di  -  venerdì 11 giugno 2010

In questa rubrica abbiamo parlato spesso di giochi che, sfruttando le qualità hardware dell’Amiga, hanno contribuito a segnare un’era nella storia videoludica, fino a lambire il campo dell’arte.

Abbiamo parlato anche di giochi che, senza particolare enfasi sulla grafica, si sono conquistati un “posto in paradiso” grazie a un gameplay semplice e avvincente.

A quasi trent’anni di distanza da quei giorni questa distinzione diventa difficile da cogliere, particolarmente per chi è stato adolescente ai tempi della Playstation: la grafica ritenuta un tempo straordinaria difficilmente impressiona chi ormai “mastica” fotorealismo a 1080p.

Il fattore davvero immortale, su cui gli sviluppatori dell’epoca si sono spesso rivelati geniali, è quello del gameplay, capace allora come oggi di oscurare la cura degli sprite e degli sfondi, i livelli di scrolling parallattico, la fluidità delle animazioni.

Giochi come Lemmings, Cannon Fodder, North & South, dimostrano la validità di queste considerazioni, a vent’anni e più dal rilascio. A questi titoli desidero aggiungere, in questo nuovo venerdì nostalgico, un titolo che incarna alla perfezione la supremazia del gameplay fra i fattori che influenzano la longevità di un gioco.

Un gioco godibilissimo nel 1987 come oggi, ricco di azione e, oggi come allora, davvero difficilissimo da mollare una volta iniziato: International Karate +, alias IK+.

L’impostazione del gioco è semplicissima: tre lottatori si contendono lo stesso ring (rigorosamente in 2D), ciascuno deve picchiare duro i suoi avversari per arrivare, alla scadenza del tempo, con un punteggio che gli consenta il passaggio al quadro successivo.

Il punteggio si esprime in un totale di 6 pallini e in un valore numerico progressivo. I pallini si riempiono mano a mano che il giocatore porta a segno colpi, mentre il punteggio sale in proporzione del tipo di colpo portato a segno e della precisione dello stesso.

Se uno dei tre giocatori riempie tutti i pallini prima dello scadere del tempo, il round si conclude e gli altri due giocatori misurano il punteggio sviluppato.

In modalità doppio giocatore (col terzo lottatore controllato dal computer) o singolo, perde chi alla fine di ogni round ha riempito meno pallini.

Il progresso nel gioco avviene sulla stessa scenografia, nella stessa identica modalità: tre forsennati che si picchiano come fabbri, cambiando ogni tanto di colore alla cintura. Ogni due quadri superati, il giocatore deve affrontare un bonus game, consistente nel parare dei palloni che gli rimbalzano incontro, o nel calciare bombe che compaiono al suolo, prima che esplodano (questa modalità è assente nella versione C64).

Mano a mano che si sale di livello, gli avversari diventano sempre più difficili: un avversario cintura nera richiede un allenamento equivalente alla cintura nera del joystick per essere domato, pena il pieno di cartoni nel tempo che basta per dire “ahia”.

Per aggiungere altro pepe al gioco, è possibile velocizzare o rallentare l’azione di gioco manualmente. Inutile dire che in modalità turbo la velocità è davvero “smodata” e servono riflessi felini per schivare pugni e calci e, possibilmente, assestarne qualcuno.

Il gioco è inoltre ricchissimo di cheat attivabili durante il gioco: dalla possibilità di sospendere l’azione calando le braghe a tutti i giocatori (espediente utile a sviare l’attenzione dell’avversario umano) al colore del background, fino al cambio di casacca per l’arbitro.

Tutto questo, almeno sulle versioni Amiga e ST, è accompagnato da una musica godibilissima (la cui traccia originale è del grande Rob Hubbard) ed effetti sonori da film di Bruce Lee.

L’inserimento del terzo giocatore fa di IK+ un gioco davvero unico nel genere beat ’em up, e lo distacca dall’opaco predecessore, International Karate (1985), graficamente più variegato ma senz’altro meno originale.

In IK+ gli sviluppatori sembrano aver puntato tutto sulla giocabilità – senza dimenticare musica, effetti sonori ed ottime animazioni. Fatte le debite proporzioni, la versione C64 del gioco è infatti altrettanto godibile e ricca di appeal.

