di  -  lunedì 10 marzo 2008

Champagne!I conti della MPAA per l’anno 2007 registrano un record assoluto, con un incremento delle entrate al botteghino del 5.4% rispetto al 2006, per un incasso totale di 9.63 miliardi di dollari. Niente male per un’industria che da anni piange miseria, arrivando a dichiararsi in punto di morte per indurre legislatori ed ISP ad un crackdown definitivo sul file sharing.

In una delle dichiarazioni più drammatiche, i portavoce della MPAA sono infatti arrivati ad addebitare alla pirateria, mancati profitti per ben 7 miliardi di dollari. Coerentemente con queste stime, l’associazione ha scatenato una colossale tempesta di FUD, trascinando in tribunale utenti finali, scuole e studenti americani.

Come sempre c’è un piccolo “trucco” nel calcolo di queste titaniche perdite.

Si tratta dell’equivalenza fra file scaricati e danaro non incassato. Se si parte dall’idea che per ogni film scaricato o acquistato al mercatino della stazione ferroviaria, vada calcolata una perdita equivalente al costo della proiezione cinematografica, o magari al costo dell’acquisto del DVD, immagino non sia difficile arrivare a somme astronomiche.

Il punto è che questa equivalenza è del tutto arbitraria, in quanto fondata sull’assunto che chi scarica un film, prima di accorgersi di poterlo reperire su Internet, sia in procinto di andarlo vedere al cinema.

Se a me e a voi questa equivalenza sembra tutt’altro che ovvia, sarebbe il caso di iniziare a chiedersi come mai i nostri politici continuino a ritenerla plausibile, insistendo sulla penalizzazione di un fenomeno che alla prova dei fatti ha dimostrato di avere poco a che vedere con l’andamento del business cinematografico. Il che non significa affatto che sia legittimo guadagnare dalla distribuzione illegale di opere protette. Ma non è il lucro il fine del P2P, giusto?

Fonte: Ars Technica

1 Commento »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Sig. Stroboscopico
     scrive: 

    [b]A questo punto potrebbero metterci anche i mancati incassi delle aree Africa, America Latina, Cuba, India, Darfur,…[/b]
    Se le comunità internazionali ripianassero i loro debiti, attivassero dei nuovi fondi di investimento, tutti quei disgraziati potrebbero finalmente tirare fuori i soldi che la MPAA ha messo a bilancio ma che regolarmente non incassa xchè stranamente la gente normale prima mangia poi si cura e poi si da allo shopping…

    Che si vergognino! la tassa sulla pirateria dovrebbe essere devoluta all’aumento delle pensioni minime (qua ci sono pensionati che sopravvivono con 550�‚�)!

    -__-

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.