di  -  giovedì 27 marzo 2008

solid_state_fan_ventola_a_s.jpgTutti gli appassionati che leggono questo blog sanno quanto è importante una corretta dissipazione per una CPU, specialmente se ad alte prestazioni.

Il calore dissipato che deve essere smaltito dai processori è una vera noia per gli utenti – sempre più alla ricerca di elaboratori silenziosi – e un rompicapo per i progettisti di sistemi portatili e handheld, che devono far spazio a ventole e vie di fuga per l’aria, aumentando le dimensioni complessive della macchina.

In aiuto a tutti noi arriva quella che è stata definita la ventola a stato solido. Questa incredibile invenzione è spessa quanto una moneta ma ha la capacità di soffiare con la forza pari a quello che potrebbe fare una ventola 35 volte più grande, con un consumo di energia inferiore.

Come si evince dal nome non c’è nessun motore elettrico e nessuna parte in movimento e a guardare il filmato dimostrativo si rimane sbigottiti. Volete sapere come funziona?

Non c’è nessun trucco, ma viene sfruttato un principio già conosciuto dalla fisica che in qualche modo abbiamo già trattato in modo spettacolare in questo blog.
Osservando la figura potete notare delle file di semicerchi metallici, questi formano un circuito attraversato da una tensione elettrica alta. In realtà però i vari semicerchi non sono a diretto contatto, quindi il circuito è aperto.

L’alta tensione però, proprio come avviene quando vedete una scintilla, tende ad attraversare l’aria per compiere il suo percorso. Gli atomi dell’aria subiscono una ionizzazione e vengono spinti via dal campo magnetico generato dal processo stesso. Un flusso di corrente costante assicura una continua formazione e repulsione degli ioni, generando un flusso di aria che attraversa il circuito.

Questa soluzione potrebbe permettere di riorganizzare gli spazi all’interno di notebook e dispositivi portatili ad alte prestazioni in genere, su cui potrebbe avere un effetto snellente. Non sono stati però diffusi dati riguardanti la rumorosità, il che non lascia sperare in risultati miracolosi da questo punto di vista: per chi ama il silenzio, o qualcosa che ci si avvicini il più possibile, la strada dell’efficienza, in termini di consumi, (e di calore prodotto) probabilmente continuerà ad essere l’unica percorribile.

6 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    andrea
     scrive: 

    Non si sa nulla riguardo consumi, ingombro apparecchiature per generare la corrente e soprattutto come reagisce alla polvere che vi si deposita?A meno che per qualche effetto non vi si depositi. Inoltre, non crea disturbo per le già innumerevoli problematiche di trasmissione dati da e verso la cpu?
    Sono perplesso, troppe domande non risposte :p

  • # 2
    Enrico (Autore del post)
     scrive: 

    Troppi dettagli che ancora non sono trapelati :-)

    Sui consumi si sa, che saranno significativamente più bassi rispetto alle ventole tradizionali, ma non i è dato sapere in che misura.

    Riguardo al campo magnetico generato non penso ci possano essere grossi problemi, considerato che stiamo parlando di un assorbimento di energia ancora più basso. Considera poi che all’interno delle ventole che usiamo nei nostri case si trovano due piccoli magneti.

  • # 3
    Ilruz
     scrive: 

    Il principio fisico e’ ne piu’ ne meno quello dello ionizzatore … ma se c’e’ il classico elevatore di tensione con diodi/condensatori in alta frequenza … mi sa che l’oggettino e’ piu’ pericoloso per il processore che per i cristiani che lo maneggiano.

    Attendo la commercializzazione di ventole “statiche” 12×12 … vediamo che accade, e quanto costano.

  • # 4
    BrightSoul
     scrive: 

    Se è vero che soffia così tanta aria, una ventola di quelle, grande 12×12 ti crea una galleria del vento. Puoi usarla anche come condizionatore.

  • # 5
    Ilruz
     scrive: 

    Ho ascoltato con attenzione l’intervista – il passo che piu’ mi ha colpito e’ verso la fine, quando dice che “non c’e’ piu’ sperimentazione da fare, e’ pronto per essere un prodotto, credo che sara’ gia’ un prodotto nel 2009″.

    Insomma, fra un’annetto vedremo se e’ fuffa.

  • # 6
    Parappaman
     scrive: 

    Non credo che con l’introduzione di questa tecnologia ci sarà tutto questo risparmio di spazio nei sistemi di raffreddamento. In fondo, heatpipe e lamelle dove si mettono? E poi, probabilmente, questo cosino ronzerà non poco, soprattutto nelle eventuali versioni di maggiore dimensione.
    La via per la silenziosità e la riduzione degli ingombri è ancora quella della maggiore efficienza dei chip. Resto però curioso sulla dichiarata riduzione dei consumi.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.