di  -  venerdì 25 aprile 2008

Ultima IImmaginate di starvene comodamente seduti sulla poltrona a guardare la televisione. Dopo una dura giornata di lavoro, tutto quello che volete è rilassarvi e non pensare a nulla. Non avete fatto in tempo a sedervi che un rumore dal giardino vi sorprende: usciti dalla porta di casa osservate esterrefatti un enorme portale luminescente.

Da dove viene? Dove porta? Chi l’ha evocato? Pur considerando la stanchezza per la giornata di lavoro appena passata, gli arti anchilosati da 8 ore alla scrivania, gli occhi gonfi per quel maledetto monitor CRT degli anni ’90 che il capo si ostina a non sostituire, ci saltate dentro: sempre meglio che vivere sperando in una magra pensione dallo stato italiano.

In un batter d’occhio siete catapultati in un mondo che non conoscete. È il mondo di Ultima e, come nella miglior tradizione, tocca a voi salvarlo dalla distruzione.

Più o meno in questo modo si avviano molti episodi della indimenticabile saga di Ultima, probabilmente la più famosa e longeva della storia dei videogiochi. Come avrete capito – o ricorderete da giocatori – nelle varie puntate impersonate un abitante del pianeta terra, che si trova catapultato in una dimensione parallela per aiutare Lord British a salvare il regno di Sosaria (poi Britannia), dall’aggressione di forze malvagie.

Con una trama avvincente e molto articolata, un gameplay sempre all’avanguardia, un livello di dettaglio grafico stupefacente e una colonna sonora ricca di pezzi indimenticabili, Ultima ha segnato la storia di almeno due generazioni di videogiocatori.

Il primo episodio della saga – da molti ribattezzato Ultima 0 – è Akalabeth (1980): un gioco con evidenti radici nell’universo fantasy di Tolkien e in Dungeons&Dragons (un gioco di ruolo della vecchia maniera, di quelli che richiedevano penna, carta e tanta fantasia). Sviluppato amatorialmente in BASIC su piattaforma Apple, conobbe tuttavia un significativo successo, che rimpinguò sostanziosamente le casse del suo giovane creatore, Richard Garriott, alias Lord British, incoraggiandolo a proseguire su quella strada.

Gli episodi successivi si allontanarono progressivamente dal concetto di trasposizione videoludica di D&D, per appropriarsi di una trama sempre più complessa. Nel mentre Garriott andava approfondendo la sua conoscenza dell’assembly, che gli permise di evolvere notevolmente la complessità e il livello di dettaglio dei titoli seguenti.

Ultima IV: The quest of the Avatar (1985), segnò l’uscita dal paradigma “armati e distruggi tutto ciò che vedi” e, nella solita combinazione fra movimento su una mappa 2d e incursioni in dungeon tridimensionali, aggiunse spessore alla trama tramite il concetto di allineamento e una complessa struttura etica (otto virtù, tre principi fondamentali), aderendo alla quale il protagonista otteneva lo status di Avatar.

Nel frattempo il gioco era stato portato su molte altre piattaforme, fra cui il PC, Commodore 64, Amiga, MSX e numerose console, divenendo un classico del gaming. È tuttavia la versione PC che conobbe la maggior popolarità, con perle quali Ultima VI: The false prophet (1990), Ultima VII: The black gate (1992) e il successivo Serpent Isle (1993), ambientato in una delle isole perdute del regno di Sosaria.

Innumerevoli sono pure gli spinoff del gioco – Ultima Underworld, Worlds of Ultima, fino alla versione MMORPG Ultima Online – e gli expansion pack, ciascuno dei quali aggiunge profondità e nuovi elementi ad un universo fantasy di complessità e spessore tuttora ineguagliato nel mondo videoludico.

