di  -  venerdì 18 aprile 2008

fonFon è una community che ha come prima finalità quella di condividere il Wifi tra i propri membri. Io stesso ne faccio parte avendo acquistato una fonera, l’antenna che permette di sdoppiare la propria Wifi in due reti, una propria, riservata, e l’altra aperta agli altri foneros.

Sono diversi i segnali però che raccolgo in rete e che mi lasciano perplesso; da più parti si sollevano dubbi sulla reale efficacia della community, e la mia esperienza personale conferma questi dubbi. Pur non essendo un nomade, in tutte le città in cui sono stato non sono mai riuscito a trovare un hotspot Fon, impresa che risulta estremamente difficile a tutti quelli a cui l’ho chiesto.

Se tra i lettori ci fosse qualche Fonero di Roma, sarebbe bello sapere come procede, se procede, il progetto Trastevere Wifi, che intendeva coprire il quartiere di Trastevere. Il blog dedicato è fermo al 12 febbraio, e dalla community gli aggiornamenti scarseggiano.

Piacerebbe avere dei numeri per smentire queste sensazioni, ma non sono riuscito a trovarli. Non nascondo il timore che Fon stia evolvendo verso qualcosa di diverso rispetto alle sue nobili finalità iniziali, ma che questo sia vero o no, che le mie impressioni siano fondate o no, la cosa che più mi dispiace è che non ci sia la community.

Non c’è dialogo tra chi fa parte di Fon, si sta come tante isole di un arcipelago, e nell’era del social networking mi pare assurdo. Tanto assurdo da sembrare una cosa voluta.
E ora, aspetto di essere smentito dagli stessi foneros.

19 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    andrea
     scrive: 

    Da foneros confermo. In Italia sembra impossibile collegarsi alla rete di fon, ma all’estero ho avuto modo di collegarmi a diversi hotspot senza aver problemi.
    Molto probabilmente perchè qua in italia non si è ancora capito se la cosa sia legale oppure no

  • # 2
    Larsen
     scrive: 

    secondo la legge italiana, il progetto fon e’ illegale…
    per verie ragioni:
    – stai facendo di fatto da isp, senza autorizzazione
    – non tieni traccia di chi accede, e cosa fa, sulla tua rete
    – teoricamente il tuo segnale wifi non dovrebbe poter arrivare in strada senza un’autorizzazione governativa (o sul suolo pubblico in generale)
    – contravvieni al contratto che hai con il tuo isp in quanto “rivendi” la banda che lui ti fornisce

  • # 3
    Baran
     scrive: 

    -> secondo la legge italiana, il progetto fon e’ illegale…

    non completamente corretto

    -> stai facendo di fatto da isp, senza autorizzazione
    E’ fon a fornire l’accesso su pagamento o gratuito a chi collabora… il fonero e’ solo un tramite. Nel caso di pagamento su paypall e’ gia tassato e legale anche in italia.

    -> non tieni traccia di chi accede, e cosa fa, sulla tua rete
    La legge italiana contro i reati di mafia e terrorismo richiede solo che in caso di connessione wireless sia identificata la persona che usufruisce della connessione.

    -> teoricamente il tuo segnale wifi non dovrebbe poter arrivare in strada
    La legge non vieta che il segnale arrivi in strada o su suolo pubblico ma limita le potenze delle emissioni sulle bande usate dalla 811.
    Anche i portatili sono trasmettitori 811 e devono seguire le normative europee che non vietano il loro utilizzo su suolo pubblico, ma solo la potenza.

    -> contravvieni al contratto che hai con il tuo isp in quanto “rivendi” la banda che lui ti fornisce
    In parte corretto… io non rivendo ma scambio/presto la mia connessione…

    la diatriba e’ aperta e le leggi controverse.

    in ogni caso… fonero multiplo e convinto…

  • # 4
    Francesco Federico
     scrive: 

    In Italia condividere la propria connessione è lecito, a patto che tu lo faccia gratis e che sia riconoscibile chi accede (cosa che con FON avviene, dato che solo tra Foneri si condivide la connessione free).

    Io sono Fonero convinto sia a casa che in ufficio e confermo che in Italia è pressoché impossibile trovare hotspot Fon. Del resto anche i dati dei miei due router mi dicono che sono poche pure le connissioni sharate, segno che pur essendo 2 hot spot in centro a Milano di gente che conosce e sfrutta Fon ce n’è poca.