Per chi decidesse di rigiocarlo, oltre alla classica emulazione, c’è la possibilità di accederlo via Nintendo Virtual Console.

Nel caso in cui siate già cercando l’icona dell’emulatore, vi faccio una raccomandazione: se potete, evitate la tastiera. A meno che non ne abbiate una di ricambio.

11 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Matador
     scrive: 

    Fantastico IK+ !

    Per quelli che vogliono provarlo esiste la versione flash :
    http://ant.simianzombie.com/files/flashgames/ik/

    Un mito !

  • # 2
    DottorZero77
     scrive: 

    Quanti ricordi!!!!! c’ho giocato fino a consumare un un paio di joystick!!! Oggi mi fa sorridere, ma all’epoca era qualcosa di grandioso, inarrivsbile…Bei tempi!

  • # 3
    lord_rey
     scrive: 

    Il mio primo gioco per Amiga.

    Grande.. tra le altre cose, sarebbe rimasto per anni il punto di riferimento nel suo genere sulla macchina Commodore… fino all’arrivo di Mortal Kombat, Shadow Fighter, ecc..

    Un mito, divertentissimo ancora oggi.

  • # 4
    Tambu
     scrive: 

    lo adoravo, e adoro tutt’ora :)

  • # 5
    giovane
     scrive: 

    …e il Pac Man che ogni tanto passava sullo sfondo? Geniale!
    Grazie come sempre, Alessio.

  • # 6
    TheKaneB
     scrive: 

    Bellissimo!!! Era il mio gioco preferito sul C64, ma ho giocato pesantemente anche alla versione Amiga, che non si discostava di molto dall’originale.

    Mi hai fatto tornare la voglia di giocarci, mi sa che oggi pomeriggio rimonto il mio A1200 da guerra e fracasso un paio di joystick….

  • # 7
    phabio76
     scrive: 

    Ho sempre adorato i giochi della System 3 fin dai tempi del C64.
    Gli arcade-adventure, come si chiamavano all’epoca, la serie The Last Ninja, passando per Tusker, e il bellissimo Myth (la migliore animazione di uno sprite dai tempi di mission impossible)

    Di IK+ amo ricordare il mio colpo preferito, la “testata”, accompagnata dall’effetto sonoro espirato “HUH”.

    Restando in tema beat ’em up accodo alla lista delle richieste un post dedicato a Barbarian (oltre a quello su Supercars)
    Ciao, a venerdì prossimo.

  • # 8
    sandro
     scrive: 

    ciao Ragazzi

    io sono talmente innamorato di questo gioco,che lo ho sto’ riprogrammando per X360 con Xna,ovviamente rifatto in 3D!!.spero solo che il grafico con il quale collaboro si decida a proseguire i lavori.magari se L’Amiga X1000 diventasse realta,si potrebbe riportarlo qui sopra.

    Ciao
    Sandro

  • # 9
    Luigi
     scrive: 

    @Sandro GRANDE!! Ti sarei grato se ci tenessi informati riguardo lo sviluppo, sono proprio curioso di vedere cosa ne uscirà fuori. Buon lavoro!

  • # 10
    ClaudioBG
     scrive: 

    Mitico! Anche se devo dire che era un gioco troppo “causal” per i miei gusti…nel senso che era adatto ad una partitella ogni tanto, ma non mi appassionava al punto di cercare di avanzare nei livelli! Però era simpatico e molto divertente! :-)

  • # 11
    mede
     scrive: 

    eccezionale gioco con una giocabilità risibile. era davvero tosto ed era difficile capire quando il colpo te lo dava buono e quando andava a vuoto. ma gli effetti sonori davano una soddisfazione incredibile. ne ho viste più versioni versioni su c64, quando lo ricercai con l’emulatore in tempi recenti ne trovai una che non avevo a suo tempo, probabilmente era proprio quella a 3 giocatori.
    indimenticabili anche gli intermezzi: rompi le mattonelle. con la suspence finale per vedere se le rompe tutte poi ripresa nel primo Mortal Kombat se non erro

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.