Lord BritishL’ultima puntata della saga, dopo l’innovativo ma poco venduto Ultima VIII: Pagan (1994) – che proietta l’Avatar in una prospettiva realmente isometrica – è Ultima IX: Ascension (1999). Il motore grafico è completamente tridimensionale, la visuale è in terza persona e anche qui troviamo ambientazioni suggestive, accompagnate da una grafica molto curata, e una straordinaria colonna sonora.

Il gioco è tuttavia afflitto da numerosi bug – a causa delle strettissime deadline imposte da EA – e requisiti di sistema molto elevati, che rendono il gameplay frustrante. La trasposizione del mondo di Ultima in 3d risulta poi molto più piatta di quanto non accadesse negli episodi precedenti: se in questi ultimi era possibile avere un grado complesso d’interazione anche con gli oggetti più insignificanti – in Ultima VII si poteva raccogliere il grano, farne farina, mescolarla con acqua e farne pane da vendere o consumare! – nell’ultimo capitolo questi aspetti vengono sacrificati sull’altare della grafica d’impatto (e forse, anche in questo caso, del rispetto dei tempi imposti da EA).

Per le sue caratteristiche, e anche per essere l’ultimo capitolo di una saga ventennale, rappresenta un titolo da antologia, che chiunque s’interessi di retrogaming dovrebbe possedere.

Merita una menzione Ultima Online, primo MMORPG a raggiungere un grado di diffusione internazionale, ma che tuttavia, come tutti i MMORPG, sacrifica la complessità della trama – che in Ultima come in pochi altri giochi è un tratto fondante – all’obiettivo del mero potenziamento del personaggio.

OSI LogoCome molte altre software house di successo, anche la Origin Systems, fondata da Richard Garriott, viene acquisita dalla Electronic Arts (nel 1992). Dal momento dell’acquisizione i dissapori col management di EA crescono progressivamente. Se da un lato aumentano le risorse a disposizione degli sviluppatori, dall’altro la creatività del geniale Garriott – che in molti titoli dà il volto a Lord British – viene compressa dalla logica puramente affaristica del colosso del videogame.

Dopo Ultima IX si compie il divorzio fra Garriott e la Origin, la quale nel 2004 sarà “terminata”, dopo aver dato vita a vere e proprie pietre miliari del mondo videoludico – tra cui Strike Commander, System Shock, Wing Commander, Crusader. Numerosi sono sulla rete gli esperimenti per riportare in vita la saga, ma contro tutti c’è l’ostilità della EA, che a suon di diffide sta estinguendo quel po’ di brace che spinge ancora nostalgici appassionati a ricreare/riadattare su piattaforme moderne, i pezzi più preziosi della loro infanzia videoludica.

A meno di rivoluzioni ad oggi imprevedibili, non esisterà più Ultima, nemmeno sotto la ormai consueta moda delle riedizioni modernizzate di vecchi titoli: EA e Garriott si sono divisi i relativi copyright, in modo tale che nessuno dei due possa agire senza il consenso dell’altro.

Ai milioni di appassionati della saga, resta oggi la possibilità di giocarne i capitoli 0-VII (Ultima Collection) tramite emulatori come DOSBox + D-Fend, ma anche l’amara curiosità di sapere cosa sarebbe successo se la Origin Systems non fosse divenuta terreno di conquista per l’approccio “imperialistico” di un colosso senza cuore come Electronic Arts.

12 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Tambu
     scrive: 

    io ho giocato solo a Ultima Online. Non vedevo il senso degli altri giochi, o meglio non facevano per me. Già allora ero attratto dalle interazioni in rete, che volete farci :)

  • # 2
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Eheh magari eri anche uno dei tanti che si metteva a fare soldi con le macro per comprare equipaggiamento!!!

  • # 3
    Tambu
     scrive: 

    no, avevo un amico potente che mi regalava i suoi scarti :) cmq non sono durato tanto lo stesso

  • # 4
    MicheleMelis
     scrive: 

    Effettivamente credo che Ultima Online sia il capitolo di maggior successo, ancora oggi è giocatissimo nei diversi shard non ufficiali… decisamente un classico.

  • # 5
    Edgar83
     scrive: 

    Anche io ho giocato molto a ultima online…

    Chi si ricorda di “Crusader” (citato nell’articolo)?

    ciao! :)

  • # 6
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Crusader: no remorse e Crusader: no regret… chi può dimenticarli? Ci ho passato una vita di tempo davanti.
    Mi ricordo la grafica stupenda, un’azione davvero al cardiopalma e poi quegli straordinari stacchetti fra una missione e l’altra in cui tornavi alla base e parlavi con the weasel… Per non parlare delle armi ingegnose che potevi comprare (le spider bomb erano uno spasso) e la possibilità di far saltare in aria praticamente tutto ciò che vedevi!
    Che tempi.

  • # 7
    Enrico
     scrive: 

    Ultima Online non era un gioco, era un droga pesante. Se ripenso a quanto tempo sono stato capace di perdere davanti a quel gioco mi sento ancora oggi un co***one.

    “Merita una menzione Ultima Online, primo MMORPG a raggiungere un grado di diffusione internazionale, ma che tuttavia, come tutti i MMORPG, sacrifica la complessità della trama – che in Ultima come in pochi altri giochi è un tratto fondante – all’obiettivo del mero potenziamento del personaggio.”

    In realtà nei MMORPG la qualità del gioco dipende molto dai giocatori, oltre che, nel caso di UO, dalle capacità degli amministratori e dei GM di uno shard.

    Un gioco di ruolo non ha uno scopo in sé, e UO per me era bello per questo. Sono i giocatori a dare un senso. Chiunque ami i giochi di ruolo sa che non è facile trovare 4 o 5 persone valide per fare qualche campagna di D&d, figuriamoci quanto può scadere il gioco se ci si trova in 5.000 contemporaneamente nella stessa partita.

    Io ricordo di aver formato una gilda fatta di persone che amavano calarsi nella parte dei loro personaggi, recitavamo in sostanza. I dialoghi erano inerenti alla vita dei personaggi stessi e quando volevamo uscire dai nostri Avatar usavamo categoricamente ICQ. Non parlavamo mai di skill o di altre componenti “tecniche” del gioco e ci eravamo prefissi uno scopo da raggiungere e mantenere.

  • # 8
    Tudhalyas
     scrive: 

    Io dei due Crusader ho ancora qui i CD e i manuali originali… ogni tanto ci rigioco su DOSBox, sono veramente dei gran pezzi di software. Come vorrei che la Origin esistesse ancora, sigh!

    @Alessio: le spider bomb erano talmente avanti che ad averne un numero sufficiente eri quasi in grado di finire il gioco usando solo quelle… spassosissime! :D

  • # 9
    Dustmybroom
     scrive: 

    Ultima…che mondo…perfino Ultima VIII (Pagan) ricordo con nostalgia, pur essendo il peggiore della serie…
    Alessio questa volta sei riuscito a smuovere nel gomitolo dei ricordi dei fili molto cari ad un vecchio videogiocatore come me…
    In Vas Mani.

  • # 10
    Tudhalyas
     scrive: 

    Volevo segnalare a tutti i fan di Crusader un sito che ho trovato per puro caso oggi girovagando su google:

    http://cyberionsystems.com/echosector

    Non potrà che fare la felicità di tutti gli appassionati della serie. Da segnalare in particolare la possibilità di scaricare le tracce musicali del gioco sia in formato MOD che MP3! ;-)

  • # 11
    Crusader: un’immersione nel mondo cyberpunk - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] videoludica è nient’altro che la Origin, autrice di altri capolavori fra cui ricordiamo la saga di Ultima […]

  • # 12
    Faery Tale Adventure, alle radici del genere Action-RPG - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] e del garbo del giovane Kevin. Come accennato, la prospettiva è isometrica, similmente a Ultima VI e VII, e anche qui la grafica è coloratissima e ricca di […]

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.