di  -  venerdì 25 aprile 2008

Bike parking

Il parcheggio automatico per biciclette.

Visitando paesi ciclisticamente civilizzati come, ad esempio, l’Olanda, ci si rende subito conto che il parcheggio per le due ruote può, a volte, essere un problema. Milioni di biciclette una sopra l’altra, le rastrelliere congestionate, i ladruncoli sempre pronti con le pinze-tronchesi nel bagagliaio. Inoltre, molte volte, bisogna pure pagare il ticket per la sosta incustodita.

Un’azienda giapponese, altro paese altamente bici-intasato, ha deciso di costruire un parcheggio automatico multilivello a torre (come quelli per le automobili) esclusivamente per biciclette e chiede, per il posteggio, la modica cifra di 100 Yen al giorno, più o meno un euro oppure, la cifra di 1.800 Yen al mese, 11 euro.
Economico tutto sommato.

Non a caso, il maxiparcheggio è situato proprio nei pressi della stazione Kasai di Tokyo; le stazioni dei treni/bus infatti, un po’ ovunque, non riescono più ad offrire uno spazio adatto alla sosta dei velocipedi.

Il sistema di stoccaggio dell’enorme parcheggio, che può alloggiare fino a circa 9.400 biciclette, è davvero straordinario; guardate il video e capirete come le bici vengono sistemate: agganciate, infilate in un ascensore e sparate nel silos contenitore.

4 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Pierluigi
     scrive: 

    Con un parcheggio così userei la bici più spesso per andare al lavoro, ci sarebbe la certezza di ritrovarla, e per giunta al riparo dalle intemperie del tempo

  • # 2
    wisher
     scrive: 

    Mi pare un’ottima idea.

  • # 3
    Pio Alt
     scrive: 

    Io sarò il solito rompi scatole ma “ottima” mi sembra troppo generoso…
    Se ho capito bene lo speaker giapponese :-) ci vogliono 22 secondi per riavere la propria bici, siccome dai treni le persone scendono tutte insieme o quasi (come quando escono dagli uffici) se ci fossero 10 persone ci vorrebbero 3 minuti all’ultimo, se ce ne sono 50 ci vogliono 15 minuti…
    Mentre dalla rastrelliera ci si serve tutti contemporaneamente.
    Direi una idea sufficiente :-)

  • # 4
    Denis
     scrive: 

    A me ricorda vagamente il sistema di parcheggio auto visto nel film IO, ROBOT con Will Smith.
    Mi sembra un buon sistema.
    Nel filmato ho visto almeno 3 silos con altrettanti ascensori quindi il congestionamento della massa, come ha previsto Pio Alt andrebbe diviso per 3.
    E poi, tutto sommato, da noi 15 minuti sono più che accettabili se consideriamo che altrimenti andremmo in auto per poi parcheggiare lontanissimo perchè non c’è posto nei pressi della stazione.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.