    All’estero mi è capitato di usarlo, ma certo per ora è più uno sfizio “etico” del proprietario che un reale servizio all’internauta.

  • # 5
    worm
     scrive: 

    ma quindi è necessario essere foneri per usufruire della rete fon?

  • # 6
    Stefano Vitta
     scrive: 

    Vedo con piacere che altri Fonero hanno già risposto ai dubbi pubblicati a proposito della legalità di FON. Purtroppo è vero, abbiamo difficoltà a rendere la community realemente efficace e collaborativa.

    Essendo una startup le risorse sono limitate e operando in un mercato globale tutti i paesi se le contendono.

    Trastevere sta procedendo anche se a rilento.

    Entro la fine del mese saranno annunciati altri due grandi progetti per aumentare la copertura, e quindi i Foneros, in Italia.

    Io ce la sto mettendo tutta ;)

    Have FON

  • # 7
    matic
     scrive: 

    Dando un’occhiata alla mappa delle Fonere, almeno a Milano e zone limitrofe, sembra che ce ne siano parecchie… Io mi sto interessando perchè ho una ADSL flat che giace inutilizzata durante il giorno e, se non finisco in galera, mi piacerebbe condividerla. Il sito di FON mi sembra un delirio: non sono riuscito a capire quanto costi la Fonera (14.95 euro? 10 euro in offerta? 5.99 euro se hai un referral?). Non avendo bisogno della connessione wireless per la mia rete, mi servirebbe la Fonera Plus che costa un bel po’ in più… Argh!

  • # 8
    Baran
     scrive: 

    se ricevi l’invito
    la fonera costa €5.99 + 10 di spedizione
    con Fontenna €9.95 + 10 spedizione.

    Consiglio la fontenna.

    se non hai ki invita manda pure una mail a baran81@tiscali.it che ho un sacco di inviti da mandare.

  • # 9
    Larsen
     scrive: 

    eh.. ma c’e’ un problema pero’ :D

    la connessione fisica che tu stai utilizzando e’ di un isp, non di fon… l’apparato che “cede” parte di quella linea/banda e’ di tua proprieta’, non di fon…

    quindi, di fatto, dal momento che ai foneros ci si puo’ attaccare anche come alien, pagando, e una percentuale se non ricordo male resta al fonero, tu stai facendo da reseller e da fornitore di connetivita’ all’alien o al fonero che si sta collegando ad internet tramite i tuoi apparati e la linea intestata a te.

    ecco qual’e’ il punto nevralgico della questione.

    oltre tutto, tu, come gestore dell’apparato (la fonera appunto) sei in grado di identificare chi si e’ collegato? se non ricordo male, no.
    per cui, legalmente, tu sei responsabile nei confronti del tuo isp nel caso qualche fonero faccia una minchiata tramite la tua linea…

    se qualcuno fa’ una truffa o dell’hacking tramite il tuo ip, ovvero quello del tuo isp, il responsabile per la legge sei tu.
    per sapere chi e quando si e’ collegato alla tua fonera, per poter dimostrare che non sei stato tu a fare qualcosa di illegale, dovresti ricorrere ad una rogatoria presso fon, che mi pare sia alla fine dei conti, l’unico che e’ in grado di tracciare gli accessi.

    ergo, attenzione…

  • # 10
    Stefano Vitta
     scrive: 

    E’ evidente che in questo caso è nostro massimo interesse supportare il Fonero ed assisterlo.

  • # 11
    Markingegno (Autore del post)
     scrive: 

    @Larsen – le leggi italiane in materia sono poco chiare (sai che novita’!), e come ti hanno gia’ detto altri foneros, se non lucri sulla condivisione della rete [profilo linus] e’ difficile dimostrare che tu stia trasgredendo la legge.

    Per questo, nella PRASSI, non si ha notizia di nessun caso di contestazione, nemmeno da parte delle societa’ ISP che potrebbero avere qualche interesse a farlo.

    Non dimentichiamo che invece in Gran Bretagna, British Telecom ha abbracciato il progetto Fon.
    Ci sara’ qui da noi un operatore altrettanto lungimirante? Ci sarebbe da augurarselo.

    @Stefano Vitta – Grazie per il tuo intervento e per aver risposto con sincerita’.

    Per chi non lo sapesse, Stefano e’ il country manager del progetto Fon, e quando dice che sarebbe interesse di Fon supportare il fonero in occasione di una eventuale contestazione, sono certo che lo faccia con cognizione di causa.

