di  -  venerdì 26 agosto 2011

In questo appuntamento agostano con la nostalgia informatica, ci piace presentarvi ed invitarvi ad un evento sul sulla storia informatica organizzato dal nostro ottimo Felice Pescatore. Speriamo che, da retro-nostalgici DOC, condividiate con lo staff di Appunti Digitali l’entusiasmo per un’iniziativa del genere – che non mancheremo di dettagliare meglio strada facendo – e l’auspicio che simili attività siano sempre più frequenti, onde mantenere viva la memoria di quanto la nostra nazione ha saputo, in tempi certamente migliori di questi, dare al mondo informatico.


Oggi sfruttiamo l’angolo settimanale dedicato alla nostalgia informatica per presentare “Comunicando”, evento dedicato interamente all’evoluzione dei calcolatori e allo sviluppo del settore tecnologico in generale.

Comunicando è organizzato dal potale web tematico StoriaInformatica, realizzato e curato dal sottoscritto, in collaborazione con Provincia di Avellino.

Si tratta di un percorso unico ed originale, pensato con l’ambizioso obiettivo di spostare l’attenzione sul mondo dell’informatica dall’aspetto puramente tecnologico a quello culturale. Cultura che, da sempre, è uno dei pilastri del sentimento di unità nazionale e fa si che l’evento si sposi alla perfezione con la programmazione della Provincia di Avellino dedicata ai festeggiamenti per i 150anni dell’Unità d’Italia.

“Comunicando” si terrà dal 16 settembre al 2 ottobre 2011, utilizzando la splendida cornice offerta dal Carcere Borbonico di Avellino, con le sue rinnovate sale pensate per ospitare mostre ed eventi.

L’organizzazione è realizzata con l’apporto fondamentale dell’imprenditore italiano Marco Boglione, un vero e proprio cultore della storia tecnologica, e coltiva l’ambizione di creare una fondazione tematica e dar vita al primo museo italiano dell’informatica.

Fra gli sponsor non manca Microsoft, attraverso il supporto diretto con materiale specifico e tramite il coinvolgimento della community DotNetCampania, che si sta occupando dell’organizzazione dei workshop tecnici. La presenza del museo ALL ABOUT APPLE, l’unico ufficialmente riconosciuto a livello mondiale dalla casa della Mela, permetterà di ripercorre l’evoluzione del marchio che più di ogni altro è oggi sinonimo di tecnologia.

“Comunicando” vuole raccontare, da angolazioni eterogenee, i grandi contributi forniti dai nostri tecnici e dalle nostre aziende nello sviluppo dei sistemi informatici. Si pensi alla Olivetti che, nella seconda metà degli anni ’80, era il quarto produttore mondiale di calcolatori elettronici nonché il primo in Europa ed era capace di far crescere al proprio interno tecnici visionari e idee rivoluzionarie.

 

Sede dell’Olivetti ad Ivrea

Non solo impresa però. Infatti sono Italiani diversi personaggi che hanno dato vita ad alcune alle più importanti innovazioni del secolo scorso: da Antonio MEUCCI (telefono) al fisico Federico FAGGIN (microprocessore), passando per l’indimenticabile ing. Pier Giorgio PEROTTO che con la Programma 101 (sempre in Olivetti) ha aperto la strada ai microcomputer programmabili.

  

Federico FAGGIN e Pier Giorgio PEROTTO

Ma l’Italia della tecnologia non è solo quella del passato, come dimostra il partner tecnologico dell’evento Microgame spa, realtà internazionale con sede a Benevento, guidata dal collega ed imprenditore ing. Fabrizio D’ALOIA, lui stesso grande appassionato di tecnologia.

Un percorso culturale che parte da Avellino e unisce virtualmente città italiane molto diverse tra loro e geograficamente distanti: si parte da Avellino (sede dell’evento), passando per Napoli (DotNet Campania), Roma (home computing), Savona (AllAboutApple) per raggiungere, infine, Torino (Basic.Net) ed Ivrea (Olivetti).

L’evento sarà caratterizzato da una serie di workshop raggruppati in tre giornate tematiche e da un percorso espositivo con contributi sono assolutamente di prim’ordine, basti pensare, solo per citarne alcuni alle collezioni BasicNet, StoriaInformatica e AllAboutApple, in mostra per la prima volta nel centro-sud e in grado di far sentire la Tecnologia con la “T” maiuscola. Principalmente l’allestimento sarà impostato su due elementi portanti:

  • L’evoluzione del mondo informatico, raccontato attraverso il dualismo Hardware e Software. Questo elemento è realizzato dalle collezioni private di: BasicNet, StoriaInformatica e dalla Community Romana di Retrocomputer.
  • L’impatto sociale dell’evoluzione informatica, raccontato attraverso marchi, merchandising, riviste e altro. In questo caso il contributo fondamentale viene dalla onlus All About Apple e dell’Archivio Storico Olivetti.

L’hardware ed il software in esposizione sarà coadiuvato da una serie di pannelli esplicativi che descriveranno, sinteticamente e con un linguaggio facilmente comprensibile, la storia del singolo pezzo.

Proiezione della mostra

Per quanto riguarda le giornate tematiche, invece, l’appuntamento è per 17 settembre con l’Olivetti Day, giornata interamente dedicata all’Olivetti ed al suo fondatore Adriano Olivetti, organizzata grazie al contributo della Fondazione Olivetti, impegnata a perseguire il percorso sociale delineato da Adriano Olivetti. Da seguire anche l’intervento del dott. Pierpaolo Perotto, figlio di Pier Giorgio che, come prima accennato, progettò e realizzò (sempre per Olivetti) la programma 101, alias “perottina”.

Programma 101

Si continua poi il 24 settembre ed il 1 ottobre con l’ HISTORY Tech Day e il FUTURE Tech Day, che, come intuibile dal nome, sono pensate per ripercorre gli step evolutivi delle varie tecnologie oggi indispensabili per le attività professionali ed il tempo libero. Le due giornate saranno tenute a battezzo dal prof. Michele DI SANTO dell’Università del Sannio, docente di Storia dell’Informatica.

Oltre alla presenza dei big commerciali, durante le giornate tematiche sarà possibile assistere a delle sessioni relative alle soluzioni legate al mondo open-source, grazie al supporto di community che si spendono per creare momenti di riflessione intorno al software, considerandolo come bene comune e quindi liberamente utilizzabile, a patto che tutti si impegnino nel suo sviluppo.

Insieme a esperti tecnologici di primo piano (MVP Microsoft ed Evangelist del mondo OpenSource), saranno presenti una serie di figure trasversali che apriranno delle riflessioni sull’impatto che le nuove tecnologie hanno sulla vita di tutti i giorni. Nel contesto delle giornate si inserisce anche una sessione dedicata al mondo della Radio, grazie al contributo di RadioMagic, uno tra i gruppi di comunicazione con più ascoltatori in Avellino e Provincia.

L’evento sarà accompagnato da una serie di approfondimenti e riflessioni pubblicati su riveste e blog nazionali, tra cui AppuntiDigitali, che racconterà la sua evoluzione raccogliendo contributi e promulgandolo attraverso i propri lettori.

Non mi resta quindi che salutarvi ed invitarvi tutti a partecipare a “Comunicando” che, sicuramente, non mancherà di incuriosire e stupire i visitatori, offrendo al contempo diversi argomenti di riflessione.

Il sito di riferimento dell’evento è comunicando.storiainformatica.it.

6 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Marco
     scrive: 

    Ottima iniziativa ;)
    Se non l’avete già visto, segnalo un documentario eccellente sulla Programma 101, assolutamente imperdibile per gli appassionati:

    http://www.historychannel.it/quando-olivetti-invento-il-pc/guidatv

    E’ on air da un paio di mesi ma la programmazione continua, fortunatamente.

  • # 2
    Z80Fan
     scrive: 

    Ottimo! E’ sempre bello sentire di simili eventi (anche non riferiti all’informatica) che permettono di insegnare qualcosa alla gente, tirandoli via dalla televisione per un po’. ;)

    Peccato che non potrò visitarlo vista la sua distanza…

    In Italia ci vorrebbe proprio un bel museo _fisso_ di scienza e tecnologia, qualcosa come il Deutsch Museum. In Germania ad esempio ce ne sono una marea, ne ho visto uno anche a Vienna; in quei posti il contenuto informativo tende a più infinito!
    E sopratutto, ci sono le spiegazioni dei fenomeni scientifici semplici e sottoforma di gioco o di video interattivi.

    @Marco:
    Fantastico! Ho visto il “trailer” sul sito di Repubblica, mi è subito piaciuto! :D

    Sarebbe però da dar credito anche alla serie Elea 9000, qui ci sono 2 video molto interessanti, di cui uno dell’epoca: http://goo.gl/51FTR

    Ma sopratutto, la molto dimenticata Calcolatrice Elettronica Pisana: http://www.cep.cnr.it/

  • # 3
    neutrino76
     scrive: 

    ottima impresa ma vedo che da tutta la fiera è stata bannata, ancora una volta come una volta, la Commodore con storiche piattaforme come il C64 e soprattutto l’Amiga o l’Atari ST o altri…insomma, mi pare una cosa fatta a metà.

    Francamente non amo per niente queste mancanze soprattutto quando si parla di storia perchè la storia è la maestra della vita attuale e se non è completa che cultura è?

  • # 4
    Felice Pescatore (Autore del post)
     scrive: 

    @neutrino76: perchè credi che ci siamo dimenticati di Commodore e degli altri sistemi da te citati?
    Ti assicuro che la mostra comprende questi pezzi partendo dal Commodore PET. Ovviamente abbiamo fatto una selezione di quelli che sono i calcolatori secondo noi particolarmente rappresentativi in relazione al tema specifico trattato che riguarda l’italianità nel mondo IT estesa poi all’evoluzione in generale.
    Tra l’altro se vedi sul sito di riferimento esiste un ampio spazio dedicato a Commodore, Amiga & CO, il che testimonia che non li abbiamo affatto trascurati.

    Spero che potrai essere dei nostri. Felice

  • # 5
    phabio76
     scrive: 

    Ciao, ottima iniziativa!
    Se si vuole porre l’accento sugli aspetti culturali della storia informatica, spero che un posto d’onore venga riservato a Lee Felsenstein, personaggio troppo spesso è relegato in seconda fila.

  • # 6
    Felice Pescatore (Autore del post)
     scrive: 

    @phabio. Sicuramente Felsenstein viene spesso dimenticato e i suoi lavori (S-100 based in particolare) sono stati di grande rilievo per l’evoluzione dei sistemi da calcolo. Nel caso di “Comunicando”, però, intendiamo dare risalto al ruolo dell’Italia nell’evoluzione del mondo informatico, spesso sottovalutato quasi quanto Felsenstein.

    F

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.