di  -  martedì 22 aprile 2008

Aero da guerra F14Non so quanti di voi abbiano svolto il servizio di leva, ma più o meno tutti coloro che “hanno servito” in qualche caserma devono aver visto il mercatino sotterraneo di materiale militare: tute mimetiche, maglioni di lana, anfibi… pezzi molto ambiti per via della fattura resistente e della qualità dei materiali, tanto è vero che esistono anche negozi specializzati e bancarelle nei mercatini che trattano questi capi di vestiario.

Però nessuno si sognerebbe di chiedere una antenna di un F-14 in uno di questi posti, per due motivi: vi riderebbero in faccia, e potreste averla con molta più facilità su eBay, come ha recentemente scoperto il governo americano.

NewsScientist riporta la notizia che il Government Accountability Office (GAO) ha effettuato su internet ricerche di materiale teoricamente proibito impersonando persone qualunque, rimanendo letteralmente stupefatto dalla estrema semplicità nel trovare e portare a casa questo materiale.

Il risultato di questa ricerca è disponibile in pdf sul sito del GAO, e tra il materiale sensibile rintracciato compaiono ad esempio l’antenna di un F-14 e quella di un elicottero militare, visori notturni, tute anti NBC (Nucleare Biologico Chimico). In alcuni casi il materiale è obsoleto per gli Stati Uniti, che ad esempio non hanno più F-14 in servizio, ma estremamente appetibile per chi invece ancora li fa volare, come ad esempio l’Iran con cui gli USA hanno giusto in questi tempi qualche attrito.

In altri casi il materiale può essere sottoposto a reverse engineering e rivelare informazioni su come ottenere una tecnologia simile o al contrario come realizzare una tecnologia per sconfiggere quella acquistata. In altri casi ancora l’uso combinato di più elementi acquistati può modificare e potenziare una delle tecnologie comprate.

L’altra parte del problema è scoprire come questi oggetti hanno lasciato gli ambiti militari e dove i venditori li hanno ricevuti, ma l’indagine a questo punto si fa più vaga, e a meno di non trovare un’accusa forte è probabile che non porti a niente. Dal mio punto di vista sono combattuto: se da un lato mi sembra assolutamente normale che su internet ci possa essere un mercato di questo tipo, dall’altro sono stupito dall’estrema facilità di reperimento che questo report evidenzia.

A me e a voi probabilmente non serve a niente avere una maschera NBC in casa, se non per uno sfizio personale, ma a qualcuno che invece sta progettando un attacco chimico alla metropolitana invece fa comodo avere una maschera vera da studiare per neutralizzarla. Il report critica eBay e gli altri siti coinvolti per la scarsa attenzione che pone alle aste di questo tipo, ma eBay può davvero avere tutto sotto controllo?

3 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Ilruz
     scrive: 

    “eBay può davvero avere tutto sotto controllo”

    Perche’ no? come esistono i forum moderati, puo’ esserlo benissimo una casa d’aste, che tra l’altro si fa pagare e anche bene! basterebbe un operatore umano che approva l’oggetto prima di spararlo in asta. Se fosse un servizio gratuito, basato su di una community di utenti il discorso cambierebbe … anche se solo filosoficamente.

    es: se qualcuno trovasse delle droghe in vendita su eBay, non sono cosi’ certo che il “mediatore d’asta” non sia penalmente perseguibile.

    Non e’ che siccome una cosa va su internet e’ per definizione “incontrollabile”, neh :D

  • # 2
    Ilruz
     scrive: 

    Per esempio .. come la mettiamo? ho provato per sfizio a cercare su ebay “mariuana” – e qualcosa si trova! Possibile che ebay in tutta la sua potenza non abbia un modo almeno per filtrare delle keyword?

    Ora basterebbe girare il link ad un giornalucolo qualunque, et voila’, ecco lo scoop.

    Mala tempora currunt.

  • # 3
    Tambu (Autore del post)
     scrive: 

    non ho affermato questo. Il fatto è che esistono molti modi per definire una cosa, anche senza scrivere “antenna per F-14″ o “droga”. come ho detto nell’articolo, non mi stupisco che su internet si possa comprare di tutto, semmai mi stupisco che sia così facile.

    Inoltre: se degli operatori umani dovessero controllare TUTTI gli oggetti che si mettono in vendita su Ebay, sai quanti stipendi dovrebbero pagare? e di conseguenza, visto che non sono samaritani, sai di quanto lieviterebbero le tariffe?

    Una cosa non diventa incontrollabile solo perché “va su internet”. Lo diventa semmai per il “grande successo che internet gli tributa” :)

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.