    Proprio in relazione alla “scarsita’ delle risorse”, io punterei un po’ di piu’ sull’aspetto *social*, migliorando le possibilita’ di comunicazione ed interazione all’interno della community.

  • # 12
    Tambu
     scrive: 

    siccome chi si collega paga con carta di credito, direi che è identificato, se è solo quello il problema. Se non paga è un utente FON, ed è identificato lo stesso.

  • # 13
    bus
     scrive: 

    sarà che vivo in paesello sfigato
    sarà che la mia coonessione fa schifo
    sarà che davanti a casa non ci sono panchine roba simile

    ma io tengo il mio uafai completamente aperto lo stesso
    so che non si deve ma sarebbe bello se lo si facesse tutti
    senza fon e simili
    tutto aperto
    potrebbe portare splendide utopie

  • # 14
    Francesco Federico
     scrive: 

    Il Wi-Fi non si deve mai tenere aperto per motivi di sicurezza. Il router la Fonera dispone di due SSID, quindi di fatto consiste di 2 router in uno, uno pubblico e uno privato con accesso alla LAN.

    Lasciare libera la Wi-Fi di un router normale vuol dire dare via libera all’accesso all’interno della propria LAN (e dei propri PC) nonchè rende decisamente poco sicura la navigazione perchè i dati in etere non sono criptati.

    Se si vuole condividere bisogna usare gli strumenti e le precauzioni giuste!

  • # 15
    Salva
     scrive: 

    Ho a disposizione qualche invito per ricevere la fonera a € 5,99, preferisco richieste da Milano e da chi non possiede già una fonera.
    Manda una mail a mail@salvaweb.com indicando nome, mail e Città (zona) dove sarà installata la fonera

  • # 16
    Andrea
     scrive: 

    Mentre in Italia diciamo sempre di essere un popolo unito e che storicamente siamo sempre stati una community, la relatá dell´opensource parla da sola. Il problema é sicuramente douto ad una cattiva comunicazione del prodotto a causa di una legge ambigua.
    Se andate in Francia oltre ad esserci una community molto attiva con Forum Blog e incontri, gli hotspot sono ovunque, tanto che uno tra i maggiori gestori di Telefonia e Internet ha messo a disposizione un piccolo programma che consente al suo stesso ruter di usufruire di Fon e far usufruire della banda larga, sensa bisogno della fonera e sei Neufamigo.

  • # 17
    Fon si apre alle community con La Fonera 2.0 - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] progetto FON , di cui si è parlato recentemente su Appunti Digitali , è più vivo che mai e lo dimostra il fatto che è a breve sarà in vendita la nuova versione del […]

  • # 18
    siasir
     scrive: 

    qui trovate qualche news….sembra che si possa adesso

    http://www.uomoplanetario.org/wordpress/2011/01/10-cose-da-sapere-sul-wi-fi-dopo-labolizione-della-pisanu/

  • # 19
    Gino
     scrive: 

    Hot Spot Wi-fi liberi dal 1° Gennaio 2011

    Il decreto Pisanu non verrà rinnovato alla sua scadenza, il 31 dicembre e dunque a partire dal primo gennaio 2011 il wi fi dovrebbe tornare libero in Italia. Lo ha annunciato Roberto Maroni nel corso di una conferenza stampa a palazzo Chigi: “Da qui a dicembre valuteremo quali siano gli adeguati standard di sicurezza, ma dal primo gennaio gli utenti saranno liberi di collegarsi al wi-fi senza le restrizioni introdotte cinque anni fa, oggi ampiamente superate”. Il ministro dell’Interno aveva già reso nota l’intenzione di accelerare sulla liberalizzazione del wi-fi.

    Il provvedimento, varato dall’ex ministro degli Interni nel 2005, prevedeva una serie di restrizioni per chi navigava in Internet. Tra i limiti, imposti per motivi di sicurezza, l’obbligo per chi offriva hot spot gratuiti per collegarsi alla rete di registrarsi in questura e di chiedere ai propri clienti i documenti. Un ostacolo burocratico che, secondo molti esperti, ha negli ultimi anni limitato lo sviluppo della rete italiana. Come ormai accade in tutti i paesi europei, dal nuovo anno i tavolini di bar e caffè dovrebbero essere pieni di utenti che navigano sui propri portatili mentre sorseggiano qualche bevanda.
    Via|SkyTg24

    http://www.diarionascosto.it/hot-spot-wi-fi-liberi-dal-1°-gennaio-2011/

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.