione più affidabile ma comunque soggetta alla capacità del misuratore, mentre continua ad averne relativamente poco è la percentuale di grasso rilevata dalle nuove fantomatiche bilance che misurano l’impedenza.

  • # 2
    Pikazul
     scrive: 

    In tutta sincerità, considerando che un bambino su tre è sovrappeso e una buona percentuale è proprio obeso, è molto più probabile che la bambina sia davvero grassa, altro che 38 Kg. Se la wii sbagliasse la valutazione del BMI in maniera così colossale si sarebbe saputo visto che dovremmo essere tutti “terribilmente obesi”, nessuno escluso. Che l’affidabilità del BMI poi sia bassa, è un altro discorso, ma sempre di un videogioco si tratta, non va preso così sul serio in nessun caso.

    Inoltre, commento finale, con Brain Training nessuno si è depresso quando ha scoperto di avere il cervello da ottantenne, sembra che altri canoni di giudizio invece siano molto più importanti per le persone ;)

  • # 3
    ardelo
     scrive: 

    Anche io sono dubbioso sull’effettiva utilità dell’indice di massa corporea, ma d’altronde Wii Fit è un gioco e non un medico, e come tale va preso…Di solito un normale videogiocatore a cui viene detto “sei grasso” si fa due risate e si mette a fare tutti gli esercizietti divertendosi…A quanto pare qualche genitore deve ancora insegnare al figlio a chi credere e a chi no…

  • # 4
    CereS
     scrive: 

    Il padre nell’articolo dice che “non è grassa ma semplicemente di costituzione robusta”. Mi sa che il padre (anzi patrigno) mente sul peso perchè 1.44m per 38Kg non riesco ad immaginarlo in nessun modo robusto…

  • # 5
    mttmtt
     scrive: 

    vabbè se uno è un pelo obbiettivo sa se è grasso sovrappeso giusto o troppo magro…wi-fit è un gioco…se la sedicenne è una di quelle modaiole cha vada a…:)

  • # 6
    YellowT
     scrive: 

    Semplicemente robusta?
    Al di la del caso specifico, un genitore vede sempre i propri figli come perfetti.
    è solo robusta è unmetodo qualunque per evitare il problema di dover spiegare al proprio figlio che sta diventando una botte. IN pratica si rinvia il problema all’adolescenza quando il ragazzo se ne renderà conto da solo di essere grasso (e quindi tendenzialmente non accettato).
    Una cosa è l’obesità patologica (che quindi va curata alla stregua di una malattia),un’altra è l’obesità da pigrizia o da alimentazione errata (spessissimo se i genitori sono obesi lo saranno anche i figli).
    In questo secondo caso c’è poco da gridare alla discriminazione: chi ingrassa per motivi non patologici inpratica si è scelto di essere grasso quindi mi sento libero di considerarlo come mi pare (nel mio caso negativamente)

  • # 7
    battagliacom
     scrive: 

    io ho fatto i conti e se la bambina pesa 38kg per 1,44m allora ci viene 38/2,07=18,3!!! Ma allora la bambina è in leggera magrezza! Come ha fatto il Wii a dire che è grassa? A parte che non credo che il wii scriva sullo schermo “sei grassa”, e questo secondo me è la prima balla, la seconda è il fatto che se il padre l’ha descritta robusta, allora ha dato dei dati falsi!

  • # 8
    Francesco
     scrive: 

    Sarà salita carica di zavorra, solo lo stivalozzo col taccone di 10cm peserà 1-2kg, poi ci sono i piercing, le borchie, le catene, 50 braccialetti con le collane ed il lettore mp3!Ah dimenticavo il cellulare, se non portava pure lo zaino coi pattini a spallae la borsetta col mega diario strcolmo di foglietti.
    Magari mi sbaglio, ma non è un accessorio da utilizzare senza nulla addosso, però se uno si compra una bilancia che fà se scrive “il tuo corpo è composto da almeno il 40% di grassi”?Se dice la verità non è un insulto, è la verità piaccia o non piaccia.Comunque io sono dell’idea che il mondo dei videogames essendo un business assurdo
    scriva sempre in sovraimpressione il logo dell’età, e magari con qualche stratagemma(vocale, biometrico ecc…) bloccare l’utilizzatore, … ma no! poi piangono i bimbi che non possono sparare ed annientare la bambina grassa che sfonda la bilancia! Ma dai…i minori sono minori, quindi non devono usare una console o videogame senza la presenza dei genitori, se no topolino e minnie ed arrivederci!
    La prossima su questo accessorio già la vedo anche qui: 90enne arzillo cade dal Wii Fit e perde la vita, indagati dirigenti Nintendo. Andiamo a mare che è meglio.

  • # 9
    Corrado
     scrive: 

    Se poi vogliamo aggiungere, chissà ogni giorno quanti professori di educazione fisica prendono in giro o umiliano in maniera leggera o pesante, dei ragazzini con problemi di peso, senza tuttavia creare crociate contro la scuola.

    sono assolutamente d’accordo con ardelo. la cosa più terrificante di tutta la vicenda è che una bambina sia andata in depressione causata dalla sentenza di un software di intrattenimento. questo dovrebbe dirla lunga su quanto molti genitori trascurino i figli, dove poi loro si fanno “rincoglionire” davanti alla TV anzi alla MTV… da ideali subdoli e legati a marketing, senza spiegargli la differenza tra vero e falso. poi magari c’è anche qualche fortunata pecora nera che non guarda le scarpe alla moda o se hai l’iphone e viene quasi sicuramente emarginato e bollato come “sfigato” dove tra frustrazione e solitudine cadrà nel marcio del sistema.

    Ma siamo completamente fuori controllo? grazie MTV “For Pimpin’ my ride!” ma stiamo impazzendo?

    Posso provare a capire i genitori. Io e la mia ragazza lavoriamo tutto il giorno per 850 euro io e 1200 euro lei e dovremo anche trovare il tempo per difendere il cervello dei figli (sicuramente piu importante che lavare, stirare, fare la spesa, ma ci vuole il tempo anche per quello).

    Terrificante anche avere “paura” di fare figli… “paura” per loro.

    scusate lo sfogo.

  • # 10
    Asimov
     scrive: 

    Il padre e’ un citrullo…perche’ regalare una Wii Fit a una bambina?? Portarla in palestra no?

    Eppoi anche ‘sti bambini di oggi…che a 6 anni gia’ dicono parolacce, rispondono ai genitori e ai professori , quando arrivano a casa da scuola si mettono alla console a sparare a tutto quello che si muove e poi vanno in depressione schizofrenico-maniacale seguita da crisi epilettiche e vomito se gli dici : “sei spettinato” oppure “il tuo motorino e’ gia’ sorpassato..ora c’e’ il nuovo modello XZQ / 23 biturbocazzola”

    Ma per favore…quando ero piccolo io (ho 34 anni) non ci si deprimeva nemmeno quando nostro padre si levava la cintura e ce la dava sulla schiena dalla parte della fibia…..altro che wii-fit.

  • # 11
    Martino
     scrive: 

    @Asimo!!

    Finalmente un commento INTELLIGENTE!
    Non che gli altri siano stupidi ma troppo, troppo, TROPPO MODERATI per i miei gusti.
    Tralasciando sul “perché regalare una wii-fit al posto di una palestra” perché credo che l’uno non sostituisca ne esclude l’altro (si regala Wii-Fit perché si vuole regalare un gioco, fine), sono completamente d’accordo su quanto asserito!
    Andiamo gente, io lo vedo con la mia sorellina MOLTO più piccola di me e nata da madre diversa che viene schiaffata alla TV via satellite dove ci son quei cartoni animati scemi per 24h al giorno, 7 giorni alla settimana ed io protesto perché quando gioca con i suoi amici canticchiano le CANZONCINE DELLE PUBBLICITà invece che delle filastrocche come quando eravamo bimbi noi e poi a pranzo si preoccupa per la dieta (ha 12 anni!!), la borsetta di moda e giocare con gli amici si fa alla PLAYSTATION!! Mi guarda con due occhi quando giochiamo a freccette con papà che sembro un alieno, quasi fosse stupido un divertimento che non si fà al chiuso di 4 mura. Purtroppo lei non vive con me ma con la madre (che se ne è andata via) e non posso farci molto ma quando è con me cerco di fare qualcosa di diverso.
    Sarà che è una vita che i più vecchi dicono male del futuro dei più giovani e cerco di convincermi che, sebbene siano MIGLIAIA DI GENERAZIONI che si dice di essere sul collasso e poi sto collasso non arriva MAI, questa volta ci siamo davvero. bho.

  • # 12
    ~ Life with Me ~ » Blog Archive » Bambina piange per Wii fit
     scrive: 

    […] strano sul Wii Fit, aggeggio per il il Wii che io ho (e dovreste conoscere). Lo potete trovare CLICCANDO QUI. Letto? A voi le conclusioni. A parte il fatto che queste cose possono succedere solo in Inghilterra […]

  • # 13
    giacomo
     scrive: 

    io sono abbastanza stupito dal consumo di calorie di wiifit e dall’alone di mistero che circonda l’aggeggio, è abbastanza scontato per esempio, che i valori che si trovano qui: http://www.wiifit.it/2010/06/quante-calorie-consuma-wii-fit/ corrispondono quasi perfettamente con quelli ottenuti da una normale “leggera” attività fisica

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.