di  -  venerdì 14 marzo 2008

theo jansenQuesta mattina sono rimasto affascinato da dei video caricati su YouTube che ritraggono delle sculture in movimento; le sculture cinetiche (così denominate) sono delle strutture mozzafiato che combinano insieme energia naturale, ingegneria ed arte in una composizione che ad una prima occhiata potrebbe sembrare folle.

I materiali utilizzati per queste opere d’arte sono solitamente molto semplici, basilari: tubi di plastica, sottili barre di metallo, legno, carta, stoffa. Materiali leggeri che permettono a queste “creature” di essere mosse anche dalla sola dalla forza del vento, in completa autonomia.

Da molti anni vari artisti lavorano su questo concetto di “scultura in movimento” legato alle forze della natura: vento, fuoco, maree… Lo scultore cinetico più famose è senza ombra di dubbio l’olandese Theo Jansen che, assieme ai suoi lavori, è diventato pure testimonial della BMW. Theo crea dei veri e propri “animali” di grandi dimensioni che solitamente lascia liberi sulle spiagge del nord europa.

Ma ecco qui alcune di queste strabilianti creature…

 

Il cavallo solare:

 

Un prototipo in scala ridotta. Tralasciando qualche elemento metallico, il motore e i pannelli solari, l’intera struttura è di carta…

 

 

Il rinoceronte:

 

Nonostante il suo peso di due tonnellate, questo mostro di acciaio e stoffa è in grado di muoversi grazie alla sola forza del vento (vento che deve essere davvero forte, ovviamente)…

 

 

Ed infine lo strabiliante tributo BMW a Theo jansen, dove Theo afferma che:“I muri tra arte ed ingegneria esistono solo nelle nostre menti”…

 

4 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    ardelo
     scrive: 

    Figata! è un genio questo tipo…Adesso faccio una colletta coi miei amici per prendere uno di questi animali di carte e stoffa!

  • # 2
    Giorgio
     scrive: 

    Grazie Stefano per la segnalazione! Infatti: geniali…sin’ora di cose di questo genere si era scritto solo nei racconti di fantascienza che proponevano mondi diversi (meno distruttivi…) di quello in cui abitiamo noi. Tematiche di questo tipo sono vagamente ritrovabili nelle collaborazioni, talvolta, tra danza e nuove tecnologie. Spero che l’idea sia d’ispirazione a tante persone…vedi il commento di Ardelo che vuole comprarne previa colletta. E se invece ci mettessimo tuti a fabbricarne. Non devono pesare due tonnellate…basta…poco, no?

  • # 3
    Ilruz
     scrive: 

    A volte la definizione di “geniale” e’ riduttiva.

    Vedere quelle sculture di legno e plastica camminare con la forza del vento, e’ meraviglioso.

  • # 4
    Sculture cinetiche | • xphi.net •
     scrive: 

    […] cinetiche Submitted by xphi on Mon, 03/17/2008 – 17:11 Mi sono imbattuto in questo post http://www.appuntidigitali.it/1088/creature-artistiche-mosse-da-forze-na… e non posso che essere daccordo con i commenti…Geniale!… non si può non rimanere per un attimo […]